Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  9 aprile 2019

Incrementi di sviluppo a saggio decrescente

La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata con la segnalazione di alcuni articoli di stampa sulla situazione economica tedesca.

Abbiamo cominciato commentando l'articolo "Germania, i colossi industriali taglieranno 100mila posti di lavoro" del Sole 24 Ore, per poi passare a quello dell'Huffington Post intitolato "Gli ordini industriali tedeschi crollano ancora con il maggior ribasso da due anni. Più che dimezzate le stime del Pil della Germania". In effetti, a febbraio gli ordini industriali tedeschi hanno segnato una flessione del 4,2% e su base annua dell'8,4%, la più pesante in dieci anni; ciò ha portato i maggiori istituti economici a ridimensionare anche le previsioni di crescita dall'1,9 allo 0,8% per l'anno in corso. La Germania ha una struttura produttiva orientata all'esportazione e, evidentemente, risente della contrazione del commercio mondiale, proprio come l'Italia, tanto che il ministro dell'economia Giovanni Tria, intervistato da Repubblica, ha affermato che la situazione tedesca è sempre più simile a quella nostrana:

"I Paesi più colpiti in Europa, sono le due principali potenze manifatturiere, ossia Germania e Italia. La Germania parte da livelli di crescita del Pil più alti dei nostri e quindi anche il rallentamento non la porta a livelli di crescita vicini allo zero; ma la differenza tra il nostro Paese e loro si mantiene costante, mentre anche secondo stime di organismi internazionali già nel 2020 il gap di crescita tra l'Italia da una parte e la Germania e l'Eurozona dall'altra, si ridurrà."

Gli effetti della Brexit, la guerra commerciale tra Cina e Usa e il rallentamento dell'economia globale, condizionano un paese esportatore come la Germania, spingendolo verso la recessione. Di fronte ad una situazione del genere, qualsiasi governo non può fare altro che aumentare la produttività del lavoro spremendo ancor di più la forza lavoro. Ciò obbliga Berlino a introdurre nuove macchine e licenziare operai, mettendosi in linea con tutti gli altri paesi. Nell'articolo "Controtendenza alla caduta del saggio di profitto in Germania", pubblicato sulla rivista n. 34, abbiamo visto che la piena occupazione nel paese era ottenuta grazie ad una (relativamente) bassa composizione organica del Capitale; dagli operai tedeschi veniva mediamente ricavato plusvalore assoluto invece che relativo, occupandone di più e facendoli lavorare più a lungo e più intensamente con poco anticipo di capitale-macchine. Una controtendenza fondamentale alla legge della caduta del saggio di profitto. Tra le cause antagonistiche descritte da Marx nel capitolo 14, sezione III del Terzo libro de Il Capitale, vi è l'aumento del grado di sfruttamento del lavoro seguito dalla riduzione del salario al di sotto del suo valore. Se con la legge Hartz e i Mini-Jobs si è dato un po' di ossigeno al sistema-paese tedesco, alla fine tali misure si sono trasformate nel loro contrario. Le cause antagonistiche annullano solo temporaneamente la caduta tendenziale del saggio di profitto, non la cancellano. Il costo della forza lavoro di un paese, in un mercato del lavoro globale, deve confrontarsi con quello di altri paesi, per cui tutti sono costretti ad abbassarlo. I capitalisti sono obbligati ad automatizzare la produzione e di conseguenza a far crescere il numero dei disoccupati, i quali non potranno contribuire ad aumentare i consumi. A pesare sull'economia tedesca c'è anche la riduzione del fatturato delle grandi industrie automobilistiche; quasi la metà del Pil tedesco è legato a ciò che il paese esporta, in primis macchine utensili.

Anche l'Economist, in un'editoriale dello scorso 7 febbraio, avverte che è tempo di preoccuparsi dell'economia tedesca. Berlino ha un peso specifico fondamentale in Europa come locomotiva economica, ma è un nano politico. Fino a poco tempo fa, grazie al modello corporativo della mitbestimmung, sembrava un'isola felice rispetto a Spagna, Francia, Inghilterra e Italia. Ora, con il crollo degli ordinativi nel settore industriale cominciano a vedersi le prime crepe e le prime manifestazioni contro il caro vita (sabato 6 aprile ci sono state proteste a Berlino, Monaco Stoccarda e Colonia). Sappiamo che la motivazione che porta migliaia di persone a scendere in piazza può essere una qualsiasi, ne è esempio lampante il movimento dei gilet gialli in Francia: nato come protesta contro il rincaro del prezzo del carburante, in breve si è trasformato in qualcosa di completamente diverso.

E' dagli anni '70 che le economie dei maggiori paesi tendono a sincronizzarsi verso lo zero, e questa è una contraddizione mortale per il capitalismo: è impossibile produrre, esportare merci, esportare capitali ed espandersi tutti insieme in un mondo finito. Significativo a tal proposito il diagramma degli incrementi relativi della produzione industriale dei maggiori paesi dal 1914 al 2008, riportato nell'articolo "Un modello dinamico di crisi" (n+1 n. 24, figura 6). Riguardo alla Cina, il grafico individua un'economia ancora fuori dal coro, ma che va rapidamente sincronizzandosi con le altre. Se la globalizzazione è stata un salvagente per il capitalismo, ora si è trasformata nel suo contrario (una delle cause antagonistiche individuate da Marx nel Terzo libro è lo sviluppo del commercio estero).

"La prossima grande crisi sarà nel 2027. Lo dicono i 3 cicli dell'economia" è il titolo di un articolo del Sole 24 Ore del 5.4.19. Il fenomeno delle crisi è parte integrante della dinamica di sviluppo del modo di produzione capitalistico, ma quella che stiamo vivendo è una crisi strutturale, non di tipo congiunturale. Secondo la legge auxologica che studia gli incrementi di sviluppo degli organismi, molto banalmente i bambini crescono, i vecchi no. La crisi è da mettere in relazione con il livello di sviluppo raggiunto dal capitalismo: esso non può crescere all'infinito, ha una freccia nel tempo e a un determinato momento per far crescere anche di poco la massa del profitto deve mettere in moto una tale quantità di macchine, lavoro ed energia, che non riesce più a reggere al proprio peso e collassa. Sono temi che la Sinistra Comunista ha trattato in più occasioni, a cominciare dai testi che abbiamo raccolto in Scienza economica marxista come programma rivoluzionario.

La società futura non sarà un nuovo modo di produzione ma un metabolismo sociale, una forma sociale organica, che conosce sé stessa e progetta il futuro delle specie in armonia con il tutto. Le grandi società omeostatiche del passato, attraverso un sistema di sensori e attuatori sparsi nella società, avevano un pieno controllo della produzione e del consumo. I luogocomunisti hanno una visione costruttiva del comunismo quasi si trattasse di costruire una grande cooperativa, una società basata sulla redistribuzione della ricchezza prodotta. Per noi invece, il comunismo è il superamento positivo della società del valore, ha compiti distruttivi rispetto al capitalismo, e rappresenta il processo di liberazione della forza produttiva sociale.

In chiusura di teleconferenza, si è accennato al marasma sociale in Africa. La Libia è sprofondata nel caos più assoluto e la guerra di tutti contro tutti è diventata sistema. In Sudan una manifestazione oceanica è finita con l'assedio della sede dell'esercito a Khartoum; partito lo scorso dicembre a causa dell'aumento del prezzo del pane, il movimento sudanese cresce di intensità e si scontra violentemente con le forze di polizia. In Algeria, nonostante le dimissioni del presidente Bouteflika, continuano le proteste; i manifestanti pretendono le dimissioni di tutti i membri del clan che è stato al potere negli ultimi 20 anni, compresi i vertici militari.

Dalla Primavera araba in poi il movimento tellurico non si è mai fermato: ha abbattuto regimi, fatto scendere in piazza milioni di persone e attaccato gli apparati repressivi statali. Il capitalismo non ha più nulla da offrire, è un cadavere che ancora cammina e aspetta solo di essere seppellito. In molti cominciano a rendersene conto.

Articoli correlati (da tag)

  • Lotta contro la guerra, lotta contro il capitalismo

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata parlando di quanto accade in Iran.

    Come avevamo detto nella scorsa teleconferenza ("La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre"), non è "scoppiata" nessuna particolare guerra tra America e Iran, per la semplice ragione che quest'ultimo paese non ha i mezzi per rispondere alla potenza militare degli Usa; l'attacco dell'8 gennaio alle basi irachene che ospitano anche i militari Usa, non solo ha causato pochi danni, ma secondo alcune fonti giornalistiche sarebbe stato annunciato preventivamente alle autorità locali. Abbattendo il volo ucraino con 176 passeggeri a bordo, l'Iran ha compiuto un grande errore militare, scambiando un aereo civile per un velivolo nemico. In seguito a questa tragedia, gli studenti iraniani hanno manifestato contro il governo e i vertici del regime islamico, in primis contro l'ayatollah Khamenei. Dopo la rivolta di novembre dello scorso anno, repressa nel sangue dalle forze di polizia, la propaganda di regime degli ultimi giorni descriveva una società compatta contro il nemico americano, ed invece le proteste sono tornate mostrando un fronte interno tutt'altro che pacificato.

    La cosa importante del presente "ciclo" di manifestazioni in Libano, Iraq, Cile, Francia, Iran, e in ultimo Martinica e Guadalupe, è il fatto che i manifestanti prendono di mira il proprio governo, la propria borghesia, arrivando alla conclusione che il nemico è prima di tutto in casa.

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email