Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  5 febbraio 2019

Tutto il mondo è polarizzato

La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

"Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

 

E ancora:

"La causa di fondo della malattia è la polarizzazione della società e, per estensione, della sua vita politica. È evidente anche che la malattia si sta diffondendo, ed è molto contagiosa. Non significa che prima la polarizzazione non esistesse, ma semplicemente che sta diventando più acuta e potrebbe rivelarsi mortale, come evidenziato da tutti questi esempi estremi di disfunzionalità. [...] L'incremento della disuguaglianza, la crescente incertezza economica e un senso di ingiustizia sociale sono indubbiamente fra le cause della polarizzazione politica. Anche la popolarità dei social network e la crisi del giornalismo e dei media tradizionali contribuiscono a incoraggiarla."

Sono sempre più numerosi tra i ranghi della borghesia coloro che, come Naím, si preoccupano per il futuro della società attuale, presagendone il declino e dipingendo per l'immediato futuro scenari catastrofici. Guardando alla realtà allo stesso modo di quando si fissa l'istantanea di un tempo andato, queste Cassandre dei nostri giorni non vedono il film che scorre loro davanti e rimangono cieche di fronte alla visione dinamica della realtà del tipo ieri-oggi-domani, che permette ai comunisti di affermare che dopo il capitalismo non potrà che esserci una società senza classi. Il fatto che termini a noi familiari, come "polarizzazione", vengano utilizzati da giornalisti e scrittori per analizzare le "cose degli uomini" è un segno dei tempi; tempi in cui non è più così strano adoperare teorie scientifiche quali la complessità, il caos e l'autorganizzazione per spiegare i fenomeni sociali. Mark Buchanan con i suoi saggi Ubiquità, Nexus e L'atomo sociale ha inaugurato un promettente filone d'indagine, quello della fisica della storia. La nostra corrente, con almeno cinquant'anni di anticipo, ha inteso il fenomeno rivoluzionario come un fatto fisico, relativo alle strutture materiali del divenire sociale e non certo alla coscienza degli individui. Nelle "Considerazioni sull'organica attività del partito...", commentando la sfavorevole situazione in cui versavano il proletariato e le sue organizzazioni alla data del 1965, Bordiga dice che è difficile "antivedere quanto tempo possa trascorrere finché in questa situazione morta e amorfa non avvenga di nuovo quella che altre volte definimmo 'polarizzazione' o 'ionizzazione' delle molecole sociali, che preceda l'esplosione del grande antagonismo di classe." Le rivoluzioni non avvengono perché le masse diventano consapevoli, ma perché l'erompere delle forze produttive distrugge determinati equilibri politici ed economici, provocando terremoti sociali.

E a proposito di polarizzazione, proseguono in Francia le mobilitazioni dei gilet gialli, che hanno imposto al movimento sindacale francese (CGT-FSU-Solidaires) un programma comune di sciopero per martedì 5 febbraio (#GreveGenerale5fevrier). La base ha spinto talmente forte che i vertici sindacali hanno dovuto fare qualcosa. Il movimento dei gilet jaunes in questi mesi, oltre a scontrarsi con la polizia, ha occupato le rotonde delle strade, costruendo dei presidi permanenti. Nel 2011 gli occupiers americani, una volta sgomberati dalle piazze, avevano provato ad occupare degli edifici per farvi "luoghi fisici" di incontro e di coordinamento, ma non vi riuscirono e il movimento via via si dissolse. Non è impossibile che in qualche paese d'Europa si faccia tesoro dell'esperienza d'oltreoceano e si riparta da quel livello. L'accumulo di potenziale è notevole: negli ultimi anni ci sono state manifestazioni anti-sistema che hanno coinvolto milioni di persone in paesi ignorati dai media come Bulgaria, Macedonia, Grecia, Romania e Ungheria.

Ma sono questi movimenti di classe? Bisogna intendersi sulla parola: classe è di origine latina ed è il marxismo che l'ha originalmente introdotta, sebbene fosse adoperata anche prima. Classis era per i romani la flotta, la squadra navale da guerra, un'unità che avanza coordinata e affronta lo stesso nemico ("Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura", 1953). Quindi, quando parliamo di classe non ci riferiamo a una classificazione di tipo sociologico, ma ad una dinamica storica determinata dallo scontro tra modi di produzione. Lo slogan "99% contro 1%" esprime l'esistenza di una polarizzazione nella società e una lotta implacabile tra due classi.

Si è poi passati alle news riguardanti il Reddito di Cittadinanza (RdC). E' ufficialmente online il portale governativo che spiega cosa bisogna fare per ottenere l'erogazione del RdC, come si calcola e come usarlo. Nessuno per adesso sa cosa potrebbe succedere a livello macroeconomico con l'introduzione di questa misura, perché si andrà ad incidere sul costo del lavoro (come afferma preoccupata Confindustria), sul Welfare e sui rapporti tra gli enti periferici e quelli centrali. Nessuno sa bene cosa faranno coloro che saranno esclusi da tale misura per mancanza di fondi. Siamo all'apprendista stregone che evoca forze incontrollabili. Beppe Grillo sul suo blog ha lanciato l'idea di un Reddito Universale Europeo - per un ammontare di 200 euro al mese -, da erogare "incondizionatamente a tutti i cittadini dell'UE e ai residenti legali a lungo termine". La mossa del guru genovese potrebbe essere parte di un piano per frenare l'emorragia di voti dal M5S; resta il fatto che certe proposte cominciano a diffondersi diventando memi e vivendo di vita propria.

La borghesia è arrivata all'idea del RdC, ma non ha una teoria soggiacente. Il suo problema è come e quanto ricattare i disoccupati e che tipo di limitazioni introdurre affinché i proletari non stiano troppo seduti sul divano. Ciononostante, non è da escludere che lo sgangherato RdC pentastellato venga ripreso altrove e attuato in maniera più efficiente ed efficace. L'Italia è un laboratorio politico nel quale maturano esperimenti che poi il mondo copia portandoli alle massime conseguenze, il fascismo ne è la dimostrazione più eclatante.

Intanto The Economist ha pubblicato un articolo sulla delicata situazione economica italiana, "Italy's slump reflects trouble both at home and abroad", con un grafico che mostra la sincronizzazione intorno allo zero delle maggiori economie europee. Il capitalismo perde vitalità, è soggetto al secondo principio della termodinamica (entropia): da giovane è cresciuto esponenzialmente, nell'età matura si è stabilizzato, mentre invecchiando vede diminuire i suoi incrementi relativi. Quando scrive Il Capitale Marx fa come avevano fatto Galileo e Newton e cioè costruisce un modello di comprensione della realtà, un sistema conoscitivo universale. La modellizzazione è indispensabile per fare delle previsioni sul divenire sociale: oggi si utilizzano masse enormi di dati (Big data), fatti frullare nei computer, per individuare delle tendenze. La differenza però è notevole: Marx adotta una teoria precisa, basata sul succedersi dei modi di produzione, sul valore-lavoro, mentre la borghesia d'oggi, pur avendo dei mezzi potenti a disposizione (vedi agent-based model), naviga a vista, avendo come obiettivo il rattoppo del Sistema. Liberismo, keynesismo e neoliberismo sono medicine che hanno ritardato la morte del Capitale, ma hanno fatto il loro tempo.

Il capitalismo cerca disperatamente di asiatizzarsi, di trovare un equilibrio dinamico. Le società comunistiche originarie erano tutte "asiatiche", cioè conoscevano benissimo se stesse attraverso meccanismi di autoregolazione e potevano durare migliaia di anni senza problemi. La stessa Roma, che nasce intorno all'VIII secolo a.C., per duemila anni riproduce delle condizioni di tipo omeostatico, pur essendo una società schiavistica. Il capitalismo si auto-ripara continuamente, ma è spinto a superare i propri limiti e non può stabilizzarsi a lungo. Il disequilibrio è il suo modo d'essere e questo lo farà crollare.

Articoli correlati (da tag)

  • Africa, marasma sociale e lotta di classe

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo ripreso l'articolo "Imperialismo in salsa cinese", pubblicato sul numero 44 della rivista, e in particolare il capitolo "Le mani sull'Africa".

    Il continente africano misura 30 milioni di km/q ed è formato da 54 stati che contano circa 1,2 miliardi di abitanti, una popolazione molto giovane e in costante crescita. Ciononostante, i maggiori media occidentali di rado si occupano delle vicende africane, se non in occasione di guerre particolarmente cruente o in relazione ai flussi migratori. Invece, quel territorio ha un'importanza strategica per molti paesi, a cominciare dalla Cina, che da tempo lì sta costruendo porti, strade e ferrovie.

    Comunque sia, gli investimenti cinesi non saranno mai sufficienti a far diventare l'Africa una valvola di sfogo per il sistema capitalistico in crisi cronica di sovrapproduzione. Pechino investe in infrastrutture, acquista compagnie petrolifere ed estrattive africane, ma se mai dovessero sorgere nuove industrie esse sarebbero ultramoderne e automatizzate, rispecchiando il livello massimo raggiunto dai paesi a vecchio capitalismo. L'accoppiata capitali cinesi e risorse naturali africane potrebbe sembrare vincente, in realtà prepara situazioni esplosive sia a livello geopolitico che a livello ecologico. Pensiamo all'interscambio di persone tra Cina e Africa, che per ora è rappresentato da qualche decina di migliaia di studenti e operai africani che vengono addestrati in Cina, e da tecnici e operai cinesi che vengono mandati a lavorare in Africa: i numeri sono bassi rispetto al numero delle popolazioni in gioco (Cina e Africa messe assieme fanno quasi 3 miliardi di persone), ma in costante aumento.

  • Sintonizzarsi con la transizione di fase in corso

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo commentato l'intervista a n+1 andata in onda su Radio Saiuz lo scorso 18 febbraio, e pubblicata il giorno seguente su YouTube.

    Ascoltando la trasmissione, qualcuno potrebbe pensare che i temi trattati siano astrusi e che, in generale, potremmo avere più "successo" tra i proletari parlando in maniera più semplice. Per esempio: parlare di comunismo come del "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" non sarebbe comprensibile ai più. In realtà, l'idea che le masse non capiscano è una posizione anti-proletaria, ed anzi, sono i bonzi sindacali, i politici e gli intellettuali quelli a non capire. E comunque finché il capitalismo rimarrà in piedi, la sua ideologia sarà dominante:

    "Sul terreno scuola, stampa, propaganda, chiesa, ecc., fin che la classe lavoratrice sarà sfruttata la diffusione della ideologia borghese avrà sempre un immenso vantaggio sulla diffusione del socialismo scientifico. La partita sarà perduta per la rivoluzione fino a che non si fa assegnamento su forti masse che lottano, senza presupporre nemmeno per sogno che siano uscite dalla influenza culturale ed economica borghese, ma per la ineluttabile spinta del contrasto delle forze produttive materiali non ancora divenuto coscienza dei combattenti, e tanto meno poi scientifica cultura!" ("Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura", 1953)

    Ciò che conta, quindi, è il contrasto tra le forze produttive e i rapporti di produzione, che ad un certo momento fa muovere masse di milioni di persone, inizialmente in maniera caotica e poi sempre più sincronizzata fino alla polarizzazione di classe rappresentata dallo schema di rovesciamento della prassi ("Teoria e azione nella dottrina marxista", 1951).

  • Polarizzazioni passate, presenti e future

    La teleconferenza di martedì, connessi 15 compagni, è iniziata dal breve resoconto di un'assemblea sindacale in una grande azienda a cui ha partecipato un compagno. All'incontro, indetto dai confederali per discutere il rinnovo del CCNL di categoria, erano presenti su circa 250 lavoratori solo una trentina di persone, tra cui una decina di sindacalisti. Gli interventi dei bonzi sindacali sono stati tutti imperniati sul rispetto delle cosiddette compatibilità e sulla necessità di far funzionare al meglio gli organismi paritetici, in modo che delegati e azienda abbiano più occasioni di confronto partecipativo.

    E' proprio vero: dal tipo di impostazione corporativa inaugurata dal fascismo nel corso degli anni '20 (patto di Palazzo Vidoni del 1925) non si è più tornati indietro. Anzi, lo stato borghese ha rafforzato questo tipo di struttura burocratizzando in misura sempre maggiore i rapporti tra capitale e lavoro. Nell'articolo "La socializzazione fascista e il comunismo" (n+1, n. 42), abbiamo citato Il Sole 24 Ore che così definisce la natura degli enti bilaterali: essi "esprimono una concreta ed efficace forma di collaborazione tra capitale e lavoro, indicativa della tendenza al superamento del modello esasperatamente conflittuale. Hanno diversi scopi: mutualizzazione di obblighi retributivi (per esempio, mensilità aggiuntive, ferie) per lavoratori che cambiano spesso datore di lavoro (per esempio, nell'edilizia); formazione professionale; sicurezza del lavoro; prestazioni assistenziali. Da qualche anno la legge ha iniziato a promuovere il ruolo degli enti bilaterali, riconoscendogli compiti relativamente al mercato del lavoro, alla formazione professionale, all'assistenza della volontà delle parti nella stipulazione dei contratti e nella disposizione dei diritti."

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email