Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  8 gennaio 2019

Non potete fermarvi...

La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando le ultime manifestazioni dei gilet gialli in Francia.

Sabato 5 gennaio si è svolto l'atto ottavo (#ActeVIII) della protesta, durante il quale migliaia di persone hanno riempito le strade di Parigi, Bordeaux, Lione, Tolosa, e di altre città minori. Pare che ci sia stata una flessione nel numero di manifestanti, ma al tempo stesso si è verificata una recrudescenza degli scontri con diversi feriti, auto date alle fiamme e blocchi davanti a porti, hub logistici e raffinerie. Questa forma di lotta ha perso ormai i connotati originari legati all'aumento del prezzo del carburante e si è trasformata in protesta contro lo status quo, anche se alcuni settori dei gilet jaunes stanno cercando uno sbocco parlamentare. La caratteristica dei movimenti nell'epoca del capitalismo senescente è di essere tendenzialmente antisistema, nonostante il vecchio mondo tenti di recuperarli proponendo la via referendaria o quella elettorale.

A tal proposito sono da segnalare le dichiarazioni del ministro Di Maio, che si è detto solidale con la lotta dei manifestanti francesi tanto da offrir loro, come strumento organizzativo, la piattaforma Rousseau, e cercando di stabilire dei contatti in vista delle elezioni europee. Qualcuno ha notato, provocatoriamente, che mentre in Francia i gilet jaunes sono per le strade, in Italia sono seduti negli scranni governativi. Nel 2013 i Forconi avevano bloccato le piazze e i caselli autostradali, e avevano indetto manifestazioni partecipate in cui venivano intonati slogan anti-casta molto simili a quelli lanciati dal M5S. Di sicuro l'uscita del ministro grillino è una cortina fumogena per nascondere i grossi cedimenti rispetto ai punti programmatici con cui il movimento ha vinto le elezioni: dall'Ilva, alla Tap, alle posizioni ondivaghe sulla Tav, per finire con il reddito di cittadinanza che riguarderà (se mai si farà) solo la metà della platea iniziale, è stato tutto un dietrofont. La Legge di Bilancio 2019, approvata in extremis a fine anno senza che chi l'ha votata abbia avuto il tempo per leggerla, dimostra - se ancora ce ne fosse bisogno - che il parlamento è inutile e che le decisioni che contano vengono prese altrove. Con i voti di fiducia di Camera e Senato al maxi-emendamento, il mito grillino della democrazia diretta e partecipata è andato a farsi benedire. Il M5S, alla prova dei fatti, rappresenta tutto fuorché il "cambiamento", e in molti cominciano a domandarsi cosa ci sarà dopo la sua dissoluzione.

Solo attraverso continui tentativi ed errori, il cervello sociale impara che certe strade (parlamento, elezioni e referendum) non portano da nessuna parte e che la lotta ha senso solo se viene portata fino in fondo, fuori e contro le compatibilità capitalistiche. Le Parisien dell'8 gennaio ("2019 La France au ralenti") sostiene che la crescita economica in Francia sarà inferiore alle attese, con conseguenze dal punto di vista politico e sociale. Quando la crescita economica è dello zero virgola qualcosa, anche un piccolo intoppo può disturbare l'intero sistema. Se una lotta come quella dei "giubbotti catarifrangenti" combina degli sconquassi, figuriamoci un'ondata di scioperi ad oltranza e senza preavviso.

Anche oltreoceano le acque sono agitate. Negli Usa la diatriba tra democratici e repubblicani ha portato allo shutdown, e questo potrebbe avere un certo impatto sul tetto del debito. Ma non si tratta di un problema prettamente americano: tutti gli stati hanno bassi incrementi del PIL, i quali tendono a diminuire in parallelo al crescere esponenziale del debito pubblico. A fine anno sono state rese pubbliche le cifre del debito mondiale, arrivato a 250 mila miliardi di dollari su un Pil mondiale di circa 80 mila miliardi di dollari. Gli Stati Uniti devono fare i conti con la situazione più disastrata del mondo, ma anche un paese come il Giappone, con un debito del 250% rispetto al Pil, non se la passa bene. Per non parlare poi dell'Italia: secondo il bollettino mensile elaborato da Bankitalia si apprende che a ottobre 2018 il debito pubblico si è attestato a oltre 2.334 miliardi di euro.

Volendo fare un paragone con il Ventennio, notiamo che la cornice corporativa resta in piedi, ma manca il suo contenuto ovvero l'aspetto riformistico di Welfare State che comprendeva il contratto di lavoro, il dopolavoro, la pensione, e tutte quelle sicurezze sociali che hanno permesso l'affermarsi del fascismo a livello internazionale. Oggi tale cornice resiste ma i partiti, così come i sindacati, si svuotano, le "garanzie" vengono meno e si moltiplicano le manifestazioni che iniziano a mettere in discussione lo stesso capitalismo: è logica conseguenza che lo scoppio della ribellione destabilizzi i governi e gli stati, soprattutto se si tratta di proteste virali coordinate in Rete. La borghesia è una classe spacciata, basti vedere le soluzioni economiche che adotta: per uscire dalla crisi cerca di aumentare la produttività del lavoro, ma così facendo aumenta la disoccupazione. "Non potete fermarvi, solo la rivoluzione proletaria lo può, distruggendo il vostro potere", titola un articolo della nostra corrente apparso su Battaglia Comunista, n. 1 del 1951.

Della crescita del tasso di disoccupazione parla Beppe Grillo che sul suo blog, nell'articolo "Il ritorno del luddismo", racconta dei sabotaggi ai danni dei taxi senza conducente avvenuti in Arizona. Secondo il comico genovese non ha senso prendersela con le macchine perché "rubano" lavoro:

"Viviamo un momento di transizione, la tecnologia farà sempre più parte del futuro della nostra vita. 'In meno di un decennio, la maggior parte delle mansioni sul posto di lavoro saranno svolte da macchine piuttosto che da esseri umani'. Sono le ultime previsioni sul mondo del lavoro del World Economic Forum nel suo rapporto 'Job swap: The Future of Jobs'."

Grillo consiglia quindi ai governi di far fronte a tali squilibri erogando un reddito di base incondizionato, anche perché "il futuro sarà fatto di apprendimento, insegnamento e tempo libero che non saranno più momenti diversi della nostra vita, ma si intrecceranno per creare qualcosa di nuovo". Peccato che il movimento politico di cui Grillo è l'ispiratore abbia fatto marcia indietro su tutta la linea, per cui i bei discorsi lasciano il tempo che trovano. Solo un governo rivoluzionario può attuare misure così radicali: senza una chiara visione del futuro e un programma politico di transizione, non ci può essere nessuna azione politica coerente.

Come afferma Alessandro Baricco nel suo ultimo saggio The Game in cui affronta temi quali la smaterializzazione, l'individualismo di massa e la nascita di nuove élite, l'Italia è quel particolare laboratorio dove le cose succedono prima che altrove. Al termine della Seconda Guerra Mondiale, Guglielmo Giannini e il suo Fronte dell'Uomo Qualunque riempiono le piazze del paese, sommergendo i partiti che stavano nascendo sotto la benedizione americana. Dopodiché, in una sorta di congelamento atlantico, per un lungo periodo la DC governa il paese e il PCI resta responsabilmente all'opposizione. Passato lo stallo, durato decenni, si fa strada il populismo di Silvio Berlusconi e infine quello dei 5 Stelle. In questi lunghi anni di controrivoluzione non è nato nessun partito borghese proiettato nel futuro, tutti i governi tecnici sono miseramente falliti. Nei primi anni '90, Romano Prodi e Mariotto Segni tentarono di progettare qualcosa di diverso, ma nessuno ebbe la forza per portare a termine l'iniziativa (vedi Lettera ai compagni n. 27, "Il Diciotto Brumaio del Partito che non c'è"). La borghesia reagisce a cose fatte, non riesce a prevedere i processi sociali, altrimenti ragionerebbe non come classe ma come specie. Un progetto sociale degno di questo nome comporta la razionalizzazione del sistema volta a neutralizzare lo sciupìo (dissipazione), ma per fare questo bisogna superare categorie come denaro, profitto e mercato, così come proponeva il movimento tecnocratico.

In chiusura di teleconferenza, abbiamo parlato di un recente incontro avvenuto a Torino con due compagni spagnoli - che si sono dimostrati molto in sintonia con il nostro lavoro -, e del sito ceco komunistickalevice.info, dove sono presenti collegamenti ipertestuali a "n+1" e traduzioni di testi della Sinistra Comunista "italiana".

Articoli correlati (da tag)

  • L'impossibile "normalizzazione"

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dalla segnalazione dell'articolo pubblicato sul Corriere della Sera "L'astro Spd pensa al socialismo reale 'Nazionalizzare le aziende dell'auto'".

    Secondo Kevin Kühnert, il capo dell'organizzazione dei giovani socialdemocratici tedeschi, gli Jusos, la nazionalizzazione dell'industria a partire dal settore auto, la collettivizzazione delle grandi aziende, la limitazione della proprietà immobiliare e la regolazione dei profitti rappresenterebbero "l'unica strada per il superamento del capitalismo". Storicamente proposte simili, in primis la socializzazione delle industrie, sono state avanzate sia da partiti socialdemocratici che da gruppi di estrema destra ed estrema sinistra. Peccato che tutte queste formazioni ignorino che lo Stato è più che presente nella vita economica; il fascismo ha perso militarmente, ma ha vinto politicamente ed economicamente estendendosi a tutto il mondo. Anche la Cgil è tra quelli che richiedono una maggiore presenza statale e per gli ex stabilimenti Fiat reclama l'intervento dello stato: se nei periodi di crisi Pantalone deve accollarsi le perdite e socializzarle, i profitti restano sempre privati.

    Abbiamo poi parlato delle manifestazioni del Primo Maggio che sono state molto partecipate in tutto il mondo.

  • Conoscenza, marasma sociale e rivoluzione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, ha preso le mosse dalla lettera di Elio Franzini, filosofo nonché rettore dell'Università di Milano, a Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, intitolata "Studi umanistici e scientifici. La scissione non ha senso".

    In realtà, a dispetto del titolo, l'autore afferma che la discussione iniziata negli anni '60 da Charles P. Snow sulla necessità di unificare il sapere scientifico con quello umanistico, è superata, dato che le due culture esistono e che "non si può pensare di ridurre la complessità dei saperi ad artificiosi momenti unitari". Per Franzini, la filosofia ha dunque la preminenza su tutte le altre discipline:

    "Nella misura in cui tratta di una questione puramente tecnica, la soluzione dipende dagli strumenti tecnologico-scientifici che si riescono ad approntare. Ma, nel momento in cui il campo si allarga – ed è il caso della nostra contemporaneità – il ritmo del progresso tecnico impone alla coscienza umana l'obbligo di adattare le regole alle circostanze, precisando con le sue scelte i criteri che gli consentono di agire. Ed è qui che il pensiero filosofico innesta ancor oggi la sua forza di propulsione."

    Ciò che conta è quindi la profondità del pensiero filosofico, le altre discipline servono al massimo ad ampliarne l'orizzonte speculativo. Lo scritto di Franzini fa venire in mente lo scambio epistolare avvenuto qualche anno fa sulle pagine di Repubblica tra Eugenio Scalfari e Alessandro Baricco; il tema della discussione era l'avvento dei nuovi barbari, e mentre il primo difendeva l'importanza degli intellettuali e della cultura classica rivendicando il primato della filosofia rispetto all'emergere dell'intelligenza diffusa e distribuita, il secondo valutava abbastanza positivamente la superficialità barbarica.

  • La dialettica corazza-proiettile

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sui fatti francesi di cui si è accennato anche durante l'ultimo incontro redazionale.

    Sabato 16 marzo i gilet jaunes sono scesi nelle strade per l'#ActeXVIII, scontrandosi violentemente con la polizia. A Parigi le manifestazioni sono sfociate nel saccheggio di diversi negozi di lusso lungo gli Champs-Élysées.

    Rispetto ai movimenti di piazza, esistono differenze significative tra Francia e Italia: mentre la prima ha un'infrastruttura statale piuttosto rigida e perciò fatica a controllare il dissenso, nella penisola i gilet gialli siedono in parlamento dato che la borghesia locale, per condizioni geostoriche del tutto particolari, è riuscita a "parlamentarizzare" la protesta nata dal basso. Niente di cui stupirsi, è nato in Italia e non altrove l'opportunismo trasformista. Il M5S, una volta andato al governo, non è riuscito a fare granché, finendo per omologarsi a quel sistema che voleva stravolgere. Il vuoto lasciato nelle piazze sarà riempito da altre forze, solo che la carta parlamentare ormai è stata giocata.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email