Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  29 gennaio 2019

Argomenti concatenati

La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni, è iniziata con una breve rassegna stampa su diversi temi, tra cui il trattato di Aquisgrana, il disastro sociale ed economico in corso in Venezuela, e il cambio al vertice del maggiore sindacato italiano.

Nella sua prima apparizione in TV come segretario della Cgil, nel programma "1/2 ora in più" di Lucia Annunziata, Maurizio Landini ha affermato di voler cambiare il sindacato proponendo una "contrattazione inclusiva" per aprire l'organizzazione al territorio dato che "il problema è la solitudine": bisogna "tornare alle origini per cui sono nate le Camere di lavoro" ha spiegato, "tornare alle nostre radici, che fanno i conti con le nuove condizioni di lavoro che ci sono." A parte le buone intenzioni, su cui ci sarebbe molto da dire, sappiamo che per cancellare l'effetto storico della assunzione del sindacato entro lo stato borghese occorre molto di più, e cioè uno stravolgimento sociale di potenza gigantesca. Se ciò invece non avverrà, ogni organizzazione sindacale non potrà far altro che mediare fra capitale e lavoro, secondo le regole della concertazione/contrattazione. E non basterà l'elezione di un leader movimentista per cambiare direzione, tanto più ad un sindacato corporativo come la Cgil.

In Francia i gilet gialli continuano a manifestare: ogni sabato, dal 17 novembre dell'anno scorso, ci sono cortei, concentramenti e scontri con la polizia in varie città del paese. E mentre alcune assemblee di gilet jaunes cercano di uscire dalla dimensione rivendicativa criticando il riformismo/parlamentarismo e cercando nuove forme di radicalità, i sindacati francesi arrancano di fronte al movimento e riscontrano difficoltà oggettive a controllare la situazione, anche perché diversi loro militanti partecipano alle manifestazioni. Il ciclo partito con Occupy ha visto i movimenti di protesta superare la forma sindacale classica obbligando le organizzazioni economiche ad accodarsi, come accaduto con lo sciopero della West Coast del 2012. Il "movimento" francese è ancora fermo al piano rivendicativo e questo lo pone al di sotto del livello raggiunto dagli occupiers americani; tuttavia anche per i manifestanti d'oltralpe è difficile fare a meno, nell'epoca delle reti e dei social network, dell'organizzazione leaderless.

Dalla Francia siamo passati al Messico, dove oltre 40.000 lavoratori della città di Matamoros hanno bloccato la produzione in 45 delle 110 maquiladoras presenti nel territorio, quasi tutte appartenenti all'indotto dell'industria automobilistica statunitense. Lo sciopero, che va avanti da più di due settimane, ha visto uno scontro molto forte con il sindacato ufficiale affiliato al Consejo de Trabajadores Mexicanos (CTM), che si è schierato apertamente contro i lavoratori. "Sindicato y empresa 'matan' la clase obrera" (Sindacato e impresa "uccidono" la classe operaia): questo lo slogan che campeggiava su uno degli striscioni di apertura dei numerosi cortei che hanno attraversato le strade della città messicana. Evidentemente, il lavoro dei sindacati, in Europa come in America Latina, è tutto teso ad evitare la crescita dell'autonomia di classe.

In zona è invece ormai sull'orlo del collasso il Venezuela che, da paese ricco fondatore dell'OPEC negli anni '60, si ritrova oggi in una crisi terribile con un tasso di inflazione a più zeri. Secondo Repubblica sono 3 milioni i venezuelani scappati dal paese, di cui un milione verso la Colombia, a sua volta in difficoltà nel prestare assistenza ad un numero così elevato di profughi. Caracas, che produce un petrolio molto povero dal punto di vista della distillazione ma abbondante e facile da estrarre, si è affidata completamente alla rendita petrolifera restando praticamente senza una produzione industriale, scelta che nel caso di crisi internazionali o di un calo del prezzo del greggio potrebbe avere conseguenze disastrose. Ma non è l'unico paese nel panorama internazionale ad aver preso questa direzione: lo stesso discorso vale anche per Russia, Iran e Arabia Saudita.

La situazione venezuelana è paradigmatica dello stato in cui versa l'economica mondiale. Il Venezuela, così come tutti i paesi rentier, vive grazie al valore prodotto altrove; ma se questo flusso si interrompe per un qualsiasi motivo, il tessuto economico e sociale rischia il collasso. L'inflazione a cui è soggetta non è paragonabile a quella tedesca post-Prima Guerra Mondiale, perché il paese è inserito nell'economia di mercato con il petrolio che oscilla di prezzo, e non può, come fece la Germania con il Rentenmark, legare la propria moneta alla produzione interna semplicemente perché questa non esiste. Lo si è visto con l'esperimento della criptovaluta di Stato, il Petro, che non ha risolto nulla.

Nel complesso dei rapporti capitalistici, la situazione venezuelana può incidere sui prestiti che il paese ha contratto con qualche banca americana, la quale a sua volta ha debiti/crediti a livello internazionale: le concatenazioni sono molto importanti e potrebbero spiegare l'impossibilità del Venezuela di bloccare l'inflazione in un mondo in crisi dove a mancare è proprio l'inflazione. L'America Latina è indebitata con le banche americane ma traffica con i soldi delle banche spagnole, ben radicate nel continente per tradizione storica e linguistica. Un bel guazzabuglio, in cui tutte le economie sono interconnesse e il famoso batter d'ali di una farfalla da una parte, magari in Venezuela, può scatenare un tornado da un'altra, negli Usa o altrove.

Nel suo ultimo numero l'Economist pubblica due articoli sulla "slowbalisation", ovvero la difficoltà del capitale a trovare sbocchi produttivi a livello internazionale: "Gli investimenti delle multinazionali cinesi in America e in Europa sono diminuiti del 73% nel 2018 [...] Il valore globale degli investimenti transfrontalieri delle società multinazionali è diminuito di circa il 20% nel 2018."

I capitalisti si accorgono che automatizzando e robotizzando la produzione conviene produrre manufatti e semilavorati in casa piuttosto che delocalizzare in altri paesi dove il costo del lavoro è più basso. E' l'argomento affrontato da Maurizio Ricci nell'articolo "La globalizzazione cambia pelle: addio delocalizzazioni e bassi salari" (Repubblica del 26.01.19): "Il motivo per cui i bassi salari oggi interessano poco e le fabbriche possono tornare in America e in Europa si chiama robot e software. Le fabbriche tornano in patria, i posti di lavoro no. L'ultimo rapporto di un think tank americano, Brookings, calcola nell'80 per cento la quota dei posti di lavoro nelle fabbriche americane esposti all'automazione."

Questa trasformazione ha già prodotto degli effetti. La necessità di parlare del domani (vedi ciclo di conferenze "Talks on tomorrow" organizzato da Repubblica) può essere spiegata dalla percezione di un futuro che sta velocemente diventando presente. Big data, intelligenza artificiale, apprendimento automatico, tutti percepiscono che questi temi sono fondamentali. Sul sito di Beppe Grillo è stato pubblicato un articolo di Valentina Petrucciolo, "Il lavoro che cambia: chi paga?", in cui si mette in discussione la logica lavorista:

"Lavoro! Lavoro! Lavoro! E' questo che chiedono a gran voce le persone. Un lavoro che deve 'essere dato', che va elargito come se fosse qualcosa che si produce, si crea, si coltiva. Ma chi può 'dare' questo lavoro? Eppoi, che tipo di lavoro? Si parla tanto di quanto oggi il lavoro sia diventato causa di stress, di malattia e di depressione. Perfino di morte. Eppure, chi non ce l'ha, lo vuole. Non chiede un sussidio di disoccupazione o un reddito di base. No: vuole 'il lavoro'."

Quella del "diritto al lavoro" non è mai stata una parola d'ordine dei comunisti, i quali pretendono semmai una forte riduzione dell'orario e un salario decente per i disoccupati. Fino a poco tempo fa eravamo in pochi a scrivere volantini contro il lavoro (provocando sgomento tra sindacalisti e gruppettari quando intervenivamo nelle assemblee), oggi il paradigma gramsciano basato sulla difesa del posto di lavoro fa acqua da tutte le parti. Il capitalismo sta liberando l'umanità dal lavoro, voler ritornare all'epoca del pieno impiego è praticamente impossibile.

La richiesta del reddito di base ha dato vita negli ultimi anni ad un movimento internazionale, il Basic Income Earth Network (BIEN) che promuove congressi e pubblica libri e riviste in diverse lingue. Il reddito di cittadinanza promesso dallo sgangherato governo italiano sarà molto probabilmente un pasticcio, ma indietro non si torna: alla massa crescente dei senza lavoro bisogna dare una qualche forma di reddito se non si vuole precipitare economicamente e socialmente nel caos.

Articoli correlati (da tag)

  • L'industria della disoccupazione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie in merito all'applicazione del Reddito di Cittadinanza (RdC) in Italia.

    Il governo ha fissato alcuni criteri per l'avvio della misura economica, tra questi ci sono l'erogazione di 780 euro mensili per chi vive da solo e in affitto, e l'obbligo, per i Centri per l'Impiego, di proporre ai percettori del reddito un'occupazione che preveda un salario di almeno 858 euro. Nel frattempo pare che il conflitto tra Anpal e Regioni riguardo i navigator sia stato risolto: saranno 3 mila coloro che dovranno impegnarsi a trovare un lavoro alle centinaia di migliaia di senza riserve. Un compagno ha segnalato l'articolo "Quarantamila posti di lavoro per (non) trovare lavoro agli altri" di Sergio Rizzo, pubblicato su Repubblica il 10 marzo scorso, in cui vengono ricordate, oltre ai navigator, tutte quelle figure professionali impiegate presso i centri di formazione, le agenzie regionali, ecc., per la gestione dei senza lavoro. Si tratta, in media, di 1 addetto ogni 150 disoccupati, una quantità enorme di "risorse umane" che dovrebbero occuparsi del problema della disoccupazione per risolverlo, e invece vivono grazie ad esso.

  • Al limite fra l'ordine e il caos

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 14 compagni, è iniziata commentando l'articolo "Dieci giorni al reddito di cittadinanza ma è rischio caos, manca anche il modulo", pubblicato su Repubblica il 25/2/2019.

    Se questo quotidiano, per ovvie ragioni politiche, è ostile al Reddito di cittadinanza targato M5S, è anche vero che i motivi per criticare tale misura non mancano. La data in cui sarà possibile presentare la domanda per ricevere il sussidio, il prossimo 6 marzo, è vicina e il governo si trova ancora in alto mare: i navigator (i tutor che affiancheranno i destinatari del reddito) non sono ancora stati assunti data la controversia tra Regioni e governo, l'App per incrociare domanda e offerta di posti di lavoro non esiste, e sembra che i fondi messi a disposizione non basteranno per cui in molti resteranno a bocca asciutta. Anche la questione della privacy, dei dati e della loro gestione non è stata risolta. Una situazione a dir poco caotica (le Poste temono assalti agli sportelli), difficile da gestire da un governo di dilettanti allo sbaraglio.

    Su un altro quotidiano, il Corriere della Sera, Lucrezia Reichlin afferma che "senza crescita la speranza di un futuro migliore sparisce e così pure il consenso, il collante che tiene insieme le nostre società." Parole di buon senso, peccato che l'economista non dica che una crescita maggiore è possibile solo con una produttività maggiore, e cioè quando più capitale viene messo in moto ricorrendo in misura minore a manodopera effettiva (leggi aumento della disoccupazione).

  • Eliminare la dissipazione, cioè il capitalismo

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con la segnalazione dell'articolo "Le navi si svuotano. Giù il Baltic Index, primo allarme di crisi economica", pubblicato il 12 febbraio nella sezione economia di Repubblica.

    Nato nel 1985, il Baltic Dry Index raccoglie i prezzi dei trasporti e dei noli marittimi, misurando la frequenza annuale delle principali rotte. Esso non tiene conto del trasporto del petrolio ma solo delle merci secche come derrate agricole, carbone e ferro, misurando lo stato di salute del commercio mondiale. Gli analisti hanno notato una netta flessione dell'indice: "nel giro delle ultime cinque settimane ha perso il 50 per cento del suo valore, allontanandosi ancora di più dai massimi raggiunti circa una anno fa: dal marzo del 2018, la discesa supera addirittura il 70 per cento". Tra le cause di questo tonfo, vi sarebbero la guerra dei dazi tra Usa e Cina, il rallentamento dell'economia nella zona Euro, il caos Brexit e la contrazione della crescita cinese. Il Nobel per l'economia Paul Krugman intervistato da Bloomberg ha dichiarato che "la Cina entrerà in crisi a causa dei consumi inadeguati".

Rivista n°43, aprile 2018

copertina n°43f6Editoriale: Si fa presto a dire moneta
f6Articoli: Dimenticare Babilonia - L'eredità problematica
f6Rassegna: Il missil prodigo - Big data a tutto spiano - Mangime standard per umani - Elezioni pop
f6Terra di confine: Elementare, Watson
f6Spaccio al bestione trionfante: L'urlo del bonobo
f6Recensione: Verso un nuovo paradigma
f6Doppia direzione: Lavorare è bello

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 232, 12 febbraio 2019

f6Per qualche dollaro in meno
f6La lunga notte della sonda cinese
f6Le nuove armi di Pechino
f6Shutdown
f6Venezuela
f6La valle della morte
f6Italia
f6Gilet gialli

Leggi la newsletter 232
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email