Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  18 giugno 2019

Il capitalismo ha bisogno di autoregolarsi

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 14 compagni, è iniziata dal commento di alcune parti del libro M. Il figlio del secolo di Antonio Scurati. Il romanzo tratta della vita di Mussolini, dall'incandescente situazione sociale del primo dopoguerra in Italia alla fondazione del Partito Fascista.

Lo scorso 22 marzo, in occasione del centenario della fondazione dei fasci di combattimento, Scurati ha scritto un articolo per Repubblica, "Il fascismo è ancora vivo dentro di noi", in cui afferma: "Il genus italico ha generato il fascismo. Di più: il fascismo è stato una delle potenti invenzioni (o innovazioni, se preferite) italiane del Ventesimo secolo, che dall'Italia si è propagata in Europa e nel mondo."

In effetti in quel frangente storico l'Italia fu laboratorio politico: la forma fascista si impose prima nella Penisola e poi si diffuse in tutto il mondo, poiché adatta a risollevare le sorti di un capitalismo a rischio collasso. Il più delle volte si confonde il fascismo con la sua sovrastruttura ideologica (la violenza squadrista, la camicia nera, ecc.), quando invece è da intendere quale fenomeno di autoregolazione del sistema, che si è affermato attraverso il potenziamento dello strumento statale. Esso non è sparito - come sostiene Scurati -, bensì ha vinto sul piano politico ed economico.

L'esigenza di autoregolamentazione è condizione permanente del capitalismo, il quale nasce statale e quindi fin dall'inizio presenta elementi atti a tale scopo. Nel Medioevo le Repubbliche Marinare possedevano flotte composte da centinaia di navi, disponendo di una potenza capitalistica resa possibile solo dalla presenza dell'investitore collettivo per eccellenza: lo Stato. Oggi, viceversa, è il Capitale a dominare sullo Stato e perciò il capitalismo si ritrova alla ricerca di nuovi elementi di autoregolazione. I mezzi sicuramente non mancano (software, robot, sensori di ogni tipo), ma la natura anarchica del sistema ne rende difficile l'uso integrato.

Da anni registriamo i segnali di un cambiamento in corso, dalla Primavera araba, passando per Occupy Wall Street, fino al movimento turco Gezi Park e ai gilet gialli in Francia. In questi giorni, in Egitto è scattato lo stato di massima allerta in seguito alla morte di Mohamed Morsi, ex presidente e leader dei Fratelli Musulmani; mentre Hong Kong è al centro della cronaca per le imponenti mobilitazioni che hanno coinvolto circa 2 milioni di persone. Oggi la dimensione globale è ormai quella di manifestazioni di massa che valgono più per sé stesse che non per le motivazioni accampate dagli organizzatori o dai manifestanti. All'inizio del Novecento del secolo scorso, massicce mobilitazioni scuotevano il panorama politico europeo senza trovare uno sbocco; nacquero così il fascismo in Italia e il nazismo in Germania, che riuscirono a inglobare le spinte antiformiste presentandosi come realizzatori dialettici delle istanze riformiste del socialismo. Dubitiamo che il capitalismo odierno abbia la capacità e la vitalità necessarie per assorbire le nuove forze antisistema: esiste una "freccia del tempo" e il secondo principio della termodinamica parla chiaro.

Moseis Naim, scrittore e giornalista venezuelano, scrive su El Pais un articolo in cui mette insieme quanto accade nelle strade del Sudan, di Hong Kong e di Mosca, descrivendo manifestazioni che stanno montando in frequenza e dimensioni, anche grazie alla diffusione di smartphone e reti sociali. Per quanto ci riguarda, il punto di svolta è stato lo sciopero della UPS del 1997, che non ha ottenuto granché dal punto di vista rivendicativo ma moltissimo sul piano organizzativo, dato che per la prima volta sono stati utilizzati in modo massiccio strumenti come Gps e telefonini per coordinare la lotta. Già allora era evidente come fosse cambiato il rapporto tra operai e capitalisti, oggi lo vediamo ancor più chiaramente con le lotte dei gig-workers che hanno sempre meno da rivendicare entro lo stato di cose presente.

Ad Hong Kong quasi un terzo della popolazione è scesa in strada a manifestare, e una legge sull'estradizione non è sufficiente a spiegare cosa ha spinto così tante persone a mobilitarsi. Durante la protesta, il capo della polizia ha dichiarato che avrebbe fatto tutto il possibile per liberare le vie della città, ma sappiamo che è molto difficile imbrigliare una tale massa di persone. La borghesia può spegnere Internet, può reprimere la popolazione, può varare leggi speciali, ma milioni di uomini in movimento non si possono fermare. Alain Bertho, animatore del sito Anthropologie du présent, ha scritto nel 2009 un saggio dal titolo Il tempo delle sommosse. Intervistato dal giornale online Vice afferma:

"Ciò che osserviamo dall'inizio del secolo è una crescita, a livello globale, di rabbie collettive senza obiettivi strategici, di passaggi all'azione quasi disperati. Il repertorio di questi gridi di rabbia è piuttosto simile da un capo all'altro del pianeta, dall'incendio di un'automobile all'uso delle reti informatiche. Le circostanze dello scoppio delle ostilità sono varie ma ricorrenti (la morte di un ragazzo, il taglio dell'elettricità in un palazzo, delle elezioni truccate). In un secondo tempo, i conflitti sociali classici hanno adottato — poco a poco — il repertorio della sommossa, la sua soggettività."

Guardando i video in time lapse delle manifestazioni di Hong Kong, viene in mente quanto scritto nel saggio Sincronia di Steven Strogatz o ne L'atomo sociale di Mark Buchanan. Così come si verificano delle sincronie in campo economico (le maggiori economie procedono verso la crescita zero), parimenti si sincronizzano le piazze globali con manifestazioni autorganizzate. Il rapporto tra le rivendicazioni e la forza messa in campo dai manifestanti si è dissolto lasciando spazio ad una carica di violenza potenziale enorme, che prima o poi esploderà. Al tempo delle prime manifestazioni di Occupy, gli hashtag che andavano per la maggiore sui social erano #globalsquare e #globalrevolution: il cervello sociale esprimeva in maniera compressa la necessità del movimento: occupare le piazze, coordinarsi in rete a livello globale, cambiare il mondo.

Secondo il ministro dell'Interno francese, dall'inizio del movimento dei gilet gialli sarebbero 50 mila le manifestazioni e le proteste organizzate sul territorio nazionale. Se le rivolte assumono dimensioni di massa, allo stesso modo avviene per cataclismi e disfunzioni varie che ammorbano il sistema in aree sempre più vaste. Nei giorni scorsi un blackout energetico ha colpito il Sud America, lasciando al buio 50 milioni di persone soprattutto in Argentina e Uruguay, e in alcune zone di Brasile, Paraguay, Bolivia, Cile e Perù. L'emergenza è ormai un qualcosa con cui bisogna fare i conti quotidianamente: che si tratti di un blackout, dello stato d'emergenza nelle democrazie occidentali, dell'Egitto oppure di Hong Kong, della crisi del 2008 che ha provocato misure d'emergenza con i vari quantitative easing durati anni. Anche il reddito di cittadinanza in Italia risponde ad una emergenza: il crollo dei consumi e la "tenuta sociale". E lo stesso discorso vale per l'aspetto climatico, per le migrazioni, per gli stati che collassano, ecc.

Abbiamo poi parlato dell'affondamento di due petroliere nel golfo dell'Oman. Gli Usa accusano l'Iran, il quale nega ogni suo coinvolgimento. In questo momento gli Stati Uniti hanno tutto l'interesse a far alzare il prezzo del petrolio, poiché li favorisce nell'estrazione di shale oil. Un'invasione americana dell'Iran è impensabile, dato che Teheran è un loro partner strategico. En passant: in Iran continuano le rivolte operaie (mai cessate dalla sommossa di Mashhad del 2017), l'ultima in ordine di tempo si è verificata a Kazerun city.

In chiusura di teleconferenza, si è accennato a Libra, la moneta virtuale che Facebook metterà a disposizione dei suoi utenti a partire dal 2020. Libra si baserà sulla tecnologia blockchain ma a differenza delle criptovalute più conosciute, come Bitcoin o Ethereum, sarà una stablecoin e cioè il suo valore sarà ancorato ad un paniere di valute reali e garantito da asset espressi in quelle monete. L'iniziativa si rivolge soprattutto a coloro che non possono aprire un conto corrente e utilizzerebbero Facebook come fosse una banca; Libra parte quindi con una base di 2,4 miliardi di potenziali clienti, gli utenti del social network, e come fa notare Repubblica potrà raggiungere tutti coloro che hanno uno smartphone in tasca. Sembra che il primo paese in cui la nuova moneta verrà sperimentata sarà l'India, proprio dove da qualche anno l'azienda di Zuckerberg sta offrendo con il progetto "Free Basics" il collegamento gratuito ad alcuni siti di pubblica utilità.

Facebook, che per il lancio di Libra ha raccolto il sostegno di partner importanti tra cui PayPal, Uber, eBay e Vodafone, probabilmente punta, almeno inizialmente, al mercato dei piccoli pagamenti, da una parte ricalcando quanto avviene in Cina con WeChat, e dall'altra tentando di affermarsi nel remittance market, settore da 500 miliardi di dollari l'anno.

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra nel mondo globalizzato esiste sempre

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'attacco missilistico americano vicino all'aeroporto di Baghdad, che è costato la vita al generale iraniano Qassam Soleimani e alla sua scorta.

    Contrariamente a quanto affermato dal settimanale l'Internazionale, gli Stati Uniti non hanno iniziato con questa azione una guerra contro l'Iran, dato che un conflitto è già in corso da tempo: nel mondo globalizzato d'oggi la guerra esiste sempre, anche quando tacciono i cannoni. Nell'articolo "Dall'equilibrio del terrore al terrore dell'equilibrio", analizzando le trasformazioni avvenute negli ultimi cinquant'anni, abbiamo scritto che "la guerra all'ultimo sangue tra concorrenti non avviene più per conquistare aree di sbocco alle proprie merci e capitali ma per ripartire il plusvalore prodotto in un mondo ormai interamente conquistato dal Capitale."

    Soleimani rappresentava un importante hub nella rete di rapporti che l'Iran ha costruito negli anni in Libano, Yemen, Siria e Iraq, ottenendo risultati militari e politici non indifferenti. Il missile che ha colpito il suo generale nella capitale irachena è quindi un avvertimento, al quale potrà rispondere solo con azioni simboliche, o al massimo creando fastidi intorno all'importante stretto di Hormutz. Ma in ogni caso non potrà pestare troppo i piedi agli Stati Uniti, per il semplice motivo che non ne ha la forza.

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

  • Ma quale futuro?

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune notizie riguardanti le energie rinnovabili.

    Pare che negli Stati Uniti un gruppo di scienziati abbia sviluppato un sistema di specchi che, sfruttando l'energia solare, riesce a raggiungere la temperatura di 1000 gradi. L'obiettivo dell'esperimento è di arrivare ai 1500, la condizione necessaria per fondere l'acciaio, ed eliminare progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili (en passant: i primi esperimenti per ottenere alte temperature attraverso specchi parabolici sono stati condotti dal premio Nobel Carlo Rubbia in Italia con il progetto Archimede, poi esportato in Spagna). Che sia la soluzione per produrre energia senza inquinare l'ambiente? Abbiamo dei dubbi in merito. Basti pensare all'Ilva di Taranto: anche se riuscisse a produrre da sé tutta l'energia necessaria, rimarrebbe comunque un gigante inutile. Insomma, bisogna sempre chiedersi che senso abbia adoperare certe tecnologie ed in funzione di quale produzione. Non è un problema di natura tecnica, riferita al variare delle fonti energetiche (in ultima istanza tutte riconducibili al lavoro del Sole), ma di natura sociale: l'attuale modo di produzione non conosce sé stesso, bada solo al profitto, e quindi continuerà a sprecare energia e a distruggere l'ambiente.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email