Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  25 giugno 2019

Lavorare con i dati del futuro

La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando una news pubblicata sull'Economist in merito alle nuove tipologie di allevamenti di suini in Cina.

I cinesi si avvicinano ad un consumo di proteine che è vicino a quello occidentale e ciò comporta l'aumento degli allevamenti e delle coltivazioni di prodotti proteici per rifornirli di mangime. L'ammontare dei capi di suini registrato in Cina è pari a quello del resto del mondo e nel settore cominciano a farsi sentire i problemi logistici, a partire dalla coltivazione della soia per gli animali fino allo smistamento dei rifiuti organici. La crescita del consumo di carne nel paese è così alta che non basta più ingrandire (orizzontalmente) gli allevamenti, ma vengono costruiti speciali grattacieli per i maiali. Alcuni raggiungono i tredici piani di altezza e sono studiati appositamente per sfruttare al massimo gli spazi. Questo tipo di infrastruttura comporta una variazione dal punto di vista tecnico nell'allevamento, che diventa completamente industrializzato; l'ammasso dei maiali eleva il rischio epidemie e perciò ogni livello è tenuto separato, con aria riciclata e una gestione autonoma dei rifiuti. Se i cinesi leggessero i giornali o utilizzassero la carta igienica alla occidentale, non basterebbero tutte le foreste del pianeta. E lo stesso discorso vale per le automobili.

Il sistema borghese è fuori controllo: se cresce la miseria aumenta il caos sociale, ma anche se aumentano i consumi, e quindi gli investimenti (produttivi), cresce la disoccupazione (tecnologica).

Il capitalismo ha una freccia del tempo: il mondo è finito e un certo livello di consumi non è sostenibile. La Cina ha un problema enorme di inquinamento. L'Africa, dove Pechino fa investimenti mirati anche nel settore agricolo, ha bruciato tutte le tappe con la costruzione di immense città fantasma. L'Occidente è a crescita zero. Aurelio Peccei, nei suoi studi collegati a quelli del Club di Roma, affermava che non ci troviamo di fronte a problemi particolari che si possono risolvere uno alla volta, ma di fronte ad una problematica globale, la quale si può affrontare solo adottando una logica di tale livello. Per Peccei l'unico elemento in grado di gestire un sistema così complesso sarebbe un governo mondiale. Dal nostro punto di vista, che non è certo quello di un borghese illuminato, per uscire da questa situazione la specie dovrà darsi non un partito/governo tra i tanti, ma un organismo-comunità che sappia mettere in pratica un metabolismo sociale.

La nostra corrente afferma in più occasioni che l'attivismo è mero esistenzialismo, e che coloro che si basano sul presente, senza indagare il futuro, si basano sul nulla, dato che il presente non esiste. Alcuni ci accusano di essere scientisti: evidentemente, come esiste il cretinismo parlamentare, esiste anche quello extraparlamentare. Per questi "comunisti" l'applicazione della scienza a tutti gli aspetti dell'attività umana sarebbe indebita, perché alcune cose dell'uomo, come la psicologia e la politica, non sarebbero analizzabili con il metodo scientifico. Non hanno proprio capito Engels quando diceva che il socialismo marcia dall'utopia alla scienza. In "Utopia, Scienza, Azione", ultimo capitolo di Proprietà e capitale (1948), si dice che scattando una fotografia della realtà si coglie l'attimo, ma con una serie di fotografie riusciamo a cogliere una dinamica e quindi a fare storia. Utopia è la proposta di un modello di società ideale da realizzare. Scienza è il passaggio dall'utopia al progetto. L'azione è possibile perché avendo compreso la dinamica ieri-oggi-domani si agisce difendendo la linea del futuro di specie:

"Per conseguenza il problema della prassi del partito non è di sapere il futuro, che sarebbe poco, né di volere il futuro, che sarebbe troppo, ma di 'conservare la linea del futuro della propria classe'. È chiaro che se il movimento non la sa studiare, indagare e conoscere, neppure sarà in grado di conservarla. Non meno chiaro è che se il movimento non sa distinguere tra la volontà delle classi costituite e nemiche e la propria, egualmente la partita è perduta, la linea smarrita. Il movimento comunista non è questione di pura dottrina; non è questione di pura volontà: tuttavia il difetto di dottrina lo paralizza, il difetto di volontà lo paralizza. E difetto vuol dire assorbimento di altrui dottrine, di altrui volontà."

Un compagno ha segnalato il libro Homo deus. Breve storia del futuro di Yuval Noah Harari in cui, partendo dalle ultime scoperte nel campo delle neuroscienze, lo studioso si accorge che la libertà dell'individuo e la democrazia sono un'illusione. L'autore prospetta, tra le altre cose, un futuro dove l'Internet delle cose e sofisticati software prendono il sopravvento sull'umanità, sopraffatta non solo dall'intelligenza artificiale, ma dalle stesse emozioni emulate e simulate dalle macchine. Coloro che non vedono la dinamica verso la società futura, compresa la catastrofe rivoluzionaria prossima ventura, si fanno cogliere dall'angoscia, e disegnano un futuro distopico. Per la nostra corrente, invece, il sistema di macchine è il trampolino di lancio per il passaggio dal regno delle necessità a quello della libertà:

"Resterà, direte, all'uomo l'opera organizzativa, direttiva, il girare le chiavette interruttrici. Ma hanno detto ultimamente che una macchina della macchina sostituirà l'uomo alle manopole di questa, dopo aver registrato con processi elettronici il comportarsi effettivo dell'uomo, il trucco che lo distingue, per ritrasmetterlo identico. Allora sarà invero la natura che ci darà tutto, cominciando dal vassoio della prima colazione che arriverà senza che lo porti nessuno." (Mai la merce sfamerà l'uomo, 1954)

Raymond Kurzweil, autore di La singolarità è vicina, è uno degli esponenti del transumanesimo, movimento secondo il quale la commistione uomo-macchina potenzierà le nostre capacità, fino a farci vincere la morte biologica. La tecnologia rappresenta quindi la possibilità per l'umano di trasformarsi in qualcosa di più, in un superuomo. Ma sta di fatto che oggi l'uomo è un'appendice di un super-organismo che si nutre dei dati forniti dagli acquisti, dai social, dalle app. I borghesi anelano all'immortalità per la loro classe, e con ciò ammettono, senza esserne consapevoli, di non avere futuro. Questo modo di produzione sta rendendo il pianeta invivibile anche per la classe dominante, che immagina di fuggire su un altro pianeta dove esportare il capitalismo ("Assalto al Pianeta rosso").

Un compagno ha poi segnalato un post apparso sul blog di Beppe Grillo, "Reddito Universale in cambio dei tuoi dati", in cui si parla della polarizzazione della ricchezza da una parte e della automazione nei luoghi di lavoro dall'altra. Sarebbero nate piattaforme disposte a pagare gli uomini in cambio dell'utilizzo dei dati che loro producono navigando in Rete. Sappiamo che nell'epoca dell'informazione i Big data sono fondamentali per le strategie di marketing. Nick White, cofondatore di Harmony, un'azienda che traffica in dati, afferma:

"I dati delle persone, attraverso un sistema sviluppato in blockchain, non monopolizzato da Google e Facebook, possono generare un reddito universale, perché gli inserzionisti e le aziende hanno bisogno di questi dati per le loro campagne e strategie di targeting. Poiché i dati sono il 'nuovo petrolio', le persone saranno in grado di guadagnare un reddito supplementare significativo dalla vendita dei loro dati personali. E se tutto ciò avviene su reti decentralizzate piuttosto che su server centralizzati appartenenti a Facebook o Google, un tale sistema consentirebbe una massiccia ridistribuzione della ricchezza dai monopoli al grande pubblico."

Il blog di Beppe Grillo è uno degli hub di una vasta rete che affronta (in maniera più o meno superficiale) temi di frontiera quali il reddito di base, la fine del lavoro, ecc. Bisogna però specificare che un sistema basato sul valore non può sviluppare a pieno tutte le sue potenzialità. Una società completamente retificata è incompatibile con il capitalismo e non a caso Jeremy Rifkin titola la sua ultima opera: La società a costo marginale zero. L'internet delle cose, l'ascesa del "commons" collaborativo e l'eclissi del capitalismo.

In chiusura di teleconferenza, si è accennato alle recenti manifestazioni in Georgia e in Repubblica Ceca. Milioni di persone scendono in strada, in tutto il mondo, non importa per quale motivo, a dimostrazione che la febbre sociale aumenta.

Articoli correlati (da tag)

  • Necessarie sintesi

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 10 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo le notizie provenienti da Honk Kong.

    Nel giorno del 22° anniversario del ritorno dell'ex colonia britannica sotto il controllo cinese, a Honk Kong viene occupato il Parlamento. Durante una manifestazione un gruppo di oltre mille persone si è staccato dal corteo principale ed è riuscito ad arrivare all'ingresso principale dell'edificio superando la recinzione esterna. Alcuni manifestanti sono quindi entrati nella sede istituzionale, occupandola per ore, scrivendo slogan sui muri e danneggiando gli scranni parlamentari.

    L'accaduto ricorda quanto avvenuto in Grecia qualche anno fa; allora a difesa dei palazzi governativi non si schierarono solo le forze di polizia ma anche numerosi militanti stalinisti. A Hong Kong con l'occupazione, riuscita, del Parlamento, un simbolo è stato violato, anche se pare che oggi per la borghesia tale simbolo non valga un granché. Per sfondare i vetri blindati ed entrare nell'edificio, i manifestanti hanno costruito una sorta di ariete legando tra loro le transenne di acciaio poste a difesa; intorno alla sede istituzionale, si trovavano circa 30mila persone e le forze dell'ordine, che ad un certo punto hanno ritirato dei reparti, non sono riuscite a controllare la situazione. Sul governo sono piovute critiche da tutto il mondo: non era mai successo, nella storia della borghesia, che il parlamento venisse lasciato alla mercè di folle di manifestanti; se irrompere nei palazzi istituzionali dovesse diventare un'abitudine, potrebbe verificarsi qualcosa di peggio.

  • Conservare la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando le manifestazioni in corso ad Hong Kong.

    Sono più di un milione, secondo gli organizzatori, le persone scese in strada nell'ex colonia britannica per contestare il progetto di legge che prevede l'estradizione in Cina dei cittadini sospettati di un crimine con pena superiore ai sette anni di detenzione. Il timore che l'indipendenza giudiziaria venga meno a causa dell'ingerenza cinese sarebbe stata la scintilla che ha fatto scattare la rivolta, ma al di là dei problemi specifici quando scende in strada un numero così ampio di persone vuol dire che c'è qualcosa che va oltre l'immediato. Hong Kong non è nuova a queste vampate di collera sociale: nel 2014 il movimento Umbrella Revolution aveva riempito le piazze per giorni e giorni.

    Nella regione amministrativa speciale vivono circa 7,5 milioni di persone con una densità di 6500 abitanti per kmq; questo significa che uno su sette ha partecipato alle proteste. Insieme alla vicina Shenzhen, che conta 12,5 milioni di abitanti, o ad altre città cinesi, che raggiungono i 30, la città-stato di Hong Kong fa parte della schiera delle metropoli monster: immensi insediamenti umani sempre più difficili da controllare.

  • Avanti, barbari!

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulle prossime elezioni europee.

    Con l'avvicinarsi delle votazioni, in Italia si è verificata una certa fibrillazione. Sulla stampa, in testa Repubblica, è stato dato ampio risalto allo scontro tra fascisti e antifascisti, trasformando scaramucce figlie della battaglia elettorale e tutte interne al sistema capitalistico in questioni di primo piano. Ma per capire cosa succede nel profondo della società occorre andare oltre il dato politico immediato: il fatto che negli Stati Uniti sia al governo Trump, o in Italia il duo lega-M5S, sta a significare che un assetto di potere è estremamente mutato in seguito ai colpi micidiali inferti dalla crisi. Proprio sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, qualche mese fa Alessandro Baricco, in un articolo intitolato "E ora le élite si mettano in gioco", scriveva: "è andato in pezzi un certo patto tra le élites e la gente, e adesso la gente ha deciso di fare da sola. Non è proprio un’insurrezione, non ancora. È una sequenza implacabile di impuntature, di mosse improvvise, di apparenti deviazioni dal buon senso, se non dalla razionalità. Ossessivamente, la gente continua a mandare  -  votando o scendendo in strada  - un messaggio molto chiaro: vuole che si scriva nella Storia che le élites hanno fallito e se ne devono andare."

    Un compagno ha ricordato un passo del filo del tempo "Avanti, barbari!" (Battaglia Comunista n. 22 del 1951):

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email