Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  2 luglio 2019

Necessarie sintesi

La teleconferenza di martedì sera, presenti 10 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo le notizie provenienti da Honk Kong.

Nel giorno del 22° anniversario del ritorno dell'ex colonia britannica sotto il controllo cinese, a Honk Kong viene occupato il Parlamento. Durante una manifestazione un gruppo di oltre mille persone si è staccato dal corteo principale ed è riuscito ad arrivare all'ingresso principale dell'edificio superando la recinzione esterna. Alcuni manifestanti sono quindi entrati nella sede istituzionale, occupandola per ore, scrivendo slogan sui muri e danneggiando gli scranni parlamentari.

L'accaduto ricorda quanto avvenuto in Grecia qualche anno fa; allora a difesa dei palazzi governativi non si schierarono solo le forze di polizia ma anche numerosi militanti stalinisti. A Hong Kong con l'occupazione, riuscita, del Parlamento, un simbolo è stato violato, anche se pare che oggi per la borghesia tale simbolo non valga un granché. Per sfondare i vetri blindati ed entrare nell'edificio, i manifestanti hanno costruito una sorta di ariete legando tra loro le transenne di acciaio poste a difesa; intorno alla sede istituzionale, si trovavano circa 30mila persone e le forze dell'ordine, che ad un certo punto hanno ritirato dei reparti, non sono riuscite a controllare la situazione. Sul governo sono piovute critiche da tutto il mondo: non era mai successo, nella storia della borghesia, che il parlamento venisse lasciato alla mercè di folle di manifestanti; se irrompere nei palazzi istituzionali dovesse diventare un'abitudine, potrebbe verificarsi qualcosa di peggio.

Hong Kong è un'ex colonia britannica che gode di uno statuto particolare ma risponde a Pechino per quanto riguarda l'ordine legislativo. Le notizie di quanto accade nella metropoli, delle manifestazioni e delle proteste, non arrivano in Cina, dove sono chiuse le agenzie di stampa e le connessioni internet sono bloccate. Evidentemente si teme un contagio incontrollabile. Settimana dopo settimana, si stanno dando appuntamento migliaia di persone e questo preoccupa molto più il governo cinese che non quello della regione autonoma. Dal canto loro le autorità locali, nella figura della governatrice Carrie Lam, affermano che il governo non è insensibile al grido della piazza ed esprimono la necessità di trovare un accordo. Quando a scendere in piazza sono 2 milioni di persone, non c'è polizia che tenga, ovunque; e lo sciopero generale porta con sé pericolosi effetti collaterali.

La nostra corrente descrive la "polarizzazione" o "ionizzazione" delle molecole sociali quale dinamica imprevedibile (per la borghesia) frutto di uno scontro materiale nel sottofondo della società, un malessere profondo che si pone al di là dello specifico innesco. Manifestazioni sincronizzate ed autorganizzate presuppongono una legge soggiacente che costringe milioni di persone a muoversi, in modo spontaneo, travalicando organizzazioni ed organizzatori. La classe dominante può mettere in atto una repressione feroce, ma corre il pericolo che questa possa fare da detonatore piuttosto che da deterrente.

Nella Rivoluzione russa del 1917, quando gli operai imprigionati uscirono dalle carceri, avevano le idee chiare sul da farsi. Il rovesciamento della prassi non è possibile se non è coinvolto qualcuno che sa già cosa fare, chi ha un retroterra che gli permetta di comprendere quanto accade diventando un fattore della rivoluzione. L'organizzazione non si può inventare: la si eredita oppure la si deduce da quello che succede. Prendiamo, ad esempio, l'organizzazione della grande fabbrica in Russia o delle fabbriche in generale fino agli anni '60: esse formavano operai abituati a schierarsi e a sapere come dirigersi. Didattico in tal senso il film "Convoy - Trincea d'asfalto" (1978) del regista Sam Peckinpah, che racconta la lotta di alcuni camionisti che grazie agli apparecchi per la ricetrasmissione sulla banda cittadina montati sui loro mezzi, i famosi baracchini CB, si coordinano per lottare contro un nemico comune che è lo stato, facendo rete e mettendo in campo una forza enorme: il camionista solitario non è nulla, mentre coordinato è una potenza. La storia è di fantasia ma qualcosa di simile si è visto nella realtà con le lotte degli operai della UPS, nell'adoperare il mezzo di lavoro come mezzo di attacco e scontro contro i capitalisti. Si tratta di invarianti e trasformazioni: gli invarianti sono dati dal fatto che gli operai sanno cosa fare, per cui i loro movimenti risultano efficaci ed efficienti, mentre la trasformazione deriva da un'organizzazione che non è dovuta alla fabbrica ma ai mezzi di comunicazione.

Conteggiare, quantificare, valutare la presenza della classe operaia nelle manifestazioni per noi non ha alcun senso. Ciò che importa, piuttosto, è l'esistenza di un indirizzo proletario che dia la sua impronta. Oggi, i mezzi per la comunicazione e l'organizzazione sono nella tasca di ognuno e la borghesia, che ormai l'ha capito, sforna manuali sull'organizzazione moderna che affrontano specifici argomenti. Il colosso Walmart sta studiando come risparmiare nei trasporti: tutta la West Coast americana ha rapporti con la Cina dalla quale arrivano navi cariche di merci; questo comporta che un piccolo inceppo nell'organizzazione possa causare la perdita di miliardi di dollari. Per questo motivo Walmart ha creato una task force che attraverso sensori e dati raccolti sul campo diventerà un piccolo apparato organizzatore. Il sistema sta diventando automatico e lo diventano anche le manifestazioni sincronizzate. Marx non si pose l'obiettivo di descrivere le leggi governanti l'economia capitalistica per criticarla e giungere alla conclusione che era meglio un altro tipo di società; nei suoi scritti egli si pose il problema di quale fosse la dinamica di tutta la storia, compreso il capitalismo, e di quale potesse essere lo sbocco di questa storia. Per questo poté vedere nel capitalismo gli elementi anticipatori della nuova società.

La borghesia ha la sua organizzazione, lo stato. Victor Serge, nei suoi libri, ricordava i metodi dell'Ochrana, la polizia segreta zarista, che per scovare i rivoluzionari russi collegava i loro nomi disposti casualmente su un foglio con delle linee, riuscendo a ricavare ordine dal caos. La società ha bisogno di organizzazione e questa non la si può eliminare. Il movimento americano Occupy Wall Street aveva messo in piedi la Freedom Tower, un pezzo della rete mesh che avrebbe dovuto coprire tutti gli Stati Uniti, bypassando la rete ufficiale e i server.

R. Dawkins descrive il gene egoista come elemento dell'evoluzione, una concezione limitata dato che l'uomo è un essere vivente che ha delle caratteristiche che vanno al di là del gene. L'uomo è neotenico: in una natura attrezzata, ha dovuto maturare un comportamento sociale in modo che tanti individui possano raggiungere degli obiettivi che il singolo non può porsi. L'organizzazione sarebbe quindi un elemento di selezione naturale ed evoluzione (E. O. Wilson descrive questo passaggio in "La conquista sociale della terra"). Ma attenzione, le estinzioni esistono in Natura, non sono un fenomeno improbabile. Quando tutto quello che è successo negli ultimi anni (UPS, OWS, Nuit Debout, gilet gialli) produrrà una sintesi, si affermerà un nuovo paradigma, secondo un processo che tenderà ad eliminare ciò che non serve (democrazia, parlamentini, trattative) dando al tempo stesso resistenza al movimento. Non è più possibile che prenda piede una forma già vista nel passato, perché anche dal punto di vista dell'informazione sarà necessario un salto evolutivo.

Il 3 luglio ricorre il 50° anniversario della rivolta di Corso Traiano, l'inizio dell'autunno caldo. In quel frangente migliaia di operai si scontrarono con la polizia tenendo in scacco un'area vastissima di Torino, completamente abbandonati a se stessi dai loro "leader" che nel frattempo si sgolavano in assemblee cittadine che nella percezione dei gruppettari sembravano presagire i soviet. Ma già allora non era più possibile l'iter della Rivoluzione d'Ottobre. Negli ultimi anni OWS è stato il movimento più avanzato, dimostrando saggi di organizzazione futura, voltando le spalle al sistema dei partiti e scagliandosi contro il sistema dell'1%; ad Oakland era nata la comune e partendo dallo sciopero generale cittadino, era stato proclamato lo sciopero di tutta la West Coast. Insomma, la soluzione c'è già, "d'altra parte, se noi non potessimo già scorgere nascoste in questa società - così com'è - le condizioni materiali di produzione e di relazioni fra gli uomini, corrispondenti ad una società senza classi, ogni sforzo per farla saltare sarebbe donchisciottesco" (Karl Marx, Grundrisse).

Articoli correlati (da tag)

  • Lavorare con i dati del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 12 compagni, è iniziata commentando una news pubblicata sull'Economist in merito alle nuove tipologie di allevamenti di suini in Cina.

    I cinesi si avvicinano ad un consumo di proteine che è vicino a quello occidentale e ciò comporta l'aumento degli allevamenti e delle coltivazioni di prodotti proteici per rifornirli di mangime. L'ammontare dei capi di suini registrato in Cina è pari a quello del resto del mondo e nel settore cominciano a farsi sentire i problemi logistici, a partire dalla coltivazione della soia per gli animali fino allo smistamento dei rifiuti organici. La crescita del consumo di carne nel paese è così alta che non basta più ingrandire (orizzontalmente) gli allevamenti, ma vengono costruiti speciali grattacieli per i maiali. Alcuni raggiungono i tredici piani di altezza e sono studiati appositamente per sfruttare al massimo gli spazi. Questo tipo di infrastruttura comporta una variazione dal punto di vista tecnico nell'allevamento, che diventa completamente industrializzato; l'ammasso dei maiali eleva il rischio epidemie e perciò ogni livello è tenuto separato, con aria riciclata e una gestione autonoma dei rifiuti. Se i cinesi leggessero i giornali o utilizzassero la carta igienica alla occidentale, non basterebbero tutte le foreste del pianeta. E lo stesso discorso vale per le automobili.

  • Il capitalismo ha bisogno di autoregolarsi

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 14 compagni, è iniziata dal commento di alcune parti del libro M. Il figlio del secolo di Antonio Scurati. Il romanzo tratta della vita di Mussolini, dall'incandescente situazione sociale del primo dopoguerra in Italia alla fondazione del Partito Fascista.

    Lo scorso 22 marzo, in occasione del centenario della fondazione dei fasci di combattimento, Scurati ha scritto un articolo per Repubblica, "Il fascismo è ancora vivo dentro di noi", in cui afferma: "Il genus italico ha generato il fascismo. Di più: il fascismo è stato una delle potenti invenzioni (o innovazioni, se preferite) italiane del Ventesimo secolo, che dall'Italia si è propagata in Europa e nel mondo."

    In effetti in quel frangente storico l'Italia fu laboratorio politico: la forma fascista si impose prima nella Penisola e poi si diffuse in tutto il mondo, poiché adatta a risollevare le sorti di un capitalismo a rischio collasso. Il più delle volte si confonde il fascismo con la sua sovrastruttura ideologica (la violenza squadrista, la camicia nera, ecc.), quando invece è da intendere quale fenomeno di autoregolazione del sistema, che si è affermato attraverso il potenziamento dello strumento statale. Esso non è sparito - come sostiene Scurati -, bensì ha vinto sul piano politico ed economico.

  • Conservare la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando le manifestazioni in corso ad Hong Kong.

    Sono più di un milione, secondo gli organizzatori, le persone scese in strada nell'ex colonia britannica per contestare il progetto di legge che prevede l'estradizione in Cina dei cittadini sospettati di un crimine con pena superiore ai sette anni di detenzione. Il timore che l'indipendenza giudiziaria venga meno a causa dell'ingerenza cinese sarebbe stata la scintilla che ha fatto scattare la rivolta, ma al di là dei problemi specifici quando scende in strada un numero così ampio di persone vuol dire che c'è qualcosa che va oltre l'immediato. Hong Kong non è nuova a queste vampate di collera sociale: nel 2014 il movimento Umbrella Revolution aveva riempito le piazze per giorni e giorni.

    Nella regione amministrativa speciale vivono circa 7,5 milioni di persone con una densità di 6500 abitanti per kmq; questo significa che uno su sette ha partecipato alle proteste. Insieme alla vicina Shenzhen, che conta 12,5 milioni di abitanti, o ad altre città cinesi, che raggiungono i 30, la città-stato di Hong Kong fa parte della schiera delle metropoli monster: immensi insediamenti umani sempre più difficili da controllare.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 234, 6 luglio 2019

f6Grufolare nell'attico
f6Occupazione simbolica. Per adesso
f6Libra, cos'è?
f6Extinction Rebellion
f6Reddito di cittadinanza alla prova
f6Spionaggio?

Leggi la newsletter 234
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email