Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  12 novembre 2019

I diseredati del globo si ribellano ad ogni latitudine

La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul testo Salario, prezzo e profitto di Marx, ed in particolare sul capitolo "La forza lavoro".

Il lavoratore moderno non vende sé stesso ma la sua particolare forza lavoro, secondo un processo storico di dissociazione tra l'operaio e i suoi mezzi di lavoro: "La separazione del lavoratore e degli strumenti di lavoro, una volta compiutasi, si conserva e si rinnova costantemente a un grado sempre più elevato, finché una nuova e radicale rivoluzione del sistema di produzione la distrugge e ristabilisce l'unità primitiva in una forma storica nuova".

Oggi la produttività del lavoro è altissima: pochissimo lavoro vivo mette in moto una grande quantità di lavoro morto, sottoponendo la legge del valore a dura prova. Troppo capitale, troppe merci e troppa produzione sociale rispetto all'appropriazione privata spingono il sistema al limite. Naturalmente esiste un nesso tra questo insieme di fenomeni e le rivolte che stanno scoppiando nel mondo.

In Francia un ragazzo si è dato fuoco per protestare contro la situazione di miseria in cui viveva, accusando il presidente Macron ed i predecessori di averlo costretto a tale gesto; in seguito al fatto, che ricorda quanto accaduto in Tunisia nel 2010 quando la protesta di un venditore ambulante scatenò un'ondata di rivolte che coinvolse tutta l'area (Primavera araba), sono stati immediati i flash mob e le manifestazioni in varie città francesi (#LaPrecariteTue). In questi giorni sul Web stanno circolando gli appelli dei gilets jaunes per i prossimi appuntamenti di lotta: il primo chiama al blocco di Parigi in occasione del primo anniversario del movimento (16-17 novembre), il secondo esprime solidarietà a tutte le rivolte che si stanno sviluppando in giro per il mondo, mentre il terzo invita a partecipare allo sciopero per le pensioni il prossimo 5 dicembre. Ultimamente la polizia francese è stata impegnata anche al confine con la Spagna dovendo intervenire per sgomberare i manifestanti catalani che bloccavano l'autostrada. In Catalogna ha assunto un certo peso il movimento indipendentista Tsunami democratic, molto presente sui social network e autore di azioni di blocco come quello dell'aeroporto di Barcellona. Movimenti nati da cause diverse tendono a mescolarsi e sovrapporsi aumentando il marasma sociale in corso.

L'8 novembre scorso ad Hong Kong è morto Alex Chow, uno studente di 22 anni caduto da un ballatoio durante un fitto lancio di lacrimogeni da parte della polizia. Qualche giorno dopo, un poliziotto ha sparato a distanza ravvicinata ad un manifestante colpendolo al torace. I due episodi hanno portato a scontri violentissimi tra i ribelli e le forze dell'ordine. In Bolivia, il presidente Morales, che faceva parte del fronte della sinistra bolivariana, è scappato in Messico dopo che alcuni reparti di polizia e dell'esercito si sono ammutinati invitandolo a farsi da parte. Gli apparati statali cominciano a sgretolarsi, in tutto il mondo è in atto una dinamica che porta l'esercito a presentarsi come ultimo baluardo in difesa dell'ordine costituito. Qualcosa di simile era successo in Egitto con l'avvento al potere dei militari.

Ad alimentare il caos sociale, ci pensano anche le formazioni di destra che stanno prendendo piede in Ungheria, Polonia, Italia, Spagna, ecc. A Varsavia hanno marciato decine di migliaia di ultranazionalisti e sono state bruciate bandiere dell'Unione europea, in Romania ha avuto successo al primo turno una formazione nazionalista, e ovunque la socialdemocrazia è in bancarotta politica. Negli anni '20 il fascismo riusciva ad inglobare le spinte contraddittorie (dannunziani, arditi, ecc.) prodotte dalla società in crisi all'interno dello stato corporativo; oggi il capitalismo non ha più quell'energia e fatica a tenere insieme i pezzi.

Nel testo "Così app e social network vengono usati per organizzare e alimentare le rivolte nel mondo", pubblicato su L'Espresso, si descrive l'uso massiccio di queste tecnologie, in Spagna così come ad Hong Kong. Sulla stessa rivista è comparso anche l'articolo "Perché i popoli del mondo si stanno ribellando", dove si afferma che le proteste sono legate da un filo rosso:

"In Cile sono stati quattro centesimi di dollaro, il costo dell'aumento della metropolitana. In Libano la tassa di 20 centesimi al giorno della stessa moneta per le videochiamate con WhatsApp, Facebook, Messenger e FaceTime. In Sudan il pane, il cui valore è triplicato. In India le cipolle che hanno fatto registrate il record di rincaro del 700 per cento a causa dello scarso raccolto. In Ecuador la benzina più salata per la fine dei sussidi. Ad Haiti stessa miccia e non vengono più protetti gli alimenti di prima necessità. E non è rimasta immune nemmeno la ricca Arabia Saudita per il raddoppio del prezzo di un oggetto voluttuario, l'uso del narghilè nei caffè e nei ristoranti. [...] I diseredati del globo si ribellano ad ogni latitudine."

Secondo il Corriere della Sera, il "motivo della rabbia è la diffusa percezione che la politica continui ad agire sempre e comunque per gli interessi delle élite, scavalcando quelli del popolo. Nei Paesi in via di sviluppo si svolgono regolarmente manifestazioni di protesta, e per buoni motivi. Le popolazioni sono costrette a sopportare i disagi causati dall'incapacità dei governi a fornire i servizi più basilari, e la mancanza di istituzioni politiche avanzate significa che attori non tradizionali – in maggior parte gli stessi contestatori – tendono a far vacillare l'ago della bilancia."

Nella maggior parte dei casi, giornalisti ed osservatori si limitano a scattare un'istantanea della situazione, fermandosi alla narrazione delle cause contingenti dei disordini. Nell'articolo del Corriere manca la dinamica, e cioè quel processo storico che porta il sistema a passare da uno stato ad un altro. Manca, insomma, la freccia del tempo. Data la parabola del plusvalore, noi crediamo che sia inevitabile la morte del capitalismo. I sistemi sociali collassano quando hanno raggiunto il massimo del loro rendimento e non hanno più nulla da offrire, cioè quando i rapporti di produzione diventano catene per lo sviluppo ulteriore della forza produttiva.

Gli attuali movimenti di protesta non hanno bisogno di leader in quanto sono sistemi reticolari che si auto-organizzano (M. Buchanan, L'Atomo sociale), in cui i partecipanti non sono liberi di "scegliere" né di fare di testa propria, ma è la struttura stessa che dispone e polarizza i singoli elementi.

Nel valutare le dinamiche sociali, disponiamo di una chiave di lettura che ci differenzia da tutti, anche da quelli che si richiamano al marxismo ma poi lo tradiscono nei fatti. Abbiamo un programma di lavoro e questo è elencato nel nostro Codice redazionale (1999): l'indagine ulteriore sull'aumento dello sciupìo capitalistico; l'indagine dinamica del processo capitalistico (differenza fra foto e cinema); lo studio del futuro capitalistico e della società comunista; il riscontro, nel capitalismo avanzato, di settori senza scambio di valore (comunismo); il lavoro e l'organicità contro i tentativi di rappezzare i resti del passato; la ricerca sulle capitolazioni della borghesia di fronte al marxismo; la ricerca sul capitale senza capitalisti che domina capitalisti senza capitale; la ricerca sui meccanismi del capitalismo ultramaturo (mercato mondiale, finanza, ecc.); lo studio dei fenomeni politici legati alla "democrazia fascista"; il superamento della questione nazionale e coloniale; lo sviluppo della Riunione di Forlì (compiti immediati della rivoluzione in Occidente); l'adozione di un linguaggio utile a trasmettere ad altri i risultati di un lavoro; l'adozione dell'atteggiamento vitale di chi lavora in prospettiva (progetto). Tutti questi punti sono strettamente collegati tra di loro e non sono in ordine di importanza.

La grande differenza risiede proprio nel linguaggio e nella capacità di spiegare quanto succede attraverso la scienza, dalla teoria delle reti alla termodinamica. Per Engels le rivoluzioni sono un fatto fisico, non dipendono dalla psicologia degli uomini. Non si presenterà più una questione nazionale e si chiarificherà in senso non rivendicativo quella sindacale, e anche la sacralità del lavoro, questo virus che ammorba il proletariato, tenderà a sparire.

Esiste un nesso tra i fenomeni planetari di insofferenza allo stato di cose presente e altri tipi di manifestazioni come l'utilizzo del voto democratico per mandare in parlamento partiti populisti. In Italia la protesta si è espressa con il voto al M5S che, messo alla prova, ha dimostrato tutta la sua inconsistenza ed è quindi avviato sulla strada della dissoluzione. Se il peso della situazione grava sulle spalle di miliardi di senza riserve, in futuro vedremo rivolte ancora più estese. In "Fiorite primavere del Capitale" (1953) si dimostra come le rivoluzioni possano avvenire anche senza la partecipazione di chi ne trae beneficio. Una rivoluzione anticapitalista senza proletariato è quasi impossibile, ma le rivoluzioni vincono anche se le classi che ne beneficiano non sono presenti attivamente. D'altronde, la parabola di paesi decadenti come quelli occidentali è tracciata: si va verso l'impossibilità di produrre valore in una società basata sul valore.

In chiusura di teleconferenza, abbiamo ricordato l'anniversario della caduta del Muro di Berlino, avvenuta trent'anni fa. Sui giornali si celebra la ventata di progresso, libertà e benessere che sarebbe arrivata nell'ex blocco sovietico. Nel 1989, sull'onda degli eventi, abbiamo scritto: "Era ora: con il Muro di Berlino crollano miseramente gli avanzi della lunga mistificazione staliniana". Fino a pochi giorni prima che il muro venisse abbattuto, nessuno si immaginava che in così poco tempo quel sistema sarebbe scomparso, eppure le avvisaglie c'erano e parlavano chiaro. Lo stesso discorso vale per l'oggi: in tanti si fanno ingannare dalla percezione e continuano a pensare che il capitalismo sia eterno senza riuscire a vedere l'enorme accumulo di materiale esplosivo pronto a farlo saltare.

Articoli correlati (da tag)

  • Ma quale futuro?

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune notizie riguardanti le energie rinnovabili.

    Pare che negli Stati Uniti un gruppo di scienziati abbia sviluppato un sistema di specchi che, sfruttando l'energia solare, riesce a raggiungere la temperatura di 1000 gradi. L'obiettivo dell'esperimento è di arrivare ai 1500, la condizione necessaria per fondere l'acciaio, ed eliminare progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili (en passant: i primi esperimenti per ottenere alte temperature attraverso specchi parabolici sono stati condotti dal premio Nobel Carlo Rubbia in Italia con il progetto Archimede, poi esportato in Spagna). Che sia la soluzione per produrre energia senza inquinare l'ambiente? Abbiamo dei dubbi in merito. Basti pensare all'Ilva di Taranto: anche se riuscisse a produrre da sé tutta l'energia necessaria, rimarrebbe comunque un gigante inutile. Insomma, bisogna sempre chiedersi che senso abbia adoperare certe tecnologie ed in funzione di quale produzione. Non è un problema di natura tecnica, riferita al variare delle fonti energetiche (in ultima istanza tutte riconducibili al lavoro del Sole), ma di natura sociale: l'attuale modo di produzione non conosce sé stesso, bada solo al profitto, e quindi continuerà a sprecare energia e a distruggere l'ambiente.

    La società capitalistica è arrivata a risultati tecnici avanzati nella produzione delle merci, ma la sua capacità di progettazione sociale è bassissima a causa dell'anarchia del mercato. Per poter rovesciare la prassi e cominciare a progettare la vita di specie in armonia con la natura, bisogna liberare le forze produttive dalle catene del valore, affinché la tecnica e la scienza siano indirizzate verso soluzioni razionali. Si tratta sempre di uno scontro tra modi di produzione, in cui quello a più alto rendimento energetico è destinato a vincere. La tecnica e la scienza sono altra cosa rispetto all'economia politica, perché mentre questa può formulare frasi senza contenuto empirico, le prime parlano il linguaggio della matematica.

  • Un mondo, una rivolta

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata riprendendo il tema della parabola storica del plusvalore, nell'ottica di analizzare le profonde determinazioni che stanno alla base delle proteste e delle rivolte attualmente in corso in diversi paesi.

    Prendiamo il caso di FCA (ex Fiat). L'azienda impiega circa 200mila dipendenti in tutto il mondo, produce circa 5 milioni di autovetture all'anno, e per il 2018 ha dichiarato un fatturato di 110 miliardi di dollari. Pur esistendo un unico marchio che ne identifica le merci, la maggior parte dei componenti che vengono poi assemblati negli stabilimenti è prodotta da una rete di imprese in outsourcing. Da un pezzo la fabbrica è uscita dalle mura aziendali, distribuendosi sul territorio grazie al sistema della logistica; oggi non esiste più la grossa fabbrica verticale di novecentesca memoria che produceva tutto da sé, ma le lavorazioni sono state in prevalenza esternalizzate ("Sull'uscita di Fiat da Confindustria e alcuni temi collegati"). Se in Italia agli inizi del 2000 la Fiat contava 112mila addetti, oggi Fca ne impiega 29mila, comprese Maserati e Ferrari.

  • La società futura avrà un più alto rendimento energetico

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 10 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo del Corriere della Sera intitolato "Più posti, ma part time: così le ore lavorate sono meno di 12". Secondo il giornale, aumenta l'occupazione ma anche la precarietà poiché è in calo il numero delle ore lavorate; per quanto riguarda il numero degli occupati, il quotidiano riporta che "in Italia lavorano 23,3 milioni di persone. Il tasso di occupazione nella fascia d'età tra 20 e 64 anni è del 63% contro l'80% della Germania e il 73% della media dell'Unione europea." Lo stato cerca di dare ossigeno all'economia emanando provvedimenti del tipo "Quota 100", ma non è possibile ricreare i posti di lavoro che la tecnologia ha reso superflui. In questi giorni è finita sotto i riflettori di giornali e televisioni la questione Ilva con i relativi lamenti politici e sindacali in merito alla difesa dell'occupazione. I sacerdoti del lavoro si commuovono e lo benedicono, ma le fabbriche-galere chiudono comunque. Se i lavoratori vengono licenziati perché in esubero rispetto alle esigenze produttive, dal punto di vista della lotta immediata non resta altro da fare che pretendere una forte riduzione dell'orario di lavoro e un salario decente per i disoccupati.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email