Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  26 novembre 2019

Ma quale futuro?

La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune notizie riguardanti le energie rinnovabili.

Pare che negli Stati Uniti un gruppo di scienziati abbia sviluppato un sistema di specchi che, sfruttando l'energia solare, riesce a raggiungere la temperatura di 1000 gradi. L'obiettivo dell'esperimento è di arrivare ai 1500, la condizione necessaria per fondere l'acciaio, ed eliminare progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili (en passant: i primi esperimenti per ottenere alte temperature attraverso specchi parabolici sono stati condotti dal premio Nobel Carlo Rubbia in Italia con il progetto Archimede, poi esportato in Spagna). Che sia la soluzione per produrre energia senza inquinare l'ambiente? Abbiamo dei dubbi in merito. Basti pensare all'Ilva di Taranto: anche se riuscisse a produrre da sé tutta l'energia necessaria, rimarrebbe comunque un gigante inutile. Insomma, bisogna sempre chiedersi che senso abbia adoperare certe tecnologie ed in funzione di quale produzione. Non è un problema di natura tecnica, riferita al variare delle fonti energetiche (in ultima istanza tutte riconducibili al lavoro del Sole), ma di natura sociale: l'attuale modo di produzione non conosce sé stesso, bada solo al profitto, e quindi continuerà a sprecare energia e a distruggere l'ambiente.

La società capitalistica è arrivata a risultati tecnici avanzati nella produzione delle merci, ma la sua capacità di progettazione sociale è bassissima a causa dell'anarchia del mercato. Per poter rovesciare la prassi e cominciare a progettare la vita di specie in armonia con la natura, bisogna liberare le forze produttive dalle catene del valore, affinché la tecnica e la scienza siano indirizzate verso soluzioni razionali. Si tratta sempre di uno scontro tra modi di produzione, in cui quello a più alto rendimento energetico è destinato a vincere. La tecnica e la scienza sono altra cosa rispetto all'economia politica, perché mentre questa può formulare frasi senza contenuto empirico, le prime parlano il linguaggio della matematica.

Allo stato attuale si producono quasi due miliardi di tonnellate di acciaio l'anno, che vengono utilizzate per costruire città che rimangono disabitate, sommergibili nucleari in grado di scatenare tsunami, automobili invendute che occupano spazio. Spuntano così mode ecologiste ridicole rispetto alla situazione sistemica, mentre rimangono ancora in pochi quelli che mettono l'accento sulla smania produttivistica, sull'insensata produzione per la produzione, e che chiedono un "disinvestimento dei capitali, ossia destinazione di una parte assai minore del prodotto a beni strumentali e non di consumo" (Punto "a" del Programma rivoluzionario immediato nell'Occidente capitalistico, 1952).

Siamo quindi passati a parlare della Germania, dove sono scesi in piazza con i loro trattori migliaia di agricoltori per protestare contro la politica agraria del governo. In Occidente l'agricoltura è assistita dallo Stato, ma questo tipo di sostegno aiuta solo fino ad un certo punto: la rendita è plusvalore distribuito e quando questo manca tutto ciò che è a valle ne soffre. L'agricoltura in paesi come Germania, Francia e Italia non solo non produce plusvalore, ma vive di quello prodotto altrove.

Nel settore petrolifero i paesi produttori, notando che le loro riserve diminuiscono, stanno pensando di diversificare l'economia. Aramco, l'azienda di stato saudita che si occupa dell'estrazione del greggio, ha annunciato la sua quotazione in borsa. Secondo Il Sole 24 Ore, l'operazione rientra nel piano del principe ereditario Mohammed bin Salman per portare l'economia saudita, primo esportatore mondiale di greggio, almeno in parte fuori dal business del petrolio.

Aziende come Apple, Facebook, Amazon, Microsoft hanno pochissimi dipendenti e un ridotto capitale costante, eppure valgono molto di più di altre con capannoni fatti di acciaio e cemento e migliaia di operai. Appena si dovesse incrinare qualcosa, i bond emessi dalle big della rete diventerebbero spazzatura (junkbond). Più l'apparente calma si prolunga, più il botto sarà acuto, afferma Bloomberg. Più le contraddizioni vengono portate all'estremo, più diventano catastrofiche, aggiungiamo noi.

In un mondo in cui scende la vitalità del sistema produttivo e cresce quella delle borse, qualcosa, evidentemente, non funziona. Secondo Business Insider, gli investitori sono in fuga da Uber e WeWork, aziende sull'orlo del collasso. Guarda caso, nella newsletter 230 (ottobre 2018), scrivevamo: "Washington gonfia il prezzo di Uber controllata dai sauditi e questi ringraziano immettendo sul mercato l'Aramco che sarà partecipata, se non controllata (è troppo grossa) dagli americani. È sempre successo che sul mercato vi siano oscillazioni intorno al valore dovute a fatti contingenti, ma in questi casi siamo di fronte all'autonomizzazione totale generalizzata del prezzo rispetto al valore."

Si adoperano trucchi contabili, stratagemmi finanziari, truffe legalizzate, ma senza creazione di valore il gigantesco schema Ponzi della finanza internazionale è destinato a saltare. L'economista Nouriel Roubini, per esempio, è convinto che la prossima crisi sia imminente e che sarà dovuta ad un aumento dell'inflazione e ad una riduzione della crescita (stagflazione).

C'è un nesso molto stretto tra autonomizzazione del Capitale, smaterializzazione delle merci e svalorizzazione delle stesse. Il valore, trasformato in bit, è garantito da un processo e non da una materia, dipende dai movimenti futuri, rendendosi completamente autonomo dalla evoluzione che l'ha generato. A questo punto, è solo la fiducia a reggere il sistema finanziario, ma nel momento in cui essa viene meno il castello di carta crolla. D'altronde, se le fabbriche chiudono e aumentano i disoccupati e con essi la miseria sociale, la fiducia non può che diminuire, come testimoniano le recenti manifestazioni, a cominciare da quelle dei gilet gialli che il prossimo 5 dicembre scenderanno di nuovo in piazza in Francia contro l'annunciata riforma delle pensioni (#Grève5Décembre).

La crisi mondiale continua a mietere vittime, e alla lista dei paesi in rivolta si è aggiunta la Colombia, il cui governo ha annunciato il coprifuoco dopo i violenti scontri degli ultimi giorni tra manifestanti e polizia. L'Avvenire, quotidiano cattolico, scrive: "Dal Cile alla Bolivia all'Ecuador pesa la crisi. L'America Latina brucia nelle rivolte". Sembra quasi il titolo di uno dei nostri resoconti. I giornalisti sono costretti dall'evidenza dei fatti a diventare materialisti e ad ammettere l'esistenza di un rapporto diretto tra l'aumento delle disuguaglianze sociali e lo scoppio delle rivolte.

Di fronte a questo scenario di crisi sociale, è curioso notare come la stampa borghese cominci ad interessarsi sempre più frequentemente di temi riguardanti il futuro: "Le conseguenze del futuro" è il titolo di alcuni incontri organizzati dalla Fondazione Feltrinelli in collaborazione con Eni, "Lezioni di futuro" è il titolo di una serie di opuscoli pubblicati dal Sole 24 Ore su argomenti quali robotica, big data, economia della condivisione, ecc. A quanto pare, anche gli imprenditori si stanno accorgendo che il futuro agisce sul presente. Ma quale futuro? I comunisti sono coloro che lo vedono all'opera nel processo incessante che rende obsoleta la forma economico-sociale in cui stiamo vivendo, e agiscono di conseguenza.

Anche se in Italia la situazione sociale appare completamente ingessata, basta prestare un po' d'attenzione a certi fatti per accorgersi che le contraddizioni non fanno che crescere. I confederali hanno aperto la "Vertenza Torino", organizzando per il prossimo 13 dicembre una fiaccolata-processione per sensibilizzare sulla situazione occupazionale nel capoluogo sabaudo: secondo i sindacati, gli occupati dell'area metropolitana sono scesi di 10mila unità negli ultimi 10 anni e attualmente le situazioni di crisi aperte coinvolgono circa 4mila lavoratori. Una città operaia come Torino, con l'industria automobilistica e l'indotto che in pochi anni sono letteralmente spariti, si sta economicamente spegnendo, ed è difficile governare una metropoli quando ci sono migliaia di cassintegrati, disoccupati e precari, che hanno sempre meno da perdere. Anche se in superficie tutto sembra immobile, la "vecchia talpa" continua a scavare erodendo le fondamenta su cui è basato l'ordine sociale borghese.

Articoli correlati (da tag)

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

  • Un mondo, una rivolta

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata riprendendo il tema della parabola storica del plusvalore, nell'ottica di analizzare le profonde determinazioni che stanno alla base delle proteste e delle rivolte attualmente in corso in diversi paesi.

    Prendiamo il caso di FCA (ex Fiat). L'azienda impiega circa 200mila dipendenti in tutto il mondo, produce circa 5 milioni di autovetture all'anno, e per il 2018 ha dichiarato un fatturato di 110 miliardi di dollari. Pur esistendo un unico marchio che ne identifica le merci, la maggior parte dei componenti che vengono poi assemblati negli stabilimenti è prodotta da una rete di imprese in outsourcing. Da un pezzo la fabbrica è uscita dalle mura aziendali, distribuendosi sul territorio grazie al sistema della logistica; oggi non esiste più la grossa fabbrica verticale di novecentesca memoria che produceva tutto da sé, ma le lavorazioni sono state in prevalenza esternalizzate ("Sull'uscita di Fiat da Confindustria e alcuni temi collegati"). Se in Italia agli inizi del 2000 la Fiat contava 112mila addetti, oggi Fca ne impiega 29mila, comprese Maserati e Ferrari.

  • I diseredati del globo si ribellano ad ogni latitudine

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 13 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul testo Salario, prezzo e profitto di Marx, ed in particolare sul capitolo "La forza lavoro".

    Il lavoratore moderno non vende sé stesso ma la sua particolare forza lavoro, secondo un processo storico di dissociazione tra l'operaio e i suoi mezzi di lavoro: "La separazione del lavoratore e degli strumenti di lavoro, una volta compiutasi, si conserva e si rinnova costantemente a un grado sempre più elevato, finché una nuova e radicale rivoluzione del sistema di produzione la distrugge e ristabilisce l'unità primitiva in una forma storica nuova".

    Oggi la produttività del lavoro è altissima: pochissimo lavoro vivo mette in moto una grande quantità di lavoro morto, sottoponendo la legge del valore a dura prova. Troppo capitale, troppe merci e troppa produzione sociale rispetto all'appropriazione privata spingono il sistema al limite. Naturalmente esiste un nesso tra questo insieme di fenomeni e le rivolte che stanno scoppiando nel mondo.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email