Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  17 marzo 2020

Un sistema altamente vulnerabile

covid spred AmericaLa teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 28 compagni, è iniziata con la lettura di un passo del Manifesto del 1848 particolarmente significativo rispetto alle crisi del sistema capitalistico:

"I rapporti borghesi sono divenuti troppo angusti per poter contenere la ricchezza da essi stessi prodotta. Con quale mezzo la borghesia supera le crisi? Da un lato, con la distruzione coatta di una massa di forze produttive; dall'altro, con la conquista di nuovi mercati e con lo sfruttamento più intenso dei vecchi. Dunque, con quali mezzi? Mediante la preparazione di crisi più generali e più violente e la diminuzione dei mezzi per prevenire le crisi stesse."

Aumenta il numero dei malati da Covid19 nel mondo, e l'Economist pubblica il diagramma della crescita, esponenziale, dei casi di contagio negli Stati Uniti, uno degli ultimi paesi interessati dalla diffusione del virus. I governi cercano di minimizzare la situazione, ma secondo le proiezioni entro mercoledì 18 marzo i contagiati sul pianeta raggiungeranno le 200mila unità, mentre i decessi arriveranno a circa 8mila, di cui 3mila solo in Italia. Nel conteggio non è presente la Cina, che vede un drastico ridimensionamento del numero degli infetti in seguito alle pesanti misure di contenimento messe in atto. Come abbiamo avuto modo di dire durante la scorsa riunione redazionale, è di estremo interesse studiare la risposta degli stati ad una situazione che è sì "naturale", dato che i virus hanno una storia di qualche miliardo di anni, ma anche "artificiale", perché l'ammassamento di uomini e animali nelle metropoli capitalistiche contribuisce alla diffusione delle epidemie. Durante le emergenze sociali i sintomi di comunismo diventano più visibili: in questo frangente storico l'OMS si configura quasi come un partito di specie, ricordando quanto scritto nelle Tesi di Napoli (1965) al suo riguardo: "svolge la difesa della specie umana contro i pericoli della natura fisica e dei suoi processi evolutivi e probabilmente anche catastrofici."

Al contrario la borghesia si divide in correnti e nazioni che affrontano in modo differenziato un fenomeno che invece è globale. Lo si riscontra anche nel controllo statale dell'informazione, che non è prerogativa esclusiva della Cina ma appartiene similmente al cosiddetto occidente democratico. Alcuni paesi, in primis l'Italia, denunciano un alto tasso di mortalità del virus in rapporto alla popolazione; altri, ad esempio la Germania, pur registrando molti casi di contagio dichiarano pochi morti. Evidentemente, in questo secondo caso i decessi vengono imputati ad altre cause, evitando così di generare panico e, soprattutto, di bloccare le attività produttive.

Le ultime settimane stanno sconvolgendo la vita di milioni di esseri umani. Se le misure di isolamento dureranno per mesi e si renderà necessario chiudere altri stabilimenti, aziende, reti logistiche e di trasporto, come potrà non collassare il sistema produttivo? La valorizzazione del capitale, elemento su cui si basa l'attuale forma sociale, la si può sinteticamente rappresentare con la formula D-M-D': senza produzione di plusvalore non vi può essere capitalismo. L'Italia, che già prima del virus aveva una crescita del PIL intorno allo zero, si trova ora ad affrontare una pandemia che determina il blocco di buona parte delle aziende. E il resto d'Europa la sta seguendo. Secondo la banca d'investimenti JP Morgan il Prodotto interno lordo trimestrale dell'eurozona potrebbe diminuire di circa il 20%. La Banca d'Inghilterra, la BCE e la FED hanno annunciato un'ulteriore iniezione di liquidità per centinaia di miliardi di dollari da destinare alle banche. Un rapporto scientifico dell'Imperial College suggerisce che il tempo di "distanziamento sociale" necessario per avere dei risultati potrebbe essere anche di 18 mesi, una tragedia per l'economia mondiale. Le misure di contrasto alla diffusione del Coronavirus messe in atto da Francia e Spagna prevedono l'utilizzo dell'esercito per il pattugliamento delle strade, e in questo momento sono circa 20mila i soldati italiani che stanno intervenendo nel Belpaese per arginare l'emergenza. Come scritto in "Forza, violenza, dittatura nella lotta di classe" (1946), il bisogno di mettere in campo le forze armate non è segno di forza, ma di debolezza.

A proposito di repressione, il 14 marzo l'Espresso ha pubblicato un articolo intitolato "Coronavirus, esercito e forze dell'ordine in allarme: serve un piano contro caos e disordini". Secondo il settimanale, la polizia e i servizi segreti italiani sono in allerta per i possibili disordini che potrebbero derivare dalla situazione caotica in cui versano gli ospedali, e da quanto potrebbe accadere fuori dai supermercati o all'interno delle carceri, dove durante le recenti rivolte sono morti una quindicina di detenuti. Proprio in questi giorni in Brasile si sono verificate diverse evasioni dovute alla paura del contagio, mentre negli Stati Uniti, è stata registrata un'impennata del 68% nella vendita di armi.

Qualora si rendesse necessario un prolungato rallentamento della produzione e della circolazione delle merci potrebbe aprirsi una biforcazione storica. Da un lato potrebbe verificarsi un riequilibrio temporaneo del sistema attraverso l'erogazione da parte degli stati di un salario ai disoccupati, misura già teorizzata dai vari liberisti con l'applicazione integrale dell'Helicopter Money e cioè la distribuzione diretta dei soldi ai cittadini (Quantitative Easing for the People), se non altro per sostenere i consumi ed evitare lo scoppio di rivolte (secondo una stima di Repubblica in Italia sono circa 600 mila i lavoratori che si ritrovano senza reddito a causa dell'epidemia). Si tratterebbe quindi di una socializzazione di tipo capitalistico mai vista prima; ma, come dice Marx, guai a quella società che invece di sfruttare i propri schiavi è costretta a mantenerli. Dall'altro lato potrebbe invece avvenire il collasso del sistema: l'incapacità dell'attuale modo di produzione di darsi una regolata innescherebbe una serie di reazioni a catena dagli esiti catastrofici. Come abbiamo scritto nell'articolo "Capitalismo che nega sé stesso", ci troviamo di fronte a una crisi ai limiti del modo di produzione capitalistico.

Michael Roberts, nel suo blog, adopera la metafora del granello di sabbia per spiegare gli effetti sociali della pandemia. Il virus è il famoso granello che fa crollare la montagna già instabile. La borghesia pensa che il sistema capitalistico sia eterno e non può ammettere che esso, come tutte le cose in natura, abbia una freccia del tempo. La situazione di crisi la obbliga a prendere misure drastiche: il governo americano ha previsto di spendere 1000 miliardi di dollari, mentre la Federal Reserve ha tagliato i tassi di interesse a 0-0,25%. E questo la dice lunga su cosa si aspettino per l'immediato futuro. Per la classe dominante la "questione sociale" sta diventando un problema assillante dato che una prolungata instabilità economica non può che sfociare in disordini.

Nell'epoca della produzione just in time, il blocco della logistica renderebbe il sistema altamente vulnerabile. Gli operai costretti ad andare in fabbrica, vedendo i loro compagni di lavoro ammalarsi, iniziano a scioperare in massa. In questi giorni hanno incrociato le braccia, per insufficienti misure contro il rischio di contagio, i lavoratori di diversi magazzini della logistica. Non esiste garante dello sciopero o sindacalista o poliziotto che possa fermare i lavoratori quando questi percepiscono che in ballo è la loro vita e quella dei famigliari. A Bergamo, in seguito alla drammatica situazione che vede 386 morti da Covid19 in 7 giorni, è stata lanciato un cacerolazo: invece di cantare inni e canzonette affacciati dalle finestre, il flashmob prevede di battere le pentole per attirare l'attenzione sulla necessità di bloccare le aziende non essenziali. Quando monta la rabbia tutto cambia velocemente e tra non molto il cervello sociale potrebbe decidere di smetterla con l'Inno di Mameli e suggerire ben altre canzoni e slogan.

Tenere aperte le fabbriche è una follia, ed è una follia recarsi nei luoghi lavoro. L'unica cosa sensata da fare è incrociare le braccia e pretendere un salario per chi sta a casa (da giorni sta circolando sui social l'hashtag #RedditoDiQuarantena). Persino i sindaci ora se la prendono con gli industriali che, soprattutto in Lombardia, non hanno chiuso le aziende. D'altronde, non c'è bisogno di un epidemiologo per capire che tenere aperti stabilimenti e magazzini fa aumentare i contagi. Riguardo a questo la base della Fiom-Cgil si sta ribellando contro i vertici sindacali: a causa dello sciagurato accordo firmato dai confederali, le Rsu e le Rls devono accollarsi il peso delle decisioni azienda per azienda mentre il sindacato se ne lava le mani. L'unica cosa positiva è lo schieramento di classe venuto in essere: da una parte governo, bonzi e imprese allineati sulla difesa a tutti i costi dell'economia nazionale, dall'altra i lavoratori che lottano per difendere la propria vita.

I terzinternazionalisti si indignano per le "misure antiproletarie del governo" e gli "attacchi padronali contro la classe operaia", non rendendosi conto che la posta in gioco è molto più alta e riguarda la vita di specie messa in serio pericolo dal perpetuarsi di questo anti-umano modo di produzione.

Articoli correlati (da tag)

  • Progressione geometrica

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 29 compagni, è iniziata dall'analisi della situazione economica mondiale, alquanto compromessa dalla pandemia da Coronavirus.

    In seguito alle misure di quarantena adottate da sempre più paesi, diversi economisti prospettano la caduta del PIL mondiale del 5% nel 2020, e altri, più pessimisti, paragonano gli effetti sociali ed economici della pandemia a quelli di una guerra. La catastrofe rappresentata della Prima Guerra Mondiale produsse un periodo di marasma sociale, che in Russia culminò nella Rivoluzione d'Ottobre. Alla fine del secondo conflitto bellico, invece, il pesante intervento economico degli Usa con il Piano Marshall impedì qualsiasi movimento proletario significativo. Oggi non si stanno distruggendo in massa le forze produttive, come succede con una guerra, e quindi non si verificherà la ripresa economica successiva alla distruzione e la ripartenza da zero di nuovi cicli di accumulazione. Non è più possibile la ripetizione di quanto successo dopo la Seconda Guerra Mondiale, combattuta con uno sforzo generale e gigantesco della società con tanto di procedure di produzione adatte a rifornire i fronti (vedi "programmazione lineare").

    Il sistema economico si è inceppato, il capitalismo è congelato, come se fosse in atto uno sciopero generale globale senza limiti di tempo. Sorge allora una domanda: cosa potrebbe accadere ad un modo di produzione come quello attuale qualora non fosse più in grado di estrarre plusvalore attraverso la produzione di merci?

  • Contagio

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata commentando le nuove disposizioni del governo italiano in merito al contenimento della diffusione del Coronavirus.

    Nonostante l'OMS inviti alla responsabilità e al coordinamento internazionale (perché il virus non si ferma certo alle frontiere), gli Stati prendono provvedimenti contraddittori e senza alcuna forma di collaborazione. L'Italia è passata da un iniziale allarmismo ad una generale minimizzazione del fenomeno, fino a mettere in quarantena tutta la popolazione. Germania, Francia, Inghilterra e Spagna, dove i casi sono già migliaia, si muovono in ordine sparso. Paolo Giordano nell'articolo "La linea temporale che è stata trascurata" (Corriere della Sera, 9.3.20) fa notare che "il contagio, una volta iniziato in un'area, procede in maniera simile a quanto è avvenuto o avverrà altrove".

    I paesi europei hanno sviluppato sistemi sanitari nazionali che funzionano, ma se guardiamo agli Stati Uniti lo scenario cambia completamente: lì, dal punto di vista della protezione medica, la struttura è carente e in mano ai privati. New Rochelle, una cittadina alle porte di New York considerata area rossa, è stata completamente isolata e da giovedì i soldati della guardia nazionale aiuteranno nei soccorsi e nella gestione dell'emergenza lungo un'area di otto chilometri quadrati.

  • Al virus non serve il passaporto

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 15 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie in merito alla diffusione del coronavirus.

    In Italia il primo caso di infezione da Covid-19 è stato annunciato lo scorso 21 febbraio. Nel giro di pochi giorni sono risultate infette decine di persone tra Lombardia e Veneto, e ad oggi le cifre ufficiali contano 325 contagiati e 11 decessi. Durante la scorsa teleconferenza avevamo notato che la paura legata al virus è dovuta non tanto alla mortalità (stimata tra il 2 e il 3%) quanto al potenziale di persone contagiate da un soggetto infetto che, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, (OMS) si aggira tra l'1,4 e il 3,8. Se chi è infetto non contagia altri, la diffusione si arresta da sola; al contrario, se il rapporto di trasmissione è maggiore di 1, siamo in presenza di un principio di epidemia. Di fronte a questa situazione le opinioni si sovrappongono ai fatti o addirittura li sostituiscono. Ad esempio sta diventando virale (in sintonia con l'oggetto in discussione) la convinzione che le misure di contenimento adottate dal governo italiano siano esagerate, perché, tutto sommato, quella prodotta dal coronavirus non è che un'influenza e, paragonando le cifre, produce meno morti di un morbo stagionale. L'assunto dell'esagerazione è semplicemente un falso: il coronavirus ha causato finora meno decessi delle influenze stagionali solo perché il suo contenimento, bene o male, è stato attuato, mettendo in pratica i protocolli definiti dall'OMS.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 238, 18 febbraio 2020

Conferenza pubblica: Il futuro e le sue conseguenze
Circolo Mario Mieli via Efeso 2A Roma - 29 febbraio 2020, ore 16.30

f6Guerra nel ciberspazio
f6Un orribile abbaglio
f6Criptomovimenti
f6L'informazione virale
f6Verso l'ignoto
f6L'impossibile
f6Il Barolo ha perso l'aereo

Leggi la newsletter 238
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email