Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  27 novembre 2012

Il golpe di primavera

Quanto sta accadendo a livello politico-parlamentare in Italia ha rappresentato un buono spunto di apertura della discussione. Abbiamo sentito tutti il discorso di Napolitano circa l'eventuale candidatura di Monti quale capo del prossimo governo e la domanda che sorge spontanea è: che cosa avrà mai voluto dire il Presidente quando ha dichiarato che Monti non può candidarsi ma che potrà essere utile in seguito?

Sembra che al golpe d'autunno succederà il golpone di primavera e che l'esperimento "tecnico" sia destinato a sostituire in maniera permanente il "circo Barnum" a cui eravamo abituati. D'altronde, la fascistizzazione irreversibile della società è un fatto assodato e assimilato dalla nostra corrente fin dal 1944-1946 ("Tracciato d'Impostazione" e "Tesi del Dopoguerra") e il governo tecnico l'ha inventato Giolitti prima del fascismo.

Riprendendo quanto scritto nell'articolo "Il piccolo golpe d'autunno", e in particolar modo la parte relativa alle teorie e ai modelli Peccei-Visentini (degli anni '60), risultano delle somiglianze circa il tentativo di sostituire la politica rappresentativa elettoralesca con un esecutivo pragmatico capace di estendere a tutta la società il principio organizzatore della fabbrica. Per quanto i modelli proposti dai due appaiano utopistici, li ricordiamo proprio perché dimostrano come la borghesia italiana sia stata in grado, a suo tempo, di anticipare esperimenti destinati a diventare prassi nel resto del mondo. Il tentativo evidente è di far combaciare contenuto e involucro, anche se ciò è impossibile all'interno della vigente forma sociale. Di certo i modelli proposti da Peccei e Visentini, entrambi influenzati dall'ambiente della Olivetti, erano il prodotto di una borghesia ancora vitale e capace di avere un barlume di lucidità rispetto alle sfide che la attendevano. Non a caso il primo (Peccei) fu tra i fondatori del "Club di Roma" e il promotore del modello dinamico di Forrester mentre il secondo (Visentini) fu il presidente della Olivetti stessa. Sono personaggi che ricordano vagamente i tecnocratici americani: un tecnocrate per definizione non dovrebbe essere un ideologo e tantomeno un politico.

Il governo attuale non è altro che un tentativo di salvare il salvabile e questo non può che corrispondere alla carenza di "teoria" da parte dell'attuale classe borghese. Tale carenza è davvero totale: è dal 2007 che la crisi sopravanza e il massimo che riescono a fare è spostare di due-tre anni il momento di possibile "uscita dalla crisi". Si ha l'impressione che la borghesia non abbia alle spalle un disegno ben visibile per il futuro: non si pronuncia né con formule neo-keynesiane né tantomeno con politiche monetarie alla Friedman. Basta seguire la discussione relativa all'accordo sulla produttività per capire che non sanno più che pesci pigliare: si è arrivati ad un punto in cui le teorie economiche esistenti non funzionano e i tecnici sembrano ragionieri che cercano di mettere toppe a buchi sempre più grandi.

Le contraddizioni aumentano e si fa sempre più urgente la necessità di passare a proposte operative serie. Chissà, forse solo dinanzi ad una catastrofe generalizzata i borghesi saranno in grado di proporre qualche formula politica significativa. Magari per rendere operativi modelli come quello Peccei-Visentini. Per giunta tutte le misure che potevano essere prese (aumento dei tagli, delle tasse, riduzione dei salari e non ultimo il tentativo palesato in questi giorni di privatizzare la sanità) sono state messe in atto e a questo punto, non resta che trovare soluzioni veramente alternative, magari a livello internazionale. Lo sgretolarsi della componente politica borghese è evidente: in Francia si afferma il partito socialista e si polverizza la destra. In Germania a livello parlamentare è tutto in movimento. In Italia il PDL scompare e il centro-sinistra è alle prese con primarie, regolamenti di conti e faide interne, nel mentre Grillo accumula i voti degli scontenti.

Nell'articolo sul piccolo golpe di autunno si legge:

"Ora è inutile mettersi a fare profezie, ma è certo che se il capitale vuole sopravvivere ancora un po', deve comunque piantarla con la sua esplosione esclusivamente fittizia. Deve darsi una drastica autoriduzione e darsi un assetto sovrastrutturale tecnico, spazzando via gli orpelli del politicantismo parassitario. La riuscita anche solo parziale è dubbia, ma l'italietta come al solito prova a fare qualche esperimento di laboratorio, lasciando ad altri il compito di fare qualcosa di più serio. Vuol dire che prossimamente invece delle manifestazioni di Occupy Wall Street, vedremo quelle di Occupy The World".

Continuiamo a tenere d'occhio quanto gli stessi intellettuali borghesi scrivono rispetto agli scenari futuri. Basta leggere quanto scrive Mike Davis sul futuro delle metropoli per capire che le contraddizioni stanno maturando a tal punto da esplodere in un caos incontrollabile. In un libro di Lester R. Brown intitolato "Nove miliardi di posti a tavola" si delineano bene l'incontrollabilità del sistema e gli scenari di miseria e fame che vengono avanti. Tutto questo ci riporta all'incrocio delle curve che abbiamo disegnato nel numero 24 della rivista per descrivere la finitezza della biosfera a fronte della produzione infinita su cui si fonda la società del Capitale.

L'autore segnala il pericolo e tira il campanello d'allarme: "Già oggi vediamo guerre e sconvolgimenti politici causati dalla scarsità di cibo... Milioni di persone che non hanno da mangiare possono velocemente trasformarsi in persone disposte a tutto, con conseguenze che non sono tutte prevedibili. Perciò affrontare il problema del clima, dell'acqua, delle coltivazioni è nell'interesse di tutti". E' da tempo che sull'agricoltura si producono analisi interessanti come quella che Bebel anticipò ne "La donna e il socialismo" attraverso una serie di esempi sull'inquinamento della terra prodotto dalla nascente coltivazione di tipo intensivo. Ci sono sistemi di coltivazione ed irrigazione che sono terrificanti, scempi come la diga di Assuan in Egitto sono esempi di opere che non potranno essere salvate in una futura società, andranno solo fatte saltare. Dopotutto, agricoltura e allevamento intensivo sono un dato caratteristico di questa società, anche Rifkin ha scritto a proposito delle conseguenze dell'allevamento intensivo ("Ecocidio: ascesa e caduta della cultura della carne"). Se si eliminasse l'allevamento intensivo, ci sarebbe una conseguente maggiore disponibilità di cereali che, si calcola, arriverebbe a sfamare fino a trenta miliardi di persone.

Secondo la Banca Mondiale, nel 2010 le acquisizioni di terre da parte di Paesi stranieri sono state 464, per un totale di 140 milioni di acri (per darvi una dimensione di riferimento questa superficie di terra coltivabile corrisponde alla superficie di tutta la Francia metropolitana!), cioè più dell'insieme di quelli coltivati a mais e grano in tutti gli Stati Uniti. Dal punto di vista agricolo ed economico in generale questo non fa che aggravare la situazione di paesi con tassi di miseria altissimi, che vedono aumentare il costo del cibo fino a spingere le popolazioni a rivolte e proteste diffuse. Si fa sempre più evidente che non c'è possibilità di soluzione in questo modo di produzione e che l'unico modo per garantire la sopravvivenza della biosfera è passare ad un piano unico di specie (Programma rivoluzionario immediato nell'Occidente capitalistico. Riunione di Forlì, 28 dicembre 1952).

Le curve che abbiamo ripreso nel numero 24 della rivista mettono in evidenza da molteplici punti di vista il punto di non ritorno a cui è giunto il capitalismo. Dall'impronta ecologica alla diminuzione della biomassa come effetto della mineralizzazione del pianeta, non ci sono vie di scampo. In effetti c'è una relazione tra la rovina della biosfera e la rottura degli equilibri sociali: diminuisce la capacità di controllare i fenomeni "naturali" da parte dello Stato e aumenta la disgregazione dello stesso.
Più si avvicina il punto di incrocio delle curve, più aumenta il marasma sociale. L'Egitto continua ad essere un esempio paradigmatico: continuano le manifestazioni e nonostante arrivino informazioni parziali relative solo agli scioperi dei giudici o agli attacchi alle sedi dei Fratelli Musulmani, scopriamo che stanno scioperando da tempo anche gli operai. Stiamo parlando di un paese a capitalismo avanzato, che produce semilavorati immessi sul mercato globale e dotato di una struttura militare forte.

Anche Occupy continua ad inviare segnali interessanti al mondo, soprattutto per quanto riguarda l'affermarsi di reti di mutuo soccorso ("Mutual Aid in the Face of the Storm"):

"Fino a quando il sistema isola e contrappone gli uni contro gli altri, azioni efficaci contro il capitalismo sono impossibili. Pensando di agire da soli, si soffre da soli. Ma la creazione di un fronte unito interrompe questo schema. Stiamo formando sindacati dei debitori, cooperative di energia, reti alimentari, comitati di sciopero, e altro ancora. Quando sviluppiamo reti sostenibili basate sull'aiuto reciproco e la solidarietà, ci rendiamo conto che, dato che la tempesta del sistema attuale sta per farsi terrificante, il potere che esso esercita è minuscolo se paragonato al diluvio torrenziale che noi, il 99%, siamo in grado di scatenare contro il capitalismo stesso."

Studiando le origini del movimento operaio, vediamo come le reti di mutuo soccorso siano state gli elementi basilari su cui tutto il movimento socialista si è sviluppato. Le società operaie rappresentarono la prima forma associativa degli operai, base nascente del movimento operaio urbano. Sembrerebbe che quello che sta accadendo negli Stati Uniti si colleghi a quanto accaduto al principio della formazione delle leghe operaie e contadine. Secondo la nostra corrente sono tre i passaggi che caratterizzano lo sviluppo del movimento sindacale: repressione, tolleranza e cooptazione dei sindacati da parte dello Stato. Al venire meno della rete di Welfare State, il movimento Occupy sta rispondendo con un necessario recupero della struttura associativa originaria integrata e potenziata con i mezzi tecnologici oggi a disposizione. Nello sciopero contro Walmart organizzato durante il Black Friday ci sono state oltre 1000 proteste in 46 stati e sono state riscoperte vecchie canzoni di lotta, a conferma che vi è un evidente recupero della migliore tradizione sindacale americana.

Il caso dell'acciaieria tarantina rappresenta il paradigma dell'impotenza totale della borghesia di fronte alle molteplici reti di interesse che prendono il sopravvento sull'interesse "generale" rappresentato dallo Stato. Quanto emerso dalle ultime intercettazioni ci dimostra la generalizzata putrescenza della borghesia sia nazionale che locale: nessun politico, prete o sindacalista è stato escluso dalla partecipazione all'inquinamento di dati e prove. La posizione della cosiddetta sinistra sindacale, resta quella trotskista della nazionalizzazione della fabbrica. Il Comitato dei cittadini e lavoratori sembra piuttosto diviso tra occupazione della fabbrica (come da ottima tradizione gramsciana) e blocco della città a cui molti si dicono contrari. Staremo a vedere se politici e industriali tireranno fuori dal cilindro qualche alternativa o se lasceranno che la produzione di acciaio si concentri in paesi "giovani" come India o Cina. Le ultime news di agenzia parlano di una bozza del provvedimento che l'esecutivo sta predisponendo per bypassare l'ordinanza di sequestro del gip.

Articoli correlati (da tag)

  • Africa, marasma sociale e lotta di classe

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo ripreso l'articolo "Imperialismo in salsa cinese", pubblicato sul numero 44 della rivista, e in particolare il capitolo "Le mani sull'Africa".

    Il continente africano misura 30 milioni di km/q ed è formato da 54 stati che contano circa 1,2 miliardi di abitanti, una popolazione molto giovane e in costante crescita. Ciononostante, i maggiori media occidentali di rado si occupano delle vicende africane, se non in occasione di guerre particolarmente cruente o in relazione ai flussi migratori. Invece, quel territorio ha un'importanza strategica per molti paesi, a cominciare dalla Cina, che da tempo lì sta costruendo porti, strade e ferrovie.

    Comunque sia, gli investimenti cinesi non saranno mai sufficienti a far diventare l'Africa una valvola di sfogo per il sistema capitalistico in crisi cronica di sovrapproduzione. Pechino investe in infrastrutture, acquista compagnie petrolifere ed estrattive africane, ma se mai dovessero sorgere nuove industrie esse sarebbero ultramoderne e automatizzate, rispecchiando il livello massimo raggiunto dai paesi a vecchio capitalismo. L'accoppiata capitali cinesi e risorse naturali africane potrebbe sembrare vincente, in realtà prepara situazioni esplosive sia a livello geopolitico che a livello ecologico. Pensiamo all'interscambio di persone tra Cina e Africa, che per ora è rappresentato da qualche decina di migliaia di studenti e operai africani che vengono addestrati in Cina, e da tecnici e operai cinesi che vengono mandati a lavorare in Africa: i numeri sono bassi rispetto al numero delle popolazioni in gioco (Cina e Africa messe assieme fanno quasi 3 miliardi di persone), ma in costante aumento.

  • Sintonizzarsi con la transizione di fase in corso

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo commentato l'intervista a n+1 andata in onda su Radio Saiuz lo scorso 18 febbraio, e pubblicata il giorno seguente su YouTube.

    Ascoltando la trasmissione, qualcuno potrebbe pensare che i temi trattati siano astrusi e che, in generale, potremmo avere più "successo" tra i proletari parlando in maniera più semplice. Per esempio: parlare di comunismo come del "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" non sarebbe comprensibile ai più. In realtà, l'idea che le masse non capiscano è una posizione anti-proletaria, ed anzi, sono i bonzi sindacali, i politici e gli intellettuali quelli a non capire. E comunque finché il capitalismo rimarrà in piedi, la sua ideologia sarà dominante:

    "Sul terreno scuola, stampa, propaganda, chiesa, ecc., fin che la classe lavoratrice sarà sfruttata la diffusione della ideologia borghese avrà sempre un immenso vantaggio sulla diffusione del socialismo scientifico. La partita sarà perduta per la rivoluzione fino a che non si fa assegnamento su forti masse che lottano, senza presupporre nemmeno per sogno che siano uscite dalla influenza culturale ed economica borghese, ma per la ineluttabile spinta del contrasto delle forze produttive materiali non ancora divenuto coscienza dei combattenti, e tanto meno poi scientifica cultura!" ("Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura", 1953)

    Ciò che conta, quindi, è il contrasto tra le forze produttive e i rapporti di produzione, che ad un certo momento fa muovere masse di milioni di persone, inizialmente in maniera caotica e poi sempre più sincronizzata fino alla polarizzazione di classe rappresentata dallo schema di rovesciamento della prassi ("Teoria e azione nella dottrina marxista", 1951).

  • Tutto il mondo è polarizzato

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento dell'articolo "Tutto il mondo è polarizzato", di Moisés Naím, pubblicato su La Repubblica lo scorso 4 febbraio. Il giornalista, che dal 1989 al 1990 è stato ministro del Commercio e dell'Industria del Venezuela, descrive quasi con le nostre parole la paludosa situazione in cui versa il mondo:

    "Il governo della superpotenza mondiale è in stallo, mentre il governo di un'ex superpotenza — il Regno Unito — è in preda alla paralisi, dopo una raffica di ferite autoinflitte. Angela Merkel, che fino a poco tempo fa era la leader più influente d'Europa, si avvia al ritiro. Il suo collega francese deve far fronte a una sorprendente rivolta, i famosi Gilet gialli. L'Italia, il Paese con la settima economia mondiale, attualmente è governato da una fragile coalizione, con leader così diametralmente opposti e dichiarazioni così sconcertanti che non si sa se ridere o piangere; sembra che gli italiani abbiano deciso di vedere com'è quando il malgoverno viene spinto ai limiti più estremi. In Spagna, il capo del governo non è nemmeno stato eletto da una maggioranza parlamentare, ma è arrivato al potere grazie a un tortuoso processo legislativo."

Rivista n°44, dicembre 2018

copertina n°44f6Editoriale: Duecento anni nel nome di Marx
f6Articoli: Marx 1818-2018 - Imperialismo in salsa cinese - Plaidoyer per il cemento - A che punto è la "crisi" - Comunismo e agricoltura
f6Terra di confine: Il capitalismo non è eterno
f6Rassegna: Dennett, Dai batteri a Bach e ritorno
f6Doppia direzione: La misura e la scienza - La sovrapposizione fra modi di produzione

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 233, 24 aprile 2019

f6Cittadinanza del reddito
f6Nostra Signora delle Fiamme
f6Dieta proteica
f6Il paradosso della rendita
f6Il connettivista
f6Mille chilometri di metrò
f6Ventitreesima settimana
f6Gli apprendisti padreterni

Leggi la newsletter 233
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email