Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  14 luglio 2015

Il processo sta diventando auto-catalitico

La teleconferenza di martedì, presenti 14 compagni, è iniziata dalla notizia dell'arrivo della sonda New Horizons a circa 12500 km dalla superficie di Plutone. Il sorvolo ravvicinato del corpo celeste da parte della navicella della Nasa rappresenta una nuova conferma di quanto previsto dalla nostra corrente durante l'epopea della presunta conquista dello spazio, quando le opposte propagande di Usa e Urss mostravano immagini di uomini scafandrati in orbita. Già allora era evidente che gli astronauti potevano essere "risparmiati" e sostituiti da macchine capaci. Da allora i robot spaziali hanno studiato minuziosamente il sistema solare, e alcuni ne sono addirittura usciti continuando a inviare segnali. Ne è prova strabiliante la sonda Voyager 1 che, lanciata nel 1977, è riuscita a superare il campo di attrazione gravitazionale del sistema solare e continua a tutt'oggi a mandare segnali alla Terra dallo spazio interstellare. Nel capitalismo ogni merce è prodotta per far quattrini e gli aggeggi spaziali non possono esimersi dal rappresentare il mondo delle merci; tuttavia l'ascesa della forza produttiva sociale è continua (anche le esplorazioni spaziali sono un prodotto della specie) e le rivoluzioni esplodono proprio perché i rapporti di classe si tramutano ad un certo punto in ostacoli di fronte all'accresciuta dotazione tecnologica.

Rimanendo nel campo dell'innovazione tecnologica, suscita molto interesse il lancio di Windows 10, il nuovo sistema operativo di Microsoft che verrà distribuito a partire dal 29 luglio. Il ceo Satya Nadella ha dichiarato: "L'ecosistema rende Microsoft unica. Le tecnologie e i modelli di business vanno e vengono ma l'ecosistema rimane costante". Definita dagli esperti una "rivoluzione", il nuovo SO prevede, oltre a soluzioni per facilitare e ampliare il business-to-business, migliori interazioni tra utente e pc tramite la Cortana Analysis Suite, un programma per l'assistenza e il riconoscimento vocale che da semplice recettore di comandi diventa capace di auto-apprendere e trasformare dati in azioni intelligenti.

Come dice Kevin Kelly in Out of control, la differenza tra il nato e il prodotto si fa sempre più sottile: le macchine stanno diventando biologiche e ciò che è biologico sta diventando meccanizzato. Oggi il software viene fatto con altro software per cui l'uomo controlla sempre meno il processo: "Stiamo incominciando a usare calcolatori che sono in grado di generare programmi molto complessi con metodi diversi [rispetto alla programmazione tradizionale]. Poiché non capiamo bene come fanno a girare, possiamo affermare che questo tipo di intelligenza ci sta sopravanzando. Mano a mano che costruiamo computer sempre più veloci, il processo sta diventando auto-catalitico [si organizza da sé]." (Daniel Hillis, in La Terza cultura).

La centralizzazione della conoscenza attraverso la Rete, dal punto di vista del cervello sociale, è un ritorno a quello che l'uomo ha sempre fatto fin da quando è in grado di progettare aspetti della vita sociale. A Göbekli Tepe, un sito paleolitico turco, gli archeologi hanno scoperto un "luogo fisico" in pietra dedicato alla centralizzazione della conoscenza dell'epoca. La triade unitaria produzione, ammasso e distribuzione regolata con le cretule (impasti di argilla fresca su cui veniva impresso un segno di riconoscimento) era un procedimento di tipo digitale dalla semplicità disarmante in rapporto alla gestione di società complesse come quelle della valle dell'Indo.

In quest'epoca di transizione dal capitalismo alla società futura, le invenzioni del mondo della merce non fanno più parte di questo stesso mondo. Bill Gates pensa di fare soldi con nuovi servizi elettronici, eppure è tra coloro che richiamano l'attenzione sull'impatto che avrà sulla società lo sviluppo di software sempre più intelligenti: simulando sempre più da vicino il modo di conoscere della nostra specie, le nuove tecnologie non possono che eliminare lavoro umano in abbondanza.

Si è poi passati a commentare gli sviluppi della crisi greca. I socialdemocratici si confermano i boia del proletariato, ovunque e da sempre. I sinistri, che si sono tanto entusiasmati con il referendum proposto da Syriza, adesso non sanno più a che santo votarsi. Dopo tentennamenti estenuanti, alla fine il borghesissimo governo greco ha accettato un accordo peggiore di quello respinto prima.

Nella vicenda intorno al debito della Grecia sono in gioco delicati rapporti geo-storici internazionali: se l'Europa si rifiuta di aiutare Atene, questa potrebbe rivolgersi alla Cina, e alla Russia, che, dopo quanto successo in Ucraina, non vede l'ora di mettere il bastone tra le ruote alla Nato.

Il proletariato è coinvolto nel marasma sociale in corso e fatica a darsi una direzione politica che sia all'altezza della situazione. Nell'epoca dell'imperialismo vige la guerra di tutti contro tutti per accaparrarsi il valore di una produzione socializzata in un mercato unico globale. Quanto accade in Grecia ha cambiato le prospettive dell'Europa per sempre, indietro non si torna. Tutti sono stati messi in guardia circa l'impossibilità non solo di gestire, ma anche di rattoppare, il sistema. E il rattoppo riguarda buona parte del mondo occidentale oberato da debiti stratosferici.

In chiusura di teleconferenza si è accennato al primo sciopero dei sindacati greci contro il governo Tsipras, e alla manifestazione #UnificandolasLuchas14J indetta da un coordinamento di lavoratori in lotta a Madrid. Dopo l'ondata d'indignazione piccolo-borghese capeggiata da Tsipras, Grillo e Iglesias, potrebbe presto arrivare uno tsunami dai contorni chiaramente classisti. Marx nelle prime righe de Le lotte di classe in Francia è netto: deve essere sconfitto il vecchiume politico, devono sparire la democrazia e il parlamentarismo, per rendere possibile l'avvento di qualcosa di veramente nuovo.

Articoli correlati (da tag)

  • Paradossi stridenti

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 13 compagni, è iniziata prendendo spunto da alcune notizie provenienti da Hong Kong.

    Secondo il New York Times, la vera miccia che ha innescato le proteste in corso è la questione delle abitazioni: in una città di 7,4 milioni di abitanti, diverse centinaia di migliaia di persone con bassi salari vivono in appartamenti piccolissimi. Il motore delle proteste sarebbe quindi da ricercare nella miseria crescente: da una parte l'élite finanziaria che detiene tutta la ricchezza, al polo opposto milioni di senza riserve che con il loro lavoro permettono il funzionamento della metropoli. Dello stesso avviso è Wired, secondo il quale alla narrazione di eroici giovani pro-democrazia, teleguidati dagli Usa contro il totalitarismo cinese, bisogna opporre la condizione in cui vivono milioni di precari, disoccupati e lavoratori impoveriti. Hong Kong detiene il record della metropoli dove i lavoratori hanno la settimana lavorativa più lunga del mondo.

  • L'impossibile "normalizzazione"

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dalla segnalazione dell'articolo pubblicato sul Corriere della Sera "L'astro Spd pensa al socialismo reale 'Nazionalizzare le aziende dell'auto'".

    Secondo Kevin Kühnert, il capo dell'organizzazione dei giovani socialdemocratici tedeschi, gli Jusos, la nazionalizzazione dell'industria a partire dal settore auto, la collettivizzazione delle grandi aziende, la limitazione della proprietà immobiliare e la regolazione dei profitti rappresenterebbero "l'unica strada per il superamento del capitalismo". Storicamente proposte simili, in primis la socializzazione delle industrie, sono state avanzate sia da partiti socialdemocratici che da gruppi di estrema destra ed estrema sinistra. Peccato che tutte queste formazioni ignorino che lo Stato è più che presente nella vita economica; il fascismo ha perso militarmente, ma ha vinto politicamente ed economicamente estendendosi a tutto il mondo. Anche la Cgil è tra quelli che richiedono una maggiore presenza statale e per gli ex stabilimenti Fiat reclama l'intervento dello stato: se nei periodi di crisi Pantalone deve accollarsi le perdite e socializzarle, i profitti restano sempre privati.

    Abbiamo poi parlato delle manifestazioni del Primo Maggio che sono state molto partecipate in tutto il mondo.

  • Conoscenza, marasma sociale e rivoluzione

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, ha preso le mosse dalla lettera di Elio Franzini, filosofo nonché rettore dell'Università di Milano, a Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, intitolata "Studi umanistici e scientifici. La scissione non ha senso".

    In realtà, a dispetto del titolo, l'autore afferma che la discussione iniziata negli anni '60 da Charles P. Snow sulla necessità di unificare il sapere scientifico con quello umanistico, è superata, dato che le due culture esistono e che "non si può pensare di ridurre la complessità dei saperi ad artificiosi momenti unitari". Per Franzini, la filosofia ha dunque la preminenza su tutte le altre discipline:

    "Nella misura in cui tratta di una questione puramente tecnica, la soluzione dipende dagli strumenti tecnologico-scientifici che si riescono ad approntare. Ma, nel momento in cui il campo si allarga – ed è il caso della nostra contemporaneità – il ritmo del progresso tecnico impone alla coscienza umana l'obbligo di adattare le regole alle circostanze, precisando con le sue scelte i criteri che gli consentono di agire. Ed è qui che il pensiero filosofico innesta ancor oggi la sua forza di propulsione."

    Ciò che conta è quindi la profondità del pensiero filosofico, le altre discipline servono al massimo ad ampliarne l'orizzonte speculativo. Lo scritto di Franzini fa venire in mente lo scambio epistolare avvenuto qualche anno fa sulle pagine di Repubblica tra Eugenio Scalfari e Alessandro Baricco; il tema della discussione era l'avvento dei nuovi barbari, e mentre il primo difendeva l'importanza degli intellettuali e della cultura classica rivendicando il primato della filosofia rispetto all'emergere dell'intelligenza diffusa e distribuita, il secondo valutava abbastanza positivamente la superficialità barbarica.

Rivista n°45, aprile 2019

copertina n°45f6Editoriale
Fine della preistoria umana
f6Articoli
- Dalla partecipazione alla schiavitù. Genesi delle società divise in classi
- Poscritto al Grande Ponte. Connessione tra le arcate
- Brexit
f6Doppia direzione
Il nome e l'ombra

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 235, 31 agosto 2019

f6La telecamera e il carro armato
f6Che capitalismo è mai questo?
f6Anti-imperialismo selettivo
f6La guerra delle valute
f6Fisiologia della sicurezza
f6Ex foresta amazzonica

Leggi la newsletter 235
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email