Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  19 marzo 2019

La dialettica corazza-proiettile

La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sui fatti francesi di cui si è accennato anche durante l'ultimo incontro redazionale.

Sabato 16 marzo i gilet jaunes sono scesi nelle strade per l'#ActeXVIII, scontrandosi violentemente con la polizia. A Parigi le manifestazioni sono sfociate nel saccheggio di diversi negozi di lusso lungo gli Champs-Élysées.

Rispetto ai movimenti di piazza, esistono differenze significative tra Francia e Italia: mentre la prima ha un'infrastruttura statale piuttosto rigida e perciò fatica a controllare il dissenso, nella penisola i gilet gialli siedono in parlamento dato che la borghesia locale, per condizioni geostoriche del tutto particolari, è riuscita a "parlamentarizzare" la protesta nata dal basso. Niente di cui stupirsi, è nato in Italia e non altrove l'opportunismo trasformista. Il M5S, una volta andato al governo, non è riuscito a fare granché, finendo per omologarsi a quel sistema che voleva stravolgere. Il vuoto lasciato nelle piazze sarà riempito da altre forze, solo che la carta parlamentare ormai è stata giocata.

La situazione francese, dopo le manifestazioni di sabato scorso, si va facendo sempre più tesa, tanto che il ministro degli interni Castaner ha affermato che "le persone che hanno commesso questi atti", riferendosi ai danneggiamenti nel centro di Parigi, "non sono né manifestanti né teppisti: sono assassini". Evidentemente, in questi mesi di proteste ricorrenti è avvenuta una sorta di selezione per cui coloro che continuano a riempire le strade e le piazze sono i più determinati, e di conseguenza l'intervento dello stato si fa più deciso. L'evoluzione parallela proiettile-corazza spiegata da Engels (il proiettile diventa più potente, la corazza diventa più spessa in una corsa che non ha fine) non riguarda solo le contestazioni in Francia, ma anche quelle in Serbia, Bulgaria, Sudan e Algeria.

La fibrillazione mondiale è legata alla polarizzazione della ricchezza che spinge le mezze classi rovinate, quelle che vedono pesantemente intaccato il livello di vita precedente, a muoversi caoticamente. Con l'avanzare della crisi la piccola-borghesia, che nei periodi di boom economico era il cuscinetto tra le due grandi classi, borghesia e proletariato, si è trasformata in vaso di coccio tra vasi di ferro. Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" si afferma che molto spesso in prima fila ci sono proprio coloro che non beneficiano direttamente dei risultati della rivoluzione. La composizione dei manifestanti francesi è estremamente variegata sia a livello di classe che a livello politico; alle proteste partecipano bottegai in bancarotta, commercianti schiacciati dalle tasse e proletari, così come componenti di opposto orientamento o apolitiche. Durante la gestazione del fascismo, come abbiamo visto nell'articolo "La socializzazione e il comunismo", era attiva in Italia tutta una serie di movimenti, tra cui quello dannunziano, i quali a seconda di quanto succedeva oscillavano a destra oppure a sinistra; poi, nel corso degli anni '20 tali forze vengono tutte inglobate all'interno dello stato corporativo. La grande differenza tra oggi e quegli anni risiede proprio nell'incapacità degli stati moderni di cooptare gli attuali movimenti di lotta, incapacità dovuta alla dissoluzione in corso delle stesse strutture statali ("Lo Stato nell'era della globalizzazione").

Sempre in Francia ha avuto luogo, lo scorso 19 marzo, lo sciopero generale del settore pubblico e privato, dichiarato dai sindacati Cgt e Force Ouvrière, che si sono ritrovati fianco a fianco dopo lungo tempo. Tema di fondo della mobilitazione la lotta alla riduzione del potere d'acquisto. Si tratta di un chiaro tentativo delle organizzazioni sindacali di non farsi sfuggire di mano la situazione. Nei cortei a Parigi, Nantes e Bordeaux si sono visti striscioni sindacali, ma anche tanti manifestanti con indosso i gilet gialli. I sindacati sono costretti ad accodarsi alle proteste, come già successo in Turchia, Usa, Egitto. E in Algeria, dove le manifestazioni continuano ed il 19 marzo scorso centinaia di migliaia di persone si sono riversate nelle strade di Algeri; il presidente Bouteflika ha congelato le elezioni rinviandole a data da destinarsi con l'intenzione di aprire un dibattito nazionale, la stessa proposta lanciata da Macron e a cui gran parte del movimento francese ha voltato le spalle. I tentativi di lanciare delle liste di gilet gialli per le prossime elezioni europee sono iniziative circoscritte a cui la maggioranza del movimento guarda con sospetto. E' come se, quasi inconsapevolmente, si fosse intuito che la via del dialogo e delle trattative con il governo è senza sbocchi. Questi movimenti anti-stato sono più razionali di chi tenta di cavalcarli a fini politico-istituzionali.

Da segnalare che a Parigi hanno partecipato ad alcune assemblee dei "gilet gialli" i giovani delle periferie. D'altronde, i banlieusard vivono quotidianamente il livello di repressione che hanno subito in questi mesi i manifestanti. Sembra tra l'altro che contro quest'ultimi la polizia francese stia usando gas particolarmente nocivi, vietati in altri paesi. Oltre alle manifestazioni del sabato, continua anche l'organizzazione di presidi stabili nei pressi di grandi rotatorie stradali che, se sgomberati, si riformano diventando nodi di una rete nazionale. La pratica dei blocchi, una costante almeno dal movimento argentino dei piqueteros, è diventata corrente anche in Francia, utilizzata qualche anno fa dai camionisti che riuscirono a congestionare pesantemente il traffico. Da ricordare che anche Occupy Wall Street aveva bloccato i porti della West Coast e il ponte di Brooklyn a New York.

Più in generale, possiamo affermare che il movimento francese è il risultato di processi di immiserimento sociale innescati dalla troppa produzione e dal troppo capitale. La Francia ha una struttura economica da capitalismo ultramoderno con un Pil composto per l'1,7% dai proventi dell'agricoltura, per il 19.5% dall'industria e per il 78.8% dai servizi. Quando giganteggia il lavoro nel terziario rispetto a quello nell'industria, vuol dire che la socializzazione del lavoro si è sviluppata a tal punto da pervadere tutta la società, attraverso reti, sensori di ogni tipo e social network ("Marcati sintomi di società futura").

A parte l'aspetto puramente economico, che è sicuramente importante, bisogna tener presente anche quello della vita senza senso. Centinaia di migliaia di persone scendono in piazza contro il cambiamento climatico (#GlobalStrikeForFuture), ma le motivazioni reali che li fanno muovere sono da ricercarsi nell'insopportabilità della vita nel capitalismo.

La prima grande rivoluzione dalle società comunistiche originarie alle società di classe è un'immagine speculare della transizione che stiamo vivendo, quella verso la società futura. I vecchi rapporti di produzione entrano in crisi nel mentre si sviluppano nuovi rapporti sociali. Studiare le transizioni del passato non è faccenda da intellettuali, ma da militanti che vogliono capire cosa succederà nel futuro. Nick Dyer-Witheford nel saggio "Red Plenty Platforms", parlando di abbondanza rossa, racconta di come la forza produttiva sociale, liberata dalle catene capitalistiche, possa essere adoperata fin da subito per un progetto metabolico di specie. Le rivoluzioni non avvengono perché le masse hanno chiaro dove stanno andando, ma perché nuove strutture materiali rompono con la vecchia forma. Dal "Tracciato d'impostazione" (1946):

"Rivoluzionari (e adotteremo il termine provvisorio di antiformisti) sono i movimenti che proclamano ed attuano l'assalto alle vecchie forme, ed anche prima di saper teorizzare i caratteri del nuovo ordine, tendono a spezzare l'antico, provocando il nascere irresistibile di forme nuove. Conformismo - Riformismo – Antiformismo."

In chiusura di teleconferenza, si è ripreso l'articolo "Imperialismo in salsa cinese" alla luce di alcuni dati tratti dall'ultimo numero dell'Economist. Ora si scopre che nell'ultima decade sono 30 milioni all'anno i turisti cinesi che hanno viaggiato all'estero e quindi hanno speso soldi fuori dai confini nazionali, cominciando a mettere in pericolo la bilancia dei pagamenti: "Nel 2018 la Cina ha avuto un deficit di 240 miliardi di dollari nel turismo, il più grande finora". Secondo Morgan Stanley entro la fine di questo anno Pechino potrebbe essere in deficit commerciale, con conseguenze tremende per gli Stati Uniti e per un mondo che non è ancora uscito dalla crisi del 2008. Si sta sgretolando la simmetria tra il surplus cinese e il debito americano e non c'è più la complementarietà per cui uno esporta le merci che l'altro semplicemente importa. The Economist, che è la voce ottimistica del capitalismo liberale, afferma che Pechino dovrebbe modernizzare il suo assetto finanziario, aumentando i consumi interni e diventando un paese capitalistico come gli altri. Solo che per fare questo dovrebbe rientrare dai prestiti fatti agli Usa, ma ciò è impensabile: le cifre in ballo sono troppo grosse e tali manovre molto probabilmente farebbero saltare l'economia mondiale. In Europa l'economia mostra un andamento sincronico per quanto riguarda il deficit dei singoli stati. Siccome tutti i paesi hanno cercato di stimolare l'economia con gli investimenti in deficit spending, sperando di recuperare successivamente attraverso il famigerato moltiplicatore keynesiano, il meccanismo non funziona più e lo zombie capitalistico non reagisce agli stimoli.

Le cause antagonistiche che hanno rappresentato un freno alla caduta del saggio di profitto si sono trasformate nel loro contrario portando ad un aggravamento della caduta del saggio stesso.

Articoli correlati (da tag)

  • Movimenti senza leader

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

    Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

    Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

  • Ma quale futuro?

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune notizie riguardanti le energie rinnovabili.

    Pare che negli Stati Uniti un gruppo di scienziati abbia sviluppato un sistema di specchi che, sfruttando l'energia solare, riesce a raggiungere la temperatura di 1000 gradi. L'obiettivo dell'esperimento è di arrivare ai 1500, la condizione necessaria per fondere l'acciaio, ed eliminare progressivamente la dipendenza dai combustibili fossili (en passant: i primi esperimenti per ottenere alte temperature attraverso specchi parabolici sono stati condotti dal premio Nobel Carlo Rubbia in Italia con il progetto Archimede, poi esportato in Spagna). Che sia la soluzione per produrre energia senza inquinare l'ambiente? Abbiamo dei dubbi in merito. Basti pensare all'Ilva di Taranto: anche se riuscisse a produrre da sé tutta l'energia necessaria, rimarrebbe comunque un gigante inutile. Insomma, bisogna sempre chiedersi che senso abbia adoperare certe tecnologie ed in funzione di quale produzione. Non è un problema di natura tecnica, riferita al variare delle fonti energetiche (in ultima istanza tutte riconducibili al lavoro del Sole), ma di natura sociale: l'attuale modo di produzione non conosce sé stesso, bada solo al profitto, e quindi continuerà a sprecare energia e a distruggere l'ambiente.

  • Un mondo, una rivolta

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata riprendendo il tema della parabola storica del plusvalore, nell'ottica di analizzare le profonde determinazioni che stanno alla base delle proteste e delle rivolte attualmente in corso in diversi paesi.

    Prendiamo il caso di FCA (ex Fiat). L'azienda impiega circa 200mila dipendenti in tutto il mondo, produce circa 5 milioni di autovetture all'anno, e per il 2018 ha dichiarato un fatturato di 110 miliardi di dollari. Pur esistendo un unico marchio che ne identifica le merci, la maggior parte dei componenti che vengono poi assemblati negli stabilimenti è prodotta da una rete di imprese in outsourcing. Da un pezzo la fabbrica è uscita dalle mura aziendali, distribuendosi sul territorio grazie al sistema della logistica; oggi non esiste più la grossa fabbrica verticale di novecentesca memoria che produceva tutto da sé, ma le lavorazioni sono state in prevalenza esternalizzate ("Sull'uscita di Fiat da Confindustria e alcuni temi collegati"). Se in Italia agli inizi del 2000 la Fiat contava 112mila addetti, oggi Fca ne impiega 29mila, comprese Maserati e Ferrari.

Rivista n°46, novembre 2019

copertina n°46f6Editoriale: Rapporto diretto
f6Articoli: Che fine ha fatto il futuro?, Rivoluzione e cibernetica
f6Rassegna: La bicicletta di Leonardo
f6Terra di confine: Apprendisti stregoni
f6Spaccio al bestione trionfante: Inflazione cercasi
f6Recensione: Intelligenza artificiale, evoluzione naturale
f6Doppia direzione: Centralismo democratico e centralismo organico

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 236, 18 novembre 2019

f6La sussunzione della società al capitale
f6Economia e Big Data
f6Di che colore è Hong Kong?
f6Iraq. Verso la guerra civile?
f6Bistecca vegana senz'osso
f6Olocrazia
f6Bisognava pensarci prima

Leggi la newsletter 236
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email