Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  16 dicembre 2014

Cieche forze del Capitale

La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata riprendendo il tema energetico.

Se c'è una politica che rende sensibile il prezzo del petrolio è quella prodotta dalla crisi del capitalismo senile: si consuma meno energia e le misure recessive adottate dagli stati peggiorano ulteriormente le condizioni generali. All'andamento dell'importantissimo settore energetico si aggiunge ora l'incognita della strategia adottata dagli attori di questa guerra del petrolio.

In primo luogo gli Stati Uniti hanno iniziato una guerra contro la Russia, che ora si ritrova in una situazione pessima con il Brent a 60 dollari, i pozzi a rischio chiusura e le sanzioni economiche attivate dopo la vicenda Ucraina. E' poi intervenuta l'Arabia Saudita (e di conseguenza l'Opec) che a fronte del calo dei prezzi ha dato il via agli stessi meccanismi che causarono negli anni '80 le grandi crisi di approvvigionamento energetico. In generale si è messo in moto un gioco geopolitico incrociato, complesso per le valutazioni sulle possibili conseguenze, e sintomo evidente della mancanza di vitalità del sistema: dopo sette anni di "crisi" la Cina non cresce abbastanza e deve occuparsi di una sovrappopolazione elevatissima; l'Europa in deflazione ha smesso, o quasi, di crescere; il Giappone è considerato alla stregua di un paese del terzo mondo; gli Usa, anche se rimangono a galla perché in quanto polo imperialistico continuano a succhiare valore dal mondo intero, non sono certo la locomotiva economica del secondo dopoguerra.

L'Economist registra la guerra in corso e titola uno degli ultimi suoi numeri Sheikhs v shale (6 dicembre 2014). Secondo i liberisti vecchia scuola il calo del prezzo del petrolio dato dalla super produzione saudita genera un trasferimento di capitale dai produttori ai consumatori; quello che non riescono a comprendere è la dinamica generale per cui i dollari intascati dai petrolieri sono rendita, cioè sovrapprofitto sottratto ai capitalisti. Se il prezzo del campo peggiore stabilisce quello di riferimento, in ultima analisi è il campo peggiore a decidere se il migliore resta aperto. Questo significa che anche l'Arabia Saudita non potrà continuare in eterno una super produzione di greggio. Come per tutte le altre merci, anche per il petrolio il prezzo di costo è quello del singolo produttore, mentre quello di produzione è dato dalla media mondiale che si forma sul mercato. C'è una precisazione da fare: il prezzo di produzione è fissato dalla difficoltà data dall'estrazione, mentre il breakeven, il prezzo al di sotto del quale il paese produttore va in perdita, è dato dalle politiche di bilancio dei paesi produttori. Ci sono paesi come l'Iran che hanno bassi costi di produzione e riescono perciò ad incamerare una certa rendita, ma anche paesi come il Venezuela per cui invece i costi sono alti e sono quindi gravemente danneggiati dallo scontro in atto.

Nella fase attuale, quella dell'imperialismo con l'acqua alla gola, assistiamo anche allo scontro tra i monopoli e gli attori statali. Google, Amazon, Facebook, entrano in conflitto con gli Stati che cercano, invano, di mettere un freno alla crescita a dismisura di questi organismi bio-cibernetici. E' di questi giorni la notizia che le autorità di San Marino hanno sequestrato tre bancali di merce di Amazon: "L'azienda non paga l'imposta monofase prevista per le importazioni". In tutta risposta il colosso dell'e-commerce ha deciso di fermare le spedizioni nella piccola repubblica. Parallelamente in Spagna gli editori hanno dichiarato guerra a Google, accusato di eccessivo potere e di non rispettare i diritti d'autore. Mai come oggi si è vista all'opera la potenza espropriatrice del Capitale nei confronti dei capitalisti e delle singole nazioni.

La crisi morde e non risparmia nessuno. In Italia il giovane presidente del Consiglio ogni tanto se ne esce con soluzioni neo-keynesiane, mai veramente applicate. Nel campo della teoria economica si denota una enorme carenza dei politici e anche dei loro preposti a occuparsene. Pure i monetaristi sono in grosse difficoltà: il sistema, attraverso il meccanismo dei bassi o nulli tassi di interesse, stampa moneta senza ricavarne effetti di un certo rilievo.

E' in questo quadro che si inserisce lo sciopero generale dello scorso 12 dicembre. Uno sciopero puramente dimostrativo, caratterizzato dallo spaesamento generale dei bonzi sindacali ancora intenti ad implorare tavoli concertativi. Interessante invece, nello stesso giorno, lo sciopero della logistica, con blocchi e picchetti a Genova, Bologna, Torino, Roma e Ancona, dove una grossa parte di manifestanti si è staccata dal corteo principale e ha bloccato il porto. Anche in Germania il settore è in fermento, i lavoratori di Amazon hanno incrociato le braccia minacciando di bloccare, per questo Natale, la consegna della merce. In Belgio continua la mobilitazione dei sindacati contro le misure economiche adottate dal governo; nel paese ha preso piede il "lunedì dello sciopero" per cui ogni lunedì viene bloccata la circolazione con picchetti itineranti sullo stile di 99 Picket Lines. In America continuano le manifestazioni del movimento #BlackLivesMatter: media e giornalisti mettono l'accento sui diritti civili violati, ma quello che sta sommuovendo il sottobosco americano è un energia che potrebbe tramutarsi in qualcosa di più interessante.

In chiusura di teleconferenza è stata commentata l'ultima uscita di Napolitano sull'antipolitica. Il presidente della Repubblica, parlando degli effetti della corruzione ha dichiarato: "La critica della politica e dei partiti, preziosa e feconda nel suo rigore, purché non priva di obiettività, senso della misura e capacità di distinguere è degenerata in anti-politica, cioè in patologia eversiva". Apparentemente Napolitano sembra prendersela col Movimento 5 Stelle, in realtà descrive la situazione sociale generale. Di fronte ad una borghesia che si blinda sempre di più, vedi la Spagna con le ultime leggi liberticide o la Turchia con la chiusura dei giornali di opposizione, stupisce che il M5S rivendichi ancora la funzione sacrale del parlamento.

Se agli esordi Grillo si precipitava in Spagna nelle piazze degli Indignados e dava spazio nel suo blog a Occupy Wall Street, oggi sembra invece rifarsi al Movimento dell'Uomo Qualunque: democratico, parlamentarista e contro la casta. Se da una parte la struttura dei Meetup ricorda quella iniziale di OWS, con modalità organizzative aperte, leaderless, orizzontali, basate sulle potenzialità dei social network, dall'altra parte c'è una struttura verticale e battilocchiesca all'ennesima potenza. La contraddizione interna al movimento è interessante, aspetti minoritari di futuro e aspetti nauseabondi della vecchia politica arriveranno ad una biforcazione: o il movimento si integrerà del tutto all'ambiente parlamentare, oppure vedremo delle rotture con elementi e gruppi che porteranno avanti conseguentemente il discorso delle reti P2P, delle piattaforme leaderless, della riduzione dell'orario di lavoro, del reddito di cittadinanza, cioè quel programma iniziale a cui milioni di persone hanno creduto. Per ora il M5S non è arrivato nemmeno all'altezza programmatica del Venus Project; fino a quando non si toglierà dalla testa il mito della democrazia, del parlamento, della conta dei voti, non andrà oltre l'esistente.

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra nell'epoca della swarm intelligence

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, ha preso le mosse dalla notizia del raid della coalizione a guida Usa in territorio siriano.

    Ufficialmente l'azione bellica è stata la risposta al presunto attacco chimico su Douma da parte del regime di Assad. Gli Usa, coadiuvati da Inghilterra e Francia, hanno bombardato una serie di obiettivi tra cui uno stabilimento di ricerche a Damasco, alcuni centri di stoccaggio di armi vicino Homs, e alcune postazioni di comando, lanciando oltre 100 missili da navi e sottomarini presenti nel Mediterraneo Orientale e da aerei da caccia. Secondo fonti occidentali l'antiaerea siriana avrebbe abbattuto una quindicina di missili, mentre il Ministero della Difesa di Damasco ha parlato di oltre 60 abbattimenti.

    La guerra di tutti contro tutti si manifesta con una serie di conflitti sempre più concatenati. L'intervento della coalizione occidentale si configura in funzione anti-Russia e anti-Iran e lancia un messaggio di sostegno alle monarchie del Golfo, in un momento in cui l'espansione sciita nell'area mediorientale è diventata preoccupante. I sauditi sono alle prese con la guerra nello Yemen, ormai fuori controllo, mentre Israele guarda con apprensione la presenza di Hezbollah e degli iraniani ai propri confini. Il conflitto in Siria ha prodotto negli ultimi sette anni 500mila morti, milioni di feriti e un esodo all'interno del paese (circa 2 milioni) e verso l'Europa (4 milioni), riducendo la popolazione del paese di circa 1/3.

  • La corda è tesa

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata commentando l'articolo "The Era of Urban Warfare is Already Here" pubblicato su Foreign Policy Research Institute, il sito di un istituto di ricerca americano che tratta di questioni geopolitiche e di strategie militari.

    Nel testo si afferma che Aleppo, Mosul, San'à, Mogadiscio e Gaza, tutte città devastate dalla guerra, non sono che alcuni esempi della tendenza al conflitto globale metropolitano. Secondo il think tank americano, l'urbanizzazione della popolazione mondiale e la crescita dell'instabilità politica nei paesi in via di sviluppo sono le cause scatenanti delle guerre in corso: "Nel 1990, la popolazione mondiale era per il 43% (2,3 miliardi) urbana. Entro il 2015, era cresciuta fino al 54% (4 miliardi). Entro il 2050, quasi i due terzi della popolazione globale vivranno nelle città." Questo processo, insieme a tutto ciò che esso comporta (flussi migratori, collasso delle infrastrutture, malattie e carestie diffuse), rende sempre più difficile la governance, sia globale che locale. Anche l'Economist, nel report speciale sulla guerra uscito qualche settimana fa, ha dedicato un articolo al tema ("Preparing for more urban warfare - House to house.").

  • Le elezioni come fattore di polarizzazione sociale

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 14 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sull'esito delle elezioni politiche in Italia.

    Il Movimento 5 Stelle è risultato il partito con il più ampio consenso elettorale, mentre la coalizione di centrodestra ha raccolto, grazie ad una Lega nazionalista che ha fatto da traino, il maggior numero di voti senza però raggiungere la soglia necessaria per formare il governo. Notevole, anche se scontato, il tracollo del PD. La situazione di ingovernabilità che si è determinata dopo il voto, tra l'altro largamente prevista, vede un tripolarismo che complicherà il lavoro del presidente della Repubblica. Nulla di nuovo per il panorama europeo, in cui non mancano i precedenti. Paesi come Belgio, Olanda e Spagna sono rimasti per mesi (il Belgio quasi per due anni) senza governo, e ultimamente la stessa sorte è toccata anche alla Germania, che solo dopo molte settimane di consultazioni è riuscita a dar vita ad un governo di larghe intese (Grosse Koalition).

    Il capitalismo perde energia, gli Stati faticano a controllare sé stessi, tramontano le "garanzie" che facevano da collante sociale (welfare, posto di lavoro e pensione) e con esse si dissolvono anche le sovrastrutture politiche come i partiti e i sindacati, sottoposti ad una critica incessante e distruttiva da parte del movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Destra e sinistra sono categorie non più corrispondenti ad un quadro istituzionale che è invece sempre più frammentato e sfumato, e vede aggregazioni governative che si risolvono inevitabilmente in deboli alleanze trasversali, in altri tempi ritenute scandalose. Il dato generale che emerge è quello di un sistema dei partiti che si colloca su di un piano separato rispetto ai "cittadini" che dovrebbe rappresentare.

Navigazione per Tag

accumulazione ambiente amore anonymous anticipazioni attivismo austerity autonomizzazione del Capitale autorganizzazione bolla finanziaria Bordiga borghesia Brasile capitale capitale finanziario capitalismo capitolazioni catastrofe centralismo organico centralizzazione cervello sociale cgil chiesa cibernetica ciclo coloniale Cina Cipro commons comunismo conoscenza controrivoluzione crisi debito decrescita democrazia determinismo disoccupazione dissipazione dissoluzione dono doppia rivoluzione economia politica Egitto Einstein energia evoluzione expo fascismo feedback finanza forza produttiva francia geostoria Germania Giappone governo governo tecnico gramsci grecia Grillo guerra guerre mondiali Hegel ideologia immediatismo imperialismo indignados informazione internazionale comunista invarianza isis israele Italia Latouche lavoro lavoro di partito lenin linguaggio logistica lotta di classe lotte immediate luogocomunismo macchine manifestazioni manoscritti '44 marasma sociale Marx materialismo medio oriente memi mezze classi militanti minerali miseria crescente moneta movimento operaio mutuo soccorso neotenia no tav occupy sandy ordinovismo OWS palestina partito partito formale partito storico peer to peer piano di produzione polarizzazione popolazione Popper precari preistoria previsione primavera araba produttività produzione sociale programma questione nazionale rabbia sociale rapporti di forza reddito rendita rete rifkin riformismo rinascimento riunioni rivolta rivoluzione rivoluzione borghese rivoluzione proletaria russia salario SCi scienza sciopero sessualità sincronia sindacato social network soviet Stato stato islamico teoria rivoluzionaria Tunisia Turchia uranio usa valore valorizzazione wikipedia

Rivista n°42, ottobre 2017

copertina n°42f6Editoriale: L'immane mistificazione
f6Articoli: La socializzazione fascista e il comunismo - Cento anni dall'Ottobre
f6Rassegna: Uragani d'America - Irma o della crescita esponenziale dei danni - Ricordate Katrina? - Occupy Wall Street non nasce dal niente - Gli orti urbani - Catastrofe sociale dei lavoretti
f6Terra di confine: La dimora dell'uomo (domani)
f6Recensione: Coppi, Bartali e i vaccini
f6Doppia direzione: Lavorare è bello
f6Spaccio al bestione trionfante: Riscontro "psicologico" - Fazioni in lotta

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 228, 29 aprile 2018

f6Socialismo, dove?
f6Le mezze classi inglesi e l'austerity
f6Il gorilla
f6Metamorfosi
f6Viva Bio
f6Integrando
f6Guardie e ladri
f6Terre amare

Leggi la newsletter 228
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email