Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  24 aprile 2018

La borghesia è una classe senza bussola

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 12 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul tema del reddito di base.

In seguito all'annuncio del governo finlandese di voler riformare il welfare state, vari quotidiani italiani hanno pubblicato alcuni articoli sulla sperimentazione in corso nel paese del reddito di base (incondizionato), annunciandone il fallimento. In verità, il test iniziato nel gennaio del 2017 su un campione di 2mila persone terminerà, come previsto, alla fine di quest'anno e solo nel 2019 si inizieranno ad elaborare i dati raccolti. I 2000 disoccupati continueranno quindi a percepire, per tutto il 2018, 560 euro al mese esentasse, senza l'obbligo di accettare un lavoro vincolante all'ottenimento del sussidio, o di rinunciarvi nel caso in cui trovassero una nuova occupazione. La vera notizia, semmai, è che il governo finlandese ha dichiarato di voler ridurre le misure di benefit per il restante dei senza riserve, che in cambio del sussidio di disoccupazione dovranno lavorare almeno 18 ore in tre mesi.

Nell'articolo de il manifesto "Finlandia, il test sul 'reddito di base' continua" Roberto Ciccarelli scrive:

"Il motivo di tanto allarme in Italia è dovuto, con ogni probabilità, al fatto che il 'reddito di cittadinanza' del Movimento 5 Stelle (in realtà un 'reddito minimo' vincolato a un sistema di 'politiche attive' particolarmente esigenti e obbligatorie) è uno dei punti in discussione in vista della difficile composizione di un governo."

In effetti, grande è l'attesa nella penisola per il reddito di cittadinanza promesso dai Cinque Stelle. Ma l'importante punto programmatico (è una stella) nel frattempo, fra una consultazione e l'altra per la formazione del nuovo esecutivo, si è annacquato fino a sparire. Nella bozza di accordo elaborata dai pentastellati per la forza politica disponibile a sedersi con loro ad un tavolo, il reddito di cittadinanza è stato sostituito da un generico potenziamento del Rei. Ed anche la Banca d'Italia, preoccupata per la tenuta dei conti pubblici, si è fatta sentire sul tema definendo questo tipo di reddito come "oneroso, distorsivo, disincentivante al lavoro", aggiungendo che "il costo effettivo del RdC potrebbe rivelarsi più elevato di quanto stimato sulla base di modelli che non tengono conto delle reazioni comportamentali degli individui al variare delle politiche pubbliche". La classe dominante è preoccupata per l'aumento del numero dei senza riserve e vorrebbe prendere delle misure di sostegno al reddito, senza intaccare allo stesso tempo i propri privilegi. Insomma, vuole tutto senza rinunciare a nulla.

Sempre sul tema, da segnalare la manifestazione dello scorso 19 aprile davanti ad una sede dell'Inps a Roma, durante la quale qualche decina di attivisti chiedeva "Reddito subito". Se un movimento del genere si generalizzasse, costringerebbe i sindacati ad attivarsi e a chiedere alla "politica" misure di contrasto alla povertà; ma finora i sostenitori del reddito di base sono stati ispirati da frange dell'intellighenzia piccolo borghese (Bin Italia), le quali, temendo la rivolta del proletariato, chiedono allo Stato una riforma dei sistemi di assistenza pubblica.

Un compagno ha accennato allo studio "The Impact of Industrial Robots on Eu Employment and Wages", prodotto da Bruegel e citato da Repubblica nell'articolo "Ecco quanti posti di lavoro rubano i robot". Il think tank europeo sostiene che in Cina, negli ultimi anni, vi è stata un'impennata dell'utilizzo di robot in ambito industriale, dovuta alla diminuzione del costo e all'aumento delle prestazioni delle macchine.

L'avanzata dei robot va di pari passo con l'incapacità della borghesia di controllare gli effetti futuri dello sviluppo delle forze produttive. I centri di ricerca producono modelli abbastanza precisi del divenire sociale, presentando numeri e tabelle sull'andamento della disoccupazione, sugli effetti dell'automazione, ecc., ma non riescono ad indicare un dopo. La mancanza di teoria deriva dal fatto che i borghesi si fermano a fare calcoli di tipo ragionieristico: da Keynes in poi simulano la realtà con delle modellizzazioni di tipo stocastico e interattivo, ma quello che non riescono a digerire sono le proiezioni (capitalistiche) sul futuro: impossibile accettare l'idea che il "loro" modo di produzione stia saltando e con esso i profitti che hanno accumulato. Non è un caso che nessun governo abbia badato ai consigli presenti nel Rapporto sui limiti dello sviluppo stilato dal Club di Roma nei lontani anni '70.

Lo scalpore per la robotizzazione della produzione sta ormai lasciando il posto a quello per il nuovo orizzonte di "sviluppo" capitalistico basato sui Big Data e sulla simulazione dell'intelligenza umana tramite reti neurali artificiali. I capitalisti lo avvertono e cominciano a produrre una grande quantità di saggi sull'argomento. Jeremy Rifkin, nell'articolo pubblicato da L'Espresso "Il reddito di cittadinanza non basta", afferma che "è necessario costruire e estendere una nuova infrastruttura intelligente di Terza Rivoluzione Industriale (Tri) ad alto tasso di integrazione digitale, che dovrà comprendere anche una rete Internet 5G, un'Internet dell'energia rinnovabile digitalizzata, un Internet della mobilità automatizzata basata su veicoli elettrici e a idrogeno, circolanti in tessuti urbani intelligenti collegati interattivamente nell'Internet delle cose (IdC)". L'infrastruttura auspicata da Rifkin rappresenta un ulteriore passo avanti nel processo di smaterializzazione delle merci, fenomeno che produce e produrrà, inevitabilmente, profondi cambiamenti sociali di natura catastrofica. Ma questo, il guru statunitense, si guarda bene dal dirlo.

Si è poi accennato alle manovre politiche in corso in Italia per la formazione del governo. Ufficialmente sembra chiusa l'ipotesi che vedrebbe un esecutivo formato da centro-destra e M5S. Ora si apre il confronto tra quest'ultimo e PD. Ancora una volta, la borghesia si conferma classe inconseguente: potrebbe risolvere la questione lasciando perdere le chiacchiere e puntando tutto su un governo tecnico non troppo intralciato da lungaggini parlamentari e disfunzioni varie, ma preferisce perdere tempo con i politicanti.

In chiusura di teleconferenza, si è parlato di alcune significative lotte in corso in Europa e negli Usa.

Nella capitale tedesca Jeff Bezos, presidente e amministratore di Amazon, ha ricevuto il premio "Axel Springer" dedicato a "personalità eccezionali che si sono distinte nell'innovazione, creando nuove strategie di mercato e mentalità" (effettivamente la piattaforma di e-commerce sta cambiando la vita di tutti, soprattutto quella dei medi e grandi negozi costretti a chiudere a causa della concorrenza: Amazon ha circa 300 milioni di clienti e 560 mila dipendenti sparsi in tutto il mondo). Per l'occasione il sindacato Ver.di, che rappresenta i lavoratori tedeschi del terziario, tra cui quelli di Amazon, ha mobilitato centinaia di iscritti, scioperando in vari hub (Lipsia, Werne, Rheinberg, Bad Hersfeld, Coblenza e Graben) del colosso commerciale ed organizzando un sit-in alla Springer-Haus di Berlino. L'iniziativa, sostenuta dalla confederazione UNI Global Union (che raggruppa oltre 20 milioni di lavoratori e più di 600 sindacati) e da delegazioni di lavoratori di Amazon provenienti da Polonia e Italia, ha ricevuto attestati di solidarietà da Spagna, Francia e Stati Uniti. La segretaria della Cgil ha dichiarato che "quello di Amazon è uno sciopero giusto. Le ragioni dei lavoratori tedeschi sono anche in Italia oggetto delle nostre rivendicazioni e della nostra attività sindacale". Amazon è talmente potente che ignora le minacce delle organizzazioni sindacali, e durante gli scioperi ha dimostrato che può smistare il traffico delle merci verso altri magazzini che non sono toccati dalle mobilitazioni. Di conseguenza i sindacati hanno capito che se vogliono avere voce in capitolo ed essere "riconosciuti" dalla controparte, devono muoversi in maniera coordinata. Le sigle sindacali FSC-CCOO (Spagna), Filt Cgil (Italia) e CGT Commerce (Francia) hanno formalizzato a marzo 2018 la richiesta di convocazione del gruppo di negoziazione per l'istituzione di un Comitato Aziendale Europeo di Amazon. Per adesso il coordinamento avviene a livello di burocrazie sindacali, ma presto potrebbero attivarsi dei collegamenti internazionali dal basso, come quelli stabiliti in Europa dai rider di Deliveroo.

Negli Usa intanto continuano gli scioperi degli insegnanti. Il movimento, partito in West Virginia, si è diffuso in Oklahoma, Arizona e Colorado, superando i confini degli stati e prendendo piede a livello generale con gli hashtag #redfored, #teacherstrikes e #solidarity.

Articoli correlati (da tag)

  • Sull'orlo del caos

    La teleriunione di martedì sera, collegati 21 compagni, è iniziata dal commento della situazione politica interna degli Stati Uniti d'America.

    Lo stato federale è in contrasto con lo stato del Texas riguardo alla gestione del confine con il Messico. Il presidente Joe Biden ha affermato che non è competenza dei singoli stati l'amministrazione delle frontiere, e ha intimato al Texas di rispettare la sentenza della Corte Suprema che assegna il controllo dei posti di pattugliamento al governo federale. Ben 25 stati retti da repubblicani hanno espresso solidarietà al Texas, e così pure la Guardia Nazionale texana che ha manifestato la sua fedeltà al governatore repubblicano Greg Abbott continuando a costruire barriere al confine. Funzionari locali texani hanno accusato l'amministrazione Biden di alto tradimento per non aver gestito adeguatamente il flusso migratorio e per aver trascurato la sicurezza delle frontiere.

    Il Texas, stato fondamentale per l'economia americana, ospita una centrale nucleare e depositi di armi nucleari, e da diversi anni perora la causa dell'indipendenza dal governo centrale. Donald Trump ha cavalcato la situazione, dando sostegno ad Abbott e criticando il governo Biden per la politica migratoria (che sta diventando un tema strategico in vista della prossima campagna elettorale). Alcuni osservatori borghesi paventano la possibilità di un'escalation, temono cioè l'avvio di una dinamica che potrebbe andare fuori controllo conducendo alla guerra civile ("Dramma politico o crisi costituzionale? Dove può arrivare il Texas", Limes). Viene alla mente la trama del film La seconda guerra civile americana (1997), dove una problematica legata all'immigrazione scatena meccanismi catastrofici.

  • Perdita di potenza dell'imperialismo delle portaerei

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 17 compagni, è iniziata commentando la situazione mondiale, che vede una recrudescenza dei conflitti bellici in corso. Le forze armate statunitensi e britanniche hanno lanciato una serie di attacchi contro obiettivi militari in varie zone dello Yemen in risposta agli attacchi degli Houthi alle navi in transito nel Mar Rosso.

    Nell'articolo "L'imperialismo delle portaerei" (1957), la nostra corrente scrive:

    "Sappiamo che cos'è l'imperialismo del dollaro: esso non occupa territori, anzi 'libera' quelli su cui grava ancora la dominazione colonialista e li aggioga al carro della sua onnipotenza finanziaria, sulla quale veglia la flotta aeronavale più potente del mondo. L'imperialismo americano si presenta come la più pura espressione dell'imperialismo capitalista, che occupa i mari per dominare le terre. Non a caso la sua potenza si fonda sulla portaerei, nella quale si compendiano tutte le mostruose degenerazioni del macchinismo capitalista che spezza ogni rapporto tra i mezzi di produzione e il produttore. Se la tecnica aeronautica assorbe i maggiori risultati della scienza borghese, la portaerei è il punto di incontro di tutti i rami della tecnologia di cui va orgogliosa la classe dominante".

    Gli USA, usciti vittoriosi dalla Seconda Guerra Mondiale, attraverso le portaerei controllano gli Oceani. In realtà, per controllare il Pianeta basta avere il controllo di alcuni hub strategici, ovvero degli stretti più importanti (Suez, Panama, Hormuz, Malacca, ecc.). Sullo stretto di Bab al-Mandab (quasi 40 km) si affacciano il Gibuti e lo Yemen, il canale è importante per la sua posizione cruciale lungo una delle rotte commerciali più importanti del mondo, tra il Corno d'Africa e la Penisola Arabica. Circa il 25% del traffico marittimo mondiale passa attraverso questo stretto, comprese le forniture energetiche provenienti dai paesi del Golfo Persico e dall'Asia e dirette verso l'Europa. Bloccando questo corridoio marittimo si può bloccare, o quantomeno rallentare, parte del commercio internazionale.

  • Rivolte, marasma sociale e guerra

    La teleriunione di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con una breve presentazione del saggio Riot. Sciopero. Riot. Una nuova epoca di rivolte, scritto nel 2019 da Joshua Clover.

    Secondo lo scrittore e professore di inglese e letteratura comparata all'Università della California "Davis", a partire dal Medioevo si può ravvisare una dinamica storica che vede prima la rivolta, poi lo sciopero ed infine di nuovo la rivolta, ma in forma diversa rispetto alla fase iniziale.

    Nel testo si descrive come, fino al XIX secolo, lo scontro avviene principalmente nell'ambito della circolazione, dato che lì si trovano i beni necessari alla riproduzione. Successivamente, soprattutto con l'entrata in scena del proletariato, si rafforzano le forme di lotta più organizzate, le rivolte combaciano con gli scioperi, e il conflitto si manifesta per la maggior parte con l'interruzione organizzata del lavoro. A partire dalla fine degli anni 60' del secolo scorso, le forme di scontro si fanno sempre più incontrollabili (vedi riot negli USA): finita l'epoca di crescita industriale del capitalismo, l'accumulazione avverrebbe nella sfera della finanza, almeno nei paesi a capitalismo avanzato, dando così inizio ad una fase di espulsione della forza lavoro dalla produzione. Con lo scoppio della crisi industriale, gli afroamericani sono i primi a trovarsi alle prese con seri problemi di sopravvivenza e le rivolte, che assumono apparentemente una connotazione razziale, riguardano in realtà le condizioni di milioni di proletari. La seconda fase della rivolta, o rivolta prime, come la chiama Clover, si pone quindi direttamente in conflitto con lo Stato, poiché esso dispone di strumenti di repressione e controllo che le società precedenti non avevano, raggiungendo livelli di sofisticazione mai visti prima. Gli scioperi moderni toccano la circolazione di uomini e soprattutto di merci, dal trasporto aereo ai treni, dalla logistica ai petroliferi. I gilet jaunes, ad esempio, a partire dal 2018 hanno occupato le principali vie di comunicazione bloccando autostrade e rotatorie. La logistica connette il tessuto produttivo ed è fondamentale nell'epoca del just in time e della produzione senza magazzino.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email