Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  24 agosto 2021

Fino a qui tutto bene...

La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un articolo dall'Economist dello scorso 7 agosto, intitolato "The promise of open-source intelligence".

Secondo il giornale inglese, l'Open Source INTelligence (OSINT) potrebbe essere utile alle popolazioni per ottenere maggiore democrazia e libertà, dato che la sua natura decentralizzata ed egualitaria eroderebbe il potere dei tradizionali gestori della verità e della menzogna, e cioè di governi, servizi segreti e polizie: poiché la segretezza può essere troppo facilmente abusata l'OSINT è il benvenuto. Questa branca dell' intelligence si occupa della ricerca, della raccolta e dell'analisi di dati e notizie d'interesse pubblico tratti da fonti aperte, e accumulati attraverso mezzi di comunicazione cartacei o digitali, o attraverso l'osservazione di immagini, filmati, conferenze che chiunque può reperire sul Web. Nella nostra epoca l'informazione non è poca, al contrario è troppa. Ci sono sensori sparsi ovunque, satelliti che fotografano continuamente il pianeta terra, milioni di persone che quotidianamente postano foto, video e notizie sui social network. Proprio per questo, afferma l' Economist, le campagne di intelligence possono essere condotte dalla cosiddetta società civile.

A noi non interessano la democrazia, la trasparenza del mercato e balle varie, a noi interessa la nozione di simmetria. Un mezzo come Internet, gratuito e facile da usare, in grado di raggiungere milioni di persone, permette di ridurre il divario di potenza tra insorti e forze di polizia. Una volta le azioni di intelligence erano monopolio esclusivo degli Stati, oggi non è più così. Occupy Wall Street, per esempio, ha mostrato il massimo grado di informazione, organizzazione e coordinamento tecnico mai raggiunto finora, riuscendo a spiazzare la polizia in più occasioni, saldandosi con le lotte proletarie anche in contesti molto estesi (ad esempio il blocco della West Coast). E in tutte le manifestazioni e le rivolte degli ultimi anni Internet ha avuto un ruolo centrale in quanto contemporaneo (e futuro) campo di battaglia.

La diffusione della tecnologia ha cambiato il paradigma conoscitivo obbligando tutti a fare i conti con gli sviluppi del General Intellect. Per esempio durante una grande mobilitazione sociale, con il raggiungimento di una determinata massa critica, essa permette di processare quantità enormi di dati e di metterli in connessione tra loro, fornendo una potenza che neanche gli stati possiedono. Il popolo, si felicita l'Economist, con l'OSINT può così imporre determinate indagini o azioni legali, controllare che i governi facciano il loro dovere e non imbroglino i cittadini. Per noi la questione è molto più profonda: l'intelligenza combinata uomo-macchina ha risvolti rivoluzionari perché spinge al massimo il livello di socializzazione dei mezzi di produzione/comunicazione.

Da una ventina di anni a questa parte con lo sviluppo delle teorie del caos si sono aperti nuovi orizzonti per l'intelligence statale. Lo spionaggio è restato tale e quale, ma i borghesi si sono accorti che è possibile fare previsioni partendo da dati caotici. Tutto quello che succede all'interno della società viene analizzato con le leggi della fisica statistica al fine di ottenere previsioni a breve-medio termine. Non si rende intelligente il singolo dato, ma si raccolgono masse di dati che vengono immesse nei computer e analizzate in base alla configurazione che assumono.

I dati si organizzano da sé e suggeriscono agli uomini cosa fare. Con ciò cambia completamente il sistema d'informazione della società: siamo di fronte a una fusione del cervello digitale della macchina con il cervello umano ("Informazione e potere", rivista n. 37). Detto in altri termini: il cervello a base silicio dialoga sempre più strettamente con il cervello umano a base carbonio.

La borghesia sta cercando di fare teoria partendo dai big data, sta cioè cercando di superare i vecchi paradigmi, che avevano raggiunto la loro massima espressione con l'approccio newtoniano-cartesiano, per affrontare i nuovi scenari sociali. Ricordiamo, giusta Marx, che la borghesia è costretta a rivoluzionare continuamente il proprio modo di produzione e, con ciò, tutti i rapporti sociali. I computer eseguono già il 60% delle attività istituzionali di borsa (fondi pensione, ecc.) e della negoziazione dei titoli. Programmi di Intelligenza Artificiale (IA) stanno operando a livelli che la maggior parte degli umani non riescono a capire e di conseguenza non possono controllare. Questa società da una parte mette in moto processi di autoapprendimento, autopoiesi ed autorganizzazione, dall'altra ingabbia la forza produttiva sociale nei limiti angusti della proprietà.

La nostra corrente diceva che la macchina a vapore era una fonte locale, proudhoniana, di energia; la rete elettrica è una fonte comunista. La Rete è comunista perché nulla meglio dello sviluppo del cervello sociale annuncia un'epoca senza sfruttamento ("Uno spettro si aggira per la Rete", rivista n. 25).

Tutte le rivoluzioni portano a un punto di svolta ("Verso la singolarità storica", rivista n. 40). Gli articoli sensazionalistici sull'IA si soffermano sulla capacità dei nuovi software di scrivere articoli di giornale o di riprodurre la voce di una persona (sintesi vocale neurale), ma si sbagliano quando parlano di un'intelligenza autonoma della macchina, dato che il cervello elettronico è una copia di quello umano, è stato fatto dagli uomini. E' invece il caso di porre l'attenzione sulla connessione tra il mondo del nato e quello del prodotto, tra naturale e progettato (Out of control, Kevin Kelly). Siamo immersi in un brodo primordiale dove si stanno formando nuovi organismi, e le capitolazioni ideologiche della borghesia di fronte al marxismo sono numerose e potenti: da Leroi-Gourhan (Il gesto e la parola) a Jeremy Rifkin (La società a costo marginale zero), dalla teoria della complessità a quella del tutto, un'ipotesi scientifica che punta ad inquadrare i fenomeni (fisici, biologici e sociali) in un campo conoscitivo unitario.

La borghesia, per quanto si spinga sulle "terre di confine", non riesce a comprendere come funziona il suo sistema. Tutte le intelligenze provengono dalla natura. Siamo nati e coevoluti in questo pianeta obbedendo alle sue leggi naturali. Se l'uomo non riesce a risolvere la contraddizione sociale rappresentata dal capitalismo, allora ci riuscirà la natura: il comunismo non è procrastinabile. Decine di migliaia di anni fa, l'uomo è andato molto vicino all'estinzione, quando in tutto il pianeta viveva un numero limitato di esseri umani, non più di qualche migliaio. Rispetto a un ambiente ostile composto di temibili predatori, il lavoro collettivo portò la specie umana ad evitare una fine precoce. Ora, i dati che abbiamo a disposizione dicono che la conoscenza non si perde ed il comunismo sopravvive alle società divise in classi ("Persistenze di comunismo nel corso della storia umana", rivista n. 12).

Questo è un mondo fatto di quasi 8 miliardi di persone che abitano per l'80% in grossi agglomerati urbani. Il grande sistema complesso deve alla logistica la possibilità di nutrire e portare energia nelle metropoli globali. Queste mega città hanno un centro, delle fasce urbane di mezzo e un'immensa periferia, che in alcuni casi è composta da baraccopoli incontrollabili. Chi si occupa di sistemi complessi sa che queste città sono sistemi delicatissimi, in cui piccole variazioni possono portare a grandi effetti. Quando si manifesta un'avvisaglia di crisi dovuta alla mancanza di approvvigionamenti, il centro delle metropoli è preso d'assalto da masse di senza riserve. Eppure, in barba a questi realistici scenari, in Cina si sta pensando alla nuova capitale che avrà 130 milioni di abitanti.

Il modello Mondo3 commissionato dal Club di Roma indicava nella data 1975 il punto di non ritorno della catastrofe mondiale. Circa 20 anni dopo, gli stessi autori, immettendo nei computer dati aggiornati e organizzandoli tramite lo stesso modello, hanno ottenuto risultati che confermavano lo scenario catastrofico. Almeno da metà degli anni Settanta, il sistema non riesce a rigenerarsi ed infatti la legge del valore-lavoro non funziona praticamente più. Del film francese L'odio (1995), che tratta delle banlieue e dei loro abitanti, ci piace ricordare in particolare due passaggi: 1) il tizio che precipita dal grattacielo e ad ogni piano, mentre cade, ripete: "Fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene..."; 2) il fatto che se qualcuno ha una pistola in mano, in un contesto di quel tipo, prima o poi la usa. La borghesia si trova nella stessa situazione: sta cadendo dall'ultimo piano del palazzo e cerca di farsi coraggio prima dello schianto; le armi distribuite a milioni di civili americani, in una situazione di forte polarizzazione sociale, è sicuro che verranno usate.

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra è dissipazione di energia

    La teleriunione di martedì sera è iniziata discutendo dell'evoluzione degli attuali scenari di guerra.

    Gli Stati, anche quelli importanti come USA e Federazione Russa, faticano a tenere il passo nella produzione di munizioni necessaria per il conflitto in corso in Ucraina. Il Fatto Quotidiano riporta alcuni dati significativi: nel giugno 2022 i Russi sparavano 60 mila colpi al giorno, a gennaio del 2024 ne sparavano 10-12 mila contro i 2 mila dell'esercito avversario. Senza l'aiuto dell'Occidente l'Ucraina sarebbe già collassata, ma ora l'America ha delle difficoltà: "Gli Usa, il principale fornitore di proiettili di artiglieria dell'Ucraina, producono 28mila munizioni da 155 mm al mese con piani di aumento della produzione a 100mila entro il 2026." La fabbricazione di tali quantità di munizioni comporta uno sforzo nell'approvvigionamento di materie prime, e infatti c'è una corsa all'accaparramento di scorte di alluminio e titanio. Già l'anno scorso l'Alto rappresentante UE per la politica estera, Josep Borrell, affermava: "In Europa mancano le materie prime per produrre le munizioni da mandare all'Ucraina".

  • La guerra e il suo contesto

    La teleriunione di martedì sera è iniziata dall'analisi del recente attacco dell'Iran ad Israele.

    Secondo un portavoce dell'esercito israeliano, nell'azione compiuta nella notte tra il 13 e il 14 aprile l'Iran ha impiegato 170 droni, 30 missili da crociera e 120 missili balistici, che sono stati quasi tutti abbattuti. L'attacco è stato simbolico, le nazioni arabe erano state avvertite e probabilmente anche gli Americani; dopo il bombardamento di un edificio annesso all'ambasciata iraniana a Damasco il primo aprile scorso, Teheran non poteva non rispondere. Gli USA hanno chiesto ad Israele di evitare una reazione a caldo e di pazientare, onde evitare un'escalation; gli Iraniani hanno dichiarato che se Israele lancerà un nuovo attacco essi colpiranno più duro: "Con questa operazione è stata stabilita una nuova equazione: se il regime sionista attacca, sarà contrattaccato dall'Iran."

    Teheran è all'avanguardia nella produzione di droni, ha sviluppato un'industria bellica specializzata e vende queste tecnologie alla Russia ma anche ad Algeria, Bolivia, Tagikistan, Venezuela ed Etiopia.

    Ciò che sta accadendo in Medioriente conferma l'importanza del lavoro sul wargame, a cui abbiamo dedicato due numeri della rivista (nn. 50 - 51). I giochi di guerra servono a delineare scenari futuri, e le macchine amplificano le capacità dell'uomo aiutandolo a immaginare come potrebbero svilupparsi i conflitti in corso. Gli eserciti e gli analisti militari che lavorano con i wargame sono in grado di accumulare grandi quantità di informazioni, ma sono però costretti a vagliarne solo una parte. È un dato oggettivo: i big data vanno ordinati e l'ordine risente dell'influenza di chi applica il setaccio.

  • Guerra "intelligente" e rovesciamento della prassi

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo i sistemi di intelligenza artificiale utilizzati da Israele nella Striscia di Gaza. L'argomento si inserisce nel nostro lavoro in corso sulla guerra e sulle nuove armi in via di sperimentazione in Medioriente e Ucraina.

    Prendendo spunto da fonti israeliane (i due siti di informazione +972 e Local Call), il manifesto ha pubblicato un lungo articolo ("20 secondi per uccidere: lo decide la macchina") in cui sono riportate le interviste ad ufficiali dell'intelligence israeliana che spiegano il funzionamento del sistema IA Lavender e il ruolo che esso ha giocato nei bombardamenti sulla Striscia. Lavender opera in sinergia con il sistema Gospel, che si occupa nello specifico di contrassegnare gli edifici e le strutture da cui Hamas lancia i razzi; e ha il compito di individuare i nemici assegnando un punteggio da 1 a 100 ad ogni individuo: per un alto responsabile di Hamas, se identificato in una palazzina molto abitata, è possibile accettare una certa quantità di "danni collaterali", per un militante minore se ne accetta una inferiore. Il sistema di intelligenza artificiale riesce a costruire dei profili e a definire una "kill list" secondo un processo statistico che ha perciò un margine di errore (intorno al 10%); i tempi impiegati dalla macchina per individuare e colpire un obiettivo sono di circa 20 secondi, l'operatore umano non può quindi tenerne il passo e tantomeno eseguire un'analisi approfondita della lista dei bersagli.

    Non si tratta di indignarsi perché l'IA uccide gli uomini, anche i cannoni e le mitragliatrici lo fanno; si tratta invece di comprendere le novità che emergono dall'utilizzo di questa tecnologia. Siamo nel bel mezzo di una transizione di fase, tra un vecchio tipo di conflitto ed uno nascente: la guerra inizia sempre con gli armamenti, le dottrine, le tecniche del passato, ma in corso d'opera evolve diventando altra cosa. Oggigiorno si combatte ancora nelle trincee, come in Ucraina dove però allo stesso tempo si utilizzano i robot; si adoperano i fucili e le granate, ma anche i missili ipersonici. Nell'articolo dell'Economist "How Ukraine is using AI to fight Russia" si informa il lettore che sin dall'estate del 2022 sono stati utilizzati software per ridurre gli attacchi-disturbo dei Russi. Tante start-up ucraine operanti nel settore hi-tech hanno virato verso le necessità belliche, e sono state utilizzate tecniche di profilazione e monitoraggio, consulenze e indagini statistiche per raccogliere dati e scovare la posizione delle truppe e dei sistemi d'arma nemici. Semantic force è una start-up che si è specializzata nel trattamento dei dati riguardanti il morale della popolazione: ora il suo scopo è comprendere lo stato d'animo dei soldati russi (attraverso i social network e non solo).

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email