Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  2 novembre 2021

Il capitalismo di fronte ai limiti dello sviluppo

La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 18 compagni, è cominciata con il commento di un articolo dell'Avvenire intitolato "La proposta al G20. Una Costituzione della Terra per diffondere pace e giustizia".

Il compagno che ci ha segnalato lo scritto lo indicava, giustamente, quale esempio di riformismo planetario. L'appello per un nuovo costituzionalismo globale vede tra i primi firmatari, oltre a filosofi, giuristi e giornalisti, anche un vescovo; e il fatto che la proposta sia stata rilanciata dall'Avvenire dimostra che dietro c'è anche lo zampino del Vaticano (non a caso nel testo si trova un riferimento all'ecologismo integrale di papa Francesco). La Chiesa vuole uscire dall'ambito strettamente religioso per dare vita a processi egemonici nella società, e lo fa con una proposta di stampo riformista basata su diritti per tutti, giustizia globale, redistribuzione della ricchezza, ecc. Un tentativo globale che si rivelerà, come al solito, un buco nell'acqua perché il Capitale autonomizzato se ne frega di chi lo vuole trasformare in un sistema più etico e morale.

A parte questi tentativi della Chiesa cui abbiamo accennato brevemente, il problema ecologico esiste e le discussioni intorno ad esso danno luogo ad interessanti capitolazioni ideologiche di fronte al marxismo. Il premio Nobel per la fisica Giorgio Parisi, scienziato impegnato nella ricerca su caos e sistemi complessi, in vista della Conferenza Onu sul clima (Cop26) ha dichiarato: "Il Pil dei singoli paesi sta alla base delle decisioni politiche e la missione dei governi sembra essere quella di aumentarlo il più possibile. Obiettivo che però è in profondo contrasto con l'arresto del riscaldamento climatico". Il fisico ha affermato che "se la temperatura sale più di 2° entriamo in una terra incognita".

In Cina il consumo di carbone ha raggiunto livelli record, regredendo rispetto al raggiungimento degli obiettivi che il governo centrale si era dato (causando anche dei blackout in alcune regioni del paese). La costruzione di altiforni e centrali a carbone porterà a nuovi incrementi delle quote cinesi, ad oggi pari al 30% delle emissioni di CO2 nel mondo. Quando i prezzi del gas salgono si ricorre alle fonti che costano meno, come petrolio e carbone. Solo fra un anno avremo i dati delle emissioni relative al periodo attuale, ma è molto probabile che nel 2021 si raggiunga un nuovo record. Alla Cop26, Cina, Russia, Turchia e Brasile non hanno partecipato in presenza; e India e Cina, due pesi da novanta per quel che riguarda popolazione e dimensioni, hanno frenato sui limiti da adottare per far fronte all'emergenza climatica.

In ogni caso, gli obiettivi che si prefiggono questo tipo di vertici presuppongo l'esistenza di coordinamento mondiale al fine di gestire qualsivoglia accordo di livello internazionale. Ma il capitalismo non è in grado di farlo perché le borghesie nazionali sono sempre in concorrenza tra loro. Cina e India hanno indici di crescita sostenuti e accettare vincoli stringenti significherebbe porre ostacoli alle loro economie, mentre altri paesi, che nel frattempo hanno delocalizzato all'estero le produzioni più energivore, possono permettersi sperimentazioni più estese.

Quelli che pensano che la tecnologia possa attutire o risolvere il problema ecologico sbagliano di grosso. Anche se venissero introdotte tecnologie pulite, continuerebbe a crescere il fabbisogno di materie prime ed energia e così lo sforzo fatto per riciclare i materiali verrebbe vanificato. Il mondo sta consumando sé stesso a una velocità folle, e la biosfera prima o poi dovrà ritrovare un equilibrio.

In un articolo sul Fatto Quotidiano Luca Mercalli spiega che i paesi ricchi producono maggiori emissioni pro capite di CO2, e che Usa e Ue inquinano di più e da più tempo. Tra statistiche e classifiche, ognuno cerca di scaricare la colpa dell'inquinamento sull'altro ma nessuno guarda in casa propria. C'è un'enorme ipocrisia dietro a tutto questo. La Cina è responsabile del 30% delle emissioni di anidride carbonica, ma essa produce il 60% dell'acciaio mondiale, che qualcuno all'estero acquista e utilizza. Insomma, è come con la pandemia: se aumentano i contagi in Germania o in Inghilterra si continua a pensare che il virus rispetti i confini nazionali. Lo stesso vale per l'inquinamento, il problema non è affrontabile localmente. Ci arrivano gli stessi borghesi a capire che ci vorrebbe una governance mondiale, ma poi nei fatti non possono realizzarla a causa della mercantile anarchia.

C'è un sovra utilizzo della Terra e da tempo i centri studi della borghesia lo segnalano. Pensiamo al rapporto del Club di Roma sui limiti dello sviluppo, che ha dimostrato come superate determinate soglie il sistema collassa. Interessante, a tal proposito, il documentario Ultima chiamata (2013), che ripercorre la storia del gruppo di scienziati che hanno lavorato intorno al progetto. Nelle interviste presentate nel filmato essi riconfermano tutte le analisi fatte. Non c'è dunque bisogno di nuove prove per capire che se si continua così si va a sbattere, i grafici dei Limits to Growth parlano chiaro. Il capitalismo è un sistema che procede per leggi interne, cerca di riformarsi ma alla fine risponde sempre alla legge dell'accumulazione, D-M-D'.

Il tema dell'inquinamento è sempre esistito ma agli albori del modo di produzione capitalistico era legato ad ambienti molto specifici, alla fabbrica, alla miniera, ai quartieri operai, colpendo soprattutto quest'ultimi, come descritto da Engels ne La situazione della classe operaia in Inghilterra (1845). Oggi questi problemi riguardano anche la classe dominante, e i capitalisti non possono più ignorare il problema ma devono per lo meno dimostrare di prendere qualche iniziativa. E allora mettono in piedi costosi vertici mondiali, continuando, nel frattempo, ad usare quantità enormi di energia per produrre. Basti pensare alle monete virtuali, che stanno prendendo il sopravvento in ogni settore della vita quotidiana.

Diversamente dagli eventi passati, la Cop26 non è stata teatro degli scontri-pagliacciata tra attivisti no-global e polizia. Questo aspetto potrebbe far il paio con la crescita, un po' ovunque, dell'astensionismo. Lo scollamento di ampi strati della popolazione dalla politica e dalle sue rappresentanze si manifesta con forme originali. Per esempio la "Great Resignation", di cui molti giornali stanno cominciando a parlare: le dimissioni di milioni di salariati che volontariamente decidono di lasciare il lavoro perché stufi dei ritmi massacranti e delle paghe da fame. Il fenomeno è venuto a galla con le riaperture post-lockdown ed è emerso prima negli Stati Uniti e poi in Europa. Il Dipartimento del Lavoro americano ha dichiarato che circa 4,3 milioni di persone hanno lasciato il lavoro nel mese di agosto. Si tratta di circa il 2,9% della forza-lavoro statunitense, e il dato è in aumento rispetto al precedente record stabilito ad aprile con circa 4 milioni interessate dal fenomeno. Ci sono politici che si lamentano della generosità del governo americano in merito ai sussidi ma anche chi dice che dipende dal fatto che con lo smart working la gente ha trovato una vita migliore, e tornare alla normalità, magari facendo tre ore nel traffico, diventa ora insostenibile.

Il livello di tolleranza dello sfruttamento si è notevolmente abbassato. Da quando abbiamo scritto il volantino "Diritto al lavoro o libertà dal lavoro salariato?" (1997) le cose sono molto maturate e adesso, a quanto pare, il "rifiuto del lavoro" sta assumendo dimensioni di massa.

Il comunismo si configura sempre di più come un programma di specie e il partito rivoluzionario come un organismo che svolge la difesa della specie umana ("Tesi di Napoli", 1965). Bordiga scriveva che il capitalismo, in ultima analisi, vuole lo scalpo del suo grande nemico: l'Uomo ("Imprese economiche di Pantalone", 1950).

Ora, dopo le materie prime, anche i beni di prima necessità cominciano a salire di prezzo. Gli aumenti avranno un impatto notevole nei prossimi mesi. In quel contesto sempre più proletari si ritroveranno con l'acqua alla gola, e i più lucidi tra i riformisti lanciano grida d'allarme: dal Papa che indica come necessario il salario universale e la riduzione della giornata lavorativa, a Beppe Grillo che sul suo blog scrive "Reddito Universale o Squid Game?". Insomma, non mancano affermazioni forti ma senza superare le categorie capitalistiche non si potrà uscirne e il sentore che il tempo stia per scadere si sta insinuando tra gli incubi della borghesia. "L'orologio dell'Apocalisse ticchetta sempre più forte e segna un minuto a mezzanotte", quando scatterà "la fine della vita umana su questo pianeta come la conosciamo". Parole del primo ministro britannico, Boris Johnson, che ha aperto la Cop26.

Non mancano nemmeno le fughe in avanti di alcuni eminenti borghesi per risolvere i problemi che attanagliano il Pianeta, come Elon Musk che vuole colonizzare Marte, o Mark Zuckerberg che vuole traghettarci nel Metaverso (per il cui sviluppo assumerà 10mila persone). Musk e Zuckerberg sono i sacerdoti di una nuova religione: il transumanesimo. La realtà sta superando la fantascienza e, in relazione a ciò, abbiamo ricordato due racconti apocalittici: L'ultima domanda di Isaac Asimov e L'anno del diagramma di Robert A. Heinlein.

Articoli correlati (da tag)

  • Questa forma sociale mette a repentaglio la vita umana

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 17 compagni, è cominciata con il commento di alcune notizie riguardo al conflitto russo-ucraino.

    Il principale supporter militare dell'Ucraina, gli USA, stanno terminando le munizioni per l'artiglieria pesante. A quanto pare, dal punto di vista delle scorte, gli Americani sono messi peggio dei Russi. Viene in mente quanto successo durante la Guerra del Kippur quando si è raggiunto il massimo indice di consumo dei materiali bellici. Allo stato attuale, si sta combattendo una guerra con le armi di quella precedente, ma non bisogna farsi ingannare dalle apparenze: ne sono già in cantiere di nuove come, ad esempio, i missili ipersonici (capaci di raggiugere velocità superiori a mach 5, cinque volte la velocità del suono) che, qualora fossero impiegati, trasformerebbero lo scenario bellico in termini di intensità ed estensione.

    Un altro cambiamento rispetto al passato è rappresentato dalla guerra elettronica, si pensi al virus informatico Stuxnet, ideato da Americani e Israeliani per sabotare l'impianto di arricchimento di Natanz in Iran, oppure al recente cyberattacco iraniano contro lo stato albanese. Questo tipo di attacchi, anche se virtuali, producono danni fisici e possono mettere in ginocchio un paese.

    Come abbiamo scritto nel volantino "La Quarta Guerra Mondiale", se non si blocca al suo scatto, "la guerra delle macchine, dei sistemi e dell'informazione prenderà il sopravvento e gli uomini diventeranno delle loro protesi, come del resto è già successo in fabbrica."

  • Cripto-bolle

    La teleriunione di martedì sera, presenti 20 compagni, è cominciata dall'analisi di quanto sta succedendo in Cina, alle prese con una recrudescenza della pandemia da Covid-19.

    L'impennata dei contagi ha raggiunto quota 28mila casi in un solo giorno e, dopo 6 mesi, sono stati registrati nuovi decessi per Coronavirus. Ulteriori chiusure di intere città, come nel caso di Canton, hanno suscitato vere e proprie rivolte, la popolazione è esasperata per l'impossibilità di muoversi. Ciononostante, a differenza dell'Occidente, la politica della "tolleranza zero" non viene messa in discussione dal governo di Pechino.

    Per la prima volta negli ultimi decenni, la Cina si trova di fronte al boom della disoccupazione giovanile, giunta al 20%. L'Economist del 17 novembre ("Chinese students abroad take on their government") riporta un fenomeno curioso: recentemente in 350 campus di 30 paesi sono stati affissi manifesti contro il presidente cinese Xi, sembra che migliaia di cinesi che studiano all'estero si stiano organizzando tramite i social network. Anche a Pechino, nel cuore dell'impero, sono apparsi striscioni di dissenso anti-presidenziali, e il settimanale inglese fa notare che era dai tempi della rivolta di piazza Tienanmen che un leader non veniva attaccato in maniera così evidente. Qualche settimana fa avevamo discusso del discorso tenuto da Xi Jinping al XX congresso nazionale del PCC, tutto volto alla necessità di rinsaldare il patto sociale che tiene unito un paese di 1,3 miliardi di abitanti. Tale "patto" si basa sulla promessa di una crescita economica condivisa, ma questa ora si fa più difficile dato che l'economia ha subito una forte battuta d'arresto: secondo la Banca Mondiale, per la prima volta dal 1990, la crescita del PIL del paese nel 2022 sarà inferiore a quello dell'area Asia-Pacifico.

  • Tendenza globale al disordine

    Durante la teleriunione di martedì sera, presenti 15 compagni, abbiamo discusso della condizione di crescente instabilità in cui versa il mondo.

    Dal 31 agosto scorso il gasdotto Nord Stream 1, il più importante canale europeo per il rifornimento di gas naturale, è chiuso per un guasto ad una turbina; il portavoce del governo russo ha dichiarato che la riapertura, inizialmente prevista per il 2 settembre, non avverrà fino a quando non saranno revocate le sanzioni imposte al suo paese per la guerra in Ucraina, poiché esse impediscono che le operazioni di manutenzione delle unità si svolgano in sicurezza. Il blocco dei flussi di gas a tempo indefinito ha causato un'ulteriore impennata del prezzo della materia prima, la chiusura in forte calo delle borse europee, l'indebolimento dell'euro sul dollaro; e appare come una chiara risposta del Cremlino alla decisione dei paesi del G7 di introdurre un tetto massimo al costo del petrolio russo, e dell'Unione Europea di fare lo stesso per il prezzo del gas.

    La crisi europea dell'approvvigionamento di gas sta provocando significative ripercussioni anche a livello sociale, e ha portato alla nascita di movimenti contro il caro energia e il carovita in diversi paesi dell'Unione. Il Civil Unrest Index (CUI), l'indice dei disordini civili stilato dalla società britannica di consulenza strategica Verisk Maplecroft, ha rilevato un aumento inedito del rischio di proteste e rivolte nel secondo e terzo trimestre dell'anno in corso. I dati, raccolti negli ultimi sette anni, individuano più della metà dei paesi presenti nella CUI, 101 su 198, come ad alto o estremo rischio, indicando per i prossimi sei mesi un ulteriore deterioramento dovuto all'impatto dell'inflazione, superiore al 6% nell'80% dei paesi di tutto il mondo, sul prezzo degli alimenti di base e dell'energia. I fari sono puntati sull'Algeria, dove inflazione e siccità hanno colpito duramente la popolazione, ma nell'elenco vengono associati anche paesi che a prima vista hanno poco in comune: Bosnia ed Erzegovina, Svizzera, Paesi Bassi, Germania e Ucraina sono tra gli stati con il maggiore aumento di rischio previsto. Inoltre, tra gli stati maggiormente esposti ad un'ondata di proteste ci sono quelli a reddito medio, che durante la pandemia sono riusciti ad approntare misure di protezione sociale e ora stanno tentando di mantenere alti i livelli di spesa: Bolivia, Egitto, Filippine, Suriname, Serbia, Georgia, Zimbabwe e Bosnia ed Erzegovina.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email