Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  18 dicembre 2012

Piccolo bilancio e programma di lavoro

Parliamo spesso di doppia direzione, ma si fatica a comprendere che sia le riunioni locali che le teleconferenze sono dei semilavorati e hanno bisogno dell'apporto della rete di lavoro per passare ad un livello superiore. Il tutto è maggiore della somma delle parti. Il patrimonio teorico della rivoluzione che matura è dato e si pone alla base di ogni nostra attività, la nostra corrente precisava nelle "Tesi di Napoli":

"Non avrebbe alcun senso la obiezione che si tratti di testi perfetti irrevocabili e immodificabili, perché lungo tutti questi anni si è sempre dichiarato nel nostro seno che si trattava di materiali in continua elaborazione e destinati a pervenire ad una forma sempre migliore e più completa; tanto che da tutte le file del partito, ed anche da elementi giovanissimi, si è sempre verificato con frequenza crescente l'apporto di contributi ammirevoli e perfettamente intonati alle linee classiche proprie della Sinistra. È solo nello sviluppo in questa direzione del lavoro, che abbiamo tratteggiato, che noi attendiamo il dilatarsi quantitativo delle nostre file e delle spontanee adesioni che al partito pervengono e che ne faranno un giorno una forza sociale più grande".

Se in passato, "quando c'era il partito", gli argomenti trattati erano bene o male sempre gli stessi, adesso ci ritroviamo con molti semilavorati che affrontano molteplici argomenti e l'unica difficoltà è renderli pubblicabili. Il primo volume della Storia della Sinistra Comunista Italiana è stato pubblicato nel 1964 e fu l'unico che Amadeo Bordiga scrisse e vide stampato; copre gli anni 1912-1919. Il secondo (1972), il terzo (1986) e il quarto (1997) furono scritti da Bruno Maffi e si riferiscono rispettivamente ai periodi dal 1919 al 1920, dal 1920 al 1921 e dal 1921 al 1922. Abbiamo documenti per proseguire con il quinto volume che sarebbe dunque sulla liquidazione della Sinistra, sul suo commissariamento da parte dell'Internazionale e andrebbe fino al 1924. Nel 1996 è stato pubblicato quello che si può considerare il sesto, interamente dedicato alle motivazioni che, nel 1924-25, portarono alla costituzione e poi alla dissoluzione del Comitato d'Intesa. Al Congresso di Lione, la sua preparazione e i risultati, e al settimo congresso dell'Internazionale del 1928, a cui partecipano Togliatti e i rappresentanti del centrismo, andrebbe dedicato il settimo volume. Infine l'ottavo e ultimo volume dovrebbe trattare, nel dopoguerra, della tormentata esperienza della Frazione all'estero. Si tratta di volumi da 500/700 pagine l'uno. Un bel pezzo della nostra Storia da diffondere in Rete.

OWS ha pubblicato una lettera aperta dei giovani sloveni in lotta. Partite inizialmente come manifestazioni antigovernative, le mobilitazioni in Slovenia sono presto arrivate ad una critica del capitalismo. Si segnalano 54 manifestazioni in 28 città, non male per una nazione che conta non più di tre milioni di abitanti. Sul sito "Occupy Lubiana" si vedono parecchie foto di manifestazioni in stile OWS. Forse il vento americano comincia a soffiare anche nel Vecchio continente. La piattaforma "Occupy Togheter Meetup Everywhere" risulta ancora attiva e potrebbe fungere da coordinamento per una mobilitazione anticapitalista in Europa.

Il movimento Occupy, la teoria della conoscenza e la psicanalisi

La relazione pesarese su Popper ci ha dato modo di ribattere alcuni chiodi teorici. Per quanto riguarda la psicanalisi, tema affrontato recentemente, la questione non è mai solo legata al metodo che si usa, ovvero se sia scientifico o meno. La cosa più importante è da dove si parte per affrontare la tematica, e cioè da un orizzonte che trascende questa società o dall'interno di essa. La nostra teoria della conoscenza arriva dal futuro. Ci interessiamo di OWS perché da lì incominciamo a sentire voci che sembrano aver superato questa società ("siamo alieni che vengono dal futuro"). Occupy Wall Street usa per adesso il linguaggio che trova, cioè quello che si può rilevare dai cartelli, dai discorsi, dai siti sul Web. Ma il linguaggio del processo reale in corso è già di un altro mondo, come se stesse nascendo una nuova forma di vita. Del resto più di uno scienziato ha studiato il fenomeno: la nostra specie negli ultimi millenni ha dato luogo a un'evoluzione extracorporea, cioè tecnica e sociale, che procede in modo infinitamente più veloce di quella biologica. Solo ponendoci al di fuori di questa forma sociale possiamo capire perché e come sono nati questi movimenti, al contrario di Popper che cercava miglioramenti e soluzioni per ri-formare questa società. Insomma, per ripetere quella frase cristiana che ci capita di citare spesso, siamo in questo mondo ma non di questo mondo. Molto spesso la psicoanalisi viene liquidata perché non utilizza il metodo scientifico, ma anche di essa bisognerebbe fare l'anatomia: scavare la materia e capire perché in un dato svolto storico nasce e si diffonde.

Il partito prefigura la società futura

Noi vogliamo parlare all'universo e lasciamo volentieri ad altri la langue de bois del luogocomunismo. Forse un giorno constateremo l'esistenza di qualcosa di diverso, qualcosa che non conosciamo ancora, ma fin da ora dobbiamo abituarci a scrivere come se ne fossimo già a conoscenza, come se l'interlocutore che cerchiamo esistesse davvero, numeroso e attento.

Rifacendoci allo schema della conoscenza di Einstein, traiamo la conclusione per cui per passare ad una forma di conoscenza superiore dobbiamo rompere con quella attuale. Proprio perché abbiamo individuato una dinamica possiamo anticipare il futuro. In "Dottrina dei modi di produzione" la Sinistra utilizza il principio di induzione completa di Poincaré. Noi siamo comunisti perché scriviamo N per tutte le società del passato compresa questa. Bordiga scrive: "Se le forme o modi sociali col capitalismo sono state n, in tutto esse sono n+1. La nostra rivoluzione non è una delle tante, ma è quella di domani; la nostra forma è la prossima forma". Dopo n può esserci solo n+1, oppure una degenerazione totale dell'umanità, ipotesi non assurda ma piuttosto improbabile, dato che ogni sistema contiene in sé gli elementi necessari al nuovo ordine. D'altronde, "non può accampare pretesa a chiamarsi dialettico e marxista chi non sa leggere, ogni qualvolta si discute del passaggio da precapitalismo a capitalismo, i taglienti enunciati del passaggio da capitalismo a comunismo, che sono tutti capiti e addotti a rovescio non solo dagli opportunisti delle varie storiche ondate (per i quali il comunismo trae la maggioranza dei suoi connotati da "immarcescibili conquiste" del tempo capitalista) ma anche dai gruppetti delle sinistre eterodosse che nelle loro storture svelano ad ogni tratto la loro soggezione reverenziale per i "valori" capitalistici di libertà, civiltà, tecnica, scienza, potenza produttiva - termini tutti che noi, con Marx originario e uscito dal getto incandescente della fornace rivoluzionaria, non vogliamo ereditare, ma spazzare via con odio e disprezzo inesausti."

Noi stiamo facendo un lavoro molto preciso sull'eredità della Sinistra Comunista "italiana", bisogna seguire il lavoro che questa corrente ha lasciato senza deviare. Abbiamo un programma di lavoro, abbiamo un lascito e un patrimonio da rispettare (archivio storico). Facciamo parte di una corrente che ha come cavalli di battaglia temi quali l'organicità e l'ambiente ferocemente anticapitalista; guarda caso sono proprio i super-ortodossi i primi a lasciarsi alle spalle le chiare impostazioni programmatiche. Per il comunista che si trova allineato con il movimento reale che distrugge lo stato di cose presente, il risultato effettivo è quello di essere coerente con questo movimento, non di ottenere a tavolino più organizzazione e omogeneità, secondo uno studio e l'applicazione di determinati espedienti. La forza di un lavoro politico è la sua coerenza, la sua compatibilità con il cambiamento che è in corso.

Se individualmente non ci si sente legati all'arco storico che lega l'uomo ancestrale lottatore con le belve all'uomo della società futura, si resta immersi nella forma sociale vigente riproducendo le sue categorie. Per questo ci sentiamo maggiormente in sintonia con movimenti tipo Occupy piuttosto che con i residuati bellici del marxismo-leninismo-bordighismo. C'è bisogno di un approccio nuovo ai testi di Marx e della Sinistra, un approccio scevro da incrostazioni di carattere ideologico. Bordiga in "Tavole immutabili della teoria comunista del partito" dimostra che mentre tutta l'umanità rimane ancorata a questa società, il partito fa il salto in un'altra. La tesi si può scrivere così: una sola pratica umana è immediatamente teoria: la rivoluzione. La conoscenza umana avanza per rivoluzioni sociali, gli sconvolgimenti sociali fanno emergere nuove teorie e di lì nuovi problemi e nuovi metodi per risolverli. Non si tratta di trovare un metodo unico perfetto (Popper) per risolvere i problemi della società, bisogna rompere con l'autoreferenzialità perché la teoria della rivoluzione non riguarda "tesi di dettaglio" (tattica, sindacati, organizzazione, ecc.) ma il completo trapasso dal capitalismo al comunismo; essa è fondata su un programma che anticipa una nuova concezione del mondo e della sua conoscenza.

La corrente americana della "Terza Cultura" ha pubblicato un libro dal titolo "Non è vero ma ci credo. Intuizioni non provate, future verità". Se pure i borghesi scendono sul nostro terreno allora sta succedendo qualcosa a livello sociale. Come dice la nostra corrente, "l'intelligenza, la scienza, la conoscenza hanno origine nel movimento avanzante – abbandoniamo l'ignobile termine di "progressivo". Nella parte decisiva della sua dinamica la conoscenza prende le sue mosse sotto forma di una intuizione, di una conoscenza affettiva, non dimostrativa; verrà dopo l'intelligenza coi suoi calcoli, le sue contabilità, le sue dimostrazioni, le sue prove. La novità, la nuova conquista, la nuova conoscenza non ha bisogno di prove, ha bisogno di fede! Non ha bisogno di dubbio, ha bisogno di lotta! Non ha bisogno di ragione, ha bisogno di forza! Il suo contenuto non si chiama Arte o Scienza, si chiama Rivoluzione!".

Articoli correlati (da tag)

  • Forma e antiforma

    Durante la teleconferenza di martedì sera, connessi 24 compagni, abbiamo ripreso quanto detto in una recente relazione riguardo le manifestazioni passate, presenti e future dell'antiforma.

    Nel luglio del 1962 in Piazza Statuto a Torino scoppia la rabbia operaia. La goccia che fa traboccare il vaso è un accordo separato della UIL con la direzione della Fiat. Centinaia di operai cercano di assaltare la sede del sindacato "traditore" e per due giorni la piazza è teatro di scontri con la polizia. Nelle manifestazioni, da una parte si vede un'assoluta rispondenza dei metodi alle tipologie di scontro tipiche del movimento operaio, dall'altra si nota qualcosa di nuovo: una componente operaia giovanissima, soprattutto meridionale, che rappresenta il nocciolo duro di una forza che non vuole più saperne di trattative e si scaglia contro un presente fatto di miseria, alienazione e sfruttamento. Borghesi di destra e di sinistra, invocando carcere e repressione, li chiamano i teppisti con le maglie a strisce.

    La vicenda di Piazza Statuto è servita da cartina di tornasole per tutte le forze che si rappresentavano come alternative ai partiti e ai sindacati di allora. Fu esemplare il comportamento degli operaisti dei Quaderni Rossi, che presero le distanze dagli scontri denunciando la "squallida degenerazione di una manifestazione che era iniziata come protesta operaia verso il tradimento sindacale della UIL" (Cronache dei Q.R.). In quel frangente il programma comunista scrisse l'articolo "Evviva i teppisti della guerra di classe! abbasso gli adoratori dell'ordine costituito!"

  • Motori delle rivoluzioni

    Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 27 compagni, abbiamo ripreso la questione del battilocchio, ovvero la funzione della personalità nella storia, commentando alcuni passi dal filo del tempo "Fantasime carlailiane", pubblicato su Il programma comunista n. 9 del 1953, e dalla lettera di Bordiga a Perrone del giugno dello stesso anno.

    In "Fantasime carlailiane" viene adoperata una bella metafora per spiegare la differenza tra motori e strumenti delle rivoluzioni:

    "Non vediamo dunque sorgere il futuro né da una volontà di tutti (o della malfamata maggioranza) né da quella di uno; in questo senso neghiamo la funzione individuale. L'io generale e quello particolare non sono motori del fatto storico: si capisce che sono gli operatori. Tale distinzione è la stessa che corre tra le macchine: quelle motrici che danno l'energia meccanica, quelle operatrici che agiscono su materiale da trasformare. L'io non è un primo motore, ma un finale utensile."

    In una fabbrica servono le macchine operatrici, ma serve in primis l'energia meccanica per farle muovere. Lo stesso discorso vale per i grandi cambiamenti sociali: servono gli uomini per fare la storia, ma senza una polarizzazione che li schieri in classi contrapposte nessuna rivoluzione è possibile.

  • Una curva pericolosa

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 21 compagni, è iniziata commentando alcuni articoli pubblicati in occasione del centenario della nascita del Partito Comunista d'Italia.

    Il sito Jacobinitalia.it ha pubblicato un'intervista a Pietro Basso sull'antologia di scritti in lingua inglese di Amadeo Bordiga di cui egli è stato curatore (The Science and Passion of Communism. Selected Writings of Amadeo Bordiga (1912-1965)). Lo studioso riconosce al rivoluzionario napoletano grandi meriti ma gli rimprovera di aver negato, con il suo anti-democratismo, la "necessaria battaglia per la difesa dei diritti democratici delle classi lavoratrici". Dimentica, evidentemente, che per i comunisti la lotta di classe non è questione di diritti bensì di forza.

    Nell'articolo "Amadeo Bordiga - Ascesa e caduta di un rivoluzionario", comparso recentemente su Marxismo.net, si legge: "Contribuisce a rendere quella di Bordiga una concezione politica sui generis anche la sua natura non sistematica. Egli espresse il suo pensiero in interventi puntuali e sparsi, rifiutandosi di dargli una veste organica: la sua produzione è composta da pochi lavori d'insieme e un numero incalcolabile di articoli, note, documenti, sempre legati alla battaglia contingente, utili agli obiettivi del momento. Questo modo di operare è senz'altro uno dei motivi che ne hanno decretato il sostanziale oblio nella tradizione comunista."

Rivista n°49, aprile 2021

copertina n°49

Editoriale: Socialità e socializzazione

Articoli: La dottrina sociale della Chiesa - La grande scommessa - La pandemia e le sue cause

Terra di confine: Virtualizzazione

Recensione: Teoria particolare dei sistemi

Doppia direzione: L'ipertesto

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 243, 7 maggio 2021

f6Grazie, stato

f6Lockdown alla cinese

f6Chi troppo in alto sal…

f6Il posto più pericoloso del mondo

f6Il nato e il prodotto

Leggi la newsletter 243
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email