Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  22 gennaio 2013

Contenuto è contesto, attività, è rapporto, comunità

Sul sito Chicago86 è stato recentemente pubblicato un articolo sulla "global call" indetta dal collettivo VIA22, gruppo nato in Canada la scorsa primavera in seguito all'imponente ondata di manifestazioni studentesche e non. Attraverso il software VOIP Mumble (che sembra possa reggere la partecipazione di oltre un centinaio di utenti), gli attivisti si ritrovano on line ogni 22 del mese per discutere del "movimento" globale e delle iniziative in corso o future con l'intento di dar vita ad una rete globale di solidarietà. Lo scorso 22 gennaio alcuni compagni hanno partecipato all'assemblea virtuale a cui erano presenti una decina di attivisti provenienti da Canada, Spagna (Indignados), Usa (Occupy) e Messico (YoSoy132). I temi su cui si è sviluppato il confronto sono stati l'Earth Day organizzato per il prossimo 22 Aprile, il World Social Forum 2013 che si terrà in Tunisia, il movimento Occupy di Kalamazoo in Michigan, la necessità di centralizzare le piattaforme di movimento per la diffusione delle notizie in streaming durante le azioni globali. La discussione online si è svolta anche con l'ausilio di una chat presente nel software Voip e con l'appoggio ad un sito esterno per la compilazione in tempo reale del verbale dell'assemblea: attraverso PiratePad, un servizio simile a GoogleDocs, tutti i partecipanti hanno potuto assistere e contribuire alla stesura del resoconto "just in time". I compagni connessi, a cui è stata chiesta una breve presentazione, hanno spiegato il progetto di Chicago86 e inviato tramite chat il "chi siamo" presente sul sito in più lingue e il documento "Global Spring". Prima di questa assemblea c'erano stati degli scambi di e-mail con alcuni attivisti della piattaforma InterOccupy.

Al di là dei contenuti discussi durante la tele riunione, quello che è risultato più interessante è stata l'organizzazione dell'assemblea e l'approccio assolutamente inclusive. Nel mondo i processi autorganizzativi che si mettono in moto sono sempre più potenti. In questo caso il collegamento tra persone di diverse nazionalità è indicativo: può essere effettuato da chiunque grazie ai software e alle istruzioni presenti in rete ed il problema della lingua è presto superato con traduzioni fatte in tempo reale da traduttori elettronici od in carne ed ossa.

L'epoca di Internet è caratterizzata da un movimento sociale generalizzato. L'esempio storico più calzante a cui possiamo riferirci è quello dell'amigdala: ricerche paleontologiche hanno rivelato che le amigdale paleolitiche non erano semplici attrezzi ma strumenti di una qualche forma di linguaggio, la cui fabbricazione incideva sulla produzione del linguaggio stesso anche attraverso lo sviluppo di aree del cervello dedicate. Allo stesso modo, come già intuì Engels, le grandi costruzioni monumentali, incomprensibili per l'uomo borghese, potrebbero essere state, come l'amigdala, uno strumento per sviluppare linguaggio e cervello sociali. Tutte le società umane hanno subìto un'evoluzione analoga a quella dell'amigdala-linguaggio. Nel caso di Internet non si tratta tanto e solo di analizzare meticolosamente i contenuti proposti da chi lo utilizza, ma piuttosto di comprendere il cambio di paradigma che esso incarna. E' l'interazione tra persona e tecnologia che ci interessa. A livello sociale si sta formando un organismo bio-cibernetico aperto, in grado di assorbire informazione, di filtrarla, di utilizzarla o di ignorarla. Accenniamo anche alla curiosa piattaforma "LiveMocha", sito che permette di imparare le lingue straniere tramite un meccanismo di doppia direzione: allievi e maestri allo stesso tempo, il proprio processo di apprendimento è legato a quello altrui e allo sviluppo della piattaforma stessa.

A proposito di sviluppo del cervello sociale, il collegamento al libro di John Brockman, "Digerati (Dialoghi con gli artefici della nuova frontiera elettronica)", viene spontaneo: "L'uomo crea i propri strumenti e poi si forma a loro immagine e somiglianza".

Nell'epoca della smaterializzazione delle merci anche i borghesi comprendono che abbiamo a che fare con una merce non più discreta ma continua e quindi in divenire: "Il valore sta nell'attività. Una sintesi totale di tutta la conoscenza umana non produrrà una quantità fantastica di dati, o enormi biblioteche piene di libri. L'informazione è processo. Il valore non sta più nella quantità, nella spiegazione. Il valore sta nell'attività. Contenuto non è più un sostantivo. Contenuto è contesto. Contenuto è attività. Contenuto è rapporto, comunità. Contenuto non è testo o immagini distinti dalle componenti interattive che forniscono loro accesso. Contenuto è la qualità interattiva. Contenuto è un verbo, un processo in divenire."

E continua: "L'Idr [Intelligenza distribuita in rete] è la mente collettiva esternata, la mente che tutti condividiamo. Idr è l'infinita oscillazione della nostra coscienza collettiva che interagisce con se stessa, aggiungendo una dimensione più piena e ricca a quel che significa essere umani. Io sono Internet. Io sono il World Wide Web. Io sono informazione. Io sono contenuto. I computer non c'entrano. La comunicazione umana, sì".

A livello "sindacale" il contesto italiano mostra sempre più segnali diffusi di subbuglio. La lotta nata nel settore della logistica (soprattutto alla SDA/Poste di Roma) e gestita dal Sicobas sembra coinvolgere lavoratori a cui non bastano le solite rivendicazioni (scatti salariali, rispetto dei contratti, ecc.) e che spingono per un allargamento del movimento e delle sue richieste. Sarebbe interessante se riuscissero a creare collegamenti con i lavoratori dell'Ikea e dei grossi centri di distribuzione nel Nord Italia. A Taranto invece sono arrivate altre 500 unità di polizia in funzione preventiva vista l'eventualità del blocco degli stipendi per gli operai dell'Ilva, dove sono in più di diecimila a rischiare il "posto". Taranto è l'Italia, la temperatura sociale sta salendo e tutti i problemi di coordinamento verranno via via superati dalla realtà. Per adesso si fatica ad individuare spazi/luoghi di aggregazione ma gli ostacoli saranno facilmente superati qualora si raggiunga una determinata soglia critica ("L'atomo sociale" - Mark Buchanan). A tal proposito è da segnalare un volantino del Sin.Base di Genova che attacca duramente l'ipotesi dei sinistri di nazionalizzare le fabbriche in crisi.

Dagli Usa arriva invece la notizia di un altro "suicidio" nell'ambiente cyber-attivista. Il giovane programmatore Aaron Schwarz, nonché scrittore e conosciutissimo attivista del Web, era stato arrestato per aver scaricato buona parte del database di articoli accademici JSTOR tramite la rete open access del MIT e per questo perseguitato alacremente dalla macchina giudiziaria americana, che non gli ha lasciato scampo. Sempre in territorio statunitense si fanno più frequenti le stragi, specie ad opera di insospettabili, sintomo evidente che il fronte interno scricchiola. Il fenomeno della vita senza senso non può che essere maggiore nel cuore del capitalismo dove però se da un lato troviamo fenomeni distruttivi o autodistruttivi, dall'altro vediamo esperienze aggregative come quelle di OWS.

Il collasso degli stati continua a ritmo incalzante e quanto sta accadendo in Mali né è la prova. La Francia ha immediatamente inviato i propri contingenti nel paese africano, prova di debolezza che però non poteva essere evitata pena la mancata protezione degli interessi nazionali. Anche la Germania è intervenuta ma non in collaborazione coi francesi in quanto gli interessi in gioco sono differenti. Nel frattempo le popolazioni berbere, represse da cinquant'anni dal governo della vicina Algeria, e tuareg cominciano ad autorganizzarsi.

Come scritto nell'articolo "L'Africanistan di Parigi" apparso sulla rivista Limes, la Francia rischia l'impantanamento in Mali: o i francesi riusciranno a mandare forze adatte a combattere nel deserto o dovranno trovare aiuti internazionali, ma questo scenario non sembra possibile e la situazione potrebbe sfuggire di mano. L'Africanistan descritto da Caracciolo non è uno scenario assurdo o fantasioso perché reali interessi parziali, locali e internazionali si intrecciano e giocano di conseguenza un ruolo decisivo accrescendo il caos in quella zona del pianeta. Basti pensare agli avvenimenti in Sudan, ai signori della guerra in Somalia, ai mercenari della Costa D'Avorio, allo stato nello stato che si sta formando in Algeria, ecc.

Il Capitale nel suo divenire anti-forma sta disgregando esso stesso gli stati nazionali: "[Già] il presente Stato borghese va verso il proprio affossamento, in attesa che si affossi lo Stato senza aggettivi. Ma intanto spaventosamente si gonfia, assume le proporzioni del Moloch divoratore di immolate vittime, del Leviathan col ventre gonfio di tesori stritolante miliardi di viventi. Mentre del nostro Stato rivoluzionario prevediamo la dissoluzione graduale, del presente Mostro prevediamo invece la paurosa, ma luminosa esplosione (Inflazione dello Stato, 1949)."

Articoli correlati (da tag)

  • Il piede sull'acceleratore

    La teleriunione di martedì 8 novembre, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo la situazione politica e sociale negli USA.

    Con le elezioni di midterm si rinnovano le due Camere del Congresso, il Senato e la Camera dei Rappresentanti. Si rinnovano quindi i 435 deputati e 35 dei 100 senatori, oltre a 36 governatori su 51. Diversi analisti politici descrivono una condizione di caos montante a causa della polarizzazione della società americana. La corrente a cui facciamo riferimento, nell'articolo "Raddrizzare la gambe ai cani" del 1952, diceva che il mondo borghese "cadrà in crisi se vi cade il formidabile sistema capitalistico con centro a Washington, che controlla i cinque sesti dell'economia matura al socialismo, e dei territori ove vi è proletariato salariato puro. La rivoluzione non potrà passare che da una lotta civile nell'interno degli Stati Uniti, che una vittoria nella guerra mondiale prorogherebbe di un tempo misurabile a mezzi secoli."

    Dopo la Seconda guerra mondiale, nel piccolo raggruppamento di internazionalisti con base in Italia esistevano pruriti attivistici e alcuni pensavano di riproporre, tale e quale, la dinamica vista dopo il primo conflitto mondiale con la formazione del PCd'I. Bordiga sosteneva che alla data del 1920-1921 la Russia e l'Internazionale avevano dato tutto quello che potevano dare, e che quindi già all'epoca la situazione in Occidente era tutto fuorché rivoluzionaria; era perciò impossibile che nel secondo dopoguerra si ripresentasse qualcosa di simile agli anni '20, anche perché, nel frattempo, sistemi capitalistici come quello americano avevano impiantato basi militari ovunque (in primis in Italia e Germania), rinsaldando il loro dominio sul globo terracqueo. La rivoluzione, si diceva, era possibile solo quando sarebbe collassato quel sistema di potere, era quindi prioritario per i comunisti un "laborioso bilancio del disastro controrivoluzionario da esaminare, intendere ed utilizzare ad un totale riordinamento".

  • L'impotenza della vecchia forma

    Abbiamo cominciato la teleriunione di martedì primo novembre, presenti 18 compagni, parlando di quanto sta accadendo in Brasile dopo l'esito del ballottaggio che ha portato alla vittoria di Ignacio Lula da Silva.

    Immediatamente dopo i risultati elettorali, i sostenitori dell'uscente presidente Jair Bolsonaro si sono mobilitati, organizzando blocchi stradali e sit-in fuori dalle caserme. Bolsonaro non ha riconosciuto ufficialmente la vittoria di Lula, ma ha autorizzato la transizione. Secondo l'Economist, la recente campagna elettorale è stata la più incattivita della storia del paese, fatta di toni esagerati (Lula è stato accusato di essere un comunista satanico e Bolsonaro un pedofilo cannibale) e punteggiata da episodi di violenza tra gli opposti schieramenti. Il giorno del ballottaggio alcuni poliziotti hanno istituito posti di blocco negli stati che sostengono Lula, creando difficoltà a chi si recava alle urne. Il giorno dopo, i camionisti che sostengono Bolsonaro hanno bloccato le strade in undici stati, e diverse testate giornalistiche hanno parlato della possibilità di un intervento dell'esercito per riportare l'ordine.

    Un paio di anni fa avevamo intitolato un nostro resoconto "Polarizzazione globale" prendendo spunto dall'articolo di Moisés Naím "Negli Stati Uniti ha vinto la polarizzazione"; il giornalista venezuelano sosteneva che ormai le campagne elettorali, invece di ridurre i fenomeni di divisione sociale, li ingigantiscono. La situazione brasiliana sembra un segnale, sia per i toni che per la polarizzazione degli schieramenti politici, di quanto potrebbe accadere a breve negli USA. Le forze politiche una volta antisistema, minoritarie, tenute ai margini, ora si sono fatte sistema. Il riferimento immediato è agli USA di Donald Trump, ma anche ad alcuni paesi europei. Non passa giorno che non escano articoli allarmati sulle elezioni di midterm americane, e sul rischio che rappresentano per la tenuta sociale.

  • "Pericolose tempeste" in arrivo

    La teleriunione di martedì sera, a cui si sono collegati 18 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo al XX congresso del PCC che si è aperto domenica 16 ottobre nella Grande sala del popolo di Pechino con il discorso del presidente Xi Jinping.

    I punti salienti della relazione, che è durata un'ora e mezza contro le quattro attese, sono stati: la conferma di quella che è stata definita la "guerra popolare" a tutto campo contro la Covid-19, e cioè la politica "zero contagi" che ha "privilegiato la vita umana"; e la preoccupazione per l'arrivo di "pericolose tempeste", a cui il paese deve prepararsi investendo sulla "sicurezza", parola citata 50 volte. Durante il congresso, che rinnoverà il mandato a Xi Jinping per la terza volta, anche il termine nazione è stato ripetuto in innumerevoli occasioni, ed è stata ribadita con forza la necessità di mantenere unito il popolo al suo partito ("unità ideologica").

    L'economia cinese sta rallentando, a causa degli esordi della recessione globale ma anche per la linea zero Covid, che ha imposto blocchi e limitazioni agli scambi e agli spostamenti. A ciò si sono aggiunti, negli ultimi tempi, i problemi del mercato immobiliare (vedi caso Evergrande), settore verso cui sono confluiti i risparmi di molti cinesi.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email