Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  1 ottobre 2013

#Shutdown Usa

La teleriunione di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata dal commento di alcuni articoli sullo shutdown del governo americano. I membri del congresso non hanno raggiunto, come alcuni prevedevano, l'accordo sul budget federale. Questo significa che le casse dello stato chiudono, bloccando fondi e mettendo in crisi il funzionamento di servizi di pubblica utilità. Commentatori e giornalisti parlano di scelta ideologica da parte dei repubblicani (nel novembre 2014 ci sono le elezioni di metà mandato e il partito cerca di mobilitare la propria base), ma la spaccatura nel congresso è un prodotto della situazione economica generale. Ha poco senso incolpare una parte politica per una crisi di natura non congiunturale. Barack Obama ha dichiarato che garantirà gli stipendi ai militari in missione, si è dimenticato però di dire che circa 800mila lavoratori statali sono senza stipendio. In prospettiva il rischio è il default degli Usa e i dirigenti delle maggiori banche di Wall Street chiedono che si trovi al più presto un accordo. La borghesia non può arrivare a suicidarsi, ma è impossibilitata a comportarsi diversamente.

Quella che fino a poco tempo fa era la normale dialettica tra i partiti, assume oggi aspetti nuovi e può portare a polarizzazioni sociali inaspettate. A destra come a sinistra si sta scherzando con il fuoco: i dati economici dimostrano che lo spazio di manovra è sempre più ridotto e da queste prove di forza potrebbero innescarsi preoccupanti reazioni a catena. Quanto sta accadendo in questi giorni è molto diverso dallo shutdown di 18 anni fa: l'amministrazione Clinton aveva diminuito il debito e l'economia aveva ripreso fiato dopo la deregulation reaganiana. Oggi c'è il rischio che gli Usa vengano degradati dalle principali agenzie di rating internazionali.

Questo è l'ultimo colpo di coda dell'imperialismo nel disperato tentativo di salvarsi. Il piano consiste nell'aumento del plusvalore assoluto a scapito di quello relativo: meno macchine e tecnologia e più sfruttamento di tipo schiavistico. La Germania e il Giappone ci sono riusciti, nonostante quest'ultimo sia da vent'anni in una fase depressiva a crescita zero. Gli Usa non sono esportatori e nonostante questo vendono titoli di stato a mezzo mondo incassando i miliardi di dollari che poi versano alle banche. Queste, che dovrebbero utilizzarli per dare ossigeno all'economia, li reinvestono in cartolarizzazioni, mutui e paccottiglia finanziaria. E' un circolo vizioso che, evidentemente, non può durare a lungo. Dal punto di vista capitalistico hanno ragione i repubblicani a non volere un'amministrazione che continua ad assistere la popolazione. L'alternativa del diavolo è stimolare i consumi distribuendo soldi a tutti, oppure invertire la marcia e puntare sull'impiego massiccio di disoccupati pagati poco e sfruttati al massimo. Milton Friedman proponeva di distribuire valore nella società agendo sui consumi, non è stato ascoltato perché il Capitale è abbastanza autonomo da fregarsene dei governi. I meccanismi della globalizzazione obbligano gli attori statali a foraggiare prima le banche e poi, eventualmente, la popolazione immiserita.

La classe dominante non riesce più a compattarsi intorno agli interessi comuni. Il sistema è fuori controllo e dal 2007 ad oggi tutti gli indicatori economici mostrano che la situazione è peggiorata. Il Capitale anonimo e globalizzato fa ballare gli Stati al suo ritmo e gli esecutivi nazionali sono sempre più inadeguati nella gestione delle crisi mondiali:

"In una situazione che tende a sfuggire di mano alle borghesie nazionali per effetto dell'internazionalizzazione e autonomizzazione del Capitale, il sistema avrebbe bisogno vitale di un controllo economico e sociale planetario. Quello che sta succedendo in Europa con la folle e suicida competizione per la salvaguardia dell'interesse nazionale è lo specchio di quello che succede nel mondo, solo che fuori d'Europa non si teorizza alcuna unità sovranazionale. Perciò si aggiunge un ulteriore livello di contraddizione: sarebbe appunto necessario un controllo planetario, ma quando si tenta di realizzarne almeno dei surrogati, il nazionalismo ha il sopravvento." (Lo Stato nell'era della globalizzazione)

In tale quadro la situazione politica greca è paradigmatica: da una parte i mercati - per mano della Troika Ue-Bce-Fmi - chiedono misure di contenimento dei conti pubblici, dall'altra tali misure deprimono l'economia e provocano tensioni che sfociano in disordini sociali. L'effetto politico-sociale di un'ondata che sta coinvolgendo tutto il mondo e con problemi così omogenei nonostante le particolarità locali, non può essere paragonato a quello di un terremoto, ma a quello dell'energia che si accumula prima di un terremoto. In Italia il capitalismo ha mille anni, è troppo vecchio per ristrutturarsi, negli Usa invece è ancora giovane e potrebbe riuscire nell'operazione di impoverimento della popolazione al fine di ridurre il salario medio. L'America non può permettersi di statalizzare ulteriormente l'economia... di qui la lotta tra la tendenza demo-fascista che punta all'aumento della spesa sociale (i più reazionari sono i democratici, compreso Roosvelt che passa per rivoluzionario ed invece ha impiantato un sistema fascista), e quella "liberista" che punta all'impoverimento di ampie fette di popolazione. E siccome gli Usa fanno da apripista, prossimamente invece delle manifestazioni di Occupy Wall Street, vedremo quelle di Occupy The World.

Si è poi passati a parlare dei timori del mondo per il caos politico in Italia e dell'impatto di questo disordine sulla stabilità dell'Euro. I parlamentari in quota Pdl sono pressati a tutto campo affinché una parte di loro si smarchi da Berlusconi e appoggi Letta. E' importante ribadire che i governi non contano nulla nelle decisioni importanti: il Capitale comanda su tutto e ci sono amministratori occulti che eseguono i suoi ordini. Se il parlamento servisse ad amministrare tecnicamente qualcosa e non soltanto a fare fessi i cittadini, su cinque anni di massima vita non ne dedicherebbe uno alle elezioni e un altro a discutere la legge per costituire se stesso! Fatto il conto delle ore di sbraitamento, si va al di là dei due quinti (Il cadavere ancora cammina). Il parlamento potrebbe essere cancellato domani e le fabbriche andrebbero avanti lo stesso, nel paese non succederebbe nulla. Ma quando la nave sta affondando i topi l'abbandonano e, di fronte ad una dittatura del Capitale che tende ad eliminare i parlamenti, i politici fibrillano per difendere il loro posto di lavoro. A questo punto abbiamo letto un passo da Il piccolo golpe d'autunno:

"Ogni governo nazionale, in quanto comitato degli interessi di borghesie nazionali, è costretto a mediare sul piano internazionale e quindi a scontrarsi per salvaguardare interessi locali. Ciò lo rende totalmente inadeguato ad affrontare gli sviluppi economici e finanziari che si manifestano sul piano generale e globale. Sarà perciò difficile che il nuovo esecutivo italiano possa risolvere una situazione così incancrenita com'è quella nazionale e però collegata al contesto mondiale. Quello che conta, comunque, è la serie di conferme da trarre dalla pressione che i fatti materiali esercitano sulla compagine politica."

Nell'articolo in questione si parla del modello Peccei-Visentini. La grande borghesia dell'epoca aveva provato - in via del tutto teorica - a superare la democrazia parlamentare ipotizzando l'avvento di un modello sociale che funzionasse come la fabbrica. Il principio organizzatore della fabbrica avrebbe dovuto estendersi a tutta la società, coinvolgendo agricoltura, urbanistica, industria, economia, salute, tempo libero. I sostenitori di tale modello non avrebbero accettato la definizione nuda e cruda di società-fabbrica, ma di fatto proponevano un assetto sociale che funzionasse come il mondo della produzione e non come quello della politica. Oggi velleità tecnocratiche di questo tipo hanno poca possibilità di imporsi. Dal punto di vista istituzionale il Presidente Napolitano ha fatto tutto quello che gli era permesso, riuscendo a non ricorrere alle elezioni. Adesso giocherà pesante: un paese come l'Italia non può permettersi di andare troppo in basso nella gestione della "cosa pubblica". È vero che c'è la globalizzazione e per il proletariato non cambia nulla se viene sfruttato da un capitale nazionale oppure da uno estero, ma per la borghesia la vendita di aziende strategiche è un dramma poiché vengono sottratte quote nazionali di plusvalore da settori produttivi.

Nel frattempo i sindacati, non contenti dell'ingovernabilità del paese, chiedono a gran voce di essere governati. Sono sempre più al servizio dello Stato: "Cgil, Cisl e Uil ribadiscono che occorre una buona legge di stabilità che inverta le scelte recessive compiute in questi anni: non si può immaginare un'uscita dalla crisi senza puntare sul lavoro e sulla buona occupazione. Per questo serve un vero Governo del Paese, capace di compiere le scelte necessarie a rispondere alle richieste del mondo del lavoro." La disoccupazione in Italia ha raggiunto livelli da record storico e tutti, da Confindustria al Vaticano, lanciano l'allarme affinché si trovi una soluzione. La Sardegna è una delle regioni più devastate dalla crisi e tutte le categorie, dai pastori agli operai ai disoccupati, sono in stato di agitazione. Sul fronte sindacale un compagno ha parlato delle lotte in corso nel settore della logistica. Il movimento resiste e proseguono le mobilitazioni nel Lazio e nelle Marche. Stufi di essere schiavizzati da cooperative di mafiosi, facchini e corrieri si auto-organizzano e scendono in sciopero. Martedì 1 ottobre, i lavoratori dei magazzini TNT di Fiano Romano sono scesi in lotta bloccando fin dalle quattro del mattino il carico e lo scarico delle merci. Di fronte a una condotta pesantemente arrogante e provocatoria da parte dei capetti della cooperativa, la risposta dei lavoratori è stata decisa. Benché la direzione di TNT avesse dato la disponibilità alla trattativa dopo un'ora e mezzo dall'inizio del blocco, quest'ultimo si è protratto fino alla fine del turno di lavoro. La cosiddetta sinistra sindacale è sparita o comunque si tiene lontana da queste lotte. Invece di partecipare agli scioperi per controllarli e portare gli operai nel sindacato, sta cercando di formare un movimento politico da presentare alle prossime elezioni europee. Anche questo è un segno dei tempi.

Articoli correlati (da tag)

  • Il crollo dell'ordine economico mondiale

    La teleriunione di martedì sera è iniziata prendendo spunto dall'ultimo numero dell'Economist ("The new economic order", 11 maggio 2024), che dedica diversi articoli alla crisi mondiale in atto.

    Secondo il settimanale inglese, a prima vista il capitalismo sembra resiliente, soprattutto alla luce della guerra in Ucraina, del conflitto in Medioriente, degli attacchi degli Houthi alle navi commerciali nel Mar Rosso; in realtà, esso è diventato estremamente fragile. Esiste, infatti, un numero preoccupante di fattori che potrebbero innescare la discesa del sistema verso il caos, portando la forza a prendere il sopravvento e la guerra ad essere, ancora una volta, la risposta delle grandi potenze per regolare i conflitti. E anche se non si arrivasse mai ad uno scontro bellico mondiale, il crollo dell'ordine internazionale potrebbe essere improvviso e irreversibile ("The liberal international order is slowly coming apart").

    Il fatto che un periodico come l'Economist, rappresentante del capitalismo liberale, arrivi a parlare di un ordine economico prossimo al collasso è da annoverare tra quelle che la Sinistra definisce "capitolazioni ideologiche della borghesia di fronte al marxismo". L'infrastruttura politica a guida americana che faceva funzionare le relazioni tra gli stati è andata in frantumi. Organismi nati per risolvere le controversie mondiali, ad esempio il WTO, non riescono a promuovere il commercio internazionale, che negli ultimi anni ha registrato una frenata, e a far ripartire un ciclo virtuoso di accumulazione. Secondo il settimanale inglese, i sussidi e gli aiuti all'economia nazionale, e i dazi e le sanzioni agli stati concorrenti, anche a causa della guerra (secondo il gruppo di ricerca Global Sanctions Database, i governi di tutto il mondo stanno imponendo sanzioni con una frequenza quattro volte superiore a quella degli anni '90), rappresentano una minaccia all'economia di mercato rendendo più difficile la ripresa globale. Negli ultimi anni hanno smesso di crescere gli investimenti transfrontalieri, anche in conseguenza alle misure protettive adottate dagli stati; si sono sviluppate forme di pagamento che bypassano i circuiti standard; si sta combattendo una guerra che non produce ufficialmente vittime, ma che è alla base dello sconvolgimento in corso: la guerra per detronizzare il dollaro.

  • La guerra è dissipazione di energia

    La teleriunione di martedì sera è iniziata discutendo dell'evoluzione degli attuali scenari di guerra.

    Gli Stati, anche quelli importanti come USA e Federazione Russa, faticano a tenere il passo nella produzione di munizioni necessaria per il conflitto in corso in Ucraina. Il Fatto Quotidiano riporta alcuni dati significativi: nel giugno 2022 i Russi sparavano 60 mila colpi al giorno, a gennaio del 2024 ne sparavano 10-12 mila contro i 2 mila dell'esercito avversario. Senza l'aiuto dell'Occidente l'Ucraina sarebbe già collassata, ma ora l'America ha delle difficoltà: "Gli Usa, il principale fornitore di proiettili di artiglieria dell'Ucraina, producono 28mila munizioni da 155 mm al mese con piani di aumento della produzione a 100mila entro il 2026." La fabbricazione di tali quantità di munizioni comporta uno sforzo nell'approvvigionamento di materie prime, e infatti c'è una corsa all'accaparramento di scorte di alluminio e titanio. Già l'anno scorso l'Alto rappresentante UE per la politica estera, Josep Borrell, affermava: "In Europa mancano le materie prime per produrre le munizioni da mandare all'Ucraina".

  • Capitale destinato ad essere cancellato

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un focus sulla situazione economico-finanziaria mondiale.

    Abbiamo già avuto modo di scrivere delle conseguenze di una massa enorme di capitale finanziario (il valore nozionale dei derivati è di 2,2 milioni di miliardi di dollari) completamente slegata dal Prodotto Interno Lordo mondiale (circa 80 mila miliardi annui). Quando Lenin scrisse L'Imperialismo, fase suprema del capitalismo, il capitale finanziario serviva a concentrare investimenti per l'industria, che a sua volta pompava plusvalore. Oggigiorno, questo capitale non ha la possibilità di valorizzarsi nella sfera della produzione, perciò è destinato a rimanere capitale fittizio e quindi, dice Marx, ad essere cancellato.

    Nell'articolo "Accumulazione e serie storica" abbiamo sottileneato che è in corso un processo storico irreversibile, e che non si tornerà più al capitale finanziario del tempo di Lenin e Hilferding. In "Non è una crisi congiunturale", abbiamo ribadito come il rapido incremento del capitale finanziario è una conseguenza del livello raggiunto dalle forze produttive. La capacità del capitale di riprodursi bypassando la produzione materiale è un'illusione, e il ritorno alla realtà è rappresentato dallo scoppio delle bolle speculative. Ogni strumento finanziario è necessariamente un espediente per esorcizzare la crisi di valorizzazione, nella speranza di poter trasformare il trasferimento di valore in creazione del medesimo.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email