Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  3 dicembre 2019

Movimenti senza leader

La teleconferenza di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata prendendo spunto dal dibattito politico in corso riguardo la riforma del MES.

Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto anche fondo salva-Stati, è un'organizzazione intergovernativa dei paesi della zona euro che ha la funzione di mantenere la stabilità finanziaria dell'area. Il fondo ha una dotazione di 80 miliardi di euro, ma ne può raccogliere sui mercati fino a 700 attraverso l'emissione di titoli con la garanzia degli stati che vi aderiscono. Tutto sommato, si tratta di poco, specialmente se con questi soldi si pensa di poter contrastare gli effetti di un prossimo crack. Per fare un confronto, basti considerare che il PIL dell'eurozona si aggira intorno ai 16mila miliardi di euro.

Al di là delle polemiche tra partiti, tra favorevoli e contrari, ciò che interessa mettere in luce è la contraddizione in cui gli stati dell'Unione Europea si dibattono: da una parte il fondo serve ad intervenire se un paese rischia di andare in default, dall'altra determina un controllo delle finanze sui singoli paesi togliendo autonomia agli esecutivi. Il capitalismo europeo ha la necessità di superare i confini nazionali per poter competere con giganti come Cina e Usa, ma al tempo stesso deve fare i conti con le singole borghesie, vincolate agli interessi nazionali. Un meccanismo in atto che vede le dinamiche centripete scontrarsi con quelle centrifughe. Lo stesso discorso vale per il capitalismo mondiale: essendo un sistema internazionale di scambio di merci e di flussi di valore, richiede organismi sovranazionali come la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, l'Organizzazione mondiale della sanità e il WTO, ma questi non funzionano come dei ministeri perché non fanno capo ad un esecutivo unico mondiale, ma alle esigenze dei singoli paesi, in primis di quelli più forti, che hanno maggior potere di ricatto. Non solo dal 2008 ad oggi non è stato recuperato il livello precedente di crescita, ma addirittura il commercio mondiale è sceso. Di fronte a tutto ciò, i provvedimenti della borghesia sono di una leggerezza incredibile: servirebbe un po' di coraggio, smettendo di foraggiare le banche e cominciando a versare i soldi direttamente nei conti correnti dei cittadini, come suggerito dal Wall Street Journal.

In situazione di crisi, i singoli paesi reagiscono intervenendo a sostegno di uno o più comparti produttivi e introducendo misure tese a limitare od ostacolare la concorrenza dei prodotti stranieri. Ma il protezionismo produce ulteriore protezionismo, con il risultato di aggravare la stessa crisi. Mentre Donald Trump fa la voce grossa con gli stati europei che vogliono introdurre una tassa per i giganti del Web, i produttori agricoli americani lamentano, a causa dei dazi cinesi, forti difficoltà nell'esportazione in Cina, la quale, negli ultimi tempi, si è orientata verso le derrate agricole prodotte da Argentina e Brasile, paesi a loro volta sottoposti a dazi da parte del governo americano. Quando la coperta si fa stretta, la competizione tra le varie economie si acutizza assumendo i caratteri di una vera e propria guerra. L'Economist afferma che il WTO, per come lo conoscevamo, non esiste più, perché si sta disgregando quell'insieme di rapporti tra paesi capitalisti che ha retto il mondo fino a poco tempo fa. Gli Usa sono legati a doppio filo alla Cina, ma allo stesso tempo impongono e subiscono la guerra dei dazi. L'Europa non è un'entità politica unitaria, con Germania, Francia e Italia che hanno politiche del tutto indipendenti l'una dall'altra; l'Unione Europea non è che una metafora e l'euro una non-moneta. E la Russia, che pur avendo ristrutturato in questi ultimi anni il suo esercito, non è mai diventato un polo produttivo e finanziario in grado di attirare capitali e, anzi, la sua economia arranca. Gli Stati Uniti non si possono fermare, devono per forza fare la guerra (preventiva) a tutti, continuando ad alimentare le loro 800 basi sparse per il mondo. Le attuali espressioni dirette di forza militare, e ancor più quelle future, si producono proprio a causa della loro crescente debolezza.

In campo sociale, si estendono le mobilitazioni e le rivolte. Nei giorni scorsi hanno manifestato gli agricoltori tedeschi e francesi. La Francia, in particolare, è in pieno marasma: per giovedì 5 dicembre è previsto un grosso sciopero generale contro la riforma delle pensioni, e il sabato seguente, come da un anno a questa parte, ci sarà la consueta manifestazione dei gilet gialli. In vista della mobilitazione sindacale, sono già 300 le stazioni di servizio rimaste senza carburante a causa del blocco dei depositi di Brest, in Bretagna; in generale, tutti i settori, dai ferrovieri agli ospedalieri fino ai trasporti pubblici, sono in agitazione. Il dispositivo di sicurezza messo in atto dalla polizia francese, soprattutto a Parigi, è imponente ed il governo è molto preoccupato per l'evoluzione della situazione. Il livello di disordine sociale raggiunto è irreversibile: come il capitalismo non ritornerà al boom della crescita post Seconda Guerra Mondiale, così non possiamo pensare che gli scioperi e le manifestazioni non si acutizzino ed estendano, divenendo persistenti.

Se in Francia c'è tensione (tra i gilet gialli si contano 11 morti e migliaia di feriti, 10 mila arrestati, di cui un terzo condannati), non è che il resto del mondo sia pacificato. In Colombia da 10 giorni va avanti una mobilitazione che coinvolge tutta la società. In Iran, secondo Amnesty International i manifestanti morti sarebbero 208, e sembra che si tratti di stime al ribasso; il New York Times riporta la notizia di intere città rimaste per giorni in mano ai ribelli armati, e assediate dalla polizia che infine è entrata compiendo massacri e arrestando centinaia di persone. Anche in Iraq, dove in seguito alle proteste il presidente Mahdi si è dimesso, i morti sono centinaia.

Registriamo a livello mondiale un fenomeno generale di dissoluzione del vecchio paradigma. Sta sparendo, per esempio, quello rivendicativo. Anche il battilocchio, il leader movimentista, è scomparso dalla scena. Il giornale online Il Post ha pubblicato un articolo, intitolato "I movimenti senza leader", che riprende una ricerca apparsa sulla rivista liberal americana The Atlantic secondo cui tutti i movimenti di questi mesi, dal Libano all'Iraq, dalla Francia all'Iran passando per il Sud America, sono accomunati dal fatto di non avere un leader, di essere autorganizzati, e di comunicare attraverso Internet: "L'uso dei social media ha avuto un ruolo significativo, ovviamente, contribuendo all'assenza di personalizzazioni: ma la mancanza di una gerarchia interna è in qualche modo intrinseca ai movimenti stessi, e non è casuale né senza precedenti."

"Siamo il 99% contro l'1% e non accettiamo il vostro sistema", affermavano quelli di Occupy Wall Street, che a Denver avevano eletto una cagnetta di passaggio a loro capo supremo. Gli occupiers americani hanno realizzato delle comunità anticapitaliste urbane, saldandosi al proletariato sindacalizzato e non, come durante lo sciopero della West Coast del 2012.

In Italia, in decine di piazze è sceso a manifestare il "popolo" delle sardine. Si tratta di giovani e meno giovani che dicono di non essere adeguatamente rappresentati dalla sinistra parlamentare, e perciò rifiutano slogan e bandiere di partito. Dicono anche di non accettare le politiche dell'odio alimentate dalla Lega e di voler difendere la democrazia. Queste sardine, educate e coscienziose, sono un passo indietro rispetto ai grillini dei "Vaffa Days". Detto questo, quando migliaia di persone scendono in piazza, vuol dire che c'è un disagio sociale crescente.

A proposito di miseria politica, in seguito all'annuncio di Unicredit di un taglio del personale che si aggira intorno agli 8 mila dipendenti, il segretario della CGIL ha dichiarato indignato che "questo non è fare impresa, è essere irresponsabili. Non lo possiamo accettare. Il governo non può accettarlo. Prima di aprire un gravissimo conflitto Unicredit riveda tutto". Secondo Landini, "il sindacato sta dando l'anima per salvare posti di lavoro, capacità produttiva, intelligenze e saper fare. Va data una svolta e va data in fretta."

Niente di nuovo: il sindacato tricolore vuole salvare i posti di lavoro perché ha a cuore la tenuta del sistema-paese. Ha come fine tenere insieme capitale e lavoro, evitando in tutti i modi lo scontro di classe. Saranno i fatti materiali ad incaricarsi di fare piazza pulita di questi rimasugli di ordinovismo-stalinismo fuori tempo massimo. Governanti, capitalisti e sindacalisti hanno un bel gridare a gran voce che il lavoro è sacro, che è un diritto sancito dalla Costituzione, che nobilita l'uomo. Quando il lavoro viene eliminato dal moderno sistema di produzione, esso non è né sacro né maledetto, è semplicemente superfluo. Il capitalismo è il sistema del lavoro salariato e quando espelle in massa forza-lavoro dal ciclo produttivo è come se tagliasse il ramo su cui è seduto.

Chi non è reso cieco e sordo dall'ideologia dominante, capisce benissimo che se il capitalismo fa a meno dei lavoratori, sostituendoli con le macchine, a maggior ragione i lavoratori possono fare a meno del capitalismo.

Articoli correlati (da tag)

  • Il problema del controllo

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata con alcuni brevi commenti riguardo l'esito del referendum in materia di riduzione del numero dei parlamentari, tenutosi in Italia il 20 e il 21 settembre.

    La vittoria del Sì, ossia della parte di elettori favorevole al "taglio" di deputati e senatori, è spiegata dalla sfiducia generale verso le istituzioni, accusate di sperperare i soldi pubblici. Ma non è certo eliminando qualche centinaio di parlamentari che si cambiano le cose. Lo sciupìo capitalistico è immenso e riguarda i meccanismi profondi del processo di accumulazione ("Capitale e teoria dello sciupio"); gli automatismi del mercato, il fatto che robot e software facciano funzionare le borse, dimostrano quanto il capitale sia autonomizzato e quanto proceda per conto proprio, anche se a livello nazionale permangono i parlamentari e, ogni tanto, il rito di infilare una scheda nell'urna.

    Nell'articolo "Il cadavere ancora cammina" (1952) la nostra corrente afferma che il parlamento a noi non serve, ma nemmeno alla borghesia: tale istituto è un mulino a chiacchiere utile solo a perpetuare la mistificazione democratica. Marx ed Engels avevano già osservato che i parlamentari erano "infettati dall'incurabile malattia del cretinismo parlamentare, infermità che riempie le sue sfortunate vittime della convinzione solenne che tutto il mondo, la sua storia e il suo avvenire, siano retti e determinati dalla maggioranza dei voti di quel particolare consesso rappresentativo" (Rivoluzione e controrivoluzione in Germania, 1852). Lenin aggiunse un'ulteriore osservazione: "La potenza del Capitale è tutto, mentre il parlamento, le elezioni, sono un gioco di marionette, di pupazzi", attribuendo il cretinismo non solo agli eletti ma anche agli elettori che si fanno imbonire (Sullo Stato, 1919). Il cretinismo parlamentare è uscito dai palazzi delle istituzioni e ha contagiato anche quelli che a parole rifiutano questa società ma ne riproducono nella pratica tutte le categorie politiche e ideologiche, arrivando, come nel caso di quest'ultimo referendum, a difendere la Costituzione borghese.

  • Due poli opposti

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 18 compagni, è iniziata con le notizie riguardo gli ultimi sviluppi della situazione libanese, a cominciare dall'esplosione avvenuta nella zona del porto di Beirut.

    Da giorni le piazze del paese mediorientale si riempiono di migliaia di manifestanti che si scontrano violentemente con la polizia e lanciano slogan contro il governo e contro Hezbollah. A Beirut, sabato 8 agosto, sono stati presi d'assalto i ministeri dell'Energia, degli Esteri e dell'Economia, mentre decine di manifestanti sono riusciti ad entrare nella sede dell'Associazione delle Banche del Libano. L'esercito è intervenuto per sgomberare il ministero degli Esteri, dove gli occupanti avevano issato uno striscione con la scritta "Beirut capitale della rivoluzione".

    A Chicago, negli Stati Uniti, è stato imposto il coprifuoco e i quartieri del centro, dopo una notte di scontri e saccheggi, sono stati isolati dal resto della città. Da mesi le principali città americane sono in fibrillazione; a Portland gli incendi e gli scontri con le forze dell'ordine continuano tutte le notti da oltre 60 giorni. Anche in Bielorussia, a Minsk, ci sono state decine di manifestazioni, che hanno visto la partecipazione del mondo del lavoro: hanno scioperato i metallurgici, i minatori, i lavoratori dell'azienda del gas e quelli degli zuccherifici. Durante le assemblee si è sentito parlare di "sciopero fino alla vittoria".

  • Accumuli di energia

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 26 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo le manifestazioni in corso in tutto il pianeta, notando come esse mostrino con sempre maggior evidenza caratteri e dinamiche simili.

    Negli Usa proseguono le mobilitazioni che vanno genericamente sotto il nome di Black Lives Matter, alimentate dalle uccisioni quasi quotidiane di afroamericani da parte della polizia. Il movimento ha iniziato a demolire le statue di colonizzatori o razzisti, provocando la reazione dei suprematisti bianchi che in alcuni casi si sono schierati armati a difesa dei monumenti. Ad Albuquerque, in New Mexico, durante l'abbattimento della statua di un "conquistador" da parte di un gruppo di antirazzisti, un "vigilantes" ha ferito a colpi di armi da fuoco un manifestante. Anche in Inghilterra, a Londra, nello scorso week end si sono verificati scontri di piazza tra nazionalisti, polizia e attivisti di Black Lives Matter.

    Negli stati federati crescono intanto le zone autonome, come quella di Seattle. Nuove aree "liberate" sono nate a Nashville, Ashville, Chicago e Philadelphia. Per ora non si sa molto di quanto accade in queste autonomous zone, anche se dalle informazioni che circolano in rete sembra si tratti di esperimenti che si inseriscono nel solco tracciato da Occupy Wall Street. La Capitol Hill Autonomous Zone (#Chaz) di Seattle si autogestisce e si ritiene altra cosa rispetto allo stato, avvisando chiunque entri nell'area che sta lasciando il territorio degli Stati Uniti d'America. Su Twitter si trovano immagini di membri del servizio d'ordine della Chaz armati, una forma di radicalizzazione rispetto a OWS, che è stata un'esperienza tutto sommato pacifica. Anche alcune manifestazioni antirazziste sono state aperte da cordoni di manifestanti armati, come nel caso di Atlanta, dove un corteo ha visto in prima linea militanti delle Black Panthers.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email