Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  12 dicembre 2023

La vita è un processo simbiotico

La teleriunione di martedì sera, connessi 18 compagni, è iniziata con il commento del filo del tempo "Superuomo, ammosciati!" (1953).

Nel testo si critica la base su cui si fonda l'ordine sociale borghese ovvero l'Individuo, quell'Io presunto motore della storia umana. Personaggi storici d'eccezione, come Giulio Cesare e Napoleone Bonaparte, hanno catalizzato molta più attenzione rispetto a quella che meritavano le falangi romane o, nel caso della Rivoluzione francese, gli anonimi combattenti del "popolo". Da materialisti rifiutiamo il culto dei grandi uomini, dei cosiddetti "fuori classe":

"Come lo Stato, anche questa 'forma' del capo, ha una base materiale e manifesta l'azione di forze fisiche, ma noi neghiamo che abbia funzione assoluta ed eterna: stabilimmo che è un prodotto storico, che in un dato periodo manca; nacque sotto date condizioni, e sotto date altre scomparirà."

L'origine e la funzione del "battilocchio" sono da individuare in un preciso contesto storico, in un determinato stadio di sviluppo delle forze produttive. Esso si afferma in seguito alla nascita della famiglia, della proprietà privata e dello Stato (Engels). Al pari dello Stato, anche l'Io di eccezione dovrà estinguersi o, come afferma Lenin, assopirsi. L'Individuo, esaltato dall'attuale forma sociale, è massificato e influenzato dal consumismo come non mai.

Nello studio della flora e della fauna, delle piante e delle migliaia di esseri viventi, si è delineata una corrente scientifica che vede nell'associazione il motore dell'evoluzione. Ovviamente, per la borghesia l'Uomo non fa parte di questo insieme essendo superiore al resto della biosfera. La biologa Lynn Margulis (sostenitrice insieme a J. Lovelock dell'ipotesi Gaia), nel libro Microcosmo sostiene invece che la vita è sorta da una cooperazione fisica iniziale e si tratta quindi di un fenomeno simbiotico, di una "proprietà emergente": nessuna molecola di per sé è viva, solo l'intera cellula rappresenta un'entità vivente e cioè un centro attrattore di altre entità viventi. Ciò significa che vengono conservate solo quelle che altrove abbiamo chiamato differenze utili, quell'informazione che permette lo strutturarsi della complessità organica.

Negli animali ci sono branchi e stormi, nella specie umana prima tribù e poi famiglie, fino alla forma più alta di cooperazione che è la Gemeinweisen (comunità umana). Come umanità andiamo verso quel tipo di organizzazione: "Superuomo, ammosciati!" vuole dimostrare che la figura del "battilocchio" è legata ad una società morente, che ha fatto il suo tempo. Nel rompersi dell'atomo che libera energia, non c'è una gerarchia, non c'è un capo, ma reazioni a catena che determinano la liberazione dell'energia stessa.

In altri lavori abbiamo approfondito la storia del matriarcato, che per millenni ha contrassegnato il divenire della nostra specie. Quella che oggi viene chiamata antica famiglia era in realtà una gens, ovvero un insieme di individui che vivevano in comunione e dove il ruolo della donna era fondamentale; quei rapporti sociali si sono persi con la formazione delle società di classe e l'instaurazione della famiglia monogamica.

Sulla prossima rivista sarà pubblicato un articolo sulla "negentropia" (o entropia negativa), sul fatto che all'interno di un modo di produzione che si sta disgregando stanno emergendo nuovi rapporti sociali: milioni di individui collaborano a livello mondiale attraverso le reti per la realizzazione dei progetti più disparati (Linux, Wikipedia, ecc.), con o senza la presenza del valore (Quello che vuole la tecnologia, Kevin Kelly). In questo tipo di progetti, si fatica a individuare il genio singolo, mentre è rivelabile una genialità diffusa e collettiva. Il capitalismo ha sviluppato la grande industria come base della società futura, adesso tale base sta rompendo la famiglia mononucleare e tutte le vecchie sovrastrutture. La società nuova non ha bisogno di un uomo d'eccezione, non "abbisogna di un centro, di un vertice, di una passerella di comando, di sinedri in cui si faccia la consegna delle chiavi e dei segreti di dominio".

Gli uomini fanno la loro storia, ma non in modo arbitrario, bensì nelle circostanze che trovano davanti a sé (Marx, Il 18 Brumaio di Luigi Bonaparte). Lo Stato è una macchina che va avanti non perché c'è un macchinista particolarmente intelligente, ma perché una moltitudine di individui e strutture ne rende possibile l'esistenza. Il pannello di controllo c'è già, non si può modificare ed è il riflesso di precisi rapporti di classe. Anche in ambito bellico non serve più il condottiero, oggi sostituito da un algoritmo (per individuare gli obiettivi da bombardare nella Striscia di Gaza, Israele utilizza Gospel, un sistema di intelligenza artificiale che, tramite l'analisi dei dati presenti in un database creato dall'intelligence israeliano, ha la capacità "suggerire" dove dirigere il fuoco).

Nel libro L'albero intricato. Una nuova e radicale storia della vita, David Quammen (conosciuto dal grande pubblico per il bestseller Spillover) sostiene che quasi l'8% del genoma umano consiste di retrovirus endogeni. Noi siamo l'integrazione cooperativa di creature che vivono al nostro interno, e lo dimostra il fatto che in "ognuna delle nostre cellule umane risiedono batteri catturati, da lungo trasformati in mitocondri, senza i quali non potremmo esistere". Sorgono quindi degli interrogativi su che cosa sia una specie e che cosa sia un'individualità. Il linguaggio risente della struttura della società: ci vuole una rivoluzione per comunicare in modo diverso (se non c'è più la proprietà non ha più senso il possessivo "mio", "tuo", "nostro", "vostro"). In ambito marxista il partito rivoluzionario è sovente inteso come un raggruppamento di uomini organizzato in vertice e base, una struttura a forma piramidale che riflette il funzionamento della società di classe (1%/99%). Da buoni materialisti sosteniamo la capacità della materia di autorganizzarsi senza bisogno di un intervento divino o volontaristico.

Nelle Tesi di Milano del 1966 è scritto:

"La organicità del partito non esige affatto che ogni compagno veda la personificazione della forma partito in un altro compagno specificamente designato a trasmettere disposizioni che vengono dall'alto. Questa trasmissione tra le molecole che compongono l'organo partito ha sempre contemporaneamente la doppia direzione; e la dinamica di ogni unità si integra nella dinamica storica del tutto. Abusare dei formalismi di organizzazione senza una ragione vitale è stato e sarà sempre un difetto ed un pericolo sospetto e stupido."

La Sinistra ha anticipato le teorie dell'auto-organizzazione, precorrendo il moderno linguaggio della teoria della complessità. Essa ha molto insistito sull'importanza di riconoscere i saggi di comunismo presenti nel capitalismo. Il movimento anticapitalista Occupy Wall Street ha rifiutato la figura del leader, si è organizzato a rete, ha voltato le spalle alla "politica", ha mantenuto un profilo anonimo. Ciò non è avvenuto grazie alla genialità degli organizzatori, ma al fatto che tale movimento, essendo nato nel cuore del capitalismo, a New York, si è basato sul massimo livello raggiunto dalla forza produttiva sociale. La prossima rivoluzione, più che sugli insegnamenti dalle passate esperienze, dovrà trarre ispirazione dal futuro, che è una forza che agisce sul presente.

In chiusura di teleconferenza, si è accennato alla recente intervista a Lucio Caracciolo de L'Unità ("L'Ucraina è un paese fallito, Biden un presidente sconfitto"). Il direttore di Limes afferma che l'Ucraina ha perso quasi un terzo della sua popolazione (milioni di profughi non torneranno più nel paese d'origine) e ha un problema grave di approvvigionamento di munizioni e armi; sostiene, inoltre, che Israele non ha una chiara strategia per il dopoguerra e deve affrontare una situazione instabile al suo interno. Il limite di analisti d'eccezione come Caracciolo sta nel fermarsi alla descrizione dello stato di cose presente, al massimo arrivando a dare consigli agli Stati su come muoversi sullo scacchiere internazionale, senza riuscire a concepire un futuro diverso da quello che ci propina il capitalismo. Si tratta di un limite di classe, dovuto alla loro collocazione sociale.

Articoli correlati (da tag)

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

    La natura segue il suo corso, il quale prevede anche il manifestarsi di fenomeni discontinui o catastrofici. Ma i tempi della natura non sono compatibili con quelli degli interessi borghesi, e viceversa. Badando esclusivamente al profitto, la borghesia si trova puntualmente impreparata di fronte alle cosiddette catastrofi naturali. Secondo il professor Antonio Coviello, docente universitario e ricercatore-economista dell'Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo del Consiglio Nazionale delle Ricerche, l'evacuazione improvvisa dei Campi Flegrei creerebbe un danno economico sul PIL italiano di almeno l'1%: "Sarebbe impensabile evacuare improvvisamente e repentinamente l'intera zona flegrea, come previsto dai Piani di emergenza. Si stima infatti un costo di oltre 30 miliardi di euro annui". La vita umana vale dunque meno del Prodotto Interno Lordo? Nella zona di Pozzuoli siamo, per usare il titolo di uno degli articoli della Sinistra, alla "coltivazione delle catastrofi". Finché l'umanità non seguirà un piano di specie, le catastrofi, invece di essere anticipate, si moltiplicheranno.

  • Guerra "intelligente" e rovesciamento della prassi

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo i sistemi di intelligenza artificiale utilizzati da Israele nella Striscia di Gaza. L'argomento si inserisce nel nostro lavoro in corso sulla guerra e sulle nuove armi in via di sperimentazione in Medioriente e Ucraina.

    Prendendo spunto da fonti israeliane (i due siti di informazione +972 e Local Call), il manifesto ha pubblicato un lungo articolo ("20 secondi per uccidere: lo decide la macchina") in cui sono riportate le interviste ad ufficiali dell'intelligence israeliana che spiegano il funzionamento del sistema IA Lavender e il ruolo che esso ha giocato nei bombardamenti sulla Striscia. Lavender opera in sinergia con il sistema Gospel, che si occupa nello specifico di contrassegnare gli edifici e le strutture da cui Hamas lancia i razzi; e ha il compito di individuare i nemici assegnando un punteggio da 1 a 100 ad ogni individuo: per un alto responsabile di Hamas, se identificato in una palazzina molto abitata, è possibile accettare una certa quantità di "danni collaterali", per un militante minore se ne accetta una inferiore. Il sistema di intelligenza artificiale riesce a costruire dei profili e a definire una "kill list" secondo un processo statistico che ha perciò un margine di errore (intorno al 10%); i tempi impiegati dalla macchina per individuare e colpire un obiettivo sono di circa 20 secondi, l'operatore umano non può quindi tenerne il passo e tantomeno eseguire un'analisi approfondita della lista dei bersagli.

    Non si tratta di indignarsi perché l'IA uccide gli uomini, anche i cannoni e le mitragliatrici lo fanno; si tratta invece di comprendere le novità che emergono dall'utilizzo di questa tecnologia. Siamo nel bel mezzo di una transizione di fase, tra un vecchio tipo di conflitto ed uno nascente: la guerra inizia sempre con gli armamenti, le dottrine, le tecniche del passato, ma in corso d'opera evolve diventando altra cosa. Oggigiorno si combatte ancora nelle trincee, come in Ucraina dove però allo stesso tempo si utilizzano i robot; si adoperano i fucili e le granate, ma anche i missili ipersonici. Nell'articolo dell'Economist "How Ukraine is using AI to fight Russia" si informa il lettore che sin dall'estate del 2022 sono stati utilizzati software per ridurre gli attacchi-disturbo dei Russi. Tante start-up ucraine operanti nel settore hi-tech hanno virato verso le necessità belliche, e sono state utilizzate tecniche di profilazione e monitoraggio, consulenze e indagini statistiche per raccogliere dati e scovare la posizione delle truppe e dei sistemi d'arma nemici. Semantic force è una start-up che si è specializzata nel trattamento dei dati riguardanti il morale della popolazione: ora il suo scopo è comprendere lo stato d'animo dei soldati russi (attraverso i social network e non solo).

  • Rottura di equilibri

    La teleriunione di martedì sera è iniziata dall'analisi della guerra in corso.

    Il bombardamento ad opera di Israele di un edificio annesso all'ambasciata iraniana a Damasco ha provocato una decina di morti, tra cui un importante generale iraniano e altri sei membri dei pasdaran, le Guardie rivoluzionarie dell'Iran. Colpire un'ambasciata equivale ad un attacco diretto al paese che essa rappresenta. Per adesso le potenze imperialiste non si combattono direttamente, ma per procura. Nel caso del conflitto israelo-palestinese, l'Iran utilizza Hamas e il Jihad islamico palestinese, ma anche Hezbollah in Libano e gli Houthi nello Yemen. L'attacco di Israele a Damasco ha alzato la tensione, accrescendo la possibilità del passaggio da una proxy war allo scontro diretto. L'Iran ha annunciato che risponderà nei tempi e nei modi che riterrà opportuni per vendicare l'uccisione dei propri militari.

    In Medioriente, la situazione sta evolvendo in una direzione opposta a quella dell'ordine. Israele deve gestire anche il fronte interno: oltre 100mila persone sono scese per le strade del paese dando luogo a quelle che sono state definite le più grandi manifestazioni antigovernative dal 7 ottobre. Le mobilitazioni più partecipate sono state a Tel Aviv, Haifa, e a Gerusalemme davanti alla sede del parlamento israeliano.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email