Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 dicembre 2019

Strategie preventive?

La teleconferenza di martedì sera, presenti undici compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo il fenomeno delle sardine, scese in piazza in decine di città italiane, e in ultimo in Piazza Castello a Torino.

Nel gruppo Facebook "6000 Sardine Torino", nato meno di un mese fa e composto da circa 72.000 membri, sono elencate le regole create dagli amministratori:

"1) ripudiare tutti i tipi di fascismi e violenze. Il vero caposaldo sotto cui ci riconosciamo sono i principi e i valori dettati dalla nostra Costituzione; 2) le sardine sono un fenomeno politico ma apartitico. Nonostante sia più che giusto che ognuno di noi abbia un'identità politica, è vietato fare propaganda per qualsiasi partito; 3) le sardine sono educate e rispettose. Non saranno accettati linguaggi volgari e qualsiasi tipo di atteggiamento irrispettoso (razzismo, xenofobia, bullismo, omofobia, transfobia, sessismo, etc.); 4) le sardine si aiutano segnalando. É diritto e dovere di chiunque noti un comportamento inappropriato segnalarlo agli amministratori tramite il pulsante 'segnala'."

La difesa della Costituzione, il ricorso alla non violenza, i consigli rispettosi al mondo politico e l'invito alla "segnalazione" dei comportamenti inappropriati sono le caratteristiche, almeno per adesso, di questa specie di movimento. L'Italia è ancora molto indietro rispetto a quanto succede in altri paesi in tema di lotte sociali, ma va tenuto conto del fatto che le motivazioni ufficiali che hanno fatto scendere in piazza milioni di persone, ad Hong Kong così come in Francia, sono state le più disparate e molte volte sono sembrate solo un pretesto, una scintilla che ha dato finalmente sfogo ad una rabbia per troppo tempo repressa. Le manifestazioni di massa valgono più per sé stesse che per le rivendicazioni accampate dagli organizzatori o dai manifestanti.

Detto questo, il fenomeno sardine potrebbe non essere così spontaneo ma celare partiti e forze di sinistra, in primis il PD, che lavorano preventivamente per evitare lo scoppio di incendi sociali e indirizzare il malessere verso obiettivi fittizi, senza creare problemi al Sistema. Anche se così fosse, è da vedere quanto alla lunga i pompieri sociali riusciranno a sviare la rabbia dei senza riserve. Non bisogna essere complottisti per notare che in Italia è in corso un tentativo di creare qualcosa di simile ad Extinction Rebellion (il gruppo ambientalista inglese che indice manifestazioni-spettacolo all'insegna della disobbedienza civile), con parole d'ordine che vanno dal pacifismo all'antifascismo, il tutto condito con tanti Bella ciao e con l'inno di Mameli. Del resto, lo stesso SISDE (Servizio per le informazioni e la sicurezza democratica) ha pubblicato alcuni studi di intelligence in cui spiega l'importanza, per qualsiasi forza politica e statale, di influenzare azioni e decisioni altrui (Vedere "L'agente di influenza", Gnosis, 8 luglio 2013). Nel Belpaese, dunque, potrebbero essersi attivate delle strategie preventive finalizzate ad evitare o almeno ritardare l'emergere di movimenti antiforma. Tuttavia, si può strumentalizzare e influenzare solo quello che c'è, ovvero un malessere sociale diffuso che porta in piazza decine di migliaia di persone.

Le sardine ottengono consenso da tutto il panorama politico (dalla CGIL a Casa Pound, a cui si è aggiunto il variegato mondo associazionistico cattolico), perché si richiamano ai valori della democrazia e dicono di voler difendere le istituzioni repubblicane. Le organizzazioni sindacali applaudono e dichiarano che saranno presenti alla manifestazione del 14 in piazza San Giovanni a Roma, dato che anche loro vogliono più democrazia e maggiore partecipazioni dei cittadini alla vita politica. La manifestazione dei confederali del 10 dicembre scorso, sempre nella Capitale, è stata anticipata dall'intervista rilasciata a Repubblica da Maurizio Landini in cui veniva proposto a governo e imprese un nuovo patto per il lavoro "per impedire che il Paese si sbricioli". Questa "alleanza per il lavoro", come la chiama il segretario della CGIL, non è niente di nuovo e comincia già negli anni '20 del secolo scorso con il patto di Palazzo Vidoni, in cui avviene il reciproco riconoscimento tra le parti sociali con la promessa di trovare luoghi di confronto permanenti. Questo principio fondamentale del sindacalismo fascista sopravvive fino ai nostri giorni: la trattativa non è più da tempo lo sbocco finale dello scontro fra industriali e lavoratori, ma il punto di partenza degli incontri triangolari tra i rappresentanti di quelle che dovrebbero essere le componenti principali della società. Il conflitto tra le classi, elemento naturale in una società basata sullo sfruttamento del lavoro salariato, viene incanalato in una trattativa perenne patrocinata dallo Stato e accettata con entusiasmo, anzi proposta con accanimento da quelli che dovrebbero essere i rappresentanti della classe sfruttata ("Sempre più al servizio dello Stato", 1985).

Da un pò di tempo a questa parte assistiamo a processi di ionizzazione delle molecole sociali in diversi continenti, che evidenziano un rapporto diretto tra la condizione di precarietà, miseria e "vita senza senso" a cui sono sottoposte milioni di persone, e il fatto che il marasma sociale cresca. Il movimento dei gilet gialli è nato contro l'aumento del prezzo della benzina, ma le manifestazioni continuano nonostante la tassa sia stata ritirata. Recentemente in Francia sono state messe in atto nuove strategie della polizia per contenere e disperdere i gilets jaunes, e centinaia di persone sono state arrestate preventivamente in vista delle manifestazioni dell'1 e dell'8 dicembre. La vertenza in corso è, apparentemente, di tipo sindacale, e gli scioperanti bloccano il paese per chiedere il ritiro della riforma delle pensioni voluta dal governo Macron. A ben vedere, si tratta piuttosto di un movimento generalizzato che coinvolge varie componenti sociali e mette a dura prova la rigidità dello stato francese.

Ad Hong Kong la manifestazione per la celebrazione dei 6 mesi dall'inizio della protesta ha portato nelle strade 800mila persone, nonostante i tentativi del governo e della polizia di distruggere e criminalizzare il movimento. In Cile continuano le mobilitazioni, come anche in Colombia, Haiti e Tunisia. In Algeria siamo al 42° venerdì consecutivo di manifestazioni, e per l'8 dicembre è stato proclamato uno sciopero generale di 4 giorni anche contro le elezioni presidenziali, poiché tutti i candidati sono espressione del vecchio potere. In Iraq centinaia di manifestanti hanno occupato piazza Tahrir a Baghdad, che è diventata il quartier generale della protesta. Il modulo Occupy resiste nel tempo e quando la tensione sociale cresce tende a materializzarsi nelle piazze. Anche il politecnico di Hong Kong era stato occupato e autogestito in stile OWS, con una serie di strutture che servivano allo svolgimento delle attività quotidiane, dal mediacenter alla mensa, dalla biblioteca all'infermeria.

I saggi di organizzazione futura messi in campo da Occupy Wall Street hanno lasciato traccia: l'occupazione in pianta stabile delle piazze e la lotta del 99%, cioè di chi fatica a vivere contro il sistema capitalistico, restano punti imprescindibili per qualsiasi movimento che si voglia proiettare nel futuro. Per forza di cose bisogna partire da quel livello e, avendone la forza, andare oltre. E' quanto abbiamo scritto nell'articoletto su #NuitDebout, provando a fare una panoramica sul movimento americano e a confrontarlo con quello europeo. Qualsiasi movimento che si attardi sul paradigma esistente, volge lo sguardo verso il passato invece che verso il futuro, ed è destinato a perire. Il tema è stato affrontato nell'ultimo numero della rivista nell'articolo "Che fine ha fatto il futuro?".

Questo nuovo ciclo di lotte, nato qualche mese fa, è molto più esteso di quello del 2011, iniziato con la Primavera Araba e approdato prima in Spagna e poi negli Usa. La storia del capitalismo, la freccia nel tempo del suo sviluppo irreversibile, porta alla maturazione di determinati fenomeni, al di là della coscienza che ne hanno gli uomini. Il partito rivoluzionario, quell'organismo politico in sintonia con il "movimento reale...", trae i suoi compiti dalla forma sociale futura ed è un potenziale anticipato. Guarda caso, quelli di OWS, voltando le spalle alla democrazia elettorale e alla politica parlamentare, dicevano di essere una voce aliena che dal futuro chiama a raccolta contro il capitalismo.

Articoli correlati (da tag)

  • Il rivoluzionario non confronta con il passato ma con il futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 20 compagni, è iniziata commentando le conseguenze economiche della pandemia attualmente in corso.

    E' di questi giorni la notizia sullo svuotamento della City di Londra, dove hanno chiuso i battenti diversi uffici. Secondo il Corriere della Sera (07.09.20), qualcosa di simile per importanza era avvenuto con la chiusura delle miniere degli anni Ottanta, quando la crisi colpì i prezzi di estrazione del carbone. Adesso la crisi riguarda i servizi, quel fondamentale settore che tiene in piedi l'economia inglese.

    Lo smart working si è dimostrato funzionale ed economico, capitalisti e lavoratori si sono accorti che è meglio lavorare da casa. Concluso il lockdown, molte aziende della City hanno continuato a sfruttare il lavoro da remoto lasciando deserti gli uffici. A pagarne le spese è stato l'intero sistema di trasporti e ristorazione, che ha subito un pesante contraccolpo. Per ogni impiegato che rimane a lavorare casa, si afferma nell'articolo, ce n'è uno che viene licenziato, senza contare che già prima della pandemia l'automazione aveva fatto passi da gigante ("Verso la singolarità storica"). Nei settori finanziario, legale e dei servizi in genere, molte mansioni possono ormai essere svolte da software in grado di incrociare dati molto meglio e più velocemente di un essere umano.

  • Difendere la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 20 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie apparse su giornali e quotidiani in tema di riduzione di orario di lavoro.

    In Germania l'IG Metal, il potente sindacato dei metalmeccanici, e i socialdemocratici dell'SPD hanno proposto di ridurre la settimana lavorativa a quattro giorni. Il sindacato tedesco, basato sulla Mitbestimmung (cogestione), non è certo un'organizzazione rivoluzionaria, ma è spinto dai fatti materiali, la crisi scatenata dal Coronavirus da una parte e quella dell'industria automobilistica dall'altra, ad adottare determinate soluzioni. Recentemente anche la premier finlandese Sanna Marin ha chiesto di portare la giornata lavorativa da 8 a 6 ore a parità di salario, motivando la proposta con la necessità di combattere la disoccupazione, soprattutto quella provocata dalla pandemia, e migliorare al tempo stesso produttività e qualità del lavoro.

    Secondo la la nostra corrente, più una società libera forza-lavoro, più è moderna e matura per un cambiamento di paradigma. Storicamente, alla riduzione della giornata lavorativa il movimento operaio non adulterato ne affiancava un'altra assolutamente complementare, quella del salario ai disoccupati.

  • Bisogno di comunità umana

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 17 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un'intervista dell'ottobre 2010 a Cesare Romiti (riproposta da Repubblica), in cui il dirigente d'azienda, recentemente scomparso, rivendicava di aver normalizzato con la sua azione nel corso del 1980 (vedi marcia dei quarantamila) i sindacati, minacciati dall'infiltrazione di frange estremistiche. L'esito di quel braccio di ferro, che durò 35 giorni, fu la ritrovata "governabilità delle fabbriche", che alla fine piacque anche ai bonzi sindacali.

    Il patto corporativo tra capitale e lavoro, che affonda le radici nel Ventennio, è rimasto in piedi fino ai giorni nostri. Il fascismo, dice la nostra corrente, ha perso militarmente la guerra, ma l'ha vinta sul piano politico ed economico. Questo tentativo di auto-regolazione del capitalismo è riuscito a rimandare di decenni lo scoppio della rivoluzione, ma ormai ha fatto il suo tempo, e oltre ci può essere solo il passaggio ad un'altra forma sociale. Anche perché non torneranno più le fabbriche con migliaia di lavoratori inquadrati in sindacati ramificati nella società, non torneranno gli indici di crescita del capitalismo del dopoguerra, non torneranno i partiti stalinisti di massa.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email