Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  26 maggio 2020

Dalla pesantezza alla leggerezza

La teleconferenza di martedì sera, presenti 27 compagni, è iniziata dalla segnalazione di alcune news di carattere economico.

A causa del lockdown sono tante le aziende fallite o prossime al fallimento. In Italia, l'associazione di categoria dei commercianti, Fipe-Confcommercio, ha previsto la chiusura di 50.000 attività e la perdita di circa 300 mila posti di lavoro, soprattutto nei settori della ristorazione e dell'intrattenimento: bar, ristoranti, pizzerie, discoteche. L'americana Hertz, che si occupa di noleggio di auto, ha dichiarato la bancarotta, mentre in Francia il colosso automobilistico Renault ha chiesto aiuto allo stato per salvarsi dalle ingenti difficoltà economiche in cui versa. Ma anche gli stati non navigano in buone acque. L'Argentina sta contrattando il suo nono fallimento, il terzo dall'inizio del nuovo millennio, e il Libano è alle prese con un default in un contesto sanitario, sociale ed economico gravissimo.

La crisi determinata dalla pandemia si aggiunge alla crisi storica del capitalismo senile. La robotizzazione della produzione porta alla riduzione del numero di operai impiegati e ciò nega il funzionamento della legge del valore-lavoro. Una singola fabbrica può automatizzarsi sfruttando il differenziale con le altre, ma da una generale robotizzazione della produzione non si ricaverebbe più plusvalore , perché non esisterebbe più una forza-lavoro da sfruttare, diventata del tutto superflua. Una società è tanto più moderna quanto più libera forza lavoro. Per noi, la "dottrina dell'automatismo nella produzione si riduce a tutta la nostra deduzione della necessità del comunismo, fondata sui fenomeni del capitalismo" ("Traiettoria e catastrofe…", 1957).

La differenza tra mondo del nato e mondo del prodotto, tra il biologico e la macchina, si fa sempre più sfumata; per citare Kevin Kelly, il sistema è completamente out of control. I borghesi studiano con attenzione questi fenomeni, mentre, paradossalmente, quelli che si richiamano al comunismo (e cioè alla società futura), li snobbano. Sotto la spinta di determinazioni potentissime la società presente produce importanti capitolazioni ideologiche di fronte al "marxismo", per esempio con la descrizione dell'evoluzione extra-organica della nostra specie (A. Leroi Gourhan, Il gesto e la parola), oppure introducendo nello studio della società la "fisica della storia" (M. Buchanan, Ubiquità, Nexus, L'atomo sociale ), oppure ancora applicando all'analisi del capitalismo il secondo principio della termodinamica (J. Rifkin, Entropia). La situazione per la borghesia è tutt'altro che rosea: mentre qualche sinistro la vede all'attacco del proletariato, a noi sembra terrorizzata dalle sollevazioni in corso in giro per il mondo. Sollevazioni che, tra le altre cose, non rivendicano nulla, sono senza leader, e inedite.

Il capitalismo si trova in una situazione davvero difficile, perché ciò che è messo in forse non è tanto la distribuzione della ricchezza, quanto la sua produzione. Nella formula del saggio di profitto il capitale costante (macchine, sistemi, logistica) è al denominatore, perciò se questo aumenta diminuisce il saggio. Con l'introduzione dei robot nelle fabbriche cambia completamente il modo di produrre, il rapporto tra uomo e macchina. Lo scontro tra modi di produzione è, in ultima analisi, scontro tra differenti rendimenti energetici. La rivoluzione in corso è stata ben descritta da Italo Calvino in Lezioni americane:

"La seconda rivoluzione industriale non si presenta come la prima con immagini schiaccianti quali presse di laminatoi o colate d'acciaio, ma come i bits d'un flusso d'informazione che corre sui circuiti sotto forma d'impulsi elettronici. Le macchine di ferro ci sono sempre, ma obbediscono ai bits senza peso."

Non si tratta di lottare per ottenere maggiori garanzie in questa società, ma per una forma sociale completamente diversa: il proletariato non ha nulla da difendere, ma un mondo da guadagnare oltre il capitalismo. Il passaggio dalla pesantezza alla leggerezza ha degli effetti anche sulla struttura del partito della rivoluzione, che sarà organico, a rete, teso verso il futuro.

In Italia, il ministro per gli affari regionali ha proposto all'associazione dei sindaci di utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza per fare gli "assistenti civici", e cioè gli addetti al controllo del territorio affinché siano rispettate le norme di anti-Covid. La borghesia ha un blocco ideologico insuperabile: anche se le macchine liberano per sempre lavoro umano, bisogna in qualche modo legare il reddito alla coazione al lavoro, al sacrificio, anche con delle difficoltà enormi, dato che, in questo caso, sarebbe quantomeno azzardato impiegare persone non preparate per un lavoro di polizia moralizzatrice. Questa è la società dello sciupio, della dissipazione, dello spreco, come abbiamo scritto nell'articolo "L'outsourcing globale". Pur di mantenere in piedi l'attuale modo di produzione, la potenza produttiva sociale viene mortificata. Detto questo, ci sono dei limiti che non possono essere superati: la componente di lavoro umano contenuta mediamente nelle merci risulta una percentuale irrisoria e, ad un certo punto, la legge del valore risulta invalidata, perché non si può estrarre da pochi operai tanto plusvalore quanto se ne estrae da molti sfruttati meno.

Le banche centrali sono costrette ad intervenire energicamente per tenere in vita un modo di produzione moribondo. Negli ultimi due mesi le Banche centrali del G-10 operano sul mercato acquistando ogni ora asset per un valore di 2,4 miliardi di dollari. Una spirale economica da incubo, che dimostra che tutti i meccanismi di valorizzazione stanno saltando. Buenos Aires non riesce neppure a vendere materie prime come grano e carne a causa della restrizione dei mercati internazionali. La Turchia, nel giro di pochi anni, è precipitata in una situazione pesantissima, sia sul lato economico che su quello dei rapporti interimperialistici, data la sua presenza negli scenari di guerra in Siria, Iraq, Libia. La lira turca ha perso l'80% del valore rispetto al dollaro negli ultimi 10 anni. Quando le banche centrali sono impegnate in un intervento così massiccio (la FED ha retrodatato i rating di credito ritenuti accettabili per operazioni di rifinanziamento), significa che siamo di fronte ad un capitalismo che sta subendo trasformazioni strutturali profonde.

Dal punto di vista produttivo, politico, finanziario, dalla miseria crescente alla fragilità degli stati, tutto è legato. La nostra corrente ha ampliato il concetto di proletariato ai senza riserve, mettendo in contrapposizione l'antiforma con la riforma e la conforma ("Tracciato d'impostazione", 1946). Le rivolte esplose negli ultimi anni si caratterizzano per una persistenza e una diffusione dovute ad un'unica causa: la crisi della legge del valore. Le recenti manifestazioni in Cile, Ecuador, Bolivia, Francia, Libano, Hong Kong esprimono un disagio profondo verso condizioni di vita che stanno peggiorando drasticamente. In Francia, il movimento dei gilet jaunes, evidentemente interclassista, esprime l'incapacità della classe dominante francese di inglobare le istanze all'interno dello stato corporativo, generando quel collante che ha tenuto unite le classi nel secondo dopoguerra. L'autonomizzazione di interi strati sociali è dovuta alla disgregazione dello Stato, fenomeno che i borghesi valutano con preoccupazione dato che è proprio lo Stato l'elemento principale responsabile dell'ordine della società.

In "Marasma sociale e guerra", scritto sull'onda della Primavera araba, ci eravamo focalizzati sui paesi che erano stati attraversati da importanti manifestazioni e rivolte nel corso del 2011. Oggi, a distanza di qualche anno, il numero degli stati coinvolti è aumentato notevolmente, anche in Occidente. In Sudamerica le manifestazioni stanno prendendo una piega radicale: in Ecuador la popolazione è scesa in piazza contro le condizioni di miseria assoluta crescente; in Cile, gli abitanti dei quartieri della periferia sud di Santiago hanno messo in atto dure proteste perché non hanno di che vivere, e nella zona si stanno formando strutture di mutuo soccorso che ricordano quelle viste all'opera con Occupy Wall Street e, ultimamente, in piazza Tahrir a Baghdad.

Nei manifesti e negli slogan in Ecuador e Cile emerge chiaramente la disperazione delle popolazioni alle prese con la fame. Una situazione catastrofica che non tarderà a manifestarsi anche nei paesi a vecchio capitalismo. Ciò che conta è che il partito del proletariato (partito di minoranza), in quanto unico elemento a rappresentare il futuro, possa dare un'impronta di classe a questi movimenti. Come scritto in "Fiorite primavere del Capitale", le classi che si mettono in moto possono essere anche quelle non direttamente beneficiarie dei risultati della rivoluzione, in primis la piccola borghesia in crisi. All'interno dei grandi sconvolgimenti rivoluzionari, le situazioni sociali si capovolgono e le classi che nel capitalismo avevano un ruolo costruttivo possono adottare compiti distruttivi verso il capitalismo stesso. Scrive Marx ad Annenkov (Bruxelles, 28 dicembre 1846):

"Gli uomini non rinunciano mai a ciò che essi hanno conquistato, ma ciò non significa che essi non rinuncino mai alla forma sociale in cui hanno acquisito determinate forze produttive. Tutto al contrario. Per non essere privati del risultato ottenuto, per non perdere i frutti della civiltà, gli uomini sono forzati a modificare tutte le loro forme sociali tradizionali, non appena il modo del loro commercio non corrisponde più alle forze produttive acquisite."

Articoli correlati (da tag)

  • "Pericolose tempeste" in arrivo

    La teleriunione di martedì sera, a cui si sono collegati 18 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo al XX congresso del PCC che si è aperto domenica 16 ottobre nella Grande sala del popolo di Pechino con il discorso del presidente Xi Jinping.

    I punti salienti della relazione, che è durata un'ora e mezza contro le quattro attese, sono stati: la conferma di quella che è stata definita la "guerra popolare" a tutto campo contro la Covid-19, e cioè la politica "zero contagi" che ha "privilegiato la vita umana"; e la preoccupazione per l'arrivo di "pericolose tempeste", a cui il paese deve prepararsi investendo sulla "sicurezza", parola citata 50 volte. Durante il congresso, che rinnoverà il mandato a Xi Jinping per la terza volta, anche il termine nazione è stato ripetuto in innumerevoli occasioni, ed è stata ribadita con forza la necessità di mantenere unito il popolo al suo partito ("unità ideologica").

    L'economia cinese sta rallentando, a causa degli esordi della recessione globale ma anche per la linea zero Covid, che ha imposto blocchi e limitazioni agli scambi e agli spostamenti. A ciò si sono aggiunti, negli ultimi tempi, i problemi del mercato immobiliare (vedi caso Evergrande), settore verso cui sono confluiti i risparmi di molti cinesi.

  • Grandi conferme

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo affrontato i grandi fatti della settimana appena trascorsa, ovvero le manifestazioni e le rivolte scoppiate in Sri Lanka, Albania, Kenya, Panama, Corea del Sud, Ghana, Bosnia, Argentina e India, sull'onda degli aumenti dei prezzi dei generi di prima necessità e del carburante.

    Le conferme alle nostre previsioni arrivano sia dalla prassi, con la diffusione a livello globale di quello che qualche anno fa abbiamo definito "marasma sociale e guerra", sia a livello teorico, e qui ci riferiamo all'editoriale dell'ultimo numero di Limes ("La guerra russo-americana", 6/22) in cui si afferma che comunque vada a finire questa guerra, il mondo non sarà più quello di prima:

    "Da questo conflitto nascerà un nuovo disordine mondiale. Non un ordine, perché chiunque vinca, o sopravviva, non sarà in grado di riprodurre la Pax Americana. Nemmeno l'America. Washington resterà il Numero Uno per carenza di alternative. Ma il capoclassifica non potrà ostentarsi egemone globale, né forse lo vorrà. Ridurre ad unum questa Babele d'otto miliardi di anime e diverse centinaia di attori o comparse geopolitiche è affare di Dio, non di Cesare. Per quanto intuiamo, Dio non è interessato all'impresa. Preghiamo."

    Gli esperti di geopolitica si affidano al buon Dio per uscire dal caos, noi invece riteniamo che siano i processi di auto-organizzazione sociale a rompere gli equilibri precedenti facendo fare un balzo in avanti all'umanità. Superata una certa soglia, si determina una "polarizzazione" o "ionizzazione" delle molecole sociali, che precede all'esplosione del grande antagonismo di classe.

  • "Situazione sociale esplosiva"

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 21 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sul tema del salario minimo, in relazione all'accordo raggiunto dall'Unione europea in questi giorni.

    L'intesa sui minimi salariali dovrà ora essere ratificata dal Parlamento e dal Consiglio Ue, e toccherà poi ai singoli Paesi membri recepire la direttiva. Non c'è ancora nulla di certo, dunque. La crescita dei prezzi trainata dal rincaro dell'energia sta riducendo il potere d'acquisto dei lavoratori, perciò gli stati dovranno intervenire in qualche modo per cercare di preservare la pace sociale e sostenere i consumi delle famiglie.

    Durante un incontro pubblico a Torino il segretario generale della CGIL ha detto che "siamo di fronte a una situazione sociale esplosiva. Non ci sono solo i salari bassi, ma un livello di precarietà nel lavoro e nella vita che non c'è mai stato, una situazione di incertezza, insicurezza." In un'altra occasione ha evocato la necessità di "un contributo di solidarietà da parte dei più ricchi", ovvero l'adozione di un'imposta patrimoniale da "applicare anche alle rendite finanziarie" per aumentare i salari. Pezzi di classe dominante e di burocrazia sindacale sono arrivati all'idea che bisogna agire sulla "propensione marginale al consumo" (la quale ci dice che l'aumento di un reddito basso si traduce comunque in consumo, mentre l'aumento di un reddito alto si traduce tendenzialmente in tesaurizzazione, risparmio o speculazione), anche perché, come scrive The Economist, si sta profilando all'orizzonte una nuova recessione in Europa e negli Stati Uniti (Europe's economy grapples with an acute energy shock", "A recession in America by 2024 looks likely").

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email