Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  26 maggio 2020

Dalla pesantezza alla leggerezza

La teleconferenza di martedì sera, presenti 27 compagni, è iniziata dalla segnalazione di alcune news di carattere economico.

A causa del lockdown sono tante le aziende fallite o prossime al fallimento. In Italia, l'associazione di categoria dei commercianti, Fipe-Confcommercio, ha previsto la chiusura di 50.000 attività e la perdita di circa 300 mila posti di lavoro, soprattutto nei settori della ristorazione e dell'intrattenimento: bar, ristoranti, pizzerie, discoteche. L'americana Hertz, che si occupa di noleggio di auto, ha dichiarato la bancarotta, mentre in Francia il colosso automobilistico Renault ha chiesto aiuto allo stato per salvarsi dalle ingenti difficoltà economiche in cui versa. Ma anche gli stati non navigano in buone acque. L'Argentina sta contrattando il suo nono fallimento, il terzo dall'inizio del nuovo millennio, e il Libano è alle prese con un default in un contesto sanitario, sociale ed economico gravissimo.

La crisi determinata dalla pandemia si aggiunge alla crisi storica del capitalismo senile. La robotizzazione della produzione porta alla riduzione del numero di operai impiegati e ciò nega il funzionamento della legge del valore-lavoro. Una singola fabbrica può automatizzarsi sfruttando il differenziale con le altre, ma da una generale robotizzazione della produzione non si ricaverebbe più plusvalore , perché non esisterebbe più una forza-lavoro da sfruttare, diventata del tutto superflua. Una società è tanto più moderna quanto più libera forza lavoro. Per noi, la "dottrina dell'automatismo nella produzione si riduce a tutta la nostra deduzione della necessità del comunismo, fondata sui fenomeni del capitalismo" ("Traiettoria e catastrofe…", 1957).

La differenza tra mondo del nato e mondo del prodotto, tra il biologico e la macchina, si fa sempre più sfumata; per citare Kevin Kelly, il sistema è completamente out of control. I borghesi studiano con attenzione questi fenomeni, mentre, paradossalmente, quelli che si richiamano al comunismo (e cioè alla società futura), li snobbano. Sotto la spinta di determinazioni potentissime la società presente produce importanti capitolazioni ideologiche di fronte al "marxismo", per esempio con la descrizione dell'evoluzione extra-organica della nostra specie (A. Leroi Gourhan, Il gesto e la parola), oppure introducendo nello studio della società la "fisica della storia" (M. Buchanan, Ubiquità, Nexus, L'atomo sociale ), oppure ancora applicando all'analisi del capitalismo il secondo principio della termodinamica (J. Rifkin, Entropia). La situazione per la borghesia è tutt'altro che rosea: mentre qualche sinistro la vede all'attacco del proletariato, a noi sembra terrorizzata dalle sollevazioni in corso in giro per il mondo. Sollevazioni che, tra le altre cose, non rivendicano nulla, sono senza leader, e inedite.

Il capitalismo si trova in una situazione davvero difficile, perché ciò che è messo in forse non è tanto la distribuzione della ricchezza, quanto la sua produzione. Nella formula del saggio di profitto il capitale costante (macchine, sistemi, logistica) è al denominatore, perciò se questo aumenta diminuisce il saggio. Con l'introduzione dei robot nelle fabbriche cambia completamente il modo di produrre, il rapporto tra uomo e macchina. Lo scontro tra modi di produzione è, in ultima analisi, scontro tra differenti rendimenti energetici. La rivoluzione in corso è stata ben descritta da Italo Calvino in Lezioni americane:

"La seconda rivoluzione industriale non si presenta come la prima con immagini schiaccianti quali presse di laminatoi o colate d'acciaio, ma come i bits d'un flusso d'informazione che corre sui circuiti sotto forma d'impulsi elettronici. Le macchine di ferro ci sono sempre, ma obbediscono ai bits senza peso."

Non si tratta di lottare per ottenere maggiori garanzie in questa società, ma per una forma sociale completamente diversa: il proletariato non ha nulla da difendere, ma un mondo da guadagnare oltre il capitalismo. Il passaggio dalla pesantezza alla leggerezza ha degli effetti anche sulla struttura del partito della rivoluzione, che sarà organico, a rete, teso verso il futuro.

In Italia, il ministro per gli affari regionali ha proposto all'associazione dei sindaci di utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza per fare gli "assistenti civici", e cioè gli addetti al controllo del territorio affinché siano rispettate le norme di anti-Covid. La borghesia ha un blocco ideologico insuperabile: anche se le macchine liberano per sempre lavoro umano, bisogna in qualche modo legare il reddito alla coazione al lavoro, al sacrificio, anche con delle difficoltà enormi, dato che, in questo caso, sarebbe quantomeno azzardato impiegare persone non preparate per un lavoro di polizia moralizzatrice. Questa è la società dello sciupio, della dissipazione, dello spreco, come abbiamo scritto nell'articolo "L'outsourcing globale". Pur di mantenere in piedi l'attuale modo di produzione, la potenza produttiva sociale viene mortificata. Detto questo, ci sono dei limiti che non possono essere superati: la componente di lavoro umano contenuta mediamente nelle merci risulta una percentuale irrisoria e, ad un certo punto, la legge del valore risulta invalidata, perché non si può estrarre da pochi operai tanto plusvalore quanto se ne estrae da molti sfruttati meno.

Le banche centrali sono costrette ad intervenire energicamente per tenere in vita un modo di produzione moribondo. Negli ultimi due mesi le Banche centrali del G-10 operano sul mercato acquistando ogni ora asset per un valore di 2,4 miliardi di dollari. Una spirale economica da incubo, che dimostra che tutti i meccanismi di valorizzazione stanno saltando. Buenos Aires non riesce neppure a vendere materie prime come grano e carne a causa della restrizione dei mercati internazionali. La Turchia, nel giro di pochi anni, è precipitata in una situazione pesantissima, sia sul lato economico che su quello dei rapporti interimperialistici, data la sua presenza negli scenari di guerra in Siria, Iraq, Libia. La lira turca ha perso l'80% del valore rispetto al dollaro negli ultimi 10 anni. Quando le banche centrali sono impegnate in un intervento così massiccio (la FED ha retrodatato i rating di credito ritenuti accettabili per operazioni di rifinanziamento), significa che siamo di fronte ad un capitalismo che sta subendo trasformazioni strutturali profonde.

Dal punto di vista produttivo, politico, finanziario, dalla miseria crescente alla fragilità degli stati, tutto è legato. La nostra corrente ha ampliato il concetto di proletariato ai senza riserve, mettendo in contrapposizione l'antiforma con la riforma e la conforma ("Tracciato d'impostazione", 1946). Le rivolte esplose negli ultimi anni si caratterizzano per una persistenza e una diffusione dovute ad un'unica causa: la crisi della legge del valore. Le recenti manifestazioni in Cile, Ecuador, Bolivia, Francia, Libano, Hong Kong esprimono un disagio profondo verso condizioni di vita che stanno peggiorando drasticamente. In Francia, il movimento dei gilet jaunes, evidentemente interclassista, esprime l'incapacità della classe dominante francese di inglobare le istanze all'interno dello stato corporativo, generando quel collante che ha tenuto unite le classi nel secondo dopoguerra. L'autonomizzazione di interi strati sociali è dovuta alla disgregazione dello Stato, fenomeno che i borghesi valutano con preoccupazione dato che è proprio lo Stato l'elemento principale responsabile dell'ordine della società.

In "Marasma sociale e guerra", scritto sull'onda della Primavera araba, ci eravamo focalizzati sui paesi che erano stati attraversati da importanti manifestazioni e rivolte nel corso del 2011. Oggi, a distanza di qualche anno, il numero degli stati coinvolti è aumentato notevolmente, anche in Occidente. In Sudamerica le manifestazioni stanno prendendo una piega radicale: in Ecuador la popolazione è scesa in piazza contro le condizioni di miseria assoluta crescente; in Cile, gli abitanti dei quartieri della periferia sud di Santiago hanno messo in atto dure proteste perché non hanno di che vivere, e nella zona si stanno formando strutture di mutuo soccorso che ricordano quelle viste all'opera con Occupy Wall Street e, ultimamente, in piazza Tahrir a Baghdad.

Nei manifesti e negli slogan in Ecuador e Cile emerge chiaramente la disperazione delle popolazioni alle prese con la fame. Una situazione catastrofica che non tarderà a manifestarsi anche nei paesi a vecchio capitalismo. Ciò che conta è che il partito del proletariato (partito di minoranza), in quanto unico elemento a rappresentare il futuro, possa dare un'impronta di classe a questi movimenti. Come scritto in "Fiorite primavere del Capitale", le classi che si mettono in moto possono essere anche quelle non direttamente beneficiarie dei risultati della rivoluzione, in primis la piccola borghesia in crisi. All'interno dei grandi sconvolgimenti rivoluzionari, le situazioni sociali si capovolgono e le classi che nel capitalismo avevano un ruolo costruttivo possono adottare compiti distruttivi verso il capitalismo stesso. Scrive Marx ad Annenkov (Bruxelles, 28 dicembre 1846):

"Gli uomini non rinunciano mai a ciò che essi hanno conquistato, ma ciò non significa che essi non rinuncino mai alla forma sociale in cui hanno acquisito determinate forze produttive. Tutto al contrario. Per non essere privati del risultato ottenuto, per non perdere i frutti della civiltà, gli uomini sono forzati a modificare tutte le loro forme sociali tradizionali, non appena il modo del loro commercio non corrisponde più alle forze produttive acquisite."

Articoli correlati (da tag)

  • Due poli opposti

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 18 compagni, è iniziata con le notizie riguardo gli ultimi sviluppi della situazione libanese, a cominciare dall'esplosione avvenuta nella zona del porto di Beirut.

    Da giorni le piazze del paese mediorientale si riempiono di migliaia di manifestanti che si scontrano violentemente con la polizia e lanciano slogan contro il governo e contro Hezbollah. A Beirut, sabato 8 agosto, sono stati presi d'assalto i ministeri dell'Energia, degli Esteri e dell'Economia, mentre decine di manifestanti sono riusciti ad entrare nella sede dell'Associazione delle Banche del Libano. L'esercito è intervenuto per sgomberare il ministero degli Esteri, dove gli occupanti avevano issato uno striscione con la scritta "Beirut capitale della rivoluzione".

    A Chicago, negli Stati Uniti, è stato imposto il coprifuoco e i quartieri del centro, dopo una notte di scontri e saccheggi, sono stati isolati dal resto della città. Da mesi le principali città americane sono in fibrillazione; a Portland gli incendi e gli scontri con le forze dell'ordine continuano tutte le notti da oltre 60 giorni. Anche in Bielorussia, a Minsk, ci sono state decine di manifestazioni, che hanno visto la partecipazione del mondo del lavoro: hanno scioperato i metallurgici, i minatori, i lavoratori dell'azienda del gas e quelli degli zuccherifici. Durante le assemblee si è sentito parlare di "sciopero fino alla vittoria".

  • Fronte interno

    Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 16 compagni, abbiamo parlato delle manifestazioni in corso negli Stati Uniti.

    Dopo Washington, Seattle, Atlanta e New York, oggi è Portland il cuore delle mobilitazioni, giunte alla 59esima giornata consecutiva. In città la tensione è cresciuta in seguito all'arrivo di squadre di agenti federali, sotto il controllo diretto del governo nazionale, che stanno reprimendo le proteste e fermando i manifestanti con modalità, secondo molti osservatori, al limite della legalità.

    Nell'articolo "Teoria e prassi della nuova politiguerra americana" avevamo scritto del processo di militarizzazione della polizia teso a contenere le rivolte nel "ventre della balena". Il moto storico vede l'esercito americano svolgere sempre più un ruolo di gendarme mondiale, mentre la polizia interna assume caratteristiche militari ed individua come nemico la popolazione. I contractor, agenti pagati da società private, vengono utilizzati in scenari di guerra come l'Iraq o l'Afghanistan, ma ormai anche nelle metropoli occidentali. Il fronte interno della collaborazione di classe diventa sempre più problematico per la borghesia americana, e non solo.

  • Sperimentazioni sociali

    La teleconferenza di martedì, a cui hanno partecipato 18 compagni, è iniziata con la segnalazione della scoperta in Cina di un nuovo virus potenzialmente pandemico. Discendente dal ceppo dell'influenza suina, che nel 2009 causò migliaia di morti e centinaia di migliaia di contagi soprattutto in America, la nuova variante è stata individuata da un gruppo di ricercatori cinesi impegnati nel programma di sorveglianza per l'emergenza e il contrasto di nuove minacce virali. Dalle analisi effettuate è emerso che il virus ha già fatto il salto di specie (dai maiali all'uomo), mentre non sarebbe ancora in grado di trasmettersi da uomo a uomo. La notizia è rimbalzata sulle pagine dei giornali, ma in un altro periodo probabilmente se ne sarebbe trovata traccia solamente sulle riviste specializzate. Eppure è dal 2018 che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito nell'elenco delle malattie con un significativo potenziale epidemico la malattia X, ad indicare non una patologia esistente ma "la consapevolezza che una grave epidemia internazionale possa essere causata da un patogeno attualmente sconosciuto che causa malattie nell'uomo". Il modello è stato elaborato affinchè la comunità sanitaria globale sappia costruire per tempo sistemi adeguati e possa adottare tutte le misure necessarie per prevenire e limitarne la diffusione.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email