Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  20 febbraio 2024

O passa la guerra, o passa la rivoluzione

La teleriunione di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata con il commento di alcuni articoli inerenti il nuovo modo di condurre la guerra.

Da segnalare l'importanza acquisita dai droni nel teatro bellico ucraino, ma non solo. Nell'articolo "Legioni di 'droni intelligenti' all'orizzonte", pubblicato sul sito di Analisi Difesa, si afferma: "Non è utopico immaginare un futuro in cui legioni di droni, guidati da un unico comandante, si confrontino sul campo di battaglia. Droni da ricognizione, d'attacco, kamikaze e da supporto impiegati contemporaneamente per svolgere compiti diversi, come del resto sta già accadendo sui campi di battaglia in Ucraina."

Recentemente, l'intelligence americana ha fatto circolare la notizia, pubblicata dalla CNN e ripresa da La Stampa, di una nuova arma russa (electro magnetic pulse, impulso elettromagnetico nucleare) "in grado di distruggere i satelliti creando un'enorme ondata di energia paralizzando potenzialmente una vasta fascia di satelliti commerciali e governativi.". Il dispositivo rappresenterebbe un'importante minaccia per la sicurezza del paese.

Si sta dunque configurando un nuovo modo di fare guerra. Gli USA sono riusciti a vincere la Seconda guerra mondiale perché hanno esternalizzato a livello globale la loro catena di montaggio industrial-militare ("Guerra di macchine. La battaglia delle Midway"); la guerra moderna è, invece, un conflitto tra sistemi cibernetici, incentrato sull'elettronica e su reti di sensori. Il progetto Replicator del Pentagono, ad esempio, dà l'idea di uno scontro tra sciami di veicoli autonomi guidati dall'intelligenza artificiale. Il sistema israeliano Gospel, sempre attraverso l'utilizzo dell'IA, riesce a orientare il fuoco verso le postazioni di lancio di Hamas. Il gruppo italiano Leonardo sta sviluppando un progetto che "intende definire un'architettura spaziale in grado di fornire agli enti governativi e alle Forze Armate nazionali una capacità di calcolo e memorizzazione ad alte prestazioni direttamente nello spazio" ("Leonardo: al via il progetto per il primo sistema di Space Cloud per la difesa").

Il primo maggio del 2022 abbiamo distribuito in piazza un volantino intitolato "La Quarta Guerra Mondiale", in cui si ribadiva che, se prende piede questo tipo di guerra, l'umanità è a serio rischio di estinzione. Come scriveva Bordiga (lettera a Ceglia, 1957):

"La rivoluzione verrà se la guerra sarà bloccata sul suo scatto, e capovolta, ossia se impedirà che la guerra si sviluppi. Perché tanto sia possibile sarà necessario che un potente partito internazionale sia organizzato con la dottrina che solo abbattendo il capitalismo si impedisce la serie delle guerre. Insomma, l'alternativa è questa: o passa la guerra, o passa la rivoluzione."

Ma cos'è la guerra? Il fatto "guerra" è ritenuto troppo spesso di esclusiva competenza dei militari e manovrato a piacimento dalle classi dominanti, ma non bisogna dimenticare che è l'imperialismo ad averne bisogno e a produrlo, utilizzando i battilocchi di turno. Lo stadio di sviluppo del capitale è di estrema importanza quando si parla di guerra, poichè questa è lo specchio della società che la esprime. La teoria della borghesia sulla guerra si ferma dove finiscono i suoi interessi: pur costruendo armi e linee di montaggio, manca di una dottrina che spieghi la natura della sua guerra e, soprattutto, il fatto che sta scomparendo la pace. Due anni fa i media annunciavano l'invasione russa dell'Ucraina al fine di occuparla, senza riconoscere, invece, che si trattava di una blitzkrieg (strategia sviluppata dal generale russo Tuchačevskij durante la Rivoluzione russa e poi presa in prestito dalla Germania nella Seconda guerra mondiale), a cui sarebbe seguito un periodo di consolidamento. La Russia mirava infatti a conquistare punti nevralgici all'interno del territorio ucraino e ad acquisire postazioni stabili e fortificate, e ci è riuscita. L'Occidente non sta perdendo la guerra, come afferma Limes, perchè l'ha già persa.

L'area di contrasto tra Russi e Ucraini è una linea difensiva lunga centinaia di chilometri, simile a quelle del primo conflitto mondiale, ma con una struttura completamente diversa. Russi e Occidentali stanno svuotando i vecchi arsenali per fare spazio a nuovi armamenti, Putin ha fatto accenno al fatto che la Russia sta costruendo nuove armi (cannoni laser), dato che le vecchie non bastano più. Le guerre incominciano là dove sono finite le precedenti. Anche se il punto di passaggio non è perfettamente visibile, la transizione storica non solo è evidente ma si impone come risultato dei rapporti capitalistici. La sovrapproduzione di capitale, che è sempre sovrapproduzione di merci, trova nuovi sbocchi soltanto sovradimensionando il mercato. È inevitabile assistere alla risposta automatica, immediata, dell'intero ciclo di produzione, il quale comprende la guerra. La "trasformazione della guerra imperialista in guerra civile" poteva avere senso nella Russia del 1917, quando gli eserciti di popolo potevano fraternizzare e scagliarsi contro i propri comandanti. Oggi tale "trasformazione" avrebbe l'aspetto di uno scontro tra forze simmetriche, cioè tra eserciti, un po' come nella guerra civile spagnola: un esito teoricamente possibile, ma ben poco probabile e tantomeno auspicabile nella nostra epoca.

Nei numeri 50 e 51 della rivista, dedicati al tema del wargame, abbiamo tracciato una distinzione tra il processo rivoluzionario come lo abbiamo osservato in passato, e la configurazione che assumerà domani. Evidentemente, sarà necessario il crollo del fronte interno, un collasso che impedisca una mobilitazione generale della società verso il nuovo tipo di guerra. Dovrà svilupparsi qualcosa all'interno delle grandi metropoli capitalistiche, una rottura radicale con l'esistente. Lo schema del rovesciamento della prassi della nostra corrente dimostra che, per arrivare a tanto, servono due tipi di movimento: uno dal basso verso l'alto (bottom-up), e l'altro dall'alto verso il basso (top-down). La polarizzazione che porta una parte del proletariato ad organizzarsi in partito è generata dalla dissoluzione del modo di produzione capitalistico, dalla profonda crisi della legge del valore, da un disagio sociale crescente.

Nessuna rivoluzione ha mai raggiunto il suo scopo senza che la classe vittoriosa avesse espresso in tutti i sensi questa superiorità. Che non è necessariamente rappresentata dal numero di uomini e di mezzi, dalle possibilità economiche o dalla disponibilità di tecnologie, ma può essere il risultato congiunto della debolezza della classe al potere e della qualità dell'organizzazione sociale rivoluzionaria emergente nel corso del collasso di vecchie forme sociali.

A proposito di organizzazione sociale, guardando all'Italia, in questi giorni la CGIL ha richiamato l'attenzione sul fatto che in una città come Torino 8 lavoratori su 10 sono precari. Qualche anno fa, quando si parlava di lavoratori "atipici", ci si riferiva ai somministrati, ai co.co.co, ai lavoratori a progetto, ecc., mentre oggi gli "atipici" sono quelli con il contratto a tempo indeterminato. Il precario che passa da un lavoro all'altro, da un contratto all'altro, che ha sempre meno da perdere in questa forma sociale, dovrà per forza di cose riscoprire l'organizzazione immediata territoriale, come anticipato da Occupy Wall Street nel 2011 e prima ancora dalla Sinistra Comunista "italiana" ("Prendere la fabbrica o prendere il potere?", 1920).

Le reti permettono di bypassare le organizzazioni tradizionali, facilitano l'autorganizzazione di classe. Uno smartphone può diventare uno strumento di supporto all'esercito (l'Ucraina ha sviluppato un'app che consente ai civili di inviare foto e informazioni per localizzare il nemico), ma anche un mezzo alla portata di tutti per coordinarsi durante le manifestazioni. Il proletariato globale ha in mano strumenti potentissimi: come abbiamo scritto nell'articolo "Informazione e potere" (n. 37), con l'avvento di Internet si è stabilita una simmetria tra rivoltosi e Stato, e quest'ultimo non ha più il monopolio dell'informazione. Sono cambiate le regole del gioco, e quindi è cambiato il gioco.

Con l'Internet of Things (IoT), tutti gli oggetti e le infrastrutture sono potenzialmente collegabili alla rete e potrebbero dar vita ad un vastissimo sistema intelligente. Bruce Schneier, esperto di sicurezza informatica, scrive nella sua newsletter:

"Pensiamo ai robot come oggetti metallici discreti, con sensori e attuatori sulla loro superficie e logica di elaborazione all'interno. Ma i nostri nuovi robot sono diversi. I loro sensori e attuatori sono distribuiti nell'ambiente. La loro elaborazione avviene altrove. Sono una rete di unità individuali che diventano un robot solo nel complesso."

Abbiamo costruito un robot delle dimensioni del mondo senza rendercene conto. Le fabbriche come unità discrete vanno intese come moduli di una fabbrica globale, collegati attraverso sistemi di intelligenza artificiale. Gli algoritmi possono sviluppare una capacità predittiva: grazie alla massa di dati che viene immagazzinata nei data center delle grandi aziende è possibile prevedere la quantità di prodotti che saranno venduti. Già a metà degli anni '90 fu progettata la Non Stop Logistics, che aveva come obiettivo il pronostico dei volumi di un insieme di prodotti di largo consumo richiesti in una certa zona (per esempio una metropoli) e periodo (per esempio un fine settimana). L'idea di base è che le previsioni aggregate per una certa area saranno sempre più precise delle previsioni di dettaglio per un negozio singolo. Amazon ha ripreso questa modalità organizzativa organizzando spedizioni preventive verso determinate regioni o città, basandosi sulle informazioni rilasciate da appositi software. Insomma, con questo sistema automatizzato la consegna della merce avviene prima che parta l'ordine e sebbene sia controintuitivo, l'anticipatory shipping sembra funzionare.

Nell'articolo "Rivoluzione anti-entropica" abbiamo visto che per Wiener, Rosenblueth e Bigelow ("Comportamento, intento e teleologia", 1943), come già per Aristotele, "la fine viene per prima."

Articoli correlati (da tag)

  • Direzione del moto storico

    La teleriunione di martedì sera è cominciata parlando del recente attentato a Donald Trump avvenuto durante un comizio elettorale in Pennsylvania.

    Si tratta di un ulteriore step nel livello di violenza che caratterizza la campagna elettorale americana. L'attentatore, un ragazzo di 20 anni con simpatie repubblicane, ha utilizzato un fucile semiautomatico AR-15, l'arma più diffusa in tutto il Paese con una stima di oltre 40 milioni di pezzi venduti. Naturalmente, non sono mancate le teorie del complotto, ma d'altronde in mancanza di informazioni vagliabili tutte le ipotesi sono aperte.

    Nel nostro articolo "Teoria e prassi della nuova politiguerra americana", nel capitolo finale intitolato La vita nel ventre della balena, abbiamo ribadito che il moto storico ha una direzione precisa. Gli USA sono ciò che la storia del pianeta li ha portati ad essere. La crisi dell'imperialismo unipolare è dovuta al fatto che sulla scena si stanno affacciando nuove potenze (lo sviluppo ineguale di cui parla Lenin nell'Imperialismo), l'America non ha più la forza di dare ordine al mondo, e non esiste un sostituto all'orizzonte. Si è interrotta la staffetta dell'imperialismo ("Accumulazione e serie storica") e il disordine mondiale aumenta con l'estendersi dei conflitti bellici su scala planetaria. Chiunque sarà il prossimo presidente americano (i pronostici danno per certa la vittoria di Trump), potrà far ben poco per invertire la tendenza economica, la quale produce effetti sulla società.

  • La società analizzata con il wargame

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando l'articolo "Wargame. Non solo un gioco" (rivista n. 50), particolarmente utile per comprendere i conflitti bellici e sociali in corso, e per evitare di commettere errori logici nell'analisi.

    In "Wargame" troviamo considerazioni inerenti alla "trasformazione della guerra imperialista in guerra civile", parola d'ordine dell'Internazionale Comunista. Storicamente, la guerra non rappresenta un problema per l'imperialismo ma la soluzione (temporanea) alla sua crisi. Difatti, la nostra corrente afferma che nell'epoca moderna, anche a causa del modo di condurre i conflitti, o passa la guerra o passa la rivoluzione. Oggi le determinazioni di una guerra classica che la farebbero passare da salvezza del modo di produzione capitalistico a elemento della sua distruzione non sono più da considerare ipotesi, dato che la crisi economica è da tempo diventata cronica. L'elettroencefalogramma del capitalismo è piatto.

    Detto questo, finché c'è guerra non c'è disfattismo e quindi non c'è rivoluzione. La rivoluzione, perciò, deve scattare prima che la guerra conquisti la scena mondiale, prima che diventi un fatto totale, tanto più che quella a venire sarà "gestita" da sistemi basati sull'intelligenza artificiale, potenzialmente fuori dal controllo umano. Pensiamo alla fabbrica: il robot, registrando in modo approfondito le competenze dell'operaio, lo va a sostituire.

  • La guerra al tempo dell'IA

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando due articoli pubblicati sull'ultimo numero dell'Economist (22 giugno 2024), dedicato al rapporto tra guerra e intelligenza artificiale.

    Nell'articolo "AI will transform the character of warfare" si dimostra come la guerra condotta da macchine gestite da sistemi di IA potrebbe rivelarsi incontrollabile. C'è un rapporto stretto tra industria militare e civile. I computer, si afferma, sono nati in guerra e dalla guerra. La stessa ARPANET, aggiungiamo noi, che anticipò Internet, venne realizzata a partire dal 1969 dalla DARPA (Defence Advanced Research Projetcs Agency) per collegare centri di calcolo e terminali di università, laboratori di ricerca ed enti militari.

    Oggigiorno esistono sistemi di IA che si occupano del riconoscimento degli oggetti in un dato spazio e che vengono utilizzati per elaborare i dati e le informazioni raccolte dai droni tramite foto e video. L'integrazione di tali sistemi produce un gigantesco automa che relega ai margini l'essere umano: dato che il tempo per individuare e colpire gli obiettivi è compresso in pochi minuti o addirittura in secondi, il soldato può al massimo supervisionare il sistema. Combattimenti più rapidi e meno pause tra uno scontro e l'altro renderanno più difficile negoziare tregue o fermare l'escalation. Dice Marx nei Grundrisse: con lo sviluppo dell'industria l'operaio da agente principale del processo di produzione ne diventa il sorvegliante per essere sostituito anche in questa funzione da un automa generale.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email