Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  9 febbraio 2021

Non abbiamo bisogno di battilocchi

Durante la teleconferenza di martedì, connessi 23 compagni, abbiamo ripreso quanto detto nell'incontro precedente sulla impossibilità per la borghesia italiana di risollevare la sua decotta economia dalla crisi in cui è precipitata. La discesa in campo dell'ex presidente della BCE, Mario Draghi, e le aspettative riguardo al suo operato suggeriscono la rilettura di alcuni scritti della nostra corrente sul tema del "battilocchio", che a suo tempo abbiamo raccolto nel quaderno Il battilocchio nella storia. Contro la concezione della storia come opera della volontà di individui e di capi geniali o criminali.

L'espediente della mente infinita, di cui si serve P.S. Laplace per introdurre la possibilità della conoscenza esatta del futuro, è utile a sottolineare il fatto che noi comuni mortali dobbiamo basarci, per forza di cose, su induzioni probabilistiche. Esiste un'oggettiva difficoltà della previsione nel campo dei fenomeni complessi; dopo il nobile francese, il problema è stato studiato anche da Poincaré ed altri scienziati, segnando dei punti di passaggio per le successive teorie della relatività, dei quanti, del caos e della complessità. Oggi, alla luce dei risultati raggiunti dalla scienza, alcuni accusano Laplace di "meccanicismo", eppure prima di criticarlo dovrebbero perlomeno aver raggiunto il suo livello teorico, come dice Bordiga riguardo la funzione del dogma nella storia (Struttura economica e sociale della Russia d'oggi, XI, cap. 94-95).

Il determinismo è un presupposto indispensabile per spiegare le cause di tutte le rivoluzioni che sono avvenute e che verranno. I grandi sconvolgimenti politici e sociali si realizzano perché gli uomini hanno certezze, e non perché assolutizzano il probabilismo a principio filosofico.

Marx ed Engels trattarono materialisticamente il divenire sociale partendo dalla produzione e della riproduzione degli uomini, e derivarono da questa base la comprensione dei rapporti sociali e delle relative sovrastrutture ideologiche. Adoperando questo metodo di analisi, che è l'unico tuttora valido, il battilocchio è messo nel ripostiglio della storia, perché le transizioni sociali non sono il frutto delle idee e delle gesta di un individuo bensì della lotta tra le classi, o meglio, dello scontro tra modi di produzione.

Domanda: senza un Lenin in grado di elaborare un piano strategico e tattico all'altezza della situazione, che fine avrebbe fatto la Rivoluzione d'Ottobre? E ancora, se Napoleone, battilocchio per eccellenza, fosse morto prematuramente, come avrebbe fatto la rivoluzione borghese ad esportare le sue "idee" oltre i confini francesi? Risposta: la struttura materiale della società dell'epoca era caratterizzata da un capitalismo rampante, da masse di soldati in movimento con una logistica mai vista prima, da un'enorme potenzialità rivoluzionaria: i risultati storici non potevano essere diversi. Napoleone si trovò all'incrocio di varie determinanti per un concorrere di circostanze fortuite ("I grandi uomini"). Sono i fatti che determinano le nuove situazioni, e quando le situazioni sono mature allora vengono fuori gli uomini.

Gli individui fanno la loro storia, dice Engels riprendendo Marx, ma quasi mai avendone coscienza. I loro sforzi si distruggono gli uni con gli altri ed è precisamente per questo che regna in tutte le società di classe la necessità invece che la libertà, la quale sarà possibile solo con il rovesciamento della prassi guidato dal partito rivoluzionario. A chi pensa che i grandi uomini politici non sono necessari ma, al contrario, lo sono i grandi artisti come Michelangelo o Raffaello poiché unici e inimitabili, diciamo: la specie, attraverso determinati strumenti umani, trova il modo per esprimere le sue potenzialità.

Oggi si parla molto di influencer, individui o gruppi che attraverso la Rete influenzano la cosiddetta opinione pubblica. Essi hanno successo perché riescono ad intercettare e a cavalcare le tendenze presenti nella società, diventando perfetti battilocchi (anche i servizi segreti si interessano al fenomeno e sulla rivista Gnosis è stato pubblicato un articolo intitolato "L'agente di influenza"). Tra i più carismatici in questo momento, senza peraltro esserlo di mestiere, vi è il capitalista americano Elon Musk, di cui abbiamo parlato ampiamente nell'articolo "Assalto al Pianeta rosso". Tesla, la sua società di automobili elettriche, ha investito 1,5 miliardi di dollari sul Bitcoin e ha annunciato che prossimamente accetterà la criptovaluta come forma di pagamento. Musk ha un grandissimo seguito e con questa mossa ha provocato un'impennata (+15%) del valore della moneta virtuale creata nel 2009 e basata sulla blockchain, una tecnologia che permette di certificare gli scambi economici senza passare per un intermediario. Essa si fonda su una prova crittografica e consente a due controparti qualsiasi di negoziare direttamente tra loro senza la necessità di una terza parte di fiducia, mentre il problema della doppia-contabilità viene risolto attraverso l'utilizzo di un network peer-to-peer, in cui i nodi che la compongono compiono una serie di operazioni matematiche che confermano e registrano gli scambi riconosciuti validi, dando vita ad un registro delle transazioni unico, pubblico, decentralizzato e disintermediato. Altre aziende stanno puntando sui bitcoin, tra cui Apple e BlackRock, uno tra i più grandi fondi d'investimento mondiali. E' un passo avanti nel processo di autonomizzazione del Capitale, che vede le monete digitali assumere sempre più peso, muovendosi al di fuori del controllo degli stati.

Sebbene meno influente di Musk, anche Beppe Grillo rientra nella schiera degli influencer. In un incontro con il premier incaricato Mario Draghi in vista della formazione del prossimo governo italiano, il garante del malridotto M5S ha rimarcato l'importanza del reddito, non solo di cittadinanza, ma universale. A questo proposito ha parlato di GoodDollar (G$), una moneta digitale lanciata qualche anno fa da una società multinazionale di social trading e brokeraggio, eToro. Come funziona G$ ce lo spiega Valentina Petricciuolo dal blog di Grillo:

"È accessibile a chiunque nel mondo abbia modo di collegarsi alla rete e abbia una identità che viene verificata grazie ad un sistema di riconoscimento facciale. Questo per essere certi che si tratti di una persona e non di un robot. Chiunque, già da subito, può iscriversi e aprire un portafoglio/wallet. Ogni membro della piattaforma GoodDollar ha diritto a ricevere, su richiesta, 1 G$ al giorno per un totale di 30 G$ al mese o 365 G$ all'anno. In questa fase il valore del GoodDollar è nullo – è un token esperimento – ma l'obiettivo è di farlo arrivare alla parità con il dollaro Usa e, di conseguenza, garantire l'equivalente di 30$ al mese come reddito di base per tutti i membri della comunità."

Proprio come i bitcoin al loro esordio, il GoodDollar non vale praticamente nulla, ma se intorno ad esso si formasse una comunità di investitori e un clima di fiducia, allora potrebbe veder crescere il suo valore (oggi un bitcoin vale 50mila dollari). Nell'idea dei suoi realizzatori, questa moneta servirebbe a sviluppare un mercato alternativo, un ecosistema di persone che la utilizza per acquistare beni e servizi. G$, dicono, nasce per "fornire uno standard di vita di base e ridurre la disuguaglianza di ricchezza creando un reddito di base universale". Voler abbassare la povertà con tali mezzi è a dir poco utopistico, ma è anche un marcato sintomo di società futura, come scritto nell'articolo "Dimenticare Babilonia" in merito all'impatto delle monete elettroniche.

Il sistema peer to peer, la rete paritaria, è quello che permette di scambiare file, musica, film, senza equivalenti in termini di valore. Internet è il trionfo dell'organizzazione a rete, e ciò per i comunisti, avanguardie del "movimento reale", è la conferma dell'esistenza di un General Intellect (Marx, Grundrisse). In campo scientifico vengono prodotti ogni anno decine di migliaia di articoli e saggi, qualche autore prende un premio Nobel, ma dietro al successo personale c'è sempre un duro lavoro collettivo.

Quella capitalistica è la società dell'informazione ed i social network assumono una grande importanza nelle dottrine di guerra dato che la Rete è uno dei principali campi di battaglia: la comunicazione istantanea e immediata verso milioni di persone produce un bombardamento di informazione (e controinformazione), ma al tempo stesso ci ricorda che la struttura del Web non è piramidale ma orizzontale. Il prossimo rovesciamento della prassi non avrà bisogno di leader o di grandi uomini, avrà invece bisogno di un partito, una comunità rivoluzionaria, che abbia una visione generale del processo storico e sappia anticipare al suo interno il funzionamento della società futura. Un movimento come Occupy Wall Street non ha sentito il bisogno di esprimere capi o segretari nè di corteggiare intellettuali, artisti o politici, ma ha comunque fatto parlare di sé in tutto il mondo, influenzando masse di uomini.

Un movimento antiforma proiettato nel futuro dovrà necessariamente adottare un'organizzazione di tipo leaderless. La struttura stessa del capitalismo funziona attraverso link e hub che si auto-organizzano, con dei piani di produzione che funzionano al di là dei singoli dirigenti. Nel caso di aziende come Apple o Facebook, c'è ancora un gruppo di comando che formalmente gestisce l'azienda, ma nel caso di una struttura come quella che fa funzionare il Bitcoin non c'è neppure più la funzione simbolica del capitalista. Per sua natura la "catena di blocchi" è un sistema decentrato e disintermediato per lo scambio tra pari.

Articoli correlati (da tag)

  • Frattura del metabolismo sociale

    Durante la teleriunione del 30 agosto, a cui hanno partecipato 14 compagni, abbiamo commentato l'intervista a Dennis Meadows, uno degli autori del famoso Rapporto sui limiti dello sviluppo del 1972. A 50 anni dalla pubblicazione, lo scienziato americano fa un bilancio dell'opera.

    Partendo dallo scenario standard del Modello Mondo3, Meadows afferma che tutte le previsioni relative all'andamento della produzione industriale e alimentare, alla crescita della popolazione, e alle problematiche legate all'inquinamento si sono verificate, e che "il mondo sta mostrando sempre di più le conseguenze di uno schianto contro i limiti". Nell'intervista si ricorda anche il modello matematico HANDY, sviluppato nello studio "Human and Nature Dynamics: Modeling Inequality and Use of Resources in the Collapse or Sustainability of Societies" (Dinamiche umane e naturali: modellazione della diseguaglianza e dell'uso delle risorse riguardo al collasso o la sostenibilità delle società), sponsorizzato dall'ente spaziale americano, la NASA, e di cui in passato abbiamo scritto in un paio di occasioni ("L'Italia nell'Europa feudale", newsletter n° 207, 26 marzo 2014). HANDY prende ispirazione da quanto elaborato dal matematico Vito Volterra nel 1927 riguardo la dinamica predatori/prede, ed è generalizzabile alle diverse civiltà. Il modello simula due importanti aspetti delle società prossime al collasso, e cioè la carenza di risorse dovuta alla tensione riguardo alla capacità di rifornimento, e la stratificazione economica della società in élite e masse. Il mondo d'oggi è in preda alla guerra e al marasma sociale, e queste ricerche ci dicono che non si tratta di un caso. Solo negli ultimi giorni in Indonesia migliaia di persone hanno manifestato per il carovita, e lo stesso è successo (e succede) in Sri Lanka, Inghilterra, Cile, Sudafrica, e in Iraq, dove la protesta è culminata con un assalto al parlamento. E' oramai difficile tenere il conto di tutte le proteste, le rivolte e gli scioperi avvenuti negli ultimi anni in ogni parte del globo.

  • Effetto soglia

    La teleriunione di martedì sera, connessi 16 compagni, è iniziata dalla segnalazione dell'articolo di Federico Rampini "Crisi del gas: per capire le ragioni non bisogna guardare alla guerra in Ucraina ma a Cina e India", pubblicato sul Corriere della Sera lo scorso 22 agosto. Secondo il giornalista, i correnti problemi energetici non sono dovuti esclusivamente alla guerra in Ucraina e alle sanzioni, dato che i prezzi del gas avevano registrato un forte incremento già l'anno prima; l'impennata attuale dipende anche dall'aumento dei consumi in Asia, "in grado di sconvolgere tutti gli equilibri". Siamo al dilemma della coperta corta.

    La complessa vicenda dell'energia, delle materie prime e del cibo è quasi esclusivamente legata, nel capitalismo moderno, alla possibilità di fornire alla rendita quote crescenti di plusvalore. Se una merce scarseggia, crescono il suo prezzo e con esso i movimenti speculativi. Milioni di persone si trovano di fronte a un bivio, comprarsi da mangiare o pagare le bollette. E quando c'è scarsità di cibo, tutti gli esseri viventi cominciano ad agitarsi, dissipando ulteriore energia.

    Pandemia, guerra, crisi economiche, disoccupazione, siccità: ci sono tutti gli ingredienti per il verificarsi di uno shock sistemico.

  • La coscienza delle macchine

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, è cominciata commentando le notizie di stampa riguardanti il caso LaMAD (Language Model for Dialogue Applications), un programma di intelligenza artificiale conversazionale, elaborato da Google, che si basa su una rete neurale open source per la comprensione del linguaggio naturale.

    Un ingegnere impegnato nel progetto, Blake Lemoine, è stato messo in congedo dall'azienda di Mountain View perché ha dichiarato pubblicamente che LaMAD sarebbe senziente e avrebbe sviluppato una coscienza pari a quella di un essere umano: "Se non sapessi esattamente cos'è, ovvero questo programma informatico che abbiamo costruito di recente - ha detto Lemoine al Washington Post - penserei che si tratta di un bambino di sette, otto anni che per caso conosce la fisica". Il portavoce di Google ha negato le affermazioni di Lemoine: "Il nostro gruppo, composto da etici e tecnologi, ha esaminato le preoccupazioni di Blake in base ai nostri principi di IA - ha spiegato - e lo ha informato che le prove non supportano le sue affermazioni. Gli è stato detto che non ci sono prove che LaMDA sia senziente, e che ci sono molte prove contrarie".

Rivista n°52, dicembre 2022

copertina n°52

Editoriale: Niente di nuovo sul fronte orientale

Articoli: La malattia non esiste, parte prima - Un sistema che ingegnerizza sé stesso? - La riduzione dell'orario di lavoro non è più un tabù

Rassegna: L'ennesima conferenza sul clima - Polarizzazione crescente - Pericolose tempeste"

Recensione: Gaia, le macchine autoreplicanti e l'intelligenza collettiva

Doppia direzione: Più "avanzato" lenin o Bogdanov? - Cooperazione e sostegno

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email