Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  14 febbraio 2023

La macchina inizia a pensare?

La teleconferenza di martedì 14 febbraio, presenti 18 compagni, è iniziata riprendendo quanto avevamo detto la volta scorsa in merito all'intelligenza artificiale ed in particolar modo ai test condotti con ChatGPT.

ChatGPT (Chat Generative Pre-trained Transformer), salito recentemente all'onore delle cronache, è un prototipo di chatbot basato su intelligenza artificiale sviluppato da OpenAI, un'organizzazione "senza fini di lucro" finalizzata alla ricerca sul campo che vede tra i fondatori Elon Musk e Sam Altman. Il programma, addestrato su un ampio insieme di dati pubblicamente disponibile e perfezionato manualmente da addestratori umani, riesce a rispondere a svariate domande, apprendendo ulterioriormente dalle stesse interazioni con gli utenti. Federico Rampini, nella sua ultima newsletter, afferma che il test condotto con l'applicazione è stato positivo, in quanto l'intelligenza artificiale avrebbe soddisfatto le sue aspettative generando un breve saggio secondo le indicazioni fornite : "ChatGPT sforna frasi a un ritmo folle. Il mio testo sarebbe migliore del suo, ma anziché cinque minuti ci metterei cinque ore o forse cinque giorni, calcolando anche il tempo per fare ricerche e scovare materiale originale."

Lo sviluppo di modelli linguistici di questo tipo ci dice a che punto è arrivato il machine learning, ovvero la capacità delle macchine di imparare, modificando gli algoritmi man mano che ricevono più informazioni riguardo ciò che stanno elaborando. Quello dell'apprendimento automatico sarà il terreno su cui si scontreranno le grandi imprese del tech nel prossimo periodo; da poco Microsoft ha annunciato un ingente finanziamento pluriennale (si parla di 10 miliardi di dollari) a OpenAI. La copertina dell'ultimo numero dell'Economist ritrae la mano di un robot intenta a rompere il logo di Google ("Chatbots and the battle for search"), lasciando intendere che a breve i motori di ricerca potrebbero essere sostituiti da programmi basati sull'intelligenza artificiale. Anche se nel corso degli anni i sistemi di indicizzazione e ricerca sul Web si sono evoluti ed oggi sono in grado di rispondere a domande articolate, programmi come ChatGPT sono ad un livello superiore. Almeno dal 2011 Google ha orientato la sua ricerca verso questo settore, e nel 2017 i suoi laboratori hanno creato, rilasciandolo open source, Transformer: una rivoluzionaria architettura di reti neurali che ha fatto fare un balzo in avanti  nel campo del deep learning e dell'elaborazione del linguaggio naturale. Le reti transformer sono alla base della maggior parte delle cosidette AI generative, compreso ChatGPT.

Anche noi abbiamo provato ad utilizzare la nuova chatbot, ponendo domande di vario tipo e chiedendo di scrivere testi. Il livello di affidabilità è ancora basso, ma il sistema impara dai propri errori e sta evolvendo, anche perché ha più di 100 milioni di utenti attivi. Tali innovazioni tecnologiche vanno al di là di quello per cui sono state progettate, proprio come successo con Internet, che è nato in ambito militare. ChatGPT ha una sua memoria, ricorda gli argomenti affrontati durante la "conversazione", producendo, a tratti, la sensazione di parlare con una forma intelligente simile ad una persona invece che con un algoritmo. Programmi simili sono in grado di apprendre la differenza tra monumenti e, in base al riconoscimento delle immagini, di produrre a loro volta immagini, suoni, programmi. Attualmente, le fonti che alimentano la creazione di OpenAI sono "limitate", ma possiamo facilmente immaginare le potenzialità che un software di questo tipo potrebbe sviluppare se fosse addestrato su una mole di dati più ampia, per esempio quella conservata nei database di Google.

La macchina inizia dunque a pensare? Può un'intelligenza artificiale arrivare alle stesse conclusioni a cui arrivano i marxisti? Ha fatto scalpore la notizia che una versione underground di ChatGPT ha previsto per il 15 febbraio, il giorno successivo alla pubblicazione del nuovo dato sull'inflazione negli Stati Uniti, un possibile crollo dei mercati azionari.

In realtà, ChatGPT non è una vera e propria novità, almeno per quanto riguarda le tecnologie sottostanti. Le prime reti neurali nascono negli anni '80 e trovano applicazione pratica il decennio successivo presso le poste statunitensi, dove vengono usate per leggere i codici di avviamento postale e gli assegni depositati. Ma i dati a disposizione sono troppo pochi, bisogna infatti aspettare gli anni 2000 perchè queste architetture trovino un più ampio utilizzo, mostrando potenzialità enormi.

Quando proviamo qualche novità tecnologica, interagiamo con l'interfaccia ma non riusciamo bene a capire cosa ci sia dietro. Il processo retrostante è sempre quello che attraverso la logica 1/0 fa calcoli e svolge sequenze finite di operazioni; per noi è interessante l'incontro tra il mondo del discreto, fatto di numeri, e quello del continuo, la fusione tra digitale e analogico, perchè tutto quello che succede implica variazioni profonde nelle nostre capacità di comprendere il mondo. Da una parte c'è lo sviluppo irreversibile della forza produttiva, dall'altro un sistema economico che perde energia e soffoca le sue stesse potenzialità.

E' arrivato il momento in cui l'uomo dovrebbe cominciare a vedere la macchina non come qualcosa di separato da sè, ma come un suo prolungamento extra-organico. D'altronde, uomo e macchina rispondono alle stesse leggi di natura, alle invarianti leggi dell'evoluzione, che spiegano il passaggio all'ordine attraverso il caos. Siamo in una terra di confine tra il capitalismo e la società futura, e mettersi a fare il conto di quanti lavoratori verranno licenziati a causa dell'automazione è un'attività valida per dei sindacalisti, ma non per dei rivoluzionari, i quali dovrebbe andare alla radice dei problemi e non fermarsi all'osservazione superficiale.

I fatti materiali sono molto più maturi di quanto i sinistri in genere pensino. Ad esempio, è notevole la capacità dei software, che funzionano con una logica binaria di arrivare a conclusioni a cui la specie fatica ad arrivare. Alan Turing aveva escogitato il suo famoso test per simulare l'essere umano, sino al punto da non permettere di distinguere tra uomo e macchina (Imitation Game). La macchina oggi ha già alcune capacità oltre-umane ed è del tutto verosimile che, lasciato il tempo come incognita, una macchina incominci anche ad assemblare informazioni in modo tale da superare l'uomo per memoria, velocità, capacità di rilevare e ordinare dati ("Il computer e la coscienza"). La specie umana vive ancora nella sua preistoria: l'etologo Desmond Morris, nel libro La scimmia nuda, dice che siamo stati in grado di costruire dispositivi tecnologici ultrasofisticati ma abbiamo un'organizzazione sociale simile a quelli dei nostri cugini primati, e siamo pericolosi perché siamo scimmie nude dotate dell'arma nucleare. Raymond Kurzweil afferma che la "singolarità tecnologica" è vicina, ma potrebbe essere che la "singolarità" sia già qui. D'altronde, se già negli anni '50 la Sinistra definiva il capitalismo come un cadavere che ancora cammina, oggi come potremmo definire questo modo di produzione?

Al loro esordio i traduttori automatici erano approssimativi, ma nel giro di pochi anni hanno migliorato moltissimo le loro prestazioni. Ora esistono intelligenze artificiali che scrivono articoli, compongono melodie musicali e disegnano, comunicando tra di loro e con noi. Sono significativi la velocità e l'impatto sociale che potrebbe avere questo processo, che non è di lì da venire, ma è in atto. Marx ed Engels parlano di comunismo come di un "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente", intendendo con ciò la rivoluzione non come la rottura rivoluzionaria, l'insurrezione, ma come un lungo processo che stravolge i modi di produzione. Non sono quindi i capitalisti ad arrivare sul nostro terreno, come spesso diciamo, ma siamo tutti attirati nel vortice della rivoluzione, solo che i comunisti, forti del loro bagaglio teorico sono all'avanguardia.

Siamo sicuri che se Marx fosse vivo, con la stessa attenzione con cui studiava i sistemi di macchine del suo tempo, coglierebbe in queste nuove tecnologie l'annuncio di una rivoluzione sociale. Chi, richiamandosi al comunismo, chiude gli occhi di fronte a questi processi e se ne disinteressa, è destinato ad estinguersi. Il mondo della politica, della filosofia, degli affari, è altra cosa rispetto a quest'altro mondo che sta maturando con una velocità mai vista prima. Non è un caso che mentre si impongono queste disruptive innovation, assistiamo al disgregarsi del capitalismo, alla perdita di energia degli stati, all'aumento dell'astensionismo, al diffondersi del marasma sociale e della guerra. La contraddizione tra forze produttive e rapporti di produzione è sempre più esplosiva e quanto dice Marx nella Prefazione a Per la critica dell'economia politica (1859) non è mai stato così attuale:

"A un dato punto del loro sviluppo le forze produttive materiali della società entrano in contraddizione con i rapporti di produzione esistenti, cioè con i rapporti di proprietà (che ne sono soltanto l'espressione giuridica) dentro i quali tali forze per l'innanzi s'erano mosse. Questi rapporti, da forme di sviluppo delle forze produttive, si convertono in loro catene. E allora subentra un'epoca di rivoluzione sociale."

Articoli correlati (da tag)

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

    Ne "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" c'è un riferimento al maggior rendimento della produzione capitalistica rispetto a quella feudale: grazie ai risultati della produzione nelle fabbriche (sistema di macchine), il capitalismo riesce a produrre a minor costo. La rivoluzione è un fatto anti-entropico: la prossima forma sociale sarà a più alto rendimento energetico. La spersonalizzazione del capitalismo può essere rintracciata anche nei fatti di cronaca raccolti dai giornali; recentemente, Luciano Benetton ha addossato la responsabilità di un buco di cento milioni di euro nel bilancio della sua impresa di famiglia al manager che aveva assunto alla guida del gruppo: "Mi sono fidato e ho sbagliato. Sono stato tradito nel vero senso della parola. Qualche mese fa ho capito che c'era qualche cosa che non andava. Che la fotografia del gruppo che ci ripetevano nei Consigli di amministrazione i vertici manageriali non era reale". Da tempo i capitalisti hanno delegato a tecnici la direzione delle proprie imprese. La corrente cui facciamo riferimento, in un lavoro fondamentale come Proprietà e Capitale, già nel 1948 descriveva una società in cui vi sono un capitale senza capitalisti e capitalisti senza capitale.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

  • La guerra è dissipazione di energia

    La teleriunione di martedì sera è iniziata discutendo dell'evoluzione degli attuali scenari di guerra.

    Gli Stati, anche quelli importanti come USA e Federazione Russa, faticano a tenere il passo nella produzione di munizioni necessaria per il conflitto in corso in Ucraina. Il Fatto Quotidiano riporta alcuni dati significativi: nel giugno 2022 i Russi sparavano 60 mila colpi al giorno, a gennaio del 2024 ne sparavano 10-12 mila contro i 2 mila dell'esercito avversario. Senza l'aiuto dell'Occidente l'Ucraina sarebbe già collassata, ma ora l'America ha delle difficoltà: "Gli Usa, il principale fornitore di proiettili di artiglieria dell'Ucraina, producono 28mila munizioni da 155 mm al mese con piani di aumento della produzione a 100mila entro il 2026." La fabbricazione di tali quantità di munizioni comporta uno sforzo nell'approvvigionamento di materie prime, e infatti c'è una corsa all'accaparramento di scorte di alluminio e titanio. Già l'anno scorso l'Alto rappresentante UE per la politica estera, Josep Borrell, affermava: "In Europa mancano le materie prime per produrre le munizioni da mandare all'Ucraina".

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email