Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  21 febbraio 2023

L'unica soluzione

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 15 compagni, ha avuto come tema principale la guerra in Ucraina scoppiata circa un anno fa.

Abbiamo iniziato la discussione analizzando le prese di posizione di alcuni militari italiani, (Leonardo Tricarico e Marco Bertolini) contrari all'invio dei carri armati prodotti in Germania. Si è quindi passati a commentare quanto scrive il generale Fabio Mini nel suo ultimo libro L'Europa in guerra (ed. PaperFIRST, 2023). Una prima considerazione da fare, leggendo i capitoli iniziali del testo, riguarda il fatto che le campagne di denuncia di leniniana memoria sono ormai sostenute dagli stessi generali dell'esercito, motivo per cui i comunisti non si possono fermare a tale livello e devono per forza andare oltre.

In L'Europa in guerra si dice che lo svuotamento degli obsoleti arsenali occidentali, dovuto alle forniture di armi a Kiev, rende necessario il rinnovo degli armamenti e apre le porte all'adozione di nuove risorse tecnologicamente più avanzate ed efficienti. Tali equipaggiamenti, afferma Mini, sono prevalentemente americani e legano sempre più l'Europa agli Stati Uniti, paese che maggiormente investe nella preparazione e nell'impiego di forze militari. Gli alleati NATO dell'Est Europa sono le punte di lancia dell'America nel Vecchio Continente.

Per il generale, l'Ucraina sta combattendo contro l'Europa per e con gli Stati Uniti. E l'obiettivo di quest'ultimi è mantenere l'egemonia sull'Europa e interrompere qualsiasi legame politico ed economico tra Berlino e Mosca, costringendo gli alleati a importare da loro risorse energetiche a costi più alti. In ballo c'è il controllo di un mondo che non accetta più supinamente il dominio del dollaro. Come nota l'Economist ("What Ukraine means for the world"), solo un terzo della popolazione mondiale vive in paesi che hanno condannato la Russia per l'invasione dell'Ucraina e le hanno imposto sanzioni.

Come potrebbe svilupparsi allora la guerra iniziata in Ucraina, si chiede Mini. Le opzioni elencate nel libro sono le seguenti: un "cessate il fuoco" concordato da entrambe le parti; una missione di garanzia/verifica; una missione d'interposizione; la guerra convenzionale per "procura" (è già in atto); la guerra di Coalizione; la guerra della NATO.

Se questa guerra non è il primo conflitto in Europa, si scrive in L'Europa in guerra, potrebbe però essere l'ultimo nel senso prospettato da Einstein: dopo di essa l'umanità combatterà con pietre e bastoni. Non c'è dubbio che la guerra in corso sia l'inizio di qualcosa di molto più grande, che riguarda non tanto un conflitto tra due paesi confinanti ma i mutati equilibri inter-imperialisti. Anche l'Italia, al pari di Francia e Germania, è in guerra, e si sta tornando a parlare di servizio militare obbligatorio e di aumento delle spese militari. Ciò che fa riflettere è il pragmatismo di analisti come Mini, l'approccio tecnico e il parlare schietto. I militari sono le antenne che captano lo sconvolgimento a venire. Lavorano con i wargame, prevedono scenari, valutano le forze in campo. Nel milieu marxista-leninista regnano invece le partigianerie e c'è chi afferma che "la pace è possibile solo con la vittoria dell'Ucraina libera e indipendente", oppure chi dice che i comunisti devono sostenere "il Donbass libero e comunista." Poi c'è l'impotente pacifismo cattolico, che raccoglie consenso trasversalmente.

Il rullo dei tamburi di guerra americani dà voce ai critici europei, a quei paesi che hanno tutto da perdere dall'intraprendere un conflitto aperto con la Russia. Si formano così correnti borghesi che esprimono disappunto rispetto ad un maggiore coinvolgimento bellico. A tal proposito, Mini riporta alcune prese di posizione interne all'esercito italiano, come il testo inoltrato su WhatsApp firmato "Incursore Fabio Filomeni":

"Rischiamo di morire per una NATO che ha cambiato pelle e che non è più la stessa organizzazione difensiva che agiva nell'interesse comune degli Stati aderenti. Adesso morire per la NATO significa morire per gli interessi egemoni di una sola nazione, l'unica che trae beneficio da una guerra in Europa: gli Stati Uniti d'America... Ribelliamoci civilmente, prima che sia troppo tardi. Ribelliamoci per la vita nostra e per dovere civico nei confronti delle future generazioni. Facciamo Noi la guerra a chi vuole la guerra! Sono loro i codardi, non Noi!"

Filomeni è stato volontario in servizio di leva presso il Reparto Incursori dell'Esercito (Col Moschin), sottufficiale poi promosso Ufficiale e congedato con il grado di Colonnello nello stesso Reparto. Critica la NATO dicendo che non ha senso morire per essa. In effetti, l'Organizzazione del Trattato dell'Atlantico del Nord è diventata un agente globale mentre, come dice il nome, era sorta come alleanza regionale.

Dichiarazioni come quelle di Filomeni sembrano di un terzinternazionalista ("trasformare la guerra imperialista in guerra civile"), e invece sono di un militare che lancia l'allarme per la concreta possibilità dello scoppio di un conflitto mondiale. Mini, al pari di Lucio Caracciolo (La pace è finita), delinea un quadro fatto di disordine internazionale montante, affermando che si sta andando "verso lo scontro globale che tutti dicono di voler evitare". L'Europa non ha ben capito cosa sta venendo avanti e minimizza il portato distruttivo di questa guerra, ma nemmeno gli USA hanno compreso la situazione, soprattutto per quanto riguarda la sostenibilità del loro debito: essi dovrebbero percorrere la strada del negoziato e non quella delle armi. A questo punto l'analisi del generale lascia un po' a desiderare, perchè la guerra non è un fatto di volontà bensì scoppia per dinamiche che gli Stati non controllano fino in fondo.

Sullo sfondo dell'escalation bellica c'è poi la questione della tenuta del fronte interno, in Russia, in Ucraina e altrove, il cui crollo potrebbe ampliare la dimensione della crisi del capitalismo mondiale. Non è pensabile un nuovo ordine mondiale, anche perché dal punto di vista storico-matematico la parabola del plusvalore ha un inizio e una fine: abbiamo un sistema produttivo che nel tempo aumenta la sua forza, aumenta il numero delle merci prodotte mettendo in moto sempre più capitale con sempre meno uomini. Questo sistema vede il giganteggiare del lavoro morto su quello vivo, in fabbrica come nel campo di battaglia; perciò, se non viene bloccata, questa guerra andrà fino in fondo e sarà guerra delle macchine, dei sistemi e dell'informazione ("La Quarta Guerra Mondiale").

Ricollegandoci alle dichiarazioni "critiche" di alcuni militari, abbiamo ricordato quanto scritto nell'editoriale della rivista intitolato "Le attenzioni dello Stato": "Di quale parte si farebbero strumento le forze armate il giorno in cui la società fosse davvero giunta al confine fra un modo di produzione putrefatto e un mondo completamente nuovo, proiettato nel futuro? Non è un assioma né una certezza scientifica, ma sappiamo che gli eserciti sono sempre stati uno strumento primario di tutte le rivoluzioni. Ai delegati bolscevichi dei soviet bastarono poche parole per conquistare l'armata golpista di Kornilov scagliata contro la rivoluzione."

La teleriunione è proseguita con il commento delle notizie provenienti dalla Francia dove, sull'onda delle grandi manifestazioni contro la riforma delle pensioni, i tecnici delle società di distribuzione del gas e dell'energia elettrica hanno cominciato a manomettere i contatori in modo che gli utenti ricevano bollette più leggere. Se queste iniziative si diffondessero anche ad altri settori e si coordinassero, per qualsiasi Stato sarebbe difficile contrastarle. Se cambiano le situazioni sociali, cambiano anche le forme di organizzazione e di lotta.

I borghesi si rendono conto del fatto che le crisi si stanno moltiplicando e hanno coniato il termine "policrisi" (crisi economiche, climatiche e politiche si accumulano e si amplificano l'una con l'altra). Anche questa è una capitolazione ideologica di fronte al marxismo, che intende la crisi storica del capitalismo senile come un qualcosa di strutturale, che riguarda tutte gli aspetti del vivere sociale. Secondo lo storico economico Adam Tooze, che si è occupato del concetto, "ciò che rende le crisi degli ultimi 15 anni così disorientanti è che non sembra più possibile indicare una singola causa e, di conseguenza, una singola soluzione".

Quando si sincronizzano crisi generali di varia natura, tutto viene amplificato e anche la rivolta assume un carattere universale. Per capire come potrebbe evolvere la situazione dal punto di vista sociale nel prossimo futuro, è utile riprendere in mano l'articolo della rivista sul wargame, soprattutto la seconda parte (n. 51), nella quale viene simulata attraverso il metodo dei giochi di guerra una situazione di rabbia montante, che vede il diffondersi di manifestazioni contro lo stato di cose presente e la nascita di un ipotetico movimento, chiamato Occupy Grande Piazza:

"Si è formata spontaneamente una struttura che accoglie e indirizza i nuovi arrivati e amministra il denaro donato. L'accrescersi della folla e il formarsi di strutture fisse come la cucina da campo, la tendopoli, lo spazio della stampa e della lettura, l'area informatica, sono tutti fattori registrati da una memoria collettiva che ha tramandato i modelli di Occupy Wall Street anche senza un ricordo diretto, dato che l'esperienza americana non si era radicata in Italia."

Sono i proletari che hanno in mano le leve delle società, hanno dalla loro il numero e la collocazione all'interno dei processi produttivi. Il simbolico 99% ha da perdere solo le proprie catene e ha un mondo da conquistare, il parassitario sistema dell'1% lotta invece per conservare il sistema del lavoro salariato. Non c'è nulla da mediare tra queste due forze, e perciò "l'unica soluzione è la rivoluzione mondiale" (conclusione dello statement nella Home page del sito Occupy Wall Street).

Articoli correlati (da tag)

  • La potente difesa del programma

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

    Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

    Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

    Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

    Ne "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" c'è un riferimento al maggior rendimento della produzione capitalistica rispetto a quella feudale: grazie ai risultati della produzione nelle fabbriche (sistema di macchine), il capitalismo riesce a produrre a minor costo. La rivoluzione è un fatto anti-entropico: la prossima forma sociale sarà a più alto rendimento energetico. La spersonalizzazione del capitalismo può essere rintracciata anche nei fatti di cronaca raccolti dai giornali; recentemente, Luciano Benetton ha addossato la responsabilità di un buco di cento milioni di euro nel bilancio della sua impresa di famiglia al manager che aveva assunto alla guida del gruppo: "Mi sono fidato e ho sbagliato. Sono stato tradito nel vero senso della parola. Qualche mese fa ho capito che c'era qualche cosa che non andava. Che la fotografia del gruppo che ci ripetevano nei Consigli di amministrazione i vertici manageriali non era reale". Da tempo i capitalisti hanno delegato a tecnici la direzione delle proprie imprese. La corrente cui facciamo riferimento, in un lavoro fondamentale come Proprietà e Capitale, già nel 1948 descriveva una società in cui vi sono un capitale senza capitalisti e capitalisti senza capitale.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email