Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  20 giugno 2023

Proiezione dal futuro

La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 18 compagni, è iniziata riprendendo i temi trattati all'incontro redazionale del 17 e 18 giugno.

Le relazioni presentate durante la riunione, "Sulla spontaneità operaia oggi" e "Verso un mondo senza lavoro e senza Stato", hanno fornito l'occasione per ribadire come la controrivoluzione in corso da un secolo abbia inchiodato l'umanità in un limbo dal quale sembrerebbe impossibile uscire. Una società che confronta sé stessa unicamente con il suo passato, anziché con il futuro, è morta.

La relazione sulla "spontaneità" ha preso le mosse dalla constatazione che in ambito "marxista" si prende sovente come paradigma la Terza Internazionale, dando per scontato che il movimento rivoluzionario futuro ripartirà da quel livello e utilizzerà un certo linguaggio. In realtà, dalla Rivoluzione d'Ottobre è passata un'epoca storica e gli elementi di comunismo presenti oggi ("Marcati sintomi di società futura") non sono nemmeno lontanamente paragonabili con quelli di allora. Il comunismo è più attuale di un secolo fa: adesso ci sono l'intelligenza artificiale, le fabbriche e i magazzini automatici, i supercomputer in grado di compiere milioni di miliardi di operazioni al secondo. Il capitalismo non riesce a stare al passo con un tale sviluppo delle forze produttive e da anni è sprofondato in una crisi di cui non si vede soluzione. La legge del valore non funziona più dato che di lavoro ce n'è sempre meno e quello che c'è è sempre più sfruttato. Questo fatto ha delle conseguenze sociali e politiche.

Nelle recenti manifestazioni in Francia abbiamo osservato che la spinta generale, al di là delle motivazioni ufficiali accampate dagli organizzatori, è contro lo stato di cose presente. La corrente a cui facciamo riferimento ci ha lasciato in eredità un patrimonio scientifico che ci permette di distinguere nei fenomeni sociali cosa c'è di vecchio e cosa di nuovo (vedi "Tracciato d'impostazione" sui movimenti antiforma). Il movimento rivendicativo si sta dissolvendo: non si può continuare a rivendicare un qualcosa che va scomparendo, come il posto di lavoro fisso o la piena occupazione. Il capitalismo stesso si incarica, dunque, di fare pulizia rendendo inutili le vecchie strutture, ad esempio la famiglia, baluardo della conservazione che si sta disgregando (sono sempre meno i giovani che si sposano con rito civile o religioso).

Nell'articolo "Dov'è finito il Futuro?" abbiamo scritto che nel computer della rivoluzione si sta preparando un gigantesco reset. Effettivamente ciò che serve è un azzeramento di tutto quello che rimane della lunga controrivoluzione. Oggi, nell'immaginario collettivo il comunismo è la Cina, o Cuba, o la Corea del Nord; anche tra coloro che si definiscono comunisti c'è chi sostiene che esso è un'ideologia oppure un qualcosa da costruire. In termini di "saggi di futuro", i pochi che sono riusciti ad aprire una breccia sono stati quelli di Occupy Wall Street, che hanno riscoperto il senso profondo del Primo Maggio e il ricordo della Comune di Parigi, senza però utilizzare il frusto linguaggio del "comunismo borghese".

Quello del linguaggio è un problema enorme, e non a caso è uno dei temi messi al primo posto del nostro Codice redazionale. Il linguaggio fa parte di ogni struttura sociale perché è il mezzo con cui l'uomo rovescia la prassi, trasmette informazione, progetta. Non si tratta di inventarlo di sana pianta, ma di collegarsi ad una struttura sociale futura: ad esempio, invece del termine dialettica (preso a prestito dalla filosofia) possiamo tranquillamente usare termini come retroazione, feedback e doppia direzione ("Storia di una discontinuità"), attinenti al mondo scientifico. Possiamo analizzare lo sviluppo dei movimenti antiforma odierni utilizzando parole come catalisi, autorganizzazione, catastrofe, a dimostrazione che il mondo "umano" risponde alle stesse leggi di quello "naturale" (Mark Buchanan, L'atomo sociale).

Nel film After Work di Erik Gandini si fa una panoramica della situazione lavorativa in diversi paesi e contesti, delineando l'avvento di una società post-lavoro. Il capitalista Elon Musk ha dichiarato pubblicamente di essere favorevole ad un reddito universale incondizionato, come d'altronde ha proposto il piccolo borghese Beppe Grillo. Gli Stati devono gestire una popolazione in esubero, che è fondamentale per consumare merce, ma non per produrla. I capitalisti sono costretti a sfamare i propri schiavi invece di sfruttarli. Cosa si farà, si chiedono, quando non si lavorerà più? Il problema esiste perché viviamo in una società alienata, in cui ognuno è separato e in competizione con i propri simili. Se la specie umana iniziasse a vivere in maniera veramente sociale, senza denaro, Stato e merce, tutti troverebbero organicamente il proprio posto e nessuno sgomiterebbe. In alcune lingue la parola "lavoro" è sinonimo di travaglio, fatica, sfinimento. Nel Programma rivoluzionario immediato (riunione di Forlì del 1952) si indica come obiettivo la drastica riduzione della giornata di lavoro. La società futura sarà quella dell'ozio, che non vuol dire che non si farà niente, ma che ci si potrà finalmente dedicare ad attività vitali o anche semplicemente belle e divertenti.

Lo sviluppo tecnologico è dirompente e ci obbliga ad adottare nuovi paradigmi. La struttura materiale della società è molto più avanti rispetto alle sovrastrutture ideologiche e politiche. Il ragionare per questioni (sindacale, organizzativa, ecc.) non ha senso in un mondo in cui tutto è connesso. La fabbrica globale ha sviluppato una propria intelligenza, perciò non si tratta di sostituire l'attuale sovrastruttura statale con una migliore, ma di cedere il passo ad una struttura radicalmente diversa ("Contributo per una teoria comunista dello Stato"). Per i teorici dello stato sociale, come ad esempio Daniel Susskind (Un mondo senza lavoro), l'apparato statale di domani dovrà svolgere un ruolo di primo piano nella distribuzione della ricchezza per far fronte alla "disoccupazione tecnologica". Ma lo studio che abbiamo fatto sulla Grande Socializzazione dimostra che in ambito borghese tutto è già stato sperimentato; se ne può trovare traccia nella Carta del Carnaro di Dannunzio, nelle encicliche cattoliche come la Rerum Novarum e nel gramsciano Ordine Nuovo, arrivando fino all'esperimento Comunità di Olivetti. Tutte queste correnti avevano in comune l'obiettivo di costruire una Civiltà del Lavoro (vedi Carta del Lavoro di Mussolini). In "Abbasso la repubblica borghese, abbasso la sua costituzione" (Prometeo, 1947) si indica, invece, come fine del divenire storico una società non fondata sul lavoro ma sul consumo:

"La lotta proletaria non tende ad esaltare ma a diminuire il dispendio di lavoro, e si basa sulle enormi risorse della tecnica odierna per avanzare verso una società senza sforzi lavorativi imposti, in cui la prestazione di ciascuno si farà allo stesso titolo con cui si esplica ogni altra attività, abbattendo progressivamente la barriera tra atti di produzione e di consumo, di fatica e di godimento."

La CGIL, ma anche i sindacati cosiddetti conflittuali, fondano il loro operato sulla difesa dei "diritti" del lavoro: hanno lo sguardo rivolto al passato e non al futuro. Queste organizzazioni hanno un enorme problema con le nuove generazioni, che sono senza lavoro e quindi da loro irrappresentabili. I sindacati stanno in piedi grazie allo Stato, che li sovvenziona attraverso CAF, enti bilaterali, ecc., in quanto ne riconosce la funzione di ammortizzatore sociale.

In Francia, contro la legge che aumenta l'età pensionabile da 62 a 64 anni, si è palesato un movimento sociale che è andato oltre la contestazione della riforma: nei manifesti e sui cartelli appare la necessità di avere più tempo di vita e di non essere schiavizzati dal lavoro.

Sono molti gli esempi di futuro che agisce sul presente. Pensiamo al Venus Project (una struttura no profit la cui ragione sociale si chiama Future by design, Futuro tramite progetto): esso non rivendica qualcosa, ma delinea le forme di una società comunistica basata esclusivamente sui risultati tecnico-scientifici già raggiunti entro la società capitalistica. Anche il curioso Movimento per il Paradismo proclama lo sviluppo della scienza come unico mezzo per liberare l'uomo dalla schiavitù del lavoro e del denaro. È sicuro che le forme che assumerà un domani un organismo anticapitalista saranno diverse rispetto a quelle che si immaginano i "marxisti". Negli USA potrebbe apparire come un mix di Occupy Wall Street, del Venus Project e del movimento tecnocratico degli inizi del XX secolo, ovvero un assemblaggio di forze già presenti e di esperienze storiche riscoperte. Quando si apre un'epoca di rivoluzione, tutto viene scombussolato; all'interno della classe nemica si determinano rotture e si amplia il fenomeno dei transfughi di classe. Pensiamo agli accelerazionisti che auspicano la rottura delle vecchie forme sociali nonostante questo significhi portare la società del Capitale al collasso.

Per i comunisti non si tratta di rivendicare qualcosa all'interno della forma sociale vigente e peggio che mai di volerne la riforma, si tratta semmai di tagliare i ponti con il vecchio mondo, cominciando con il rifiuto delle richieste di "giustizia sociale" (più welfare, più scuole, ecc.). Il concetto di "diritto" riguarda la rivoluzione passata, quella borghese (che sulla propria bandiera aveva scritto eguaglianza, libertà e proprietà), e non riguarderà quella futura. A proposito della nascita a Roma di Priot (rete per un attivismo queer intersezionale), se intendiamo la repressione sessuale come una delle varie forme di repressione che la specie umana si è auto-inflitta, dobbiamo concepire il suo superamento come parte di un più generale superamento della società di classe, e quindi anche del paradigma avvocatesco dei "diritti", sanciti dalla Costituzione o da qualche altra carta ritenuta sacra.

Articoli correlati (da tag)

  • Autonomizzazione degli eserciti e dei conflitti

    La teleconferenza di martedì, presenti 20 compagni, è iniziata commentando la situazione internazionale alla luce del recente golpe in Niger e del conflitto in Ucraina.

    Il Niger è il più esteso e il più povero paese dell'Africa Occidentale (circa 1,3 milioni di kmq e 25 milioni di abitanti); tuttavia, è fondamentale per la sua posizione geografica essendo collocato tra il Maghreb a nord (Tunisia, Algeria, Libia) e i paesi del golfo di Guinea a sud (Nigeria, Camerun, Costa d'Avorio). E' difatti un importante crocevia per commerci di ogni tipo, anche di esseri umani. Nel suo sottosuolo giacciono uranio, petrolio, gas naturale, oro, diamanti e terre rare, che hanno sempre attirato interessi stranieri.

    Lo scorso 26 luglio la guardia presidenziale ha prima circondato il palazzo presidenziale e poi messo agli arresti il presidente Mohamed Bazoum, il primo democraticamente eletto nel paese africano dal 1960. Questo golpe si aggiunge alla sequenza di colpi di stato militari consumati recentemente fra Mali (2020, 2021), Guinea (2021) e Burkina Faso (2022), facendo scivolare ancora di più nel caos l'intera area. Il Niger è stato uno dei pochi paesi ex coloniali ad aver mantenuto uno stretto e continuativo rapporto negli anni con la Francia ed è destinatario di investimenti in sicurezza degli Stati Uniti, che hanno impiantato una base militare (Air Base 201) a 500 miglia a nord ovest della capitale. Considerato un avamposto occidentale nel Sahel, ora il governo golpista guidato dal generale Abdourahaman Tchiani ha intimato la Francia a non intervenire nelle questioni interne del paese.

  • La fragilità delle catene logistiche

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 18 compagni, è iniziata parlando degli scioperi negli Stati Uniti.

    A fine luglio scade il contratto dei teamsters della UPS. Le trattive per il rinnovo si sono rotte e c'è la possibilità che dal primo agosto incrocino le braccia i 340mila lavoratori del gigante della logistica. Lo sciopero verrebbe organizzato dall'International Brotherhood of Teamsters (IBT), lo storico sindacato dei camionisti che, pur avendo avuto in passato dirigenze colluse con la mafia (Jimmy Hoffa), ha espresso in più occasioni una base militante pronta allo scontro con i datori di lavoro ("I sedici giorni più belli"). Il 97% degli iscritti all'IBT ha votato a favore dello "strike" qualora le loro richieste non vengano accettate (aumenti salariali, sicurezza, ecc.), e ciò potrebbe portare a una interruzione della catena di approvvigionamento con un effetto domino sull'intera economia del paese. Come nota USA Today, l'ultima volta che i lavoratori della UPS hanno scioperato, nel 1997, meno dell'1% delle vendite totali del commercio al dettaglio proveniva dagli acquisti online. Si stima che negli USA siano più di un milione i lavoratori impiegati nel settore della logistica, più del doppio rispetto ad allora.

  • Guerra in outsourcing

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con alcune considerazioni sulla conferenza pubblica, tenuta a Roma lo scorso 27 maggio, sul tema della guerra.

    La riunione è andata bene, sia per la chiarezza con cui sono stati esposti gli argomenti sia per gli interventi e le domande che sono state poste ai relatori. Tra gli intervenuti c'è stato chi ha sottolineato come in questa fase di guerra generalizzata sia fondamentale ribattere il chiodo contro le partigianerie in genere ("Marxismo o partigianesimo"), e chi ha ribadito che l'unico modo per analizzare i fatti in sintonia con il "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente" è proiettarsi nel futuro. Diversi i compagni collegati via Skype, una modalità utile per chi non può essere presente fisicamente a questi incontri.

    Nella stessa giornata si è svolta a Roma la manifestazione "Ci vuole un reddito", in difesa del reddito di cittadinanza; molti i gruppi e i partitini della sinistra che vi hanno aderito, oltre a sindacati e a diverse realtà di base. La misura del reddito di cittadinanza, inizialmente intesa come erogazione monetaria per raggiungere la parità tra tutti i cittadini, si è trasformata nel giro di pochi anni in un reddito di base, una sorta di salario di sopravvivenza. Non si tratta più di un'astratta forma di accompagnamento al lavoro, ma della possibilità di poter arrivare a fine mese. Secondo i dati dell'Osservatorio Inps, in Italia due milioni e mezzo di senza riserve vivono con questo assegno (l'importo medio è di 550 euro), e tra poco rimarranno economicamente scoperti.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email