Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  28 novembre 2023

Un sistema che non conosce sé stesso

La teleriunione di martedì sera, a cui si sono collegati 17 compagni, è iniziata con il commento delle notizie riguardanti OpenAI, uno dei più avanzati laboratori di ricerca nel campo dell'Intelligenza Artificiale (IA).

La startup che ha elaborato ChatGPT ("Chat Generative Pre-trained Transformer"), un sistema linguistico LLM ("Large Language Model") basato sull'apprendimento automatico profondo, recentemente è salita all'onore delle cronache per il licenziamento di uno dei suoi fondatori e CEO, Sam Altman. Da quanto si può leggere sui giornali, sembra che l'allontanamento di Altman ad opera del consiglio di amministrazione rientri nello scontro in atto tra i sostenitori di due diversi approcci nello sviluppo dell'intelligenza artificiale, ed in particolare riguardo allo sviluppo di un nuovo progetto denominato Q*. ChatGPT produce risultati in base ad un calcolo probabilistico, legato alla statistica del linguaggio; Q*, invece, sarebbe un sistema autonomo in grado di "superare gli esseri umani nei compiti con il maggiore impatto a livello economico" (Wired).

Secondo la Reuters, lo scontro verterebbe sulle precauzioni da adottare verso lo sviluppo del progetto: mentre la maggioranza del consiglio di amministrazione richiedeva una maggiore cautela, sembra che Altman spingesse per la sua commercializzazione. Nei giorni successivi al licenziamento, Microsoft, il maggior finanziatore della società, si è fatta avanti per assumere Altman, e più di 700 dipendenti hanno minacciato di andarsene per seguire il loro ex-capo. OpenAI nasce nel 2015 come organizzazione di ricerca senza scopo di lucro; qualche anno più tardi, nel 2019, viene affiancata da un braccio commerciale che si occupa di attrarre gli investimenti e gestire i profitti. All'interno della startup è presente la corrente dell'altruismo efficace, un movimento filosofico che si propone di applicare la ricerca scientifica e la tecnologia per migliorare il mondo, e di mettere in pratica la massimizzazione dei profitti per incentivare le donazioni economiche a favore dei problemi sociali.

Le startup della Silicon Valley lavorano a stretto contatto con il governo di Washington. Elon Musk ha fornito i suoi servizi satellitari agli Ucraini all'inizio del conflitto, e recentemente li ha messi a disposizione delle ONG presenti a Gaza. I sistemi basati sull'IA sono ambiti di ricerca che stanno sconvolgendo il mondo dal punto di vista economico, militare, sociale.

L'imprenditore sudafricano rientra tra la schiera di coloro che mettono in guardia sullo sviluppo dell'IA, perché potrebbe portare all'estinzione della specie umana. Gli allarmi su un'IA senziente sono sovente diffusi proprio da personalità leader nel settore; per i capitalisti, questi sistemi rappresentano una svolta drammatica che segna la fine dell'umanità. Si tratta di una situazione schizofrenica, riflesso di una società altrettanto schizofrenica: la produzione associata e l'appropriazione privata vanno in contrasto, la società morente è gravida di società futura e tutto il tempo che ci vorrà per compiere il passaggio dall'una all'altra sarà pericolosissimo per la specie. Nel caso della guerra, ad esempio, si è già giunti alla progettazione di armi che possono decidere in autonomia dove e come colpire.

Può un sistema di macchine arrivare ad avere una coscienza? Ovviamente bisognerebbe prima capire cos'è la coscienza. La specie evolve nella misura in cui suggerisce a se stessa i mezzi per arrivare ad una conoscenza di livello superiore. L'uomo impara presto a darsi sistemi per contare e memorizzare (tavolette, cretule, ecc.), entrando in un contesto fatto di continua e costante produzione di informazione. L'uomo inizia poi a studiare se stesso attraverso lo studio delle macchine che egli stesso produce, dal pallottoliere ai dispositivi informatici. L'architettura di von Neumann, ancora oggi alla base della maggior parte dei computer, non è altro che uno schema per il trattamento delle informazioni: istruzioni, memoria, e un diagramma di flusso che illustra una situazione dinamica. Per von Neumann le macchine possono arrivare a costruire se stesse, senza l'ausilio degli esseri umani.

Marx ha intuito (Grundrisse, "Frammento sulle macchine") straordinariamente bene ciò che sarebbe accaduto: la macchina ha bisogno di essere informata sulle operazioni da svolgere, ma una volta che tale operazione è compiuta essa può lavorare teoricamente all'infinito, lanciando i suoi segnali all'operaio solo per chiedere manutenzione o per essere ricaricata di materie prime. La costruzione di macchine per mezzo di macchine cozza contro la società del valore-lavoro.

Nel saggio La scimmia nuda lo zoologo Desmond Morris afferma che la specie umana non si è sviluppata adeguatamente rispetto alla strumentazione tecnica che ha costruito; a livello sociale siamo rimasti degli scimpanzé, che però hanno per le mani armi nucleari. L'umanità ha a disposizione strumenti, mezzi e tecnologie tali da permetterle di compiere il salto in una fase sociale avanzata, ed invece rimane ancorata alla preistoria. Una società che non conosce sé stessa sta producendo attrezzature che stanno prendendo il sopravvento. Singolarità (R. Kurzweil) significa non tanto indeterminazione quanto andamento catastrofico che può avere esiti diversi. Il rapporto tra uomo e macchina è un tema affrontato in numerosi film. In 2001, Odissea nello Spazio, Terminator, Matrix, ad esempio, tale interazione ha un'accezione negativa; nell'ultimo, addirittura, l'umanità-batteria non è nemmeno consapevole di essere schiava delle macchine, che la illudono di vivere nella libertà. Percependo di non avere futuro, la società borghese rimpiange il passato e all'orizzonte vede solo pericolo, immaginando scenari distopici.

Negli appunti epistemologici (rivista n. 15-16), la corrente cui facciamo riferimento scrive che la rivoluzione avviene senza che gli uomini abbiamo la consapevolezza della società futura, e che la vera conoscenza ci sarà soltanto quando l'umanità sarà libera dai vincoli capitalistici. Vivendo ancora nella sua preistoria, l'umanità non conosce sé stessa, e la classe dominante non sa dove sbattere la testa, non riuscendo ad elaborare un programma né tantomeno una visione del futuro. Il comunismo è la possibilità che la specie comprenda l'universo in cui vive e trovi un'armonia con la biosfera di cui fa parte. Il modo di produzione capitalista ha come obiettivo la valorizzazione da D a D' e si disinteressa di tutto il resto.

In chiusura di teleconferenza, abbiamo ripreso il tema della guerra in Medioriente ed Ucraina. A Gaza, l'attenzione dei media è riservata alla tregua, che in un conflitto è quel momento necessario per gli approvvigionamenti e il riposizionamento dei soldati. Gli Americani tentano di frenare gli Israeliani per evitare un' escalation, spingendo per la liberazione degli ostaggi (vedi movimento interno ad Israele dei familiari degli ostaggi contrari alla guerra). Per l'esercito israeliano, la tregua ritarda le operazioni e favorisce i rifornimenti di beni di prima necessità ad Hamas. Israele ha un grosso problema e cioè la strategia sul lungo termine: per ora i militari vanno avanti nell'occupazione della Striscia di Gaza, ma non è chiaro quale sia l'obiettivo. Attualmente il nord della Striscia è distrutto e la popolazione si è riversata nel sud dove, secondo la propaganda del governo Netanyahu, l'esercito dovrà finire il lavoro di sradicamento di Hamas. Centinaia di migliaia di civili sono intrappolati, senza poter uscire da quella che è una prigione a cielo aperto. A ciò si aggiunge il problema della Cisgiordania, dove gruppi di giovanissimi palestinesi imbracciamo le armi e si scontrano giornalmente con l'esercito israeliano. È difficile immaginare una soluzione. La compellence agisce su tutti gli attori regionali, ad esempio Hezbollah, che per il momento attua un conflitto a bassa intensità.

Anche il fronte ucraino è problematico per l'Occidente. Durante la scorsa estate l'Ucraina ha sparato 220 mila/240 mila proiettili di grosso calibro al mese (The Economist, "Ukraine's new enemy: war fatigue in the West"). L'apparato industriale occidentale non riesce a stare al passo con la produzione di armamenti: limiti fisici vincolano la fornitura di armi e munizioni all'Ucraina mentre i Russi, ben trincerati nelle regioni dell'est e del sud, compiono massicci attacchi con missili e droni. Al di là della propaganda occidentale, la Russia ha raggiunto parte dei propri obiettivi.

Il mondo sta sfuggendo di mano agli Stati Uniti, e il controllo dell'Indo-Pacifico e dei suoi flussi commerciali resta il nodo centrale. Ragionando in termini di wargame, è lecito elaborare uno scenario mondiale in cui la Cina, forte del caos in Medioriente e in Ucraina, decide di prendersi Taiwan, con tutte le conseguenze del caso.

Articoli correlati (da tag)

  • La potente difesa del programma

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

    Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

    Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

    Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email