Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  4 giugno 2024

La potente difesa del programma

La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

Una volta consolidato il dominio di classe, la borghesia afferma che grazie al sistema parlamentare tutti gli strati sociali, tutti i partiti politici, possono pacificamente competere per giungere al potere, visto che sussiste l'uguaglianza giuridica e politica tra i cittadini. La nostra critica tende a smascherare questa gigantesca menzogna, perché dimostra che il proletariato è "libero" solo di vendere la propria forza lavoro. La cosiddetta libertà politica e giuridica è tale solo nei proclami, dato che nei fatti la maggior parte della società è schiava della necessità. Se non si scardina il sistema del lavoro salariato, non è possibile alcuna emancipazione sociale.

Nel testo "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia" vi è anche una critica all'"educazionismo" e al "culturismo democratico", ossia alla concezione borghese di emancipare gli individui attraverso la cultura e la scuola, così che essi possano formarsi una libera opinione politica. La corrente cui facciamo riferimento, fin dalla polemica con Angelo Tasca, ha ribadito che l'uomo per pensare deve prima mangiare. Prima vi è la lotta contro la classe nemica per strappare migliori condizioni di vita e solo poi vi è la conoscenza (non individuale ma collettiva). Il problema non è che gli operai siano poco acculturati, ma che abbiano assorbito troppa cultura borghese (democrazia, parlamentarismo e individualismo).

Nell'ultima parte del testo si parla dello sviluppo della forza produttiva nella fase successiva a quella del consolidamento del dominio della borghesia. La fase coloniale, accompagnata da violenze e massacri, porta il capitalismo ovunque nel mondo. Nell'Imperialismo Lenin affronta l'evoluzione della prassi economica che da liberista si trasforma in interventista e vira verso un metodo di governo totalitario. Tale nuovo indirizzo politico è un riflesso dei progressi della scienza e della tecnica, che negano l'autonomia dell'iniziativa isolata del singolo capitalista, padrone della propria azienda, e portano alla concentrazione delle attività economiche in grandi gruppi, in monopoli e trust. Il capitalismo si coordina nella produzione e nella distribuzione delle merci, nella gestione dei servizi collettivi e nella ricerca scientifica.

In questa nuova situazione la "politica" della classe dominante si evolve verso forme sempre più strette di centralizzazione, dal moderno liberalismo democratico al fascismo. Per la Sinistra, il fascismo ha perso militarmente la guerra ma ha vinto politicamente: dai processi di accentramento politico e direzione unitaria del fatto economico non si torna indietro. Il fascismo, dal punto di vista sociale, è un tentativo della borghesia di darsi una coscienza collettiva di classe, contrapponendo le proprie strutture alle forze della classe nemica, quella proletaria. Infine, dal punto di vista ideologico, il fascismo non ha un programma alternativo rispetto alla fase precedente e non rinuncia ai valori universali su cui si era basata la rivoluzione borghese ("Il programma fascista", 1921). La borghesia ha bisogno di centrali politiche al di sopra dei singoli stati. Dalla fine della Seconda guerra mondiale, vediamo sorgere grandi organismi sovranazionali (FMI, ONU, ecc.), ovviamente influenzati dallo Stato che la guerra l'ha vinta, ovvero gli Stati Uniti.

Gli USA, dopo il secondo conflitto mondiale, per trovare uno sbocco alle proprie merci e ai propri capitali e per rinsaldare il dominio sui paesi vinti, varano il Piano Marshall. L'Italia si comporta in maniera atipica: Luigi Einaudi sente odore di fregatura negli "aiuti" americani (che aiutano più l'America che altro), riduce al minimo l'accesso ai dollari (l'Italia chiese in tutto solo l'11% dell'intero ammontare del piano Marshall), e avvia la ricostruzione con una feroce politica di sfruttamento del proletariato interno, destinando buona parte della valuta americana a riserva monetaria dello Stato. Bisogna ricordare che il piano Marshall, nel suo complesso, comportò un movimento di circa 14 miliardi di dollari, cifre che oggi fanno sorridere.

"Socializzazione" è un termine usato dalla socialdemocrazia tedesca per identificare un modello composto da capitalismo e moderne forme di cooperazione. Viene ripreso nel Manifesto di Verona (1943), atto fondativo della Repubblica Sociale Italiana. Nel lavoro sulla dottrina sociale della Chiesa abbiamo accennato alla figura di Amintore Fanfani, anello di congiunzione tra il fascismo e la Democrazia Cristiana, che nei suoi scritti giovanili si dimostra un fervente seguace del corporativismo catto-fascista. Con la fondazione della DC, egli assume un ruolo di primo piano, fa parte dell'Assemblea costituente e contribuisce alla stesura della Costituzione italiana che, guarda caso, nel primo articolo riporta: "L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro", un tributo al programma politico esposto nella Carta del Lavoro (1927).

La grande socializzazione trionfa con la sussunzione reale del lavoro sotto il capitale (estrazione sistematica di plusvalore relativo): negli anni '70 si assiste al boom dell'informatica, poi è la volta di Internet. Oggi la Rete collega tutto, uomini e oggetti. Siamo arrivati ad un capitalismo che nega sé stesso al punto di doversi misurare con le rivendicazioni storiche del movimento operaio, a cominciare dalla riduzione della giornata lavorativa. Ovviamente, non tutti i capitalisti sono d'accordo, ma il problema comincia a porsi a livello generale. Ridurre per legge la settimana lavorativa a quattro giorni sarebbe un passo in avanti, ma comunque poca cosa rispetto al risparmio di lavoro umano ottenuto dall'eliminazione di attività economiche dissipative e antiumane. La rivendicazione della drastica riduzione del tempo di lavoro va di pari passo con quella del salario ai disoccupati, che sta assumendo varie forme: ogni paese va avanti per conto proprio, l'Italia ad esempio ha sperimentato il reddito di cittadinanza.

Serpeggia nella società, soprattutto tra i giovani, un crescente rifiuto del lavoro. Il fenomeno "Tang Ping" (stare sdraiati), emerso nel 2021 in Cina, è il prodotto di una situazione materiale di disagio dovuta alla feroce competizione tra i lavoratori, per cui ad un certo punto alcuni staccano la spina e "decidono" di adottare uno stile di vita minimalista, limitando i consumi per lavorare meno. Pechino deve fare i conti con milioni di studenti che escono dalle università senza la possibilità di trovare un lavoro. Anche negli USA è nato un qualcosa di simile, ovvero la tendenza "Anti Work" (vedi recensione al saggio Le grandi dimissioni di Francesca Coin).

In chiusura di teleriunione si è discusso della situazione sul campo in Ucraina e nella Striscia di Gaza.

Diversi articoli di giornale si concentrano sull'attacco condotto dall'Ucraina con missili Himars americani in territorio russo. È da tempo che in Ucraina sono presenti addestratori e tecnici occidentali in supporto all'esercito ucraino, ma adesso è stato annunciato un aiuto maggiore da parte dell'Occidente. Negli ultimi mesi c'è stata un'evoluzione verso uno scontro sempre più aperto tra Russia e blocco NATO. Migliaia di giovani ucraini cercano di scappare dal paese per non morire in guerra. La polizia e l'esercito circondano interi villaggi e sequestrano chiunque possa essere spedito al fronte. Da parte sua, la Russia silenzia ogni voce di "dissenso", dichiarando fuorilegge persino l'associazione delle madri, mogli e figlie dei soldati russi che chiede il ritorno dei cari dal fronte.

Passando al Medioriente, si susseguono voci sull'intenzione di Israele di colpire in profondità Hezbollah entro la fine di giugno con un'invasione del Libano. L'attacco del 7 ottobre ad opera di Hamas ha provocato una catena di azioni e reazioni che non sembra fermarsi attirando sempre più paesi nel vortice della guerra. La condizione in cui versa la popolazione palestinese nella Striscia di Gaza suscita rabbia (soprattutto tra gli studenti che occupano le università), ma non dovrebbe portare i comunisti ad appoggiare lotte di liberazione nazionale fuori tempo massimo, cadendo nelle partigianerie. La fase delle rivoluzioni nazionali borghesi si è chiusa da tempo (Congo, Algeria, Angola, Mozambico), e pertanto la lotta dei palestinesi è uno dei classici casi risolvibili solo nella prospettiva rivoluzionaria internazionale. In merito alla cosiddetta questione palestinese, abbiamo scritto "Il vicolo cieco palestinese", "L'eterna questione palestinese", "Palestina: scontro fra borghesie vendute", materiali utili per orientarsi nel marasma sociale in corso.

Articoli correlati (da tag)

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

    Ne "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" c'è un riferimento al maggior rendimento della produzione capitalistica rispetto a quella feudale: grazie ai risultati della produzione nelle fabbriche (sistema di macchine), il capitalismo riesce a produrre a minor costo. La rivoluzione è un fatto anti-entropico: la prossima forma sociale sarà a più alto rendimento energetico. La spersonalizzazione del capitalismo può essere rintracciata anche nei fatti di cronaca raccolti dai giornali; recentemente, Luciano Benetton ha addossato la responsabilità di un buco di cento milioni di euro nel bilancio della sua impresa di famiglia al manager che aveva assunto alla guida del gruppo: "Mi sono fidato e ho sbagliato. Sono stato tradito nel vero senso della parola. Qualche mese fa ho capito che c'era qualche cosa che non andava. Che la fotografia del gruppo che ci ripetevano nei Consigli di amministrazione i vertici manageriali non era reale". Da tempo i capitalisti hanno delegato a tecnici la direzione delle proprie imprese. La corrente cui facciamo riferimento, in un lavoro fondamentale come Proprietà e Capitale, già nel 1948 descriveva una società in cui vi sono un capitale senza capitalisti e capitalisti senza capitale.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

  • Il crollo dell'ordine economico mondiale

    La teleriunione di martedì sera è iniziata prendendo spunto dall'ultimo numero dell'Economist ("The new economic order", 11 maggio 2024), che dedica diversi articoli alla crisi mondiale in atto.

    Secondo il settimanale inglese, a prima vista il capitalismo sembra resiliente, soprattutto alla luce della guerra in Ucraina, del conflitto in Medioriente, degli attacchi degli Houthi alle navi commerciali nel Mar Rosso; in realtà, esso è diventato estremamente fragile. Esiste, infatti, un numero preoccupante di fattori che potrebbero innescare la discesa del sistema verso il caos, portando la forza a prendere il sopravvento e la guerra ad essere, ancora una volta, la risposta delle grandi potenze per regolare i conflitti. E anche se non si arrivasse mai ad uno scontro bellico mondiale, il crollo dell'ordine internazionale potrebbe essere improvviso e irreversibile ("The liberal international order is slowly coming apart").

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email