Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  7 maggio 2024

La guerra è dissipazione di energia

La teleriunione di martedì sera è iniziata discutendo dell'evoluzione degli attuali scenari di guerra.

Gli Stati, anche quelli importanti come USA e Federazione Russa, faticano a tenere il passo nella produzione di munizioni necessaria per il conflitto in corso in Ucraina. Il Fatto Quotidiano riporta alcuni dati significativi: nel giugno 2022 i Russi sparavano 60 mila colpi al giorno, a gennaio del 2024 ne sparavano 10-12 mila contro i 2 mila dell'esercito avversario. Senza l'aiuto dell'Occidente l'Ucraina sarebbe già collassata, ma ora l'America ha delle difficoltà: "Gli Usa, il principale fornitore di proiettili di artiglieria dell'Ucraina, producono 28mila munizioni da 155 mm al mese con piani di aumento della produzione a 100mila entro il 2026." La fabbricazione di tali quantità di munizioni comporta uno sforzo nell'approvvigionamento di materie prime, e infatti c'è una corsa all'accaparramento di scorte di alluminio e titanio. Già l'anno scorso l'Alto rappresentante UE per la politica estera, Josep Borrell, affermava: "In Europa mancano le materie prime per produrre le munizioni da mandare all'Ucraina".

Se in un contesto di guerra limitato al territorio ucraino scarseggiano i proiettili, proviamo a pensare cosa potrebbe accadere se il conflitto si estendesse territorialmente e si prolungasse. Si stanno sperimentando nuove armi, ma per adesso queste non hanno preso il posto delle vecchie. Il volume di fuoco è diventato insostenibile, la struttura produttiva internazionale, per come si è configurata negli ultimi decenni, non sarebbe in grado di reggere un conflitto convenzionale generalizzato per lungo tempo. L'Occidente ha delocalizzato parte delle industrie pesanti (quelle che lavorano acciaio e ferro) in Asia, e ora si rende conto che dipende dagli altri e cerca di correre ai ripari. Metà del totale dell'acciaio mondiale è prodotto in Cina, la stessa Unione Europea riceve l'80% delle forniture di armi da paesi extra-europei. Paesi come la Russia, la cui industria primaria (siderurgica, metallurgica, meccanica e petrolchimica) è più sviluppata rispetto a quella secondaria, sono avvantaggiati. Putin ha dato il via libera ad esercitazioni con le atomiche tattiche al confine con l'Ucraina, in risposta alle dichiarazioni di Macron sulla possibilità di inviare truppe occidentali in territorio ucraino, e di quelle del ministro degli Esteri britannico Cameron, che ha autorizzato l'Ucraina ad usare le armi fornite dalla Gran Bretagna per colpire obiettivi all'interno della Russia. Alcuni paesi europei pensano di reintrodurre il servizio di leva obbligatorio, ma tali cambiamenti hanno bisogno di tempo; inoltre, gli eserciti d'oggi sono professionali, composti da personale altamente specializzato.

Ci stiamo avvicinando a delle "linee rosse", superate le quali ci sarà un salto di livello nel conflitto. Cosa succederà nel caso di collasso del fronte ucraino? La NATO fino a che punto accetterà un'avanzata dell'esercito russo? Il pacchetto di aiuti degli USA all'Ucraina (60 milardi di dollari) è formato per lo più da fondi che vanno a sostenere l'industria bellica americana, sono aiuti tardivi e non bastano a reggere l'offensiva russa. E non c'è solo un problema di armi e munizioni, ma anche di uomini da spedire al fronte. Non è detto infatti che i giovani ucraini continueranno ad accettare di essere mandati al macello, ben sapendo che la situazione volge al peggio.

Da qualche settimana le forze armate russe hanno intensificato gli attacchi alla rete ferroviaria ed elettrica ucraina per impedire l'arrivo delle armi promesse dagli USA. Tali attacchi avranno conseguenze sulla tenuta del fronte interno, dato che ad essere colpita è la popolazione civile. Il Papa ha dichiarato che l'esercito ucraino dovrebbe accettare la sconfitta e alzare bandiera bianca, probabilmente ha il "sentore" che il fronte interno potrebbe cedere. Negli ultimi mesi in Ucraina è cresciuto il numero di coloro che si rifiutano di andare in guerra, mentre Polonia e Lituania hanno dichiarato di voler rimpatriare gli ucraini arruolabili, residenti nel loro territorio, che non vogliono combattere.

In Medioriente, le forze di difesa israeliane hanno occupato il valico di Rafah che collega la Striscia di Gaza all'Egitto. L'occupazione non consente il passaggio di aiuti umanitari e rientra nel progetto di invadere la stessa Rafah, dove si ammassano oltre un milione di sfollati. La guerra a Gaza è condotta in ambiente metropolitano ed è un'anticipazione dei conflitti futuri. Ufficalmente l'amministrazione Biden si è detta contraria a quest'azione, evidentemente vuole evitare un'escalation nell'area; inoltre, deve gestire le proteste nelle università in solidarietà alla Palestina.

Da un'intervista ad uno studente della Columbia University trasmessa su Radio Onda d'Urto si deduce che la mobilitazione nei campus sta evolvendo. La critica al suprematismo dei bianchi in Medioriente viene collegata al ruolo del suprematismo negli USA, stabilendo una connessione con le mobilitazioni di Black Lives Matter. Sono decine le università che hanno visto occupazioni, sgomberi e studenti arrestati (più di 2000). Volendo trovare delle similitudini con Occupy Wall Street, sicuramente quello degli accampamenti è un invariante, ma lo è anche la velocità con cui le proteste si sono diffuse nel mondo. Ciò che però manca è il messaggio universale di OWS, ovvero "noi siamo il 99% e lottiamo per abbattere il sistema dell'1%". Il "movimento" attuale non è ancora arrivato ad elaborare questo messaggio, semplice ma potente.

La situazione a livello mondiale sta accelerando, numerosi processi si stanno intrecciando e influenzando a vicenda. Gli USA sono impegnati sui fronti mediorientale e ucraino, ma la vera sfida strategica è quella con la Cina nell'Indo-Pacifico, per ora non ancora teatro di guerra. Gli USA non possono reggere lo scontro militare su due o tre fronti contemporaneamente. All'interno della classe dominante statunitense ci sono diverse componenti che si scontrano tra loro e non sono riducibili agli schieramenti democratico/repubblicano: vi sono quelli che pensano che sia meglio ritirarsi da certe aree per concentrarsi su altre (con relativa chiusura economica di tipo protezionistico), e chi invece è disposto a tutto pur di conservare l'egemonia sul mondo. In quest'ottica è da analizzare la ventilata ipotesi di abbandono della NATO da parte degli USA. Dal punto di vista dell'impiego di capitali e uomini, per gli Stati Uniti sarebbe necessario che sul fronte europeo ci fossero nazioni affidabili a cui delegare la gestione della guerra con la Russia, ma anche l'area europea è vista come un concorrente.

Le guerre sono rotture dovute al cambiamento di equilibri a livello mondiale e non possono essere risolte mettendo d'accordo questo o quel governante. Il vecchio ordine internazionale a gestione statunitense ormai è saltato. Non si può far tornare indietro la storia, un nuovo ordine capitalistico a guida cinese non sarà possibile, e perciò il marasma sociale e le guerre non potranno che aumentare.

"La rivoluzione verrà se la guerra sarà bloccata sul suo scatto, e capovolta, ossia se impedirà che la guerra si sviluppi. Perché tanto sia possibile sarà necessario che un potente partito internazionale sia organizzato con la dottrina che solo abbattendo il capitalismo si impedisce la serie delle guerre. Insomma, l'alternativa è questa: o passa la guerra, o passa la rivoluzione", scrive Bordiga al compagno Ceglia nel 1957.

I giornali borghesi attribuiscono le cause delle guerre alla volontà dei grandi uomini, personalizzando i processi storici. Abbiamo sempre detto che il capitalismo è un sistema che perde energia, e questo lo porta verso una transizione di fase. Anche il fenomeno guerra ne è una conseguenza, un automatismo che ad un certo punto scatta. Al netto della situazione contingente e delle motivazioni politiche alla base, questo mondo è sempre più fuori controllo e la catastrofe si manifesta in campo economico, militare, ambientale, sanitario. Non stupisce dunque che vengano pubblicati saggi con titoli come 2030. La tempesta perfetta (Comin, Speroni).

Se il cadavere cammina ancora ("Sul filo del tempo", 1953), non lo potrà fare ancora a lungo, e quindi si può delineare una traiettoria storica: la guerra è un processo che si autoalimenta, che si spinge fino all'estremo. Se non si spezza questa dinamica, se non interviene un organismo antiformista, l'umanità rischia di precipitare in un conflitto che, con l'impiego delle moderne armi automatiche e intelligenti, potrebbe metterne a rischio l'esistenza ("La Quarta Guerra Mondiale").

Articoli correlati (da tag)

  • La potente difesa del programma

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

    Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

    Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

    Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

    Ne "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" c'è un riferimento al maggior rendimento della produzione capitalistica rispetto a quella feudale: grazie ai risultati della produzione nelle fabbriche (sistema di macchine), il capitalismo riesce a produrre a minor costo. La rivoluzione è un fatto anti-entropico: la prossima forma sociale sarà a più alto rendimento energetico. La spersonalizzazione del capitalismo può essere rintracciata anche nei fatti di cronaca raccolti dai giornali; recentemente, Luciano Benetton ha addossato la responsabilità di un buco di cento milioni di euro nel bilancio della sua impresa di famiglia al manager che aveva assunto alla guida del gruppo: "Mi sono fidato e ho sbagliato. Sono stato tradito nel vero senso della parola. Qualche mese fa ho capito che c'era qualche cosa che non andava. Che la fotografia del gruppo che ci ripetevano nei Consigli di amministrazione i vertici manageriali non era reale". Da tempo i capitalisti hanno delegato a tecnici la direzione delle proprie imprese. La corrente cui facciamo riferimento, in un lavoro fondamentale come Proprietà e Capitale, già nel 1948 descriveva una società in cui vi sono un capitale senza capitalisti e capitalisti senza capitale.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email