Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  21 maggio 2024

Terremoti naturali, economici e sociali

La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

La natura segue il suo corso, il quale prevede anche il manifestarsi di fenomeni discontinui o catastrofici. Ma i tempi della natura non sono compatibili con quelli degli interessi borghesi, e viceversa. Badando esclusivamente al profitto, la borghesia si trova puntualmente impreparata di fronte alle cosiddette catastrofi naturali. Secondo il professor Antonio Coviello, docente universitario e ricercatore-economista dell'Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo Sviluppo del Consiglio Nazionale delle Ricerche, l'evacuazione improvvisa dei Campi Flegrei creerebbe un danno economico sul PIL italiano di almeno l'1%: "Sarebbe impensabile evacuare improvvisamente e repentinamente l'intera zona flegrea, come previsto dai Piani di emergenza. Si stima infatti un costo di oltre 30 miliardi di euro annui". La vita umana vale dunque meno del Prodotto Interno Lordo? Nella zona di Pozzuoli siamo, per usare il titolo di uno degli articoli della Sinistra, alla "coltivazione delle catastrofi". Finché l'umanità non seguirà un piano di specie, le catastrofi, invece di essere anticipate, si moltiplicheranno.

Sono tanti gli esempi di azioni umane che hanno preparato disastri immani. In occasione del terremoto avvenuto ad Ischia nel 2017, avevamo scritto che l'unica prevenzione efficace su di un'isola vulcanica periodicamente soggetta a scosse telluriche sarebbe quella di non costruirvi abitazioni. Milioni di persone vivono intorno al Vesuvio, ma anche tra Los Angeles e San Francisco, che sono ubicate esattamente sulla faglia di Sant'Andrea, la quale, si sa per certo, causa devastanti terremoti. La conoscenza attuale è limitata dagli interessi reali della borghesia; la possibilità di dominare gli effetti sociali della produzione non dipende dalla conoscenza, ma dai rapporti di classe. La società d'oggi coltiva anche le catastrofi sociali, cioè bruschi cambiamenti, transizioni di fase.

Dal punto di vista economico, è interessante quanto riportato nell'articolo "Usa. Famiglie a secco, Wall Street fa i conti con i consumi in calo" (Il Sole 24 Ore): al di là dei proclami trionfalistici sulla cosiddetta ripresa negli States, diversi dati (crollo dei risparmi, insolvenze sulle auto e carte di credito) dimostrano che le famiglie americane stanno raschiando il fondo del barile. Nel film La grande scommessa di Adam McKay è ben descritto il meccanismo di indebitamento dei cittadini americani che portò alla crisi del 2008: pur essendo poveri, in moltissimi riuscivano ad accendere mutui per poter acquistare case, auto e altri beni. Negli USA, il debito dello stato, delle famiglie e degli stati ha raggiunto cifre incredibili, mostrando che il paese può vivere al di sopra delle proprie possibilità, a condizione di riuscire a mantenere l'egemonia mondiale. Il biglietto verde riflette, infatti, un determinato potere economico e militare e non è un caso che recentemente l'Economist abbia dedicato un intero numero alla crisi dell'ordine economico mondiale. Il fatto che gli Stati Uniti siano costretti ad indietreggiare lasciando spazio ad altre potenze indebolisce l'immagine che Washington si era costruito negli ultimi decenni.

Gli USA sono sempre riusciti a scaricare all'esterno le tensioni che crescevano all'interno, per esempio scalzando la Cina come primo partner della Germania. Adesso, però, qualcosa non funziona più come prima, vedi l'occupazione delle università americane ad opera degli studenti pro-Palestina. L'Auto Workers (UAW) Local 4811, il sindacato che rappresenta 48.000 lavoratori accademici, ha cominciato uno sciopero a scacchiera in solidarietà agli studenti in lotta e contro la violenza poliziesca.

In un grafico presente nell'articolo "Ranked: The Top 6 Economies by Share of Global GDP (1980-2024)" di Marcus Lu, si osserva come nel corso del tempo la distribuzione del PIL globale tra le più grandi economie del mondo si è modificata, riflettendo i cambiamenti nelle politiche economiche, i progressi tecnologici e le tendenze demografiche. Nel 2024 il PIL americano ha raggiunto il 26,3% di quello globale, dopo aver toccato il fondo nel 2011 scendendo al 21,1%. Lo schema mostra anche l'imponente ascesa della Cina che, grazie all'entrata nel WTO nel 2001, si è via via integrata nell'economia mondiale. Il Giappone, un tempo seconda potenza economica dopo gli Stati Uniti rappresentando il 17,8% dell'economia globale nel 1995, è da allora in stagnazione economica e l'invecchiamento della popolazione ha portato la sua economia ad un relativo declino.

Il presidente cinese Xi Jinping è tornato in Europa dopo cinque anni. Il suo viaggio ha toccato Parigi, ma anche Budapest e Belgrado, che hanno rapporti preferenziali con la Cina. Un articolo dell'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale ("Com'è andato il viaggio di Xi in Europa") fa notare che, attraverso il porto del Pireo di Atene (controllato dai Cinesi), potrebbe stabilirsi un collegamento diretto verso Budapest, uno snodo importante per la direttrice verso il centro dell'Europa. L'import-export dell'Europa in confronto alla Cina è nettamente a favore di Pechino. Per quanto riguarda la Serbia, "Pechino ha tutto l'interesse affinché Belgrado proceda nel suo cammino verso Bruxelles, vedendo nel paese balcanico quel cavallo di Troia indispensabile per continuare a penetrare il mercato europeo". Anche in Africa, che vede negli ultimi mesi un susseguirsi di colpi di stato, è in corso l'espansione di Cinesi e Russi e la ritirata di Americani e Francesi (adesso alle prese con la rivolta in Nuova Caledonia). Nell'Imperialismo Lenin descrive la legge dello sviluppo diseguale, legge assoluta del capitalismo, che porta sia alla guerra commerciale che a quella guerreggiata; dato che il mondo è limitato, i paesi che si affacciano per ultimi sui mercati globali, cercando spazi per riversare l'esuberanza di merci e capitali, si scontrano inevitabilmente con quelli che non vogliono perdere le proprie sfere d'influenza.

La Russia sta compiendo esercitazioni con le atomiche tattiche vicino al confine con l'Ucraina. Il New York Times indica lo Spazio come futuro campo di battaglia: raggi laser per distruggere satelliti nemici, attacchi cibernetici e lotta tra satelliti dotati di braccia meccaniche. La Russia non può ambire, nello scacchiere internazionale, ad avere un ruolo di primo piano, ma al tempo stesso non può permettersi di veder messa in discussione la propria integrità territoriale e il proprio spazio vitale; essa è stata "costretta" ad attaccare, approfittando anche delle difficoltà degli USA testimoniate dal ritiro dall'Afghanistan nel 2021.

La recente visita di Putin a Pechino serve soprattutto a rinsaldare un patto volto alla costruzione di un "mondo multipolare più giusto e più democratico", alternativo all'unipolarismo americano. Entrambi i paesi, nonostante siano nemici storici, vogliono ricalibrare i rapporti di potere internazionali, ridefinire un'architettura di governance mondiale. È però un'illusione pensare ad un mondo borghese in cui tutti possono curare pacificamente i propri interessi: il capitalismo è guerra di tutti contro tutti. E' sbagliato credere che "la contesa tra quegli organismi che sono gli Stati, o tra quegli organismi che sono le classi sociali e i loro partiti, può sciogliersi senza la forza materiale, in una gara di parole." ("Il pianeta è piccolo", 1950)

L'attuale modo di produzione è uno zombie, un cadavere che resta in piedi solo perché i senza-riserve glielo permettono. Nel grande wargame mondiale manca per adesso un giocatore fondamentale, il proletariato, che non ha nulla da perdere in questa forma sociale se non le proprie catene. Una volta entrato in scena il partito dell'antiforma, il gioco non sarà più tra stati ma tra classi. E se cambiano le regole del gioco, cambia anche il gioco stesso. Non c'è solo caos all'orizzonte, vi sono anche saggi di futuro. E, difatti, caratteristica della Sinistra nei suoi lavori, è quella di delineare una dinamica ieri-oggi-domani: in articoli come "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia" e "Il corso storico del movimento di classe del proletariato" (Prometeo, 1947), si mette in luce un andamento storico che porta a uno sbocco definito, previsto. Ad un certo punto si esaurisce la spinta propulsiva del capitalismo, si acutizzano le sue contraddizioni economiche e si arriva così allo scontro aperto tra le classi. Il capitalismo nella sua fase senile assume un carattere parassitario (il capitale finanziario domina su quello industriale) e ciò vale sia per lo sbirro mondiale, gli USA, che per tutti gli altri stati.

Articoli correlati (da tag)

  • La società analizzata con il wargame

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando l'articolo "Wargame. Non solo un gioco" (rivista n. 50), particolarmente utile per comprendere i conflitti bellici e sociali in corso, e per evitare di commettere errori logici nell'analisi.

    In "Wargame" troviamo considerazioni inerenti alla "trasformazione della guerra imperialista in guerra civile", parola d'ordine dell'Internazionale Comunista. Storicamente, la guerra non rappresenta un problema per l'imperialismo ma la soluzione (temporanea) alla sua crisi. Difatti, la nostra corrente afferma che nell'epoca moderna, anche a causa del modo di condurre i conflitti, o passa la guerra o passa la rivoluzione. Oggi le determinazioni di una guerra classica che la farebbero passare da salvezza del modo di produzione capitalistico a elemento della sua distruzione non sono più da considerare ipotesi, dato che la crisi economica è da tempo diventata cronica. L'elettroencefalogramma del capitalismo è piatto.

    Detto questo, finché c'è guerra non c'è disfattismo e quindi non c'è rivoluzione. La rivoluzione, perciò, deve scattare prima che la guerra conquisti la scena mondiale, prima che diventi un fatto totale, tanto più che quella a venire sarà "gestita" da sistemi basati sull'intelligenza artificiale, potenzialmente fuori dal controllo umano. Pensiamo alla fabbrica: il robot, registrando in modo approfondito le competenze dell'operaio, lo va a sostituire.

  • La guerra al tempo dell'IA

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando due articoli pubblicati sull'ultimo numero dell'Economist (22 giugno 2024), dedicato al rapporto tra guerra e intelligenza artificiale.

    Nell'articolo "AI will transform the character of warfare" si dimostra come la guerra condotta da macchine gestite da sistemi di IA potrebbe rivelarsi incontrollabile. C'è un rapporto stretto tra industria militare e civile. I computer, si afferma, sono nati in guerra e dalla guerra. La stessa ARPANET, aggiungiamo noi, che anticipò Internet, venne realizzata a partire dal 1969 dalla DARPA (Defence Advanced Research Projetcs Agency) per collegare centri di calcolo e terminali di università, laboratori di ricerca ed enti militari.

    Oggigiorno esistono sistemi di IA che si occupano del riconoscimento degli oggetti in un dato spazio e che vengono utilizzati per elaborare i dati e le informazioni raccolte dai droni tramite foto e video. L'integrazione di tali sistemi produce un gigantesco automa che relega ai margini l'essere umano: dato che il tempo per individuare e colpire gli obiettivi è compresso in pochi minuti o addirittura in secondi, il soldato può al massimo supervisionare il sistema. Combattimenti più rapidi e meno pause tra uno scontro e l'altro renderanno più difficile negoziare tregue o fermare l'escalation. Dice Marx nei Grundrisse: con lo sviluppo dell'industria l'operaio da agente principale del processo di produzione ne diventa il sorvegliante per essere sostituito anche in questa funzione da un automa generale.

  • Subbuglio mondiale

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando le conseguenze politiche delle recenti elezioni europee.

    In Francia i partiti di sinistra hanno prospettato una riedizione del fronte popolare del 1936-1941 per fermare l'avanzata delle destre. Dalla tragedia si sta passando alla farsa, perchè chiunque vada al governo non può far altro che assecondare i diktat dei mercati, che sia di destra, centro o sinistra. Detto questo, le elezioni si stanno trasformando da fattori di stabilità in fattori di caos, e il fenomeno della decadenza del sistema dei partiti, di cui è conferma l'aumento dell'astensionismo, è sintomo di una disgregazione più generale. La Francia sta diventando un laboratorio per gli altri paesi: lì, solo negli ultimi anni, ci sono stati gli incendi sociali nelle banlieue, i gilet jaunes, il movimento contro l'aumento delle pensioni. Se il sistema perde energia, se va in crisi la legge del valore, allora viene meno il patto tra lo Stato e la società civile, e cresce la polarizzazione politica interna agli stati. In Italia si è già sperimentato tutto, tra cui l'affermarsi di formazioni politiche che hanno ottenuto un grande successo criticando la "casta" per poi integrarsi in breve tempo (vedi M5S). Anche la Germania, in seguito a queste elezioni, mostra incrinature interne: il centro d'Europa si presenta spaccato, incapace di ricucire il tessuto sociale.

    È difficile pensare ai cambiamenti rivoluzionari prossimi venturi come a passaggi pacifici, graduali e indolore. Quando si muovono masse di milioni di persone incollerite si producono terremoti sociali.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email