Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  23 ottobre 2012

Malattie croniche e "invarianti" del movimento operaio

Sulla base di alcuni appunti estrapolati dal testo di Riechers, "Gramsci e le ideologie del suo tempo", sono state fatte alcune considerazioni sui concetti di coscienza e volontà. Gramsci interpreta la società secondo il metodo idealista del primo '900, stravolgendo idealisticamente il marxismo a cui si approccia per le contingenze storiche del periodo. Secondo il filosofo sardo, la catarsi rappresenta un movimento della coscienza che permette di superare, grazie alla consapevolezza, i piccoli interessi economici. Il meccanismo politico prende così il sopravvento e determina dei cambiamenti sul meccanismo economico, poiché coscienza e volontà si trovano al di là dei limiti posti dalla struttura materiale dell'economia. Per questo motivo il proletariato altro non deve fare che scalzare dal potere la borghesia lasciando più o meno inalterata la struttura economica.

In realtà con il concetto di coscienza, o di falsa coscienza (come la definisce Marx), si "travestono" i meccanismi economici che rappresentano, invece, il perno da rompere affinché si possa verificare qualsivoglia cambiamento sociale. Sono i rapporti di produzione a determinare i rapporti sociali all'interno della società, non il contrario, e nel capitalismo la libertà economica è la libertà dei borghesi non certo del proletariato. Però tali rapporti sociali si trovano all'interno di un meccanismo economico a cui entrambe le classi devono sottostare: gli stessi capitalisti diventano meri funzionari del Capitale. Se si pone la coscienza come motore di trasformazione e superamento si negano le leggi di funzionamento del capitalismo sintetizzate da Marx ed Engels nel Manifesto.

Lo stesso ragionamento vale per il concetto di volontà. Il capitalismo rimane l'economia dominante anche quando ci sono movimenti anti-formisti che cercano di rovesciare la prassi. La teoria può anticipare il movimento e intercettare le leggi effettive del divenire storico - per questo cerchiamo di dar vita ad un ambiente che non sia capitalistico, un piccolo rovesciamento della prassi - ma è il movimento oggettivo ad andare in una determinata direzione, al di là della nostra volontà individuale e della "presa di coscienza". E' lo sviluppo stesso del capitalismo a generare le determinazioni materiali per cui prendono piede movimenti anti-sistema. Ma, come scritto in "Tavole immutabili della teoria comunista del partito", il rovesciamento della prassi è proprio di un insieme sociale che viene da fuori, che si pone cioè nei fatti al di là delle categorie economiche vigenti. Pur essendo all'interno dell'insieme capitalistico, il partito (storico e formale) non fa parte del sistema e lo nega nella prassi. Tutti ricordano la definizione di militante che citiamo spesso e volentieri: è militante comunista chi si strappa di dosso le caratteristiche segnate all'anagrafe di questa società e si confonde con tutto l'arco millenario che va dall'uomo-primate all'uomo veramente sociale.

In ultima analisi lo studio della filosofia di Gramsci passa in secondo piano rispetto al fatto oggettivo che egli è stato una pedina in mano agli stalinisti e ha contribuito alla lotta contro la nostra corrente. A noi interessa di più il fatto politico che quello accademico. Ne "I fondamenti del comunismo rivoluzionario" si mostra la continuità politica tra Proudhon, Stalin e Gramsci:

"Una prima tesi pregiudiziale accomuna come antimarxisti tutti questi conati, basati sulle formule o "ricette" per svariate forme organizzativi dagli effetti miracolosi. Essa orecchia le vecchie e semisecolari banalità dei trafficanti politici e degli imbonitori, che riducevano le vicende della lotta storica ad un succedersi di figurini, come nella "moda" del vestire. Cianciavano questi saputelli: Nella grande rivoluzione francese il motore fu il club politico, e la lotta tra questi (giacobini, girondini, ecc.) fu la chiave degli eventi. Poi quella foggia passò di moda e si ebbero i partiti elettorali... poi si passò ad organismi locali, comunali, preconizzati dagli anarchici... oggi (pensiamo al 1900) si ha la ricetta modernissima: il sindacato operaio di professione, che tende a soppiantare tutto e si contrappone (Giorgio Sorel) col suo potenziale rivoluzionario a Partito e Stato. Vecchissima canzone. Oggi (1957) sentiamo vantare altra forma "autosufficiente": il consiglio di fabbrica, in diversi modi portato sul primo piano rispetto ad ogni altra forma, da "tribunisti" olandesi, gramsciani italiani, titini jugoslavi, cosiddetti trotzkisti, gruppetti di "sinistra" da batracomiomachia. Tutto questo vuoto discorrere è sepolto da una sola tesi (Marx, Engels, Lenin): "La rivoluzione non è una questione di forma di organizzazione". La questione della rivoluzione sta nell'urto delle forze storiche, nel programma sociale di arrivo che sta alla fine del lungo ciclo del modo capitalista di produzione. Inventare il fine invece di scoprirlo nelle determinanti passate e presenti, scientificamente, fu il vecchio utopismo premarxista. Uccidere il fine e mettere l'organizzazione dimenantesi al suo posto è il nuovo utopismo post-marxista (Bernstein, capo del revisioniamo socialdemocratico: il fine è nulla; il movimento è tutto)."

Si tratta di malattie croniche e "invarianti" del movimento operaio, destinate a riaffiorare nella stessa misura in cui l'influenza ideologica, se non il peso sociale, della piccola borghesia continua ad infiltrarsi e a serpeggiare nelle file del proletariato, e a sopravvivere in esse per una specie di inerzia storica che è, fra parentesi, una delle ragioni della necessità dell'esercizio dittatoriale del potere. Se è vero che il riformismo classico abbandona la via rivoluzionaria e si illude di cambiare la struttura sociale in modo riformistico (Kautsky), per lo meno i socialdemocratici storici avevano l'idea della conquista della società non con le idee ma con "fronti" di lotta. Carogne con una certa statura politica: Stalin è stato elemento di rivoluzione borghese in Asia, Gramsci è stato un elemento politico assolutamente controrivoluzionario. Infine non è mancato un riferimento allo scadente "Dialogato con Gramsci" dei "fiorentini".

Conclusa la parte su Gramsci, la discussione si è incentrata su aspetti di natura sindacale.

Ad una assemblea indetta a Torino dalla Rete28aprile (opposizione in CGIL), a cui erano presenti una quarantina di elementi tra Rsu, delegati e anche qualche funzionario, Sergio Bellavita ha illustrato la mancanza di democrazia in FIOM, il carattere burocratico della struttura, la torsione autoritaria in corso ed il bisogno di rinnovamento del sindacato (?). Dopo l'introduzione del segretario, una serie di interventi da parte di alcuni delegati ha dimostrato la totale mancanza di prospettive ed espresso il forte disagio nell'interfacciarsi con la base sindacale nei luoghi di lavoro. Da una parte è stata messa in luce l'impossibilità di continuare con gli scioperi puramente dimostrativi, dall'altra si richiamava un passato che è stato spazzato via e non può ritornare. Di qui tutta la noiosa discussione sullo smantellamento del CCNL e dello Statuto dei lavoratori.

La speranza di riunificare il mondo del lavoro, riconquistando un potere di contrattazione collettiva, sembra essere per la cosiddetta sinistra sindacale l'unica battaglia degna di essere combattuta. Per noi invece si tratta di una posizione di retroguardia perché quello dei "diritti" è un terreno di lotta imposto dall'avversario. E poi, che dire a quei milioni di giovani (e non) senza lavoro e quindi senza possibilità di contrattazione?

Unica nota positiva della serata è stato l'intervento di un delegato della FIOM in quota Rete28aprile, in cui veniva messa in discussione la parola d'ordine della "difesa del posto di lavoro" anche in critica ai contenuti della manifestazione promossa dalla CGIL il 20 ottobre a Roma ("Il lavoro prima di tutto"). Continuando con la richiesta di lavoro, il passo successivo, ha sostenuto il sindacalista, sarà quello di organizzare una manifestazione dal titolo Arbeit macht frei ("Il lavoro rende liberi"): non si tratta di lottare per avere più lavoro ma per la difesa del salario e della salute (riferimento all'ILVA di Taranto).

Tutti i delegati presenti raccontavano di non avere più nulla da dire ai lavoratori visto il ridursi degli spazi di mediazione e la progressiva cancellazione dei "diritti". Tutti esprimevano una certa preoccupazione rispetto alla sorte del sindacato. I sindacalisti di base si trovano con le spalle al muro e sono schiacciati dalla micidiale tenaglia rappresentata da datori di lavoro e burocrazia sindacale. Insomma, se da una parte la logica resistenziale fatica a morire, dall'altra si comincia a percepire che un'epoca sta finendo. Del resto, diciamo noi, occorre superare la forza d'inerzia costituita da decenni di pace sociale, chiacchiere parlamentari, mistificazione democratica e collaborazione di classe. E' necessario che siano spazzati via i residui ideologici di epoche passate, è questa cappa di piombo che pesa come un incubo sulle prospettive di cambiamento che va dissolta il prima possibile.

La teleconferenza è proseguita prendendo spunto dalle manifestazioni in corso a Budapest e Madrid. A proposito di Spagna, abbiamo notato che OWS presta molta attenzione a quanto succede nella penisola iberica ed ha pubblicato un post riguardo al tentativo del Governo Rajoy di approvare una legge che vieta di fare foto e video dei poliziotti mentre picchiano i manifestanti.

Il 14 novembre è stato indetto dalla Confederazione dei Sindacati Europei uno sciopero generale "continentale". Anche la CGIL sembra voler aderire. Nei fatti si tratta di uno sciopero puramente dimostrativo ma è importante che si verifichino dei tentativi di mobilitazione internazionale. Se la causa della miseria crescente è unica per tutti, allora anche la lotta dei lavoratori deve essere unitaria. Non a caso qualcuno a suo tempo diceva: Proletari di tutti i paesi, unitevi!

A Londra il 20 ottobre c'è stata una grande manifestazione contro l'austerità. Secondo l'Ansa circa 100 mila persone sono scese in piazza e, cosa interessante, partecipava e promuoveva la mobilitazione Occupy London. Non passa giorno che non ci siano manifestazioni in Europa e nel mondo. Martedì 23 a Torino un corteo selvaggio di "insegnanti arrabbiati" ha bloccato il traffico per qualche ora. Nel corso della giornata ci sono state altre 4 o 5 manifestazioni che hanno coinvolto, netturbini, studenti, operai, Cobas e gente comune. Il giorno prima c'è stato un presidio Notav al convegno organizzato dal Pd ad Avigliana (come c'era da aspettarsi la zona è stata completamente militarizzata). Per adesso tutte queste iniziative vanno avanti in ordine sparso e sono a difesa di singoli settori e/o categorie, ma qualora si imponesse un programma comune d'azione ne vedremmo delle belle. D'altronde, quello che succede a livello micro in una città come Torino sta succedendo a livello macro in tutta Europa con processi auto-organizzativi in corso a Madrid, Londra, Lisbona, Atene, ...

In conclusione si è brevemente accennato al surriscaldarsi di una vasta area in Medioriente. In Libano nei giorni scorsi c'è stato un grande attentato: il Generale ammazzato rappresentava il collegamento per il rifornimento di armi ai ribelli anti-Assad.

Articoli correlati (da tag)

  • Catastrofe alimentare ma non solo

    La teleriunione di martedì sera, presenti 21 compagni, è iniziata affrontando il tema della crisi alimentare in corso.

    L'Economist titola l'edizione del 21 maggio "The coming food catastrophe", accompagnandola con un'immagine di copertina piuttosto macabra nella quale sono raffigurate tre spighe di grano composte da chicchi a forma di teschi. L'immagine, diventata virale sui social network, vuole rappresentare un problema reale che sta catalizzando l'attenzione a livello mondiale. L'articolo del settimanale inglese, sebbene parta da premesse che non solo le nostre (ad esempio dando la colpa di tutto al battilocchio di turno, in questo caso Putin), dimostra che la guerra sta conducendo un mondo già fragile alla rottura.

    La difficoltà negli approvvigionamenti delle materie prime e la congestione dei processi logistici (colli di bottiglia) manifestatesi con la pandemia si sono aggravati con la guerra in Europa. Russia e Ucraina forniscono il 28% del grano commercializzato a livello mondiale, il 29% dell'orzo, il 15% del mais e il 75% dell'olio di girasole. Queste forniture sono fondamentali per sfamare Libia, Egitto, Tunisia, diversi paesi africani e in generale tutta quell'area che va dal Sudafrica all'est asiatico. Le prime rivolte per la fame sono già scoppiate in Sri Lanka e Iran. L'Inghilterra si è fatta avanti proponendo la formazione di una "coalizione di volenterosi" per scortare con navi da guerra i mercantili che nel Mar Nero trasportano il grano ucraino.

  • Sciupio irreversibile

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 20 compagni, è iniziata prendendo spunto da alcune notizie sulla questione energetica, in particolare riguardo la tecnologia nucleare.

    Nella bozza presentata dalla Commissione europea agli stati membri circa le misure necessarie per mettere in pratica la green economy si fa riferimento, oltre al gas, anche al nucleare. Sul tema i pareri sono discordanti dato che alcuni non credono sia corretto definire questa tecnologia una fonte di energia pulita. Il nuovo nucleare, sostengono invece i favorevoli, è più sicuro delle centrali di vecchia generazione, soprattutto inquina meno di carbone e combustibili fossili e perciò porterà ad un'Europa ad emissioni zero. Sarà anche vero, ma è difficile credere che si possa risolvere a livello tecnico il crescente bisogno di energia dell'attuale modo di produzione: il vagheggiato capitalismo a basso consumo energetico non esiste. Così come non esiste un capitalismo pacifico. Si pensi agli interventi militari della Francia prima in Mali e poi in Niger, ufficialmente motivati dal contrasto al terrorismo jihadista, ma in realtà volti a garantire la fornitura di uranio alle centrali nucleari del paese.

    La fusione nucleare di cui in questi giorni si parla speranzosamente non è una soluzione nel breve periodo: nella migliore delle ipotesi l'applicazione finale di questa tecnologia si prospetta per il 2040. In generale, le centrali nucleari necessitano di tempi di progettazione e costruzione di almeno dieci anni e, al di là delle opinioni favorevoli o contrarie, quelle esistenti sono state abbandonate un po' ovunque perché costose (vedi problema dello smaltimento delle scorie radioattive).

  • Un proletariato che non smette di lottare

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 17 compagni, è iniziata commentando le recenti manifestazioni in Iran, dove è in corso una grave crisi idrica.

    Ad Isfahan, nel centro del paese, migliaia di persone sono scese in strada e si sono scontrate violentemente con la polizia. Per evitare il diffondersi delle manifestazioni le autorità iraniane hanno subito interrotto Internet, anche nelle regioni circostanti. L'ondata di rivolte è iniziata la scorsa estate quando 60.000 lavoratori del settore petrolifero hanno incrociato le braccia per chiedere migliori salari, causando blocchi in più di 100 raffinerie. Nel 2019 le rivolte contro il carovita hanno portato a centinaia, se non migliaia, di morti, esecuzioni sommarie e arresti di massa da parte della polizia, e ad attacchi a decine di basi militari da parte dei manifestanti. La potenzialità di lotta del proletariato iraniano è fuori discussione. Nell'area, anche il Libano è scosso da manifestazioni e proteste: nel paese dei cedri, ormai fallito, la situazione economica, sociale e sanitaria è catastrofica: mancano elettricità, beni di prima necessità, gas e benzina. Si tratta di un chiaro esempio di cosa significhi il collasso di uno stato.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email