Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  20 agosto 2013

Dal ventre del capitalismo

Alla teleriunione di martedì sera, presenti 10 compagni, è stato commentato l'articolo Peer to Peer Production as the Alternative to Capitalism: A New Communist Horizon (Peer to peer come alternativa al capitalismo: un nuovo orizzonte comunista) di Jakob Rigi, un lavoro a suo modo in sintonia con il "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente". La nostra corrente aveva a disposizione meno materiale anti-formista, mentre oggi le anticipazioni teoriche e pratiche della società futura sono una realtà a portata di mano. Nell'articolo si sostiene che la produzione peer to peer, nata e cresciuta nel capitalismo, inizia ad avere caratteristiche che si scontrano con il capitalismo stesso.

Partendo dall'analisi delle rivolte globali, dall'Egitto agli Usa, viene fatto un parallelo tra le aspirazioni dei dimostranti e le nuove forme e modi di produzione che si stanno imponendo in ambito informatico. Oggi tutta la tecnologia segue a ruota l'informatica. All'interno di questo settore c'è una forza che spinge verso una direzione comunista, questa forza cui non si può sfuggire può essere pensata in termini di inevitabilità strutturale dell'evoluzione bio-tecnologica. La Free Software Foundation e Linux vengono considerati come esempi di produzione collettiva che fa volentieri a meno del denaro e punta tutto sulla gratuità. Il copyleft è fattore e prodotto dello sviluppo di programmi che bypassano i vincoli dettati dalla legge del valore:

"Stallman ha creato la Free Software Foundation, rilasciando un codice sotto una licenza che ha chiamato la General Public License (GPL). La GPL garantisce quattro libertà: esecuzione del programma per qualsiasi scopo; studio e personalizzazione del programma; ridistribuzione delle copie gratuitamente o per un prezzo ragionevole; e cambiamento e miglioramento del programma. Stallman incluse la cosiddetta clausola "copyleft" nella GPL. In base a questa clausola qualsiasi codice che comprenda un componente che è stato derivato da un codice con licenza GPL deve essere anch'esso rilasciato interamente sotto una licenza GPL. Il copyleft è una negazione dialettica del diritto d'autore, perché contemporaneamente conserva e abolisce copyright"

Nel mondo scientifico il sapere ha bisogno di un ambiente che garantisca la circolazione dello stesso, eppure il capitalismo impedisce la libera circolazione della conoscenza. Secondo l'autore, a differenza dei modi di produzione precedenti che tendevano a concentrare la conoscenza in ristrette cerchie di individui (caste sacerdotali, circoli intellettuali, ecc.), il capitalismo contribuisce alla diffusione dei saperi, ma allo stesso tempo - contraddittoriamente - pone dei limiti a tale diffusione. Nei capitoli Il P2P e la micro divisione capitalistica del lavoro e Il P2P e macro divisione capitalistica del lavoro si analizza il processo di dissoluzione dell'attuale modo di produzione e l'emergere di qualcosa di nuovo, che tende a superare questi dualismi. Per quanto riguarda la divisone "micro" è messo in evidenza come nel capitalismo le attività siano organizzate in modo gerarchico a livello di singole aziende ed esasperino la divisione sociale del lavoro, caricando i lavoratori con tremendi ritmi e tempi di produzione. Al contrario nel P2P non c'è divisione gerarchica, il lavoro è spontaneo e in molti campi questo sistema risulta, dati alla mano, più efficiente:

"Nella macro divisione capitalistica del lavoro le diverse unità di produzione non sono collegate in modo immediato tra loro, ma attraverso la mediazione del mercato. I lavoratori scambiano il loro lavoro per i salari, ed i prodotti del loro lavoro diventano merci di proprietà di capitalisti e venduti nel mercato. È solo in questo modo che i lavori dei produttori immediati di varie unità e rami di produzione sono collegati tra loro, divenendo parti del lavoro sociale totale della società. Ogni unità di produzione diventa un componente della divisione totale macro capitalistica del lavoro nella misura in cui produce merci che sono vendute."

Secondo Rigi possono coesistere all'interno del capitalismo diverse forme di produzione, rimasugli di modi di produzione precedenti e potenziali anticipati, tuttavia un modo di produzione alla fine prevale sugli altri e si impone. Il capitalismo ha avuto una prima fase emergente (1850-1950), seguita da una fase di consolidamento (1950-1980) ed estensione del Capitale sia nello spazio (il globo intero) sia nei diversi settori economici. Dal 1980 in poi sarebbe iniziata l'ultima fase, dove il processo di emersione di una forma sociale in antitesi a quella dominante spinge per rompere l'involucro.

Anche nel mondo della produzione materiale si avverte la necessità di una produzione e distribuzione gestite con il sistema P2P (vedi stampanti 3D che si autoriproducono), ma la proprietà privata dei mezzi di produzione è un ostacolo insormontabile all'emergenza del nuovo. In conclusione, si afferma che non è automatico il passaggio da un modo di produzione morente ad uno emergente: le classi dominanti difendono con la forza il monopolio sul lavoro altrui. E' quindi fondamentale che il modo di produzione P2P in un certo senso, potremmo dire, trovi un riflesso anche sul piano sovrastrutturale.

Un esempio di questo è nelle lotte in Egitto, Iran e Tunisia, dove sono stati creati, da attivisti in collaborazione tra loro, canali di comunicazione alternativi (reti Mesh) che bypassano il controllo statale. Lo stesso autore giunge a definire di estrema importanza la formazione di un ambiente diverso da quello dominante:

"Le comunità P2P sviluppano anche atteggiamenti morali progressisti ed umanisti. I membri della comunità non amano il vanto, l'auto-promozione, la disonestà e la manipolazione calcolatrice. Nel complesso, pur riconoscendo gli individui e dando valore ai loro contributi, l'interesse comune a mantenere e sviluppare comunità P2P produttive è stato forte. Non c'è dubbio che la formazione di una solida cultura collettivista e progressista che cresca organicamente intorno alla produzione P2P e agli altri movimenti sociali sarà essenziale per la formazione di una società comunista."

La società comunista è anticipata da un ambiente che supera le logiche individualiste ed egoiste, dando vita a relazioni veramente umane. Noi diciamo che i comunisti dovrebbero estendere la loro critica dall'individualismo attuale alle manifestazioni degenerate che vi corrispondono, ed estendere il concetto olistico della continuità delle parti con il tutto al partito-comunità che dovrà anticipare il futuro. Nel 1913 i giovani socialisti intransigenti pensavano che ciò fosse possibile. Nel 1921 tentarono e ci riuscirono, spingendosi poi temerariamente fino ad azzardare un approccio organico nientemeno che con l'Internazionale Comunista. Osservando i fenomeni sociali che sono sotto i nostri occhi, Rigi giunge a delle conclusioni abbastanza significative: Occupy Wall Street, gli Indignados e Anonymous, sono movimenti sociali che tendono ad anticipare forme organizzative che rispecchiano la società futura:

"Un grande movimento di protesta ha spazzato il mondo nel 2011. E se questi movimenti di protesta mettessero l'appropriazione dei principali mezzi di produzione e la loro riorganizzazione in un sistema di cooperazione P2P sulla loro agenda?"

A proposito di proteste, negli Stati Uniti è in corso l'organizzazione del quarto sciopero nazionale dei fast food per chiedere l'aumento della paga minima (#fightfor15). La cosa interessante sono gli strumenti di cui i lavoratori si stanno dotando (massiccio utilizzo di Facebook ma soprattutto di Twitter), compreso il manuale dello scioperante, un vero e proprio kit per l'organizzazione fai-da-te sui posti di lavoro e fuori. I precari utilizzano piattaforme e modalità simili a quelle usate dagli occupiers per l'organizzazione dello sciopero generale del Primo Maggio 2012. Era inevitabile che i sindacati finissero per prendere spunto dal movimento Occupy.

Insomma, dal ventre del capitalismo arrivano sempre più frequentemente, esempi maturi, non sprazzi isolati, di un insopprimibile bisogno di comunismo. Kevin Kelly è uno degli autori che seguiamo con più attenzione. Nel libro Quello che vuole la tecnologia ed in particolare nel capitolo Predestinati a diventare, si parla del "tecnium" ("Comprende entità intangibili come il software, le leggi, i concetti filosofici. E, cosa ancora più importante, comprende gli impulsi generativi delle nostre invenzioni che stimolano ulteriori produzioni di strumenti, ulteriori invenzioni tecnologiche, ulteriori connessioni autoaccrescenti."), ovvero del marxiano General Intellect. In certi passi del libro si parla di inevitabilità e convergenza evolutiva:

"In effetti in tutti i campi della tecnologia non è raro trovare invenzioni indipendenti, equivalenti e simultanee. Se questa convergenza indica che quelle scoperte erano inevitabili, i rispettivi inventori apparirebbero come "canali" attraversati da invenzioni che comunque sarebbero avvenute. Si potrebbe anche credere che le persone che le hanno compiute fossero intercambiabili, se non addirittura che sia loro capitato di giungervi quasi per caso."

Le leggi fisiche vincolano la formazione sia biologica che tecnologica degli esseri viventi sul nostro pianeta. E' inevitabile la formazione del "tecnium", poiché viene meno la differenza tra il regno del "prodotto" e quello del "nato". La stessa mente, essendo prodotto della materia, non può fare a meno di rispondere e sottostare alle leggi generali dell'evoluzione degli organismi viventi, come anche le teorie che spiegano questi concetti e la loro affermazione su scala sociale:

"Possiamo concludere che, in epoca storica come preistorica, la tecnologia, partendo da origini distinte in varie aree del globo, converge lungo lo stesso percorso. Indipendentemente dalle diverse culture che lo ospitano, o dai sistemi politici che lo regolamentano, o dalle risorse naturali che lo alimentano, il technium evolve lungo traiettorie parallele. Le direttrici su vasta scala del corso tecnologico sono predeterminate."

Partendo dal campo informatico, da quello dei maker oppure da quello accademico, una serie di ricercatori stanno arrivando a determinate conclusioni, a quello che noi chiamiamo comunismo. Loro stessi teorizzano che da diversi punti di partenza, spaziali e temporali, c'è una convergenza evolutiva verso uno spazio-tempo ben preciso. E' indubbio che sta succedendo qualcosa a livello sociale: l'emergenza epistemologica è troppo evidente, troppo potente, per non essere indagata a fondo anche dai comunisti. Chi vuole essere sulla linea del partito storico della rivoluzione, deve andare avanti, antivedere quale sarà il passo successivo. Come diceva Engels, a noi non interessa criticare i borghesi ma i comunisti... quando non sono al passo con il "movimento reale".

In conclusione abbiamo parlato di quanto sta accadendo in Egitto. In un recente articolo su Repubblica (L'incendio globale), Lucio Caracciolo sostiene che la repressione dei Fratelli Mussulmani da parte dell'esercito egiziano avrà ripercussioni su tutta l'area e oltre. Questa non è una crisi egiziana ma globale. Qualche mese fa la popolazione egiziana è quasi insorta con l'obiettivo di abbattere Mubarak, ci sono state le invocate elezioni democratiche che hanno visto vincere i più organizzati e strutturati, ovvero gli islamici.

La popolazione però non ha apprezzato il puritanesimo religioso e l'incapacità politica dei "mussulmani" e i militari con un colpo di stato hanno ristabilito una parvenza di ordine. Adesso sono di nuovo al governo i militari e si paventa una possibile riabilitazione di Mubarak. E' caduta la carta degli islamici, è caduta la carta di El Baradei che si è dileguato, ma resta la situazione economica disastrosa in cui versano milioni di persone. In seguito all'incancrenirsi della situazione potrebbe mettersi in moto una sorta di convergenza di tutti i raggruppamenti "rivoluzionari", dal 6 aprile, ai Tamarod, ai sindacati indipendenti, verso una piattaforma unitaria di lotta. La situazione è talmente paradossale che non può durare, non possono esserci sparatorie e manifestazioni tutti i giorni. E' chiaro che forze internazionali agiscono pesantemente, americani in primis: in tutta l'area c'è una tendenza dell'Islam di andare oltre il livello elettorale e l'introduzione della Sharia non è vista di buon occhio dagli occidentali.

È da negare che in Egitto accada quanto avvenuto in Siria, dove continua senza sosta la mattanza, o in Algeria agli inizi degli anni Novanta: questo paese è troppo importante e delicato per essere lasciato a se stesso. C'è poi il grosso problema della dipendenza dell'Egitto dagli Usa e questo è un deterrente terribile: l'esercito sta in piedi perché gli americani lo foraggiano a suon di dollari.

La crescita dei sistemi peer to peer e quella del marasma sociale sono fenomeni concatenati, il mondo è in sobbollimento sia economicamente che politicamente. Lo scontro tra modi di produzione si fa sempre più netto: le rivoluzioni liberano energie potenziali oggi compresse, anche quelle di masse legate all'attuale modo di produzione ma che non riescono più a vivere alla vecchia maniera.

Articoli correlati (da tag)

  • Modelli di catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 33 compagni, è iniziata prendendo spunto dalle ultime notizie sulla diffusione del nuovo coronavirus.

    A pochi giorni dall'inizio in Italia della cosiddetta Fase 2, i dati sulla diffusione del Covid-19 in arrivo dalla Germania hanno destato una certa preoccupazione nel governo Conte: sembra infatti che nei länder tedeschi, in seguito alla riapertura, l'indice di contagio (R0) abbia ricominciato a salire. Il Comitato tecnico-scientifico italiano ha suggerito al governo una ripresa, prevista per il prossimo 4 maggio, soft, dato che "lo spazio di manovra sulle riaperture non è molto". Esiste, insomma, il rischio che l'allentamento delle misure di lockdown e il riavvio delle attività possano far ripartire la curva dei contagi, costringendo a nuove chiusure e peggiorando la situazione economica, che di fronte a continui stop and go, di aperture che seguono a chiusure, rischierebbe di andare fuori controllo, più di quanto non lo sia già.

    Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la pandemia in corso rappresenta ancora una grave minaccia: oltre all'ampia diffusione nei paesi occidentali, preoccupa l'impatto della malattia in Africa, Medioriente e Sud America, paesi in cui i sistemi sanitari non sono in grado di rispondere ad una crescita dei casi. I morti potrebbero essere milioni.

  • Capitale che domina su tutto

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 29 compagni, è iniziata con il commento delle ultime notizie sul crollo del prezzo del petrolio.

    L'accordo tra OPEC e Russia per tagliare la produzione di greggio e farne così risalire il prezzo non ha funzionato. Tra i primi a risentirne, i produttori americani di shale oil che vedono sempre più vicina la bancarotta. In generale, la vertiginosa caduta del costo dell'oro nero potrebbe generare una reazione a catena provocando, oltre al collasso delle economie dei paesi che vivono di rendita petrolifera, una serie di crack bancari, fino ad arrivare ad un tracollo di natura finanziaria. La crisi in corso, aggravatasi in seguito alla diffusione del virus, è sistemica e mondiale, e riguarda quasi tutti i settori, a cominciare da quello energetico, che ha visto una drastica riduzione dei consumi, fino a quello del tessile, con milioni di lavoratori che in Bangladesh, Pakistan e India sono rimasti senza lavoro. Quando alcune materie prime sono offerte a costo zero, anzi, negativo, significa che la situazione per la borghesia è davvero preoccupante.

    Negli Stati Uniti la crisi peggiora, e non è da escludere il verificarsi di uno scenario di disgregazione statale simile a quello rappresentato dal film La seconda guerra civile americana. Negli ultimi giorni ci sono state in tutto il paese diverse manifestazioni anti-lockdown, organizzate da gruppi di estrema destra. In Michigan alcuni attivisti hanno partecipato alle iniziative armati.

  • Cambiare le regole del gioco

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 27 compagni, è inziata con il commento della recente presa di posizione della Chiesa di Roma, per bocca del suo rappresentante massimo, riguardo la situazione di emergenza sociale acutizzatasi con la diffusione del Covid-19.

    In una missiva indirizzata "ai fratelli e alle sorelle dei movimenti e delle organizzazioni popolari" pubblicata dal quotidiano Avvenire, papa Francesco ha ricordato i "lavoratori dell'economia informale, indipendente o popolare", coloro che non hanno riserve per resistere in questo particolare momento, proponendo "un salario universale che riconosca e dia dignità" al fine che "nessun lavoratore" sia oggi "senza diritti". Di fronte alla crescita della miseria la Chiesa lancia un messaggio forte, in linea con la sua dottrina sociale, quella che prese forma con l'enciclica Rerum Novarum scritta da papa Leone XIII nel 1891 come risposta controrivoluzionaria al divampare della lotta di classe in Europa.

    Come dice la nostra corrente nel filo del tempo "Meridionalismo e moralismo", in Italia la Chiesa rappresenta un filone storico del riformismo insieme a quelli socialdemocratico e fascista. Nel giugno del 2017, Papa Francesco, in un'udienza concessa ai delegati della CISL, consigliava ai sindacalisti di essere presenti sul territorio, "nelle periferie esistenziali, tra gli scartati del lavoro", ovvero tra disoccupati, precari ed emarginati. La versatilità dell'istituzione cattolica varia a seconda delle situazioni storiche: nel 1956 in "Sorda ad alti messaggi la civiltà dei quiz", la nostra corrente prendeva in analisi un discorso di papa Pacelli sulla "vita senza senso" in cui il pontefice criticava l'edonismo consumista imperante sia in Usa che in Urss; oggi, invece, l'attuale capo della Chiesa si occupa del mancato consumo da parte di masse sterminate di uomini, e spinge affinché venga concesso il salario ai poveri. Dal boom economico del secondo dopoguerra, quando i salari aumentavano e l'impiego era garantito, siamo giunti nel giro di qualche decennio ad una situazione che è esattamente l'opposto. La Chiesa ha una funzione di salvaguardia, in primis di sé stessa, e poi dello status quo. Se non si muovesse su posizioni "sociali" non avrebbe senso nella società moderna: è un organismo che non può appiattirsi del tutto sull'ideologia capitalistica senza snaturarsi.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 240, 4 giugno 2020

f6Un virus opinabile

f6Riprendono i contagi

f6Ecologia ed ecologismo

f6Necessità del rivolgimento sociale

f6Fine pandemia?

f6Feroce equilibrio darwiniano

f6Rimanere sul mercato

f6Ricchi e poveri

f6Effetti pandemici sull'economia dei maggiori paesi d'Europa

f6Scialuppe di salvataggio

f6Tutto a posto, quindi?

Leggi la newsletter 240 - Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email