Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  4 novembre 2014

Già, non ancora

La teleconferenza di martedì, a cui si sono connessi 13 compagni, è cominciata con una breve analisi degli interventi di Napolitano e Renzi, il primo alla cerimonia di consegna delle decorazioni dell'Ordine Militare d'Italia, il secondo a Brescia durante il vertice degli industriali.

La più alta carica dello stato ha lanciato l'allarme sulla tenuta sociale del paese: "Vi è il rischio che, sotto la spinta esterna dell'estremismo e quella interna dell'antagonismo, e sull'onda di contrapposizioni ideologiche pure così datate e insostenibili, prendano corpo nelle nostre società rotture e violenze di intensità forse mai vista prima".

Ha quindi invitato le forze armate a tenersi pronte a intervenire in più scenari di guerra: "Il quadro internazionale mostra tensioni e instabilità crescenti. Si vanno affermando nuove e più aggressive forme di estremismo e di fanatismo che rischiano di investire i territori degli 'Stati falliti' e insediarsi a ridosso dei confini dell'Europa e dell'Italia in particolare, infiltrandone gradualmente le società anche grazie alla loro perversa forza attrattiva. E' una minaccia reale, anche militare, che le nostre Forze Armate devono essere pronte a contrastare e prima di tutto a prevenire, insieme all'Unione Europea e alla NATO."

Ha infine evidenziato, principalmente in riferimento allo scacchiere mediorientale, la "perdita di leadership politica in seno alla comunità internazionale".

I temi affrontati da Napolitano fanno venire in mente il rapporto Nato SAS 30 Urban Operation in the year 2020, di cui scrivemmo nella newsletter 132 al tempo dell'introduzione nelle maggiori città italiane di pattugliamenti misti di esercito e polizia. Il documento prevede che la popolazione mondiale supererà entro il 2020 i 7,5 miliardi, il cui 70% vivrà in zone urbane. L'urbanizzazione crescerà a dismisura accrescendo povertà, scontri e tensioni sociali nelle metropoli. Poiché in un tale contesto le normali forze di polizia non saranno in grado di condurre operazioni contro folle "ostili" o semplicemente "complici" dei nemici da colpire e neutralizzare, lo studio dà indicazione per un utilizzo graduale dell'esercito in funzione di ordine pubblico man mano che la crisi mondiale, ipotizzata per il 2020, si avvicina.

Renzi, nel suo intervento alla Palazzoli di Brescia, ha trattato soprattutto di lavoro e giustizia. In continuità con il discorso alla Leopolda, ha ribadito la necessità di blindare la società per salvare il Paese:

"Dobbiamo evitare un rischio pazzesco: c'è un disegno per dividere il mondo del lavoro. Non esiste una doppia Italia, dei lavoratori e dei padroni: c'è un'Italia unica e indivisibile e questa Italia non consentirà a nessuno di scendere nello scontro verbale e non solo, legato al mondo del lavoro".

Di fronte al precipitare della crisi, la borghesia esprime la necessità di unificare le componenti sociali e farle cooperare per il bene supremo della nazione, in una riproposizione del vecchio corporativismo fascista in versione 2.0: datori di lavoro e operai devono entrambi anteporre gli interessi nazionali a quelli individuali. Il mezzo per arrivare a questo traguardo è il Partito della Nazione.

Che il sindacato passi dalla concertazione al conflitto di classe è quindi inevitabile. Dal secondo dopoguerra in poi, prima il Pci, poi il Pds e in ultimo il Pd, sono stati la sponda politica della Cgil. Ora venendo meno la "cinghia di trasmissione" con il partito di riferimento, urgono nuove sponde politiche e nuove alleanze. E' quindi la stessa borghesia a spingere il sindacato al cambiamento, imponendogli una pesante ristrutturazione politica e organizzativa. Attenzione, l'esito del processo non è scontato.

Renzi è protagonista anche a livello europeo, almeno per quanto riguarda la polemica con il presidente della Commissione europea Juncker. La linea italiana sull'Europa è chiara: l'Unione non è solo economia, non è solo moneta, essa è fondata sui veri ideali (riferimento ai padri fondatori) e sulla Bellezza. Quello del premier italiano è un approccio demagogico ma efficace: parla alla pancia degli euroscettici e mette il dito nella piaga degli sperperi della burocrazia ("Riveleremo anche le cifre del bilancio Ue, e ci sarà da ridere").

Anche nell'altro versante, quello degli Stati Uniti d'America, si alza il livello di fibrillazione in vista delle elezioni di medio termine. Secondo Nouriel Roubini, l'unico a funzionare tra i quattro motori del mondo capitalistico è quello Usa, dato che l'Eurozona è in recessione, il Giappone non si riprende neanche dopo un massiccio ricorso al quantitative easing, e i paesi emergenti hanno smesso di emergere. L'esito delle votazioni di Midterm, avverte l'economista, potrebbe però cambiare le cose: il paese non può infatti sopportare un ulteriore braccio di ferro tra democratici e repubblicani sulle politiche economiche.

Segnali di allarme sulla situazione sociale arrivano anche dal Vaticano: durante la messa per la solennità di tutti i Santi papa Francesco si è scagliato contro i "devastatori del creato e della vita". Rivolgendosi alle immense masse di poveri e di profughi in fuga da guerre e malattie, il Pontefice ha detto:

"Vivono in tende, sono nel deserto, sentono il freddo, senza medicine, affamati perché il dio-uomo si è impadronito del creato e di tutto quel bello fatto per noi. Ma chi paga la festa? Loro, i piccoli, i poveri, quelli che da persone sono finite nello scarto e questa non è storia antica, succede oggi [...] dirò di più, sembra che questa gente scartata, questi bambini affamati, ammalati, sembra che non contino, che siano di un'altra specie, non siano umani."

Il modo di produzione capitalistico scomparirà perché incapace di assicurare al suo schiavo l'esistenza persino nei limiti della sua schiavitù (Il Manifesto del Partito Comunista). Questa società è costretta a lasciar cadere il proletariato in condizioni tali da doverlo poi nutrire anziché esserne nutrita; è dimostrata la necessità della morte del capitalismo, quindi la sua scientifica non-esistenza potenziale (Scienza economica marxista come programma rivoluzionario).

In chiusura di teleconferenza sono state riportate alcune news dal mondo del Web. Oggi quasi tre miliardi di persone sono connesse a Internet, di cui il 73,4% tramite smartphone o tablet. Sembra che nel giro di tre anni la cifrà salira al 90%, con un picco in Asia dove in un solo anno la percentuale di chi si è connesso in questo modo è balzata dal 23 al 37%. Si sta formando una super-rete globale che avrà sempre più bisogno di banda e di capacità: nel 2018 consumeremo qualcosa come 83.299 petabyte (o 85 milioni circa di terabyte) al mese. Il primo, sterminato zettabyte (1024 exabyte) dovrebbe invece essere varcato l'anno prossimo. Un compagno ha inoltre segnalato che Microsoft ha reso disponibile, su richiesta, la preview di Skype Translator, il tool che traduce in tempo reale le conversazioni vocali. Per ora si tratta di una versione di prova, ma pare che quella ufficiale, la prima release è data per fine anno, sarà in grado di tradurre fino a 45 lingue differenti.

La Rete, vero abbozzo di cervello sociale, non è un prodotto-merce come gli altri. Anzi, contraddittoriamente, pur essendo sottomessa alla generale legge del valore, cioè al Capitale, si ribella a ogni tentativo di omologazione. È sfuggita all'apparato militare da cui è nata, ma anche alle accademie universitarie che la umiliavano come strumento elitario. Non proviene da un progetto scientifico secondo un qualche "paradigma", ma è diventata paradigma essa stessa.

Articoli correlati (da tag)

  • Sperimentazioni sociali

    La teleconferenza di martedì, a cui hanno partecipato 18 compagni, è iniziata con la segnalazione della scoperta in Cina di un nuovo virus potenzialmente pandemico. Discendente dal ceppo dell'influenza suina, che nel 2009 causò migliaia di morti e centinaia di migliaia di contagi soprattutto in America, la nuova variante è stata individuata da un gruppo di ricercatori cinesi impegnati nel programma di sorveglianza per l'emergenza e il contrasto di nuove minacce virali. Dalle analisi effettuate è emerso che il virus ha già fatto il salto di specie (dai maiali all'uomo), mentre non sarebbe ancora in grado di trasmettersi da uomo a uomo. La notizia è rimbalzata sulle pagine dei giornali, ma in un altro periodo probabilmente se ne sarebbe trovata traccia solamente sulle riviste specializzate. Eppure è dal 2018 che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha inserito nell'elenco delle malattie con un significativo potenziale epidemico la malattia X, ad indicare non una patologia esistente ma "la consapevolezza che una grave epidemia internazionale possa essere causata da un patogeno attualmente sconosciuto che causa malattie nell'uomo". Il modello è stato elaborato affinchè la comunità sanitaria globale sappia costruire per tempo sistemi adeguati e possa adottare tutte le misure necessarie per prevenire e limitarne la diffusione.

    L'informazione non mancava. Dopo mesi dalla scoperta (ufficiale) del primo caso di Covid-19, la curva mondiale dei contagi mantiene ancora un andamento esponenziale. Stati Uniti, Brasile e India registrano decine di migliaia di contagi nelle 24 ore, e molti altri rimangono sopra i mille giornalieri. Le indicazioni che arrivano dai governanti sono spesso contraddittorie, e se da una parte spingono per una costante e severa osservanza delle misure di contenimento, dall'altra invitano ottimisticamente a lasciarsi tutto alle spalle e a riprendere la vita e i consumi di "sempre", per lo meno prima della temuta seconda ondata.

  • Dalla pesantezza alla leggerezza

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 27 compagni, è iniziata dalla segnalazione di alcune news di carattere economico.

    A causa del lockdown sono tante le aziende fallite o prossime al fallimento. In Italia, l'associazione di categoria dei commercianti, Fipe-Confcommercio, ha previsto la chiusura di 50.000 attività e la perdita di circa 300 mila posti di lavoro, soprattutto nei settori della ristorazione e dell'intrattenimento: bar, ristoranti, pizzerie, discoteche. L'americana Hertz, che si occupa di noleggio di auto, ha dichiarato la bancarotta, mentre in Francia il colosso automobilistico Renault ha chiesto aiuto allo stato per salvarsi dalle ingenti difficoltà economiche in cui versa. Ma anche gli stati non navigano in buone acque. L'Argentina sta contrattando il suo nono fallimento, il terzo dall'inizio del nuovo millennio, e il Libano è alle prese con un default in un contesto sanitario, sociale ed economico gravissimo.

    La crisi determinata dalla pandemia si aggiunge alla crisi storica del capitalismo senile. La robotizzazione della produzione porta alla riduzione del numero di operai impiegati e ciò nega il funzionamento della legge del valore-lavoro. Una singola fabbrica può automatizzarsi sfruttando il differenziale con le altre, ma da una generale robotizzazione della produzione non si ricaverebbe più plusvalore , perché non esisterebbe più una forza-lavoro da sfruttare, diventata del tutto superflua. Una società è tanto più moderna quanto più libera forza lavoro. Per noi, la "dottrina dell'automatismo nella produzione si riduce a tutta la nostra deduzione della necessità del comunismo, fondata sui fenomeni del capitalismo" ("Traiettoria e catastrofe…", 1957).

  • Le curve della catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 11 compagni, è iniziata con la segnalazione di un articolo pubblicato sul Corriere della Sera, sulla relazione tra cambiamenti climatici e crisi finanziarie.

    Proprio in questi giorni si sta svolgendo a Davos il World Economic Forum per discutere delle questioni in materia di salute e di ambiente, ma soprattutto di business. L'ecologismo nasce con le prime organizzazioni di nobili inglesi che erano costretti a respirare i veleni della Londra dei primi dell'800. Essendo un argomento interclassista per eccellenza mette d'accordo tutti, nessuno può negare che l'impronta ecologica è data; mentre si nega invece, per principio, l'incapacità del capitalismo ad affrontare questa situazione. Nell'articolo "Un modello dinamico di crisi" del 2008 avevamo visto come già nel 1961 l'umanità consumava il 50% della biocapacità media del pianeta, mentre nel 2003 ne consumava già il 125%. L'impronta ecologica offre la misura di quanto s'è allargato il divario fra l'equilibrio termodinamico e la dissipazione di energia, cioè di risorse che, perdurando il sistema capitalistico, andranno irreversibilmente perdute, come la foresta primaria o l'acqua di molti fiumi a causa del prelievo per l'agricoltura e per le metropoli. La massa biologica sulla terra è una piccola parte rispetto alla massa del pianeta intero. L'uomo intacca la prima, logorando le possibilità per la sua stessa riproduzione. Tuttavia, la Natura ha prodotto l'uomo il quale si dovrà adeguare alla condizione della biosfera: una delle conseguenze della distruzione di massa biologica innescata dall'attività umana è la perdita di biodiversità sul nostro pianeta per cui si sta andando verso la sesta estinzione di massa, peggiore di quella del Cretaceo quando il 95% delle specie esistenti è scomparso dalla faccia del Pianeta.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 240, 4 giugno 2020

f6Un virus opinabile

f6Riprendono i contagi

f6Ecologia ed ecologismo

f6Necessità del rivolgimento sociale

f6Fine pandemia?

f6Feroce equilibrio darwiniano

f6Rimanere sul mercato

f6Ricchi e poveri

f6Effetti pandemici sull'economia dei maggiori paesi d'Europa

f6Scialuppe di salvataggio

f6Tutto a posto, quindi?

Leggi la newsletter 240 - Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email