Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 novembre 2015

Obsolescenza delle strutture di controllo

La teleconferenza di martedì sera, connessi 12 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un articolo sulla comunicazione tra esseri microscopici: i biologi dell'Università di San Diego hanno scoperto che i batteri sono in realtà molto sofisticati nelle loro interazioni "sociali" e comunicano attraverso meccanismi di segnalazione elettrica simili a quelli dei neuroni nel cervello umano. In uno studio pubblicato sulla rivista Nature, gli scienziati hanno spiegato come i batteri che vivono in comunità comunicano tra loro elettricamente tramite proteine chiamate "canali ionici":

"Quelli che finora consideravamo organismi unicellulari capaci di riunirsi al solo fine di riprodursi sono, in realtà, dotati di un sofisticato sistema di comunicazione che permette loro di interagire."

Da più parti si comincia a mettere in discussione la presunta unicità della nostra specie: noi uomini siamo fatti di cellule che vivono e muoiono, trasportiamo batteri che vivono in simbiosi con i nostri corpi diventando noi stessi network ambulanti che comunicano con l'interno e con l'esterno senza soluzione di continuità.

A proposito di nuovi paradigmi abbiamo parlato delle lotte dei lavoratori americani scesi in sciopero il 10 novembre per chiedere una paga oraria di 15 dollari. La giornata di lotta, lanciata dal movimento #FightFor15, ha coinvolto oltre 270 città dove migliaia di lavoratori hanno dichiarato guerra alla miseria in cui il capitalismo li obbliga: ormai sono endemici gli scioperi nei fast food, le mobilitazioni dei working poor, i sommovimenti partiti da Occupy Wall Street, che vedono i proletari dar battaglia nel cuore dell'Impero. La cosa importante di quest'ultima iniziativa è che a scendere in strada sono stati, oltre ai lavoratori dei fast food, anche quelli dell'assistenza sanitaria, degli aeroporti, dei servizi socio-assistenziali, e gli attivisti di #BlackLivesMatter. Una lotta partita da qualche centinaio di dipendenti di McDonald's stanchi di farsi rubare la vita ha trovato terreno fertile per crescere e dilagare in tutti gli Stati Uniti. Insomma il 99% è più vivo che mai e si fa sentire.

Le condizioni di vita peggiorano anche dal punto di vista ambientale, si pensi al grande problema dello smog in Cina. Nonostante la crescita del PIL del gigante asiatico sia "solo" del 5-7%, l'inquinamento ha raggiunto livelli preoccupanti. Lo sviluppo capitalistico della Cina con i suoi 1,4 miliardi di abitanti non può arrivare ai livelli occidentali, il Pianeta Terra non può sopportarlo.

Sul fronte dello sgretolamento delle strutture di controllo sociale abbiamo parlato dell'aereo russo caduto in Sinai e delle news sullo scandalo doping degli atleti russi. La Russia è impegnata in Siria nel bombardamento delle postazioni degli jihadisti dell'IS, i quali molto probabilmente hanno lanciato in tutta risposta un messaggio esplosivo a Mosca. L'attentato all'aereo ha raggiunto due risultati: mettere in crisi la sicurezza russa e colpire direttamente l'Egitto che ha nel turismo una delle sue principali fonti economiche. Al di là di quello che pensano i singoli attori statali, la guerra di tutti contro tutti si è cronicizzata, diventando sistema.

Lo stesso discorso vale per lo sport dove gli imbrogli ci sono sempre stati, anche prima dell'esistenza del modo di produzione capitalistico (i romani erano corrotti, truccavano le partite, drogavano i gladiatori, idem nel Rinascimento quando si ubriacavano i fanti), ma oggi hanno raggiunto livelli record. Il denaro si è autonomizzato completamente dai suoi possessori, in ogni campo. Uno sportivo per vincere una medaglia è coadiuvato da team di psicologi, medici, allenatori e tecnici: per raggiungere i risultati richiesti si trasforma in un automa della catena di montaggio generale.

Un compagno ha segnalato l'articolo Dopo il QE arriverà il 'denaro dall'elicottero'? pubblicato sulla Stampa, in cui alcuni economisti propongono, di fronte agli esiti fallimentari della politica di Quantitative Easing (QE), di iniettare denaro fresco direttamente nell'economia reale in varie forme, tra cui un bonifico di 8000 euro direttamente nei conti correnti di ogni singolo cittadino. Abbiamo evidentemente a che fare con un capitalismo che nega se stesso. Comunque, se si sommano i miliardi di dollari iniettati nei circuiti finanziari dal 2008 a oggi, s'intuisce che i soldi sono stati già lanciati dagli elicotteri, è solo che non hanno avuto effetti sul cadavere capitalista.

L'idea di redistribuire denaro alla popolazione impoverita fa venire in mente la proposta grillina del reddito di cittadinanza, ovvero un sussidio di disoccupazione per chi si trova senza lavoro. Anche in questo caso il capitalismo è costretto a fare proprie parole d'ordine del movimento operaio (salario ai disoccupati e riduzione dell'orario di lavoro), mistificandole. Secondo l'Università Cattolica di Milano, in Italia i giovani che non studiano né lavorano, i cosiddetti Neet, sono 2,4 milioni. Si tratta di una sacca di popolazione tagliata fuori dal sistema del lavoro salariato e dell'istruzione e quindi difficilmente rappresentabile dai vecchi apparati di controllo sociale. Anche se passasse la proposta di un reddito di cittadinanza sganciato dalla prestazione lavorativa, questi soldi finirebbero per riattivare i consumi e quindi aumentare la composizione organica del capitale (automazione, macchine e robot) e acutizzare la crisi di sovrapproduzione.

Per scongiurare la sua morte la borghesia sta pensando a rimedi esoterici. Visto che manca la fiducia nell'economia e nessuno investe, si sfornano teorie su come uscire da questa situazione. Come? Andando da un'altra parte, afferma l'Economist. Visto che la produzione arranca, non resta che rivolgersi a un meccanismo automatico che darebbe al Capitale quella fiducia che ormai ha perso. Stiamo parlando del Bitcoin, la moneta virtuale P2P che, secondo alcuni analisti finanziari, libererà definitivamente il Capitale dai vincoli statali e dal controllo delle banche centrali. Nove delle più grosse banche mondiali hanno annunciato di voler adottare la tecnologia Blockchain (una sorta di registro delle transazioni dei Bitcoin) per il settore finanziario. Un ulteriore passo in avanti nel processo di autonomizzazione del Capitale.

In chiusura di teleconferenza si è fatto un breve riepilogo della situazione agricola mondiale partendo dall'articolo La questione agraria del 1921. Da quegli anni il capitalismo ha portato alle massime conseguenze le sue contraddizioni: massima è ormai la socializzazione della produzione e la pianificazione di un settore, quello agricolo, che vive ormai fuori dalle logiche del valore. Di conseguenza le misure immediate della rivoluzione supereranno sia il paradigma costruttivista della Russia bolscevica sia lo stesso Programma rivoluzionario immediato sviluppato a Forlì nel 1952, perché l'agricoltura è già una struttura assistita dallo Stato e aspetta solo di essere liberata. In agricoltura funziona già tutto in modo socialista, l'autorità statale si occupa di alimentare le metropoli e di rimpinguare i redditi dei contadini. Ma ci riesce sempre meno, e le proteste degli allevatori per le quote latte dimostrano che solo un'altra società, portatrice di concetti organici di metabolismo sociale estranei alla borghesia, può risolvere questi problemi.

Articoli correlati (da tag)

  • Il rivoluzionario non confronta con il passato ma con il futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 20 compagni, è iniziata commentando le conseguenze economiche della pandemia attualmente in corso.

    E' di questi giorni la notizia sullo svuotamento della City di Londra, dove hanno chiuso i battenti diversi uffici. Secondo il Corriere della Sera (07.09.20), qualcosa di simile per importanza era avvenuto con la chiusura delle miniere degli anni Ottanta, quando la crisi colpì i prezzi di estrazione del carbone. Adesso la crisi riguarda i servizi, quel fondamentale settore che tiene in piedi l'economia inglese.

    Lo smart working si è dimostrato funzionale ed economico, capitalisti e lavoratori si sono accorti che è meglio lavorare da casa. Concluso il lockdown, molte aziende della City hanno continuato a sfruttare il lavoro da remoto lasciando deserti gli uffici. A pagarne le spese è stato l'intero sistema di trasporti e ristorazione, che ha subito un pesante contraccolpo. Per ogni impiegato che rimane a lavorare casa, si afferma nell'articolo, ce n'è uno che viene licenziato, senza contare che già prima della pandemia l'automazione aveva fatto passi da gigante ("Verso la singolarità storica"). Nei settori finanziario, legale e dei servizi in genere, molte mansioni possono ormai essere svolte da software in grado di incrociare dati molto meglio e più velocemente di un essere umano.

  • Record storici

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata con l'analisi degli ultimi dati macroeconomici, a cominciare da quelli degli Usa.

    Secondo un recente articolo del Sole 24 Ore ("Stati Uniti, il Pil crolla del 32,9% nel secondo trimestre, record dal Dopoguerra"), "l'economia americana nel secondo trimestre ha sofferto una contrazione record del 32,9% su base annuale, paralizzata dallo shock della pandemia da coronavirus e dei lockdown delle attività per cercare di arrestarla. Anche considerando la contrazione dell'output tra aprile-giugno rispetto al primo trimestre dell'anno, anziché la tradizionale misura che proietta i dati nel corso di un intero anno, il crollo è stato ugualmente di dimensioni storiche, pari al 9,5 per cento."

    L'andamento trimestrale dell'economia viene calcolato al fine di fare una previsione sul PIL annuale, considerando anche la possibilità di recupero in base alla capacità produttiva del sistema-paese. Il calo del 32,9%, anche solo per un trimestre, è un dato spaventoso, soprattutto se confrontato con il -8% raggiunto nel quarto trimestre del 2008, l'anno del grande crack economico scatenato dalla crisi dei mutui subprime. Va ricordato che oggi l'ammontare dei titoli subprime è quasi nullo rispetto alla liquidità immessa nel sistema dalle banche centrali negli ultimi anni.

  • Modelli di catastrofe

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 33 compagni, è iniziata prendendo spunto dalle ultime notizie sulla diffusione del nuovo coronavirus.

    A pochi giorni dall'inizio in Italia della cosiddetta Fase 2, i dati sulla diffusione del Covid-19 in arrivo dalla Germania hanno destato una certa preoccupazione nel governo Conte: sembra infatti che nei länder tedeschi, in seguito alla riapertura, l'indice di contagio (R0) abbia ricominciato a salire. Il Comitato tecnico-scientifico italiano ha suggerito al governo una ripresa, prevista per il prossimo 4 maggio, soft, dato che "lo spazio di manovra sulle riaperture non è molto". Esiste, insomma, il rischio che l'allentamento delle misure di lockdown e il riavvio delle attività possano far ripartire la curva dei contagi, costringendo a nuove chiusure e peggiorando la situazione economica, che di fronte a continui stop and go, di aperture che seguono a chiusure, rischierebbe di andare fuori controllo, più di quanto non lo sia già.

    Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità la pandemia in corso rappresenta ancora una grave minaccia: oltre all'ampia diffusione nei paesi occidentali, preoccupa l'impatto della malattia in Africa, Medioriente e Sud America, paesi in cui i sistemi sanitari non sono in grado di rispondere ad una crescita dei casi. I morti potrebbero essere milioni.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email