Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  3 maggio 2016

Potenzialità sprecate

La teleconferenza di martedì sera, presenti 13 compagni, è iniziata commentando alcuni articoli riguardanti lo sviluppo della robotica.

A Zurigo, in occasione del Primo Maggio, centinaia di persone vestite da robot hanno marciato chiedendo l'introduzione di un reddito di base incondizionato: l'erogazione di un beneficio economico senza obbligo di accettare un lavoro. La trovata situazionista fa parte della campagna referendaria in vista del voto del prossimo 5 giugno sul reddito garantito. A parte la Svizzera, è buona parte dell'umanità a risultare eccedente rispetto alle esigenze del processo di produzione capitalistico in cui trionfano la robotica, i computer e le reti:

"Nel 2010 Istagram contava su un nucleo di 15 lavoratori che ha prodotto una app usata da 130 milioni di persone per condividere 16 miliardi di fotografie. La Kodak, fallita nel 2012, pilastro dell’industria fotografica, impiegava fino a 145 mila persone. In pratica, oggi 15 persone possono fare il lavoro di 145 mila". (Il manifesto dei robot per il reddito di base di Roberto Ciccarelli)

 

Guai a una società, dice Marx, che invece di sfruttare i suoi schiavi deve mantenerli, come successe a Roma antica prima di collassare. Fino a qualche anno fa proporre un salario sganciato dal lavoro era prerogativa di alcuni ambienti di nicchia, oggi ne parlano un po' tutti, dai grillini a certa sinistra di movimento. Il surplus sociale è così alto e male distribuito che la società stessa si incarica di sfornare teorie intorno al modo di utilizzarlo.

Insomma, il capitalismo per tentare di salvarsi è costretto a negare sé stesso. Sindacalisti e politici si riempiono la bocca con frasi fatte sul "diritto al lavoro", ma di fronte ai licenziamenti di massa contano i fatti e non le parole. Persino l'Economist afferma che il compito dello Stato è difendere i lavoratori e non il lavoro: se lo dicono i pasdaran del capitalismo, significa che il problema c'è e preoccupa i piani alti.

In Marxismo e miseria e nelle glosse successive viene specificato che il proletariato non sono solo le cosiddette tute blu, ma anche i precari e i disoccupati. Con la generalizzazione del sistema del lavoro salariato si è generalizzata la condizione estrema che vede scontrarsi due classi antagoniste: "Chi lavora non accumula, e accumula chi non lavora. Dice il Manifesto riguardo la crisi: il salario diviene sempre più incerto, più precaria la condizione di vita dell'operaio. Compenso incerto, non più basso, condizione precaria, non più modesta." Miseria per noi non significa "bassa remunerazione del tempo di lavoro" ma "nessuna disposizione di riserve economiche destinabili al consumo in caso di emergenza". Questa è la condizione che vive il simbolico 99% della società di cui parla Occupy Wall Street.

Si è passati poi a commentare le news provenienti dal "movimento" francese #NuitDebout. In vista della chiamata globale all'azione per il 15 maggio, si è sviluppato il tam-tam in Rete e sono spuntate come funghi pagine Facebook dedicate all'evento: in Italia notti in piedi sono state annunciate a Roma, Napoli, Genova, Torino e Milano. Nei comunicati di #GlobalDebout che circolano sul Web permane un atteggiamento demo-pacifista, ma questo non ci rende indifferenti.

Il capitalismo giunto a questa fase è pieno di mine pronte ad esplodere. Ci sono centinaia di milioni di uomini, forse miliardi, che non sono più contadini ma non sono neppure entrati nel ciclo produttivo capitalistico. Il Cairo ha venti milioni di abitanti, Città del Messico venticinque, Bombay forse trenta, nessuno lo sa di preciso. I nuovi distretti industriali e commerciali cinesi hanno urbanizzato immense aree in cui si stanno insediando centinaia di milioni di uomini. Nelle più importanti città cinesi, Pechino, Shanghai e Shenzhen, le case costano il doppio o il triplo rispetto a città come Milano; i capitali alimentano inesorabilmente una bolla immobiliare di dimensioni mai viste, mentre le città costruite ex novo restano disabitate.

In chiusura di teleconferenza si è parlato di Bitcoin, commentando gli articoli di giornale sull'uscita allo scoperto del presunto ideatore della moneta virtuale. Curioso che la rivelazione arrivi proprio in questo momento, dato che "il numero totale di Bitcoin tende asintoticamente al limite di 21 milioni. La disponibilità di nuove monete cresce come una serie geometrica ogni 4 anni; nel 2013 è stata generata metà delle possibili monete e per il 2017 saranno i tre quarti. All'avvicinarsi di quella data e ipotizzando che la richiesta di Bitcoin crescerà più che proporzionalmente rispetto alla disponibilità degli stessi, i bitcoin probabilmente subiranno una deflazione nel valore (cioè un aumento del valore reale) dovuta alla scarsità di nuova moneta".

Non sono solo i bitcoin ad essere ingestibili da parte degli stati, ma anche le transazioni con le altre monete. Gli stati non possono permettersi di avere una parte del Pil fuori dal loro controllo, affidata ad un sistema peer to peer e senza referenti a cui rivolgersi. Da qualsiasi punto lo si osservi, il Sistema risulta sempre più in bilico: le amministrazioni capitalistiche hanno sempre meno conoscenza di sé stesse e devono fare i conti con un esercito mondiale di senza riserve pronto a ribellarsi: mai una società è stata così poco progettuale pur avendo così tante potenzialità tecnico-scientifiche.

Articoli correlati (da tag)

  • Il problema del controllo

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata con alcuni brevi commenti riguardo l'esito del referendum in materia di riduzione del numero dei parlamentari, tenutosi in Italia il 20 e il 21 settembre.

    La vittoria del Sì, ossia della parte di elettori favorevole al "taglio" di deputati e senatori, è spiegata dalla sfiducia generale verso le istituzioni, accusate di sperperare i soldi pubblici. Ma non è certo eliminando qualche centinaio di parlamentari che si cambiano le cose. Lo sciupìo capitalistico è immenso e riguarda i meccanismi profondi del processo di accumulazione ("Capitale e teoria dello sciupio"); gli automatismi del mercato, il fatto che robot e software facciano funzionare le borse, dimostrano quanto il capitale sia autonomizzato e quanto proceda per conto proprio, anche se a livello nazionale permangono i parlamentari e, ogni tanto, il rito di infilare una scheda nell'urna.

    Nell'articolo "Il cadavere ancora cammina" (1952) la nostra corrente afferma che il parlamento a noi non serve, ma nemmeno alla borghesia: tale istituto è un mulino a chiacchiere utile solo a perpetuare la mistificazione democratica. Marx ed Engels avevano già osservato che i parlamentari erano "infettati dall'incurabile malattia del cretinismo parlamentare, infermità che riempie le sue sfortunate vittime della convinzione solenne che tutto il mondo, la sua storia e il suo avvenire, siano retti e determinati dalla maggioranza dei voti di quel particolare consesso rappresentativo" (Rivoluzione e controrivoluzione in Germania, 1852). Lenin aggiunse un'ulteriore osservazione: "La potenza del Capitale è tutto, mentre il parlamento, le elezioni, sono un gioco di marionette, di pupazzi", attribuendo il cretinismo non solo agli eletti ma anche agli elettori che si fanno imbonire (Sullo Stato, 1919). Il cretinismo parlamentare è uscito dai palazzi delle istituzioni e ha contagiato anche quelli che a parole rifiutano questa società ma ne riproducono nella pratica tutte le categorie politiche e ideologiche, arrivando, come nel caso di quest'ultimo referendum, a difendere la Costituzione borghese.

  • Record storici

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata con l'analisi degli ultimi dati macroeconomici, a cominciare da quelli degli Usa.

    Secondo un recente articolo del Sole 24 Ore ("Stati Uniti, il Pil crolla del 32,9% nel secondo trimestre, record dal Dopoguerra"), "l'economia americana nel secondo trimestre ha sofferto una contrazione record del 32,9% su base annuale, paralizzata dallo shock della pandemia da coronavirus e dei lockdown delle attività per cercare di arrestarla. Anche considerando la contrazione dell'output tra aprile-giugno rispetto al primo trimestre dell'anno, anziché la tradizionale misura che proietta i dati nel corso di un intero anno, il crollo è stato ugualmente di dimensioni storiche, pari al 9,5 per cento."

    L'andamento trimestrale dell'economia viene calcolato al fine di fare una previsione sul PIL annuale, considerando anche la possibilità di recupero in base alla capacità produttiva del sistema-paese. Il calo del 32,9%, anche solo per un trimestre, è un dato spaventoso, soprattutto se confrontato con il -8% raggiunto nel quarto trimestre del 2008, l'anno del grande crack economico scatenato dalla crisi dei mutui subprime. Va ricordato che oggi l'ammontare dei titoli subprime è quasi nullo rispetto alla liquidità immessa nel sistema dalle banche centrali negli ultimi anni.

  • Disastri sincronizzati

    La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 30 compagni, è iniziata dalla segnalazione di alcune notizie sulla situazione economica e sociale globale.

    Negli Usa il tasso di disoccupazione potrebbe salire dall'attuale 14,7%, il livello più elevato mai visto dal secondo dopoguerra, ad oltre il 20%, pari ad una quota di disoccupati registrata soltanto durante la Grande Depressione seguita alla crisi del 1929. In Italia, l'Istat segnala un crollo senza precedenti della produzione industriale, solo a marzo il calo ha raggiunto il 28,4%. La maggior parte degli enti di ricerca impegnati nello studio dell'andamento del Pil italiano, prospetta scenari da incubo per il Belpaese: Confindustria ha calcolato un -6%, la Commissione Europea -9,5, e Standard & Poor's -9. Ma queste previsioni non tengono conto della possibilità dello scoppio di rivolte sociali, di nuovi lockdown oppure di crisi finanziarie. Governanti ed economisti sperano in una crisi a forma di V nella quale al crollo seguirebbe la risalita; ciò che li terrorizza è invece quella a L: crollo e nessuna ripresa.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email