Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  17 ottobre 2017

Delocalizzazione cinese

La teleconferenza di martedì scorso, 14 i compagni presenti, è iniziata commentando alcune news riguardo l'utilizzo dei robot nella produzione industriale.

L'articolo "L'azienda cinese che delocalizza negli Usa e crea magliette in 30 secondi (con i robot)", pubblicato sul sito Linkiesta, racconta della delocalizzazione di un'azienda tessile cinese in Arkansas, in cui la maggior parte delle linee, che produrranno 23 milioni di t-shirt all'anno, saranno del tutto automatizzate, mentre 400 tecnici si occuperanno esclusivamente della manutenzione. Anche La Stampa pubblica un pezzo sull'utilizzo sempre più diffuso dei robot, nello specifico in Cina. Da fabbrica del mondo e territorio dove le grandi aziende (Apple in testa) si trasferivano dato il basso costo del lavoro, il colosso asiatico sta bruciando le tappe robotizzando la produzione e delocalizzando a sua volta:

"Nonostante i progressi nella robotica, la Cina ha ancora una densità inferiore a molti paesi: conta 49 robot per ogni 10mila lavoratori contro la media globale di 69, mentre per gli Stati Uniti il livello è 176, per la Corea del Sud 531 e per la Germania 301. Per colmare questo ritardo, Pechino si prefigge di raggiungere il numero di 150 robot per ogni 10 mila lavoratori entro il 2020."

Secondo i dati la Cina ha un numero inferiore di automi, ma è da considerare che ha anche un numero maggiore di lavoratori rispetto agli altri. Conviene perciò slegarsi da un raffronto tra paesi e "pesare" la produttività in ambito internazionale, sommando il numero assoluto dei robot e quello degli operai (la Cina produce ogni anno 1,1 miliardi di tonnellate di acciaio). Se aziende del calibro di Foxconn hanno annunciato che a breve la loro forza-lavoro umana verrà sostituita completamente dalle macchine, vuol dire che i processi in corso sono molto più veloci di quanto si possa immaginare e quindi si verificheranno effetti sociali esplosivi dovuti alle centinaia di milioni di disoccupati cinesi (Vulcano della produzione o palude del mercato?, 1954). Per frenare, almeno in parte, questo meccanismo, Pechino abbina a settori ad alta composizione organica del capitale settori a bassa composizione organica (tanti operai e poche macchine), un po' come avviene con le maquiladoras messicane, fabbriche a bassa composizione organica di capitale possedute in gran parte direttamente dall'industria nordamericana.

Lo sviluppo della forza produttiva sociale dissolve le forme obsolete, e questa dissoluzione sviluppa a sua volta la forza produttiva. Il capitalismo è la società che più alimenta le spinte esponenziali e che più disgrega le forme precedenti o le loro sopravvivenze, tanto da configurare sé stessa come forma di transizione per eccellenza. Nei Grundrisse Marx afferma che, dato il dominio del sistema di macchine, ad un certo punto "non è più tanto il lavoro a presentarsi come incluso nel processo di produzione, quanto piuttosto l'uomo a porsi in rapporto al processo di produzione come sorvegliante e regolatore." E ancora: "Il furto del tempo di lavoro altrui, su cui poggia la ricchezza odierna, si presenta come una base miserabile rispetto a una nuova base che si è sviluppata nel frattempo e che è stata creata dalla grande industria stessa."

L'unica fonte del plusvalore è lo sfruttamento del lavoro vivo e non si può ricavare da pochi operai sfruttati al massimo quello che si può ricavare da molti operai sfruttati meno. Se una fabbrica funzionasse in maniera del tutto automatica, il proprietario intascherebbe un sovrapprofitto; ma se tutte le fabbriche si attestassero su una situazione simile (zero operai e tutte macchine), non ci sarebbe alcun plusvalore. Che razza di capitalismo sarebbe questo? Evidentemente un non-capitalismo.

Anche sul fronte della finanza il sistema presenta profonde incrinature. Molti analisti sono preoccupati per la crescita dei prezzi dei titoli in borsa e mettono in relazione l'iniezione di liquidità nei mercati con l'avvicinarsi dello scoppio di una grande bolla speculativa. In realtà non si tratta "semplicemente" di un nuovo 'crack' finanziario, bensì del modo di essere del modo di produzione attuale. I 10.000 miliardi di dollari immessi in questi anni sul mercato da Federal Reserve, Banca Centrale Europea e Banca del Giappone hanno solo alimentato la speculazione e non hanno per niente rivitalizzato l'economia reale, così come la chiamano loro. L'abbiamo detto più di una volta: siamo di fronte ad una "crisi sistemica", non certo ad una crisi di natura congiunturale.

Le contraddizioni del caitalismo si ripercuotono anche in campo militare, dove l'incapacità degli Stati Uniti a governare il mondo modifica tutto un sistema di alleanze ed equilibri. Pur avendo ancora forza sufficiente a determinare una politica internazionale basata su quel che resta degli schieramenti di un tempo, la potenza americana non è più in grado di condurre una guerra all'insegna della politica super-imperialistica di una volta e, anzi, la sua presenza sullo scacchiere mondiale si è fatta necessariamente più soft.

Nell'area mediorientale, per esempio, Turchia e Iran si stanno ricavando un ruolo da medie potenze imperialiste. Ruolo che non esiteranno ad utilizzare per impedire che i curdi costituiscano il proprio stato nazionale. Questi ultimi, dopo aver messo a disposizione le loro forze per riprendere prima Mosul e poi Raqqa, ora rivendicano la formazione di una nuova entità statale, ma si ritrovano contro, oltre a Iran e Turchia, appunto, anche Iraq e Siria. Nemmeno gli americani andranno in loro aiuto: pur avendoli utilizzati come partigianeria contro l'IS, non sono disposti a ricambiare il favore.

Anche la vecchia Europa è attraversata a suo modo da spinte nazionaliste. A Barcellona sono scese in piazza 200mila persone per protestare contro l'arresto di due leader indipendentisti, e manifestazioni parallele si sono svolte in altre città della Catalogna. Ma nel fronte politico che reclama l'indipendenza della regione si segnala una prima spaccatura tra la sinistra autonomista e la dirigenza attuale che cerca di mediare con il governo centrale. La borghesia catalana è inconseguente, senza spina dorsale: dichiara la secessione ma subito dopo la posticipa. La perdita di energia e lo sgretolamento delle strutture statali non è, naturalmente, una prerogativa della sola Spagna; situazioni ben più problematiche sono in corso in Niger, Congo, Yemen, Nigeria, Libia. E Somalia, dove il governo centrale è barricato nella capitale Mogadiscio, recentemente colpita da un grande attentato che ha causato più di 200 morti, e non controlla più niente.

La teleconferenza si è conclusa con un accenno ai fatti italiani in campo sindacale.

Sabato 14 ottobre Cgil, Cisl e Uil hanno organizzato una serie di presidi davanti alle prefetture per protestare contro la nuova Legge di Bilancio. Camusso, intervenuta alla trasmissione radiofonica "Circo Massimo" di Radio Capital, ha spiegato che la finanziaria appena varata dal governo "favorisce le rendite e mantiene lo status quo" e non ha quindi escluso uno sciopero generale. Nel frattempo nel comparto trasporto merci e logistica, è stato dichiarato dai confederali uno sciopero per i prossimi 27, 30 e 31 ottobre. La prassi, come al solito, è quella dello sciopero di preavviso per iniziare la trattativa, dopodiché si va al tavolo e si trova un'intesa con la controparte. I livelli di sfiducia dei lavoratori nei confronti del sindacato (vedi ultimo sondaggio Ipsos) spingono quest'ultimo ad attivarsi per recuperare lo spazio perduto (ormai in Cgil più della metà degli iscritti sono pensionati).

Articoli correlati (da tag)

  • Riconoscere i saggi di futuro

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 18 compagni, è iniziata commentando alcune notizie provenienti da Cadice, nel sud-ovest della Spagna.

    Nella cittadina andalusa lo scorso 16 novembre è iniziato uno sciopero ad oltranza che ha coinvolto circa 20mila lavoratori del settore metallurgico dell'area portuale, la cosiddetta "Baia". Al centro dello scontro, il mancato rinnovo del contratto scaduto nel dicembre del 2020: di fronte alla richiesta dei sindacati di un aumento salariale del 2% per l'anno in corso, del 2,5% per il 2022 e del 3% per il 2023, gli industriali hanno opposto una cifra compresa tra lo 0,5% e l'1,5%, e l'intensificazione dei tempi di lavoro e del livello di sfruttamento.

    Cadice ha circa 120 mila abitanti, un tasso di disoccupazione del 25%, ed è una delle provincie più povere della Spagna. La sua storia industriale è legata alla cantieristica e alla metallurgia, settore da cui è partita la mobilitazione che poi si è estesa rapidamente a tutta la città dove da diversi giorni si susseguono scontri con la polizia (in rete circolano video e immagini di mezzi blindati delle forze dell'ordine schierati nei quartieri). L'organizzazione territoriale, fuori dalle anguste mura aziendali, riemerge quando si determinano elevati livelli di conflitto: la manifestazione è andata un po' oltre la classica dinamica sindacale, ed infatti si sono formate assemblee nei quartieri a cui partecipano studenti e disoccupati. Una lotta rivendicativa sindacale "classica" porta alla trattativa, ai tavoli di concertazione e alla disfatta del movimento; al contrario una lotta territoriale può passare di livello. Nei prossimi giorni sono previste manifestazioni di solidarietà in altre città spagnole, compresa Madrid. Gli stessi leader sindacali denunciano una diffusa percezione di perdita del futuro da parte degli operai e dei loro alleati. Vedremo come evolve la situazione, ma di sicuro la lotta dei metallurgici di Cadice è un saggio di futuro: dallo sciopero ad oltranza, alle migliaia di senza riserve in piazza, al legame con la popolazione, fino all'organizzazione di fabbrica che dà la sua impronta al tutto.

  • Il capitalismo è tutto fuorché eterno

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 18 compagni, è iniziata con il commento di un articolo apparso su Le Figaro il 9 novembre scorso riguardo l'aumento delle aggressioni alle forze di polizia e agli agenti in uniforme. Da inizio anno si sono verificati circa un centinaio di attacchi al giorno contro rappresentanti dell'autorità francese. Gendarmi, vigili del fuoco, soldati: sono stati più di 28.500, in nove mesi, a subire violenze.

    Lo Stato è costretto a blindarsi, a mettersi sulla difensiva, assediato com'è da una moltitudine di nuovi barbari.

    Qualche mese fa un gruppo di militari francesi ha scritto una lettera a governanti e politici nella quale li accusava di abbandonare il paese al disordine, rischiando la guerra civile nelle banlieue. Sempre in Francia, pare sia stato sventato un tentativo di colpo di stato che ha visto coinvolti diversi politici, ex membri dell'esercito e gendarmi. Con le scarne notizie a disposizione, è difficile capire la reale forza di questo gruppo, composto da circa 300 golpisti. Sul Fatto Quotidiano del 4 novembre si legge:

  • Al margine del caos

    Si è iniziata la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 22 compagni, parlando delle recenti mobilitazioni in Italia. Dopo le manifestazioni "no green pass" di sabato 9 ottobre a Roma (circa 10 mila i presenti) e Milano (5 mila), lunedì 11 ottobre, in occasione dello sciopero generale indetto dai sindacati di base, sono scese in piazza migliaia di persone, con decine di picchetti e cortei in tutta Italia.

    Particolarmente numerosa la manifestazione a Trieste dove il corteo sindacale era aperto dai lavoratori portuali che esibivano striscioni contro il "green pass". Alla collera delle mezze classi rovinate e preoccupate per i loro affari, si aggiunge quella di una parte di lavoratori che non sono vaccinati e avranno problemi per entrare al lavoro nei prossimi giorni.

    Sui media mainstream viene dato molto spazio al grado di politicizzazione nelle piazze e nella società, utilizzando come chiave di lettura i dualismi sì vax/no vax, destra/sinistra, fascisti/antifascisti. Dobbiamo alla nostra corrente una potente definizione del fascismo: esso è il realizzatore dialettico delle vecchie istanze riformiste della socialdemocrazia. Il fascismo non è tanto Forza Nuova o i naziskin ma un modo di essere del capitalismo raggiunto un certo stadio di sviluppo. Oggi come non mai, alla borghesia servirebbe una democrazia "snella", cioè un esecutivo non troppo intralciato da chiacchiere parlamentari, in grado di programmare difficili scelte economiche. E programmare vuol dire avere il controllo della forza lavoro; obiettivo raggiungibile, più che con l'utilizzo degli apparati polizieschi, con l'ausilio del sindacato, organismo di mediazione tra le istanze borghesi e quelle operaie.

Rivista n°49, aprile 2021

copertina n°49

Editoriale: Socialità e socializzazione

Articoli: La dottrina sociale della Chiesa - La grande scommessa - La pandemia e le sue cause

Terra di confine: Virtualizzazione

Recensione: Teoria particolare dei sistemi

Doppia direzione: L'ipertesto

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 244, 9 agosto 2021

f6Navi e container

f6Mirabile logistica (sembrava)

f6Consumi marginali

f6Facili previsioni

f6La Cina, la crisi e i numeri

Leggi la newsletter 244
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email