Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  4 settembre 2018

La storia è un continuum punteggiato da eventi

Durante la teleconferenza di martedì sera, presenti 10 compagni, abbiamo ripreso lo studio sulla genesi e lo sviluppo del fascismo.

La storiografia ufficiale, scritta perlopiù da antifascisti, colloca il fenomeno fascista principalmente nel periodo che va dal 1922 al 1945. La Sinistra Comunista "italiana" ha sempre messo in guardia da tali interpretazioni: "Il fascismo è moderno: il suo carattere saliente è l'adattamento darwiniano delle ideologie, non importa quali, alla difesa degli interessi materiali della classe dominante" ("Che cosa è il fascismo", Il Comunista del 3 febbraio 1921). E ancora, nel secondo dopoguerra in "Natura, funzione e tattica del partito rivoluzionario" (Prometeo, 1947), scrive che il riformismo ha spinto al "rafforzamento dell'imperialismo capitalistico. Questo aveva così superata nella guerra, per una intera fase storica almeno, la minaccia insita nelle contraddizioni del suo meccanismo produttivo, e superata la crisi politica determinata dalla guerra e dalle sue ripercussioni coll'assoggettare a sé gli inquadramenti sindacali e politici della classe avversaria attraverso il metodo politico delle coalizioni nazionali".

La storia è un continuum punteggiato da eventi che gli uomini "scelgono" per periodizzarla secondo criteri utili al lavoro che stanno facendo. Alcuni "punti di svolta" risultano poi comuni a molti osservatori, mentre altri sono individuati solo da pochi. Sabino Cassese nel saggio Lo Stato fascista è tra coloro che evidenziano la continuità tra la fase precedente e quella successiva al fascismo mussoliniano. Nel testo viene citato Alfredo Rocco, padre del codice di procedura penale rimasto in vigore dal 1930 al 1988, che dello stato fascista dà questa definizione:

"Ma in che consiste questo Stato fascista? In che si differenzia esso dallo Stato liberale democratico? [..] Lo Stato liberale democratico non domina le forze esistenti nel Paese, ma ne è dominato: sono queste che decidono, lo Stato subisce la decisione e la esegue [...] Lo Stato fascista è [...] lo Stato che realizza al massimo della potenza e della coesione l'organizzazione giuridica della società."

Ma anche quest'ultimo stato, che pensa di essere il soggetto, è in realtà un oggetto in mano al Capitale. Il fascismo non nasce dal nulla, esso acquisisce elementi già presenti nella società e li ridefinisce alla luce di una disciplina unitaria dal punto di vista economico, politico e militare. Lo stesso corporativismo, visto come qualcosa di caratteristico del Ventennio, prende spunto dalla tradizione sociale cristiana; si pensi ad esempio all'enciclica Rerum Novarum scritta da papa Leone XIII e citata in "Le scissioni sindacali in Italia" (Battaglia Comunista del 1949).

Sempre in tema di continuità, si veda anche il progetto governativo delineato da Giovanni Giolitti durante l'occupazione delle fabbriche nel 1919-'20. Il politico piemontese propone la cogestione, ovvero la possibilità di riconoscere alle associazioni economiche dei lavoratori un ruolo "attivo" per attuare un controllo della produzione, una commissione mista tra operai, sindacati e industriali. Lo stesso Giolitti in Memorie della mia vita, ricordando quel periodo, scrive:

"Il concetto del controllo degli operai nelle vicende delle industrie in cui sono occupati, non ha nulla di rivoluzionario, e non è che una estensione dei rapporti che intercedono anche attualmente fra sindacati operai ed industriali per il regolamento dei contratti di lavoro e per la determinazione della misura dei salari."

Il giolittismo quindi è stato più che sufficiente per sconfiggere le spinte rivoluzionarie operaie, e la vittoria del fascismo una diretta conseguenza di tale rinculo: una esigenza del capitalismo di darsi un assetto sistemico tramite una grande auto-riforma politico-economica.

Lo storico Giuseppe Berta nel saggio Conflitto industriale e struttura d'impresa alla Fiat 1919-1979 analizza un episodio significativo occorso durante il Bienno Rosso a Torino: data l'apparente incontrollabilità della situazione, nei primi giorni dell'ottobre del 1920 Giovanni Agnelli rassegna le dimissioni dalla carica di amministratore delegato della Fiat, con l'intenzione di proporre alle organizzazioni operaie di prendere in mano l'azienda automobilistica per trasformarla in una cooperativa. Il successivo 28 ottobre fa sapere all'assemblea degli azionisti che Fiom e CgdL non hanno accettato la proposta (che tra l'altro avrebbe comportato il grosso problema degli indennizzi agli azionisti). Sulla possibile svolta avviata da Agnelli, Gramsci scrive un articolo sull'Avanti! il 1° ottobre intitolato "La Fiat diventerà una cooperativa?". Nel Quaderno del carcere n. 22 (1934), trattando il tema del fordismo-americanismo, poi ricorderà il Biennio Rosso e gli abboccamenti tentati dalla dirigenza della Fiat verso il gruppo dell'Ordine Nuovo, allora interprete in Italia di una forma di americanismo tra le masse operaie.

In realtà quella di trasformare la Fiat in una cooperativa non era una proposta realistica, ma un'abile mossa di Agnelli per dimostrare che nessuno era in grado di dirigere l'azienda se non gli imprenditori. Passata la grande paura, sconfitto il movimento di occupazione delle fabbriche e andato al potere Mussolini, le associazioni dei lavoratori vengono inglobate nella macchina statale, mentre il PNF diventa il nuovo interlocutore degli imprenditori.

A noi interessa analizzare la forma specifica che assume il fascismo nei diversi paesi, ma ancor di più il processo materiale che lo ha fatto diventare un fenomeno internazionale. Esso si presenta già durante la Prima guerra mondiale come il tentativo del Capitale di salvare sé stesso attraverso una socializzazione di segno capitalista. Come alcuni storici arrivano ad affermare, per esempio Bruno Settis in Fordismi. Storia politica della produzione di massa, anche il fordismo è un fenomeno internazionale e trae le sue origini dalle necessità di razionalizzazione della società che partono dall'industria, ovviamente all'interno dei confini nazionali e con tutte le contraddizioni del caso (il capitolo III del saggio di Settis si intitola La razionalizzazione in un mondo non razionale).

Detto questo, bisogna ribadire che il capitalismo nasce statale e rimarrà tale fino alla morte ("Armamento ed investimento", in Battaglia Comunista del 1951). La nostra corrente parla chiaramente di capitalismo di stato a partire dai Comuni e dalle Repubbliche Marinare; da allora la borghesia non ha mai rinunciato al fascismo, tant'è che il fondatore dell'economica liberale, Adam Smith, nella sua Indagine sulla natura e le cause della ricchezza delle nazioni sostiene l'esigenza di controllare il fatto economico visto che la "mano invisibile" del mercato non basta.

Dato che per tutto il secondo dopoguerra il fascismo-corporativismo non ha fatto che consolidarsi, il movimento antiforma per rompere le catene capitalistiche necessiterà di una potenza mai vista prima. Tuttavia, questa non è una questione che può essere risolta volontaristicamente: il "movimento reale" marcia anche in assenza di grandi movimenti proletari e facilita i compiti alla futura rivoluzione.

Commentando l'articolo "Fuga dal sindacato: perso mezzo milione di iscritti in due anni", pubblicato su Repubblica il 4.9.18, è venuto spontaneo il paragone con la situazione in cui versano i partiti, le parrocchie, e tutte quelle strutture che una volta erano efficienti e ramificate nella società, mentre oggi sono diventate delle cellule depotenziate di un sistema che ha fatto il suo tempo, assolutamente incapaci di frenare l'esplosione sociale prossima ventura. Uno su tutte il grande bastione controrivoluzionario rappresentato dal PCI, oramai un ricordo del passato, con feste dell'Unità frequentate solo da ristretti gruppi di funzionari e dismesse una dopo l'altra. Anche un altro retaggio del fascio-stalinismo si sta dissolvendo, il culto del lavoro. Il posto di lavoro non esiste più e la maggior parte dei giovani sono o disoccupati impegnati in stage gratuiti o occupati con lavoretti pagati pochi euro: un esercito di proletari supersfruttati, scaraventati nella sovrappopolazione assoluta che il capitalismo deve mantenere invece di sfruttare.

In chiusura di teleconferenza, si è accennato alle ultime notizie provenienti dagli scenari di guerra in Libia e Siria, e all'attivismo economico-politico della Cina.

In Libia il governo Sarraj, che controllava a malapena l'area di Tripoli, è ora messo alle strette dall'entrata in città di milizie ostili. Dalla deposizione di Gheddafi, le forze presenti nel paese non sono più riuscite a mettere in piedi una parvenza di Stato, sostituito invece da formazioni armate che si ricattano tra di loro per ottenere benefici economici. In Siria è in corso l'offensiva del governo Assad, sostenuto dagli iraniani e dall'aviazione russa, sulla roccaforte ribelle di Idlib; gli americani avvertono della possibilità di un'ulteriore catastrofe umanitaria in un'area già fuori controllo. Insomma, siamo alla guerra di tutti contro tutti.

In questi giorni molti giornali trattano dell'espansione cinese in Africa. Durante l'ultimo forum di cooperazione Africa-Cina, Pechino ha offerto 60 miliardi di finanziamenti - anche per lo sviluppo della nuova Via della seta - ad una cinquantina di capi di stato africani. La cifra è irrisoria rispetto alle esigenze del Capitale di valorizzare le migliaia di miliardi che sono attualmente congelati, ma al tempo stesso essa dimostra che Pechino si sta comprando pezzi di pianeta, garantendosi lo sfruttamento delle risorse e soprattutto delle terre coltivabili. Il "land grabbing", ovvero l'accaparramento della terra altrui, ha pesanti effetti sugli instabili equilibri del pianeta, su popolazioni già ridotte alla fame.

Articoli correlati (da tag)

  • Situazioni senza precedenti

    La teleriunione di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo la ripresa dei contagi in Cina.

    La linea "zero Covid", ribadita all'ultimo congresso del PCC tenutosi ad ottobre, pare essere stata cancellata a favore di un più o meno esplicito "liberi tutti". Il presidente Xi Jinping, nel suo discorso introduttivo, aveva confermato gli sforzi del partito per la guerra popolare contro la Covid, ma le proteste scoppiate nel giro di poco tempo in tutto il paese, a partire dalla fabbrica della Foxconn a Shenzhen (un polo industriale dove sono concentrati circa 200mila operai) le cui immagini hanno fatto il giro del mondo, hanno portato ad una retromarcia. Di fronte alla crisi il governo cinese ha infatti deciso di ridurre le restrizioni e i controlli, favorendo però l'impennata dei casi e delle ospedalizzazioni, in particolare a Pechino, metropoli con oltre 20 milioni di abitanti: secondo alcune stime, la metà dei cittadini della capitale risulta positiva al virus. Varie simulazioni dimostrano che la nuova ondata di contagi potrebbe portare nei prossimi mesi a oltre un milione e mezzo di morti ("Our model shows that China's covid death toll could be massive", The Economist, 15.12.22). Il Dipartimento di Stato USA osserva con apprensione la situazione cinese, temendo una possibile catastrofe sanitaria e sociale. "Il numero di vittime del virus è motivo di preoccupazione per il resto del mondo, considerati le dimensioni del Pil della Cina e quelle della sua economia. Avere una situazione di maggiore forza rispetto al Covid non è solo una cosa positiva per la Cina ma anche per il resto del mondo", ha sottolineato Ned Price, portavoce del Dipartimento. La nuova gestione della pandemia colpisce nell'immediato la Cina, ma date le dimensioni del paese, se la situazione dovesse sfuggire di mano, le conseguenze sarebbero senza dubbio globali: il pianeta è piccolo, come diceva la nostra corrente. Dietro l'allentamento così repentino delle misure antivirus in Cina, c'è la paura di rivolte ma anche l'insostenibilità a livello economico dei continui lockdown; si sarebbero dunque messi in conto un paio di milioni di morti per salvare l'economia. D'altronde, il Capitale fa ballare tutti alla sua musica, compresa la Cina cosiddetta comunista.

  • Il piede sull'acceleratore

    La teleriunione di martedì 8 novembre, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo la situazione politica e sociale negli USA.

    Con le elezioni di midterm si rinnovano le due Camere del Congresso, il Senato e la Camera dei Rappresentanti. Si rinnovano quindi i 435 deputati e 35 dei 100 senatori, oltre a 36 governatori su 51. Diversi analisti politici descrivono una condizione di caos montante a causa della polarizzazione della società americana. La corrente a cui facciamo riferimento, nell'articolo "Raddrizzare la gambe ai cani" del 1952, diceva che il mondo borghese "cadrà in crisi se vi cade il formidabile sistema capitalistico con centro a Washington, che controlla i cinque sesti dell'economia matura al socialismo, e dei territori ove vi è proletariato salariato puro. La rivoluzione non potrà passare che da una lotta civile nell'interno degli Stati Uniti, che una vittoria nella guerra mondiale prorogherebbe di un tempo misurabile a mezzi secoli."

    Dopo la Seconda guerra mondiale, nel piccolo raggruppamento di internazionalisti con base in Italia esistevano pruriti attivistici e alcuni pensavano di riproporre, tale e quale, la dinamica vista dopo il primo conflitto mondiale con la formazione del PCd'I. Bordiga sosteneva che alla data del 1920-1921 la Russia e l'Internazionale avevano dato tutto quello che potevano dare, e che quindi già all'epoca la situazione in Occidente era tutto fuorché rivoluzionaria; era perciò impossibile che nel secondo dopoguerra si ripresentasse qualcosa di simile agli anni '20, anche perché, nel frattempo, sistemi capitalistici come quello americano avevano impiantato basi militari ovunque (in primis in Italia e Germania), rinsaldando il loro dominio sul globo terracqueo. La rivoluzione, si diceva, era possibile solo quando sarebbe collassato quel sistema di potere, era quindi prioritario per i comunisti un "laborioso bilancio del disastro controrivoluzionario da esaminare, intendere ed utilizzare ad un totale riordinamento".

  • L'impotenza della vecchia forma

    Abbiamo cominciato la teleriunione di martedì primo novembre, presenti 18 compagni, parlando di quanto sta accadendo in Brasile dopo l'esito del ballottaggio che ha portato alla vittoria di Ignacio Lula da Silva.

    Immediatamente dopo i risultati elettorali, i sostenitori dell'uscente presidente Jair Bolsonaro si sono mobilitati, organizzando blocchi stradali e sit-in fuori dalle caserme. Bolsonaro non ha riconosciuto ufficialmente la vittoria di Lula, ma ha autorizzato la transizione. Secondo l'Economist, la recente campagna elettorale è stata la più incattivita della storia del paese, fatta di toni esagerati (Lula è stato accusato di essere un comunista satanico e Bolsonaro un pedofilo cannibale) e punteggiata da episodi di violenza tra gli opposti schieramenti. Il giorno del ballottaggio alcuni poliziotti hanno istituito posti di blocco negli stati che sostengono Lula, creando difficoltà a chi si recava alle urne. Il giorno dopo, i camionisti che sostengono Bolsonaro hanno bloccato le strade in undici stati, e diverse testate giornalistiche hanno parlato della possibilità di un intervento dell'esercito per riportare l'ordine.

    Un paio di anni fa avevamo intitolato un nostro resoconto "Polarizzazione globale" prendendo spunto dall'articolo di Moisés Naím "Negli Stati Uniti ha vinto la polarizzazione"; il giornalista venezuelano sosteneva che ormai le campagne elettorali, invece di ridurre i fenomeni di divisione sociale, li ingigantiscono. La situazione brasiliana sembra un segnale, sia per i toni che per la polarizzazione degli schieramenti politici, di quanto potrebbe accadere a breve negli USA. Le forze politiche una volta antisistema, minoritarie, tenute ai margini, ora si sono fatte sistema. Il riferimento immediato è agli USA di Donald Trump, ma anche ad alcuni paesi europei. Non passa giorno che non escano articoli allarmati sulle elezioni di midterm americane, e sul rischio che rappresentano per la tenuta sociale.

Rivista n°52, dicembre 2022

copertina n°52

Editoriale: Niente di nuovo sul fronte orientale

Articoli: La malattia non esiste, parte prima - Un sistema che ingegnerizza sé stesso? - La riduzione dell'orario di lavoro non è più un tabù

Rassegna: L'ennesima conferenza sul clima - Polarizzazione crescente - Pericolose tempeste"

Recensione: Gaia, le macchine autoreplicanti e l'intelligenza collettiva

Doppia direzione: Più "avanzato" lenin o Bogdanov? - Cooperazione e sostegno

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email