Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  28 luglio 2020

Fronte interno

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 16 compagni, abbiamo parlato delle manifestazioni in corso negli Stati Uniti.

Dopo Washington, Seattle, Atlanta e New York, oggi è Portland il cuore delle mobilitazioni, giunte alla 59esima giornata consecutiva. In città la tensione è cresciuta in seguito all'arrivo di squadre di agenti federali, sotto il controllo diretto del governo nazionale, che stanno reprimendo le proteste e fermando i manifestanti con modalità, secondo molti osservatori, al limite della legalità.

Nell'articolo "Teoria e prassi della nuova politiguerra americana" avevamo scritto del processo di militarizzazione della polizia teso a contenere le rivolte nel "ventre della balena". Il moto storico vede l'esercito americano svolgere sempre più un ruolo di gendarme mondiale, mentre la polizia interna assume caratteristiche militari ed individua come nemico la popolazione. I contractor, agenti pagati da società private, vengono utilizzati in scenari di guerra come l'Iraq o l'Afghanistan, ma ormai anche nelle metropoli occidentali. Il fronte interno della collaborazione di classe diventa sempre più problematico per la borghesia americana, e non solo.

Recentemente a Portland sono scesi in strada i veterani, che hanno organizzato una sorta di muro umano in difesa dei manifestanti dalla violenza della polizia. Siamo alla dialettica corazza/proiettile descritta da Engels, dove alla violenza dello Stato fa seguito la radicalizzazione dei suoi avversari. Negli Usa circolano decine di milioni di armi e con lo scoppio della pandemia le vendite nel settore hanno registrato un'impennata: la popolazione statunitense si riempie di pistole, fucili e munizioni, che prima o poi saranno usate, specie con la crescita del malessere sociale. Quanto accade negli States è particolarmente importante, trattandosi del paese che svolge il ruolo di poliziotto globale. Qualsiasi cosa avvenga lì, non può che avere effetti globali.

Da qualche anno a questa parte le manifestazioni mostrano la tendenza a perdurare: quando scoppiano, non si spengono facilmente. Lo abbiamo visto ad Hong Kong, in Francia, Cile, Libano, Iraq, Iran, e ultimamente anche in Bulgaria e Israele. Come abbiamo notato più volte durante le teleconferenze, il marasma sociale in corso si espande, sincronizzandosi e generalizzandosi.

Tenere una piazza per due mesi, come nel caso di Portland, vuol dire avere strutture di coordinamento per l'organizzazione dei presidi, per i compiti di difesa, per il soccorso dei feriti, ecc. Rispetto a qualche lustro fa, quando le manifestazioni erano prevalentemente a carattere sindacale e rivendicativo e iniziavano al mattino per terminare alla sera, la situazione è completamente cambiata. Negli Stati Uniti, così come in Cile o in Iraq, ci sono milioni di persone che non hanno nulla da perdere, la situazione economica è disastrosa e negli ultimi mesi si è aggravata a causa della pandemia, il sistema in generale perde sempre più energia. La tendenza delle rivolte a protrarsi nel tempo è dovuta al fatto che la società sta liberando sempre più persone dalla produzione, spingendole a scendere in piazza.

La governatrice dell'Oregon ha denunciato l'occupazione di Portland da parte della polizia federale, accusata anche di aver compiuto arresti arbitrari. Ciò ricorda quanto successo in Cile qualche mese fa, dove per le strade giravano furgoni anonimi che rapivano i manifestanti i quali, in alcuni casi, venivano torturati. Sono situazioni dovute ad una guerra civile generalizzata, endemica, che riguarda la società nel suo insieme. In Iraq, la polizia ha sgomberato le tende di piazza Tahrir scontrandosi violentemente con i manifestanti: ci sono stati due morti e centinaia di feriti e arrestati. In Italia, una vertenza sindacale alla Fedex-TNT di San Giuliano Milanese si è trasformata in un campo di battaglia e contro i lavoratori che picchettavano i magazzini è stata schierata una polizia privata dotata di taser, le pistole che scaricano scosse elettriche.

Il 2011 ha segnato un passaggio di livello e, dopo le manifestazioni dell'ottobre di quell'anno (nostro volantino "Mille città"), si è avuto il blocco dei porti della West Coast, nel maggio 2012, e il picchettaggio autorganizzato dei luoghi di lavoro ("99 Pickets Line"). Gli americani hanno portato modelli evoluti di organizzazione: a Zuccotti Park gli occupier raccoglievano tramite crowdfunding i fondi necessari per mantenere la struttura, per l'autosostentamento della community, per la gestione di reti Mesh, ecc.

Negli Stati Uniti sono in molti ad interessarsi al tema del survivalism e del do it yourself, preparandosi ad affrontare eventuali emergenze, comprese possibili interruzioni o profondi mutamenti dell'ordine sociale o politico, su una scala che va dal locale al globale. Questo aspetto ha avuto una certa influenza nelle modalità di azione della piazza, anche dal punto di vista della "attrezzatura base" dei manifestanti: zaino in spalla, scarpe da trekking, maschere antigas, liquido anti-spray, kit di pronto soccorso, e tutto quello che può servire per partecipare a mobilitazioni persistenti ed estremamente mobili, capaci di mettere in difficoltà la polizia che si trova a gestire faticosamente decine o centinaia di migliaia di persone che non hanno alcuna rivendicazione, non vogliono un tavolo delle trattative e rifiutano qualsiasi dialogo. Quando la polizia viene armata come un esercito qualcosa stride, perché mentre l'esercito ha una sua struttura logistica, la polizia non è preparata alla guerra interna. In Francia, con i gilet jaunes abbiamo visto le tattiche di contenimento messe in atto dalla polizia scontrarsi con le strutture leggere adottate dai manifestanti. C'è da ricordare che un apparato poliziesco armato ed agguerrito costa caro allo stato, e che le spese per i contractor e le varie polizie pesano sulle casse di un sistema già malandato. Lo stato moderno ha un numero elevato di poliziotti, spioni e agenti segreti, sicuramente spropositato rispetto ai risultati ottenuti con le recenti manifestazioni, che nessuno è riuscito a fermare. Quello che al massimo possono fare è tentare di incanalare la rabbia sociale, dandole uno sbocco democratico-parlamentare, così come ha fatto la borghesia italiana inventando movimenti interclassisti come quello delle sardine.

La prima grande rivoluzione, nel passaggio dalle società comunistiche a quelle classiste e proprietarie, è un'immagine speculare della transizione futura; anche allora, ci furono grandi rivolte, scambiate per guerre, che sconvolsero l'ordine esistente. Le mobilitazioni attuali rappresentano l'eclissi di un modo di produzione, in cui le popolazioni si ribellano contro un assetto sociale inefficiente, contro un involucro che non corrisponde più al contenuto. Questa caratteristica è un invariante di tutte le grandi epoche di transizione, dall'Ottobre del 1917 alla Rivoluzione Francese. Il passaggio da un modo di produzione all'altro non può certo essere tranquillo, graduale, pacifico: la chiusura del ciclo delle società di classe ha un carattere storico universale, perciò la prossima rivoluzione produrrà uno sconvolgimento di dimensioni epocali.

La nostra corrente ha previsto che l'imperialismo si sarebbe configurato come una società impossibilitata a garantire l'aumento differenziale dei redditi. I redditi dei proletari non solo aumentano meno di quello dei capitalisti, ma hanno cominciato a diminuire, con l'impoverimento assoluto di gran parte della popolazione. La borghesia non ha più i mezzi materiali per comprarsi il proletariato, le famose briciole che cadevano dal banchetto imperialista. I margini di manovra si assottigliano, il capitale si è autonomizzato e non segue le volontà dei capitalisti e degli stati. Questa è una situazione irreversibile che nessuno potrà cambiare.

Nel filo del tempo "Precisazioni su Marxismo e miseria e Offensive padronali" (1949) si descrive la traiettoria storica del capitalismo, che ha una "fase ascendente, di espansione, di prosperità", poi raggiunge un punto di flesso, e quindi inizia una "fase discendente, di contrazione, di crisi alternata" in cui cresce il numero dei proletari ma diminuisce quello degli occupati, e si allarga a dismisura l'esercito dei senza riserva. Si tratta di un fenomeno, quello della miseria crescente, strettamente legato al processo di accumulazione capitalistico, che vede restringersi la classe borghese e dilatarsi quella proletaria:

"Più accumulazione, minor numero di borghesi. Più accumulazione, maggior numero di operai, ancor maggior numero di proletari semioccupati e disoccupati, e di peso morto di sovrappopolazione senza risorse. Più accumulazione, più ricchezza borghese, più miseria proletaria."

Lo slogan 1/99%, lanciato da Occupy Wall Street nel 2011, riassume bene la polarizzazione economica in atto, la quale porterà deterministicamente ad una di tipo politico e ad uno scontro totale tra modi di produzione. Dal Manifesto del '48 sappiamo che ai proletari non viene fatta un'ingiustizia particolare e non gli sono negati particolari diritti; su di essi ricade l'ingiustizia universale, perciò il proletariato non può far altro che "spezzare le catene", liberare cioè la forma nuova dai legami che non la lasciano sorgere.

Noi ricaviamo la teoria della rivoluzione dal fatto che il capitalismo va inevitabilmente in crisi, generando il proprio becchino. Il partito che anticipa il futuro, quello comunista, si pone non in difesa della società esistente e delle sue categorie, ma in difesa del divenire di specie. Se esiste una "freccia del tempo", ed esiste, allora occorre vederla agire anche quando si parla di rivoluzione, fenomeno che si manifesta proprio quando la dissipazione sociale si oppone all'ulteriore sviluppo della forza produttiva sociale. Bisogna aggiungere che in natura esistono forme di auto-organizzazione in grado di rovesciare localmente le tendenze dissipative. Gli esseri viventi, ad esempio, possono inserire fattori di ordine nel loro ambiente, rovesciando la tendenza naturale all'entropia.

Articoli correlati (da tag)

  • Accelerazioni storiche

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie di carattere finanziario.

    Apple "vale" in Borsa circa 2mila miliardi di dollari, quanto il PIL italiano. Insieme a Facebook, Amazon, Microsoft e Google, è giunta a totalizzare il 20% del valore dell'intero indice Standard & Poor's 500, stabilendo un record assoluto. Le cosiddette Big Five valgono ormai oltre 5 mila miliardi di dollari, più dei PIL di Italia e Francia messi insieme. A differenza delle acciaierie del XVIII e XIX secolo, dove migliaia e migliaia di operai lavoravano gomito a gomito, le aziende moderne, e soprattutto quelle che hanno saputo cavalcare la trasformazione digitale dell'economia, hanno pochi dipendenti e fanno profitti muovendo merci virtuali e smaterializzate. Queste corporation hi-tech sono diventate dei centri di attrazione per il capitale fittizio, anonimo e internazionale, accrescendo la loro potenza e arrivando ad influenzare le scelte dei governi. Alcuni economisti lanciano l'allarme evidenziando la pericolosa contraddizione tra la frenetica attività della finanza e l'asfittica situazione in cui versa l'industria ("Parmalat, tentata fuga dalla legge del valore").

    Gli stati non hanno alcuna possibilità di invertire la tendenza alla centralizzazione: il capitale domina sulla politica e sui governi, e non viceversa. A fare la differenza è il volume di denaro messo in campo dalle mega-aziende. Negli Usa l'insider trading, ovvero lo sfruttamento di informazioni non di dominio pubblico la cui divulgazione provoca effetti nelle quotazioni di titoli, è punito per legge. Il visionario imprenditore Elon Musk, a capo di un impero economico, è famoso per provocare con i suoi tweet confusione in borsa, in barba alle regole. Le cifre in ballo sono talmente alte che qualsiasi multa della SEC (Securities and Exchange Commission) non preoccupa più di tanto questi colossi aziendali, che continuano a fare il bello e il brutto tempo.

  • Difendere la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 20 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie apparse su giornali e quotidiani in tema di riduzione di orario di lavoro.

    In Germania l'IG Metal, il potente sindacato dei metalmeccanici, e i socialdemocratici dell'SPD hanno proposto di ridurre la settimana lavorativa a quattro giorni. Il sindacato tedesco, basato sulla Mitbestimmung (cogestione), non è certo un'organizzazione rivoluzionaria, ma è spinto dai fatti materiali, la crisi scatenata dal Coronavirus da una parte e quella dell'industria automobilistica dall'altra, ad adottare determinate soluzioni. Recentemente anche la premier finlandese Sanna Marin ha chiesto di portare la giornata lavorativa da 8 a 6 ore a parità di salario, motivando la proposta con la necessità di combattere la disoccupazione, soprattutto quella provocata dalla pandemia, e migliorare al tempo stesso produttività e qualità del lavoro.

    Secondo la la nostra corrente, più una società libera forza-lavoro, più è moderna e matura per un cambiamento di paradigma. Storicamente, alla riduzione della giornata lavorativa il movimento operaio non adulterato ne affiancava un'altra assolutamente complementare, quella del salario ai disoccupati.

  • Bisogno di comunità umana

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono collegati 17 compagni, è iniziata dalla segnalazione di un'intervista dell'ottobre 2010 a Cesare Romiti (riproposta da Repubblica), in cui il dirigente d'azienda, recentemente scomparso, rivendicava di aver normalizzato con la sua azione nel corso del 1980 (vedi marcia dei quarantamila) i sindacati, minacciati dall'infiltrazione di frange estremistiche. L'esito di quel braccio di ferro, che durò 35 giorni, fu la ritrovata "governabilità delle fabbriche", che alla fine piacque anche ai bonzi sindacali.

    Il patto corporativo tra capitale e lavoro, che affonda le radici nel Ventennio, è rimasto in piedi fino ai giorni nostri. Il fascismo, dice la nostra corrente, ha perso militarmente la guerra, ma l'ha vinta sul piano politico ed economico. Questo tentativo di auto-regolazione del capitalismo è riuscito a rimandare di decenni lo scoppio della rivoluzione, ma ormai ha fatto il suo tempo, e oltre ci può essere solo il passaggio ad un'altra forma sociale. Anche perché non torneranno più le fabbriche con migliaia di lavoratori inquadrati in sindacati ramificati nella società, non torneranno gli indici di crescita del capitalismo del dopoguerra, non torneranno i partiti stalinisti di massa.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email