Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  10 marzo 2020

Contagio

La teleconferenza di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata commentando le nuove disposizioni del governo italiano in merito al contenimento della diffusione del Coronavirus.

Nonostante l'OMS inviti alla responsabilità e al coordinamento internazionale (perché il virus non si ferma certo alle frontiere), gli Stati prendono provvedimenti contraddittori e senza alcuna forma di collaborazione. L'Italia è passata da un iniziale allarmismo ad una generale minimizzazione del fenomeno, fino a mettere in quarantena tutta la popolazione. Germania, Francia, Inghilterra e Spagna, dove i casi sono già migliaia, si muovono in ordine sparso. Paolo Giordano nell'articolo "La linea temporale che è stata trascurata" (Corriere della Sera, 9.3.20) fa notare che "il contagio, una volta iniziato in un'area, procede in maniera simile a quanto è avvenuto o avverrà altrove".

I paesi europei hanno sviluppato sistemi sanitari nazionali che funzionano, ma se guardiamo agli Stati Uniti lo scenario cambia completamente: lì, dal punto di vista della protezione medica, la struttura è carente e in mano ai privati. New Rochelle, una cittadina alle porte di New York considerata area rossa, è stata completamente isolata e da giovedì i soldati della guardia nazionale aiuteranno nei soccorsi e nella gestione dell'emergenza lungo un'area di otto chilometri quadrati.

Se non verranno presi provvedimenti coordinati tra nazioni, la situazione sanitaria e sociale rischierà di esplodere. Il mondo è suddiviso "male" dal punto di vista della distribuzione demografica: ci sono città con 30 milioni di abitanti e aree completamente desertiche. Le metropoli hanno intrinsecamente un problema logistico, anche senza la presenza di virus letali. Ed è ovvio che i detenuti non si sentano tranquilli a stare dietro le sbarre mentre imperversa una malattia infettiva, il carcere è il classico anello debole della catena, quello che salta per primo. In Cina hanno messo ai domiciliari decine di milioni di persone, sacrificando i malati più gravi e bloccando intere aree del paese. Qualcosa di simile sta succedendo in Italia: se nei centri di terapia intensiva non ci saranno posti disponibili, avranno la precedenza i pazienti con maggiori possibilità di salvarsi, lasciando gli altri al loro destino. Il sistema messo in piedi dalla protezione civile e dal ministero della Sanità prevede anche la progressiva trasformazione degli ospedali in centri specializzati dedicati ai contagiati, con il trasferimento dei malati non infetti in sedi diverse.

Il contagio da Covid-19 si presenta in molti casi senza sintomi e per alcuni giorni non dà segnali della sua presenza al portatore; l'unico modo per contrastarlo è separare le persone. La Cina in poche settimane è passata da una percentuale altissima di diffusione ad un netto miglioramento sul fronte dei contagi grazie alla suddivisione del territorio in griglie e alla limitazione della mobilità anche all'interno di ogni singola zona (in alcune località era permesso a un solo individuo per famiglia di uscire per fare la spesa ogni tre giorni), arrivando a controllare un miliardo di cellulari per mappare i movimenti dei cittadini.

L'accumulo dei problemi (situazione economica, concorrenza tra paesi, crollo della produzione industriale, ecc.) ha trovato nella diffusione dell'epidemia una soluzione di tipo discontinuo. La realtà marcia con i suoi ritmi e gli uomini sono costretti a rincorrerla, specie quando questa accelera. Le borghesie devono fare qualcosa, non possono permettersi di far collassare interi paesi e quindi dovranno mettere in moto meccanismi automatici di salvaguardia. Una volta raggiunti certi risultati non si tornerà indietro e gli esiti politici e sociali prenderanno il sopravvento su chi li ha generati. Il mondo non sarà più come prima, affermano molti osservatori politici, ed è chiaro che certe misure di controllo sociale continueranno a lungo e probabilmente diventeranno permanenti.

Già prima della diffusione del virus si cominciava a prospettare una recessione globale sull'onda della bassa crescita della Cina e della Germania, a cui si aggiungeva la Brexit, la comatosa situazione economica del Giappone ed in generale la pericolosissima (per il capitalismo) sincronizzazione verso lo zero delle maggiori economie mondiali. L'aspetto sanitario si intreccia dunque con quello economico, finanziario e sociale. La soluzione a questa lunga crisi non può certo arrivare da un capitalismo morente e senza energia, ma dal futuro, da n+1. Per noi il comunismo è il "movimento reale che abolisce lo stato di cose presente", ed è impossibile che non si manifesti anche in aspetti che la borghesia ritiene interni al suo sistema: "D'altra parte, se noi non potessimo già scorgere nascoste in questa società - così com'è - le condizioni materiali di produzione e di relazioni fra gli uomini, corrispondenti ad una società senza classi, ogni sforzo per farla saltare sarebbe donchisciottesco." (Marx, Grundrisse)

Durante la Seconda guerra mondiale, la borghesia mise piedi un immenso sistema organizzativo per la produzione di armi. Essa, quindi, sa come organizzare la produzione (taylorismo e organizzazione scientifica del lavoro), sa come ottenere un risultato nel migliore dei modi possibili, e se tentenna è perché non riesce a dare una risposta univoca ed unitaria, essendo suddivisa per nazionalità. L'OMS si prepara da decenni a scenari di pandemia, sa come comportarsi ed ogni giorno compila un report dettagliato sulla situazione paese per paese in cui suggerisce ai vari ministeri della salute le misure da adottare. Ha una visione lucida su come intervenire, ma non ha poteri esecutivi per farlo.

E' fondamentale lo studio dell'origine dei virus, i quali non sono organismi viventi ma possono riprodursi solo sfruttandone altri. Analizzare il virus significa osservare la nascita della vita: dal brodo primordiale originario si sono combinate molecole che si sono auto-replicate e sono riuscite a svilupparsi e ad evolvere. Come osserva David Quammen (l'autore del libro Spillover. L'evoluzione delle pandemie) in un'intervista all'Huffington Post, "quella che gli altri vedono come una vendetta della natura, io la descriverei in questo modo: gli ecosistemi complessi ospitano animali, piante, funghi, batteri e altri organismi cellulari; e tutti questi organismi cellulari ospitano dei virus. Se decidiamo di comprometterli lo facciamo a nostro rischio e pericolo." L'uomo capitalistico ha una prassi predatoria nei confronti dell'habitat terrestre, non dovrebbe meravigliarsi quando l'ambiente lo "attacca" scatenando pandemie.

Esiste poi il grandissimo problema dell'isolamento: questa è la società del movimento, in cui gli uomini si muovono dietro le macchine, verso i mezzi di produzione, ed è praticamente impossibile che i virus non li seguano. L'attuale rallentamento del traffico di merci è micidiale per l'economia, ma senza "distanziamento sociale" il contagio non si può fermare. Anche le borse soffrono: in Europa, nella sola seduta di lunedì 9 marzo, sono stati bruciati 600 miliardi di euro. L'autonomizzazione del Capitale procede spedita ed in pochi giorni è andata in fumo una grande quantità di capitale fittizio che aspettava una (impossibile) futura valorizzazione.

In seguito alla diffusione dell'epidemia da Coronavirus, in Italia ci sono stati i primi scioperi nelle fabbriche e nei magazzini della logistica. Alla FCA di Pomigliano i lavoratori hanno spontaneamente incrociato le braccia. I confederali stanno iniziando a cambiare posizione rispetto a quanto dicevano una decina di giorni fa (vedi comunicato delle "parti sociali"), e a porre il problema della salute degli operai nei luoghi di lavoro.

In chiusura di teleconferenza, abbiamo parlato di quanto accade in Cile in questi ultimi tempi. A Santiago, da mesi, centinaia di migliaia di persone scendono in piazza ininterrottamente. I negozi e le banche sono chiusi o hanno messo in pratica sistemi di protezione armata, la vita commerciale del paese è quasi ferma. "Vivere così non si può" è uno degli slogan che compare sui muri delle città. La repressione, ferocissima, ha prodotto più di 30mila arresti e circa 30 morti, eppure le manifestazioni non accennano a diminuire. Nonostante la violenza della polizia, il clima è piuttosto gioioso: ad una situazione di invivibilità totale con il 60% della popolazione in una situazione di insolvenza, si risponde incontrandosi ogni giorno nelle strade e nelle piazze.

La crisi è sistemica e non può che produrre effetti sistemici. C'è sempre meno spazio per l'ideologia, le parate sindacal-rivendicative e i comizi dei bonzi; le masse cilene come quelle colombiane si stanno ribellando alla "vita senza senso". Il Libano è tecnicamente fallito e il primo ministro ha ammesso davanti alle telecamere che il paese non riesce più a pagare i debiti. E' una situazione economica disastrosa che ha provocato manifestazioni e scontri con la polizia a Beirut e Tripoli. Anche in Iraq continuano gli scontri e i morti: dall'inizio della protesta si contano centinaia di manifestanti uccisi dalla polizia e dagli squadroni della morte.

Come scriveva Roberto Vacca nel celebre saggio Il medioevo prossimo venturo, siamo alla degradazione dei grandi sistemi. Detto in altri termini: la società capitalistica sta collassando a causa dei suoi difetti intrinseci. La diffusione di malattie, le rivolte in carcere, il collasso della sanità pubblica, gli assalti ai supermercati, la fuga dalle metropoli che vengono viste come trappole in caso di calamità, sono anticipazioni di scenari di tipo catastrofico. Il film Contagion di Steven Soderbergh (2011) è diventato virale sul Web in questi ultimi giorni. La pellicola parla di una tremenda epidemia scoppiata in Cina a causa di un virus, nato dall'incrocio nefasto tra un pipistrello e un maiale, che si diffonde velocemente a livello globale provocando caos sociale e milioni di vittime. Un determinismo spinto porta l'industria cinematografica a sfornare film di questo tipo. Evidentemente, si fa strada la percezione di un mondo che, se fino a ieri era considerato sicuro, oggi appare fonte di incertezza profonda.

Articoli correlati (da tag)

  • Cambio di paradigma

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 18 compagni, è iniziata dal tema della caduta generale del Prodotto Interno Lordo.

    L'agenzia di rating Fitch stima per il 2020 un calo del PIL mondiale intorno al 4,4%, mentre per l'Italia è previsto addirittura un -10%, anche a causa di una forte contrazione dei consumi. Un capitalismo che non cresce è, evidentemente, un capitalismo morto; attualmente non ci troviamo semplicemente di fronte alla non crescita (riproduzione semplice), bensì ad una decrescita. Riprendendo i punti del "Programma rivoluzionario immediato" (riunione di Forlì, 1952), possiamo constatare che, complice il Coronavirus, la società sta arrivando a realizzare il punto "a", quello che affronta il disinvestimento dei capitali. La pandemia ha provocato accelerazioni storiche anche dal punto di vista dell'impiego della forza lavoro, per esempio con il diffondersi dello smart working e dell'home working, ma anche con l'eliminazione di traffico inutile, tutti elementi che le aziende vedono di buon occhio dato che vengono messi nella voce "risparmio". I paesi capitalistici sono costretti ad accettare misure che si muovono su una terra di confine tra passato e futuro, in primis il reddito di cittadinanza erogato senza ottenere nulla in cambio.

  • Accelerazioni storiche

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie di carattere finanziario.

    Apple "vale" in Borsa circa 2mila miliardi di dollari, quanto il PIL italiano. Insieme a Facebook, Amazon, Microsoft e Google, è giunta a totalizzare il 20% del valore dell'intero indice Standard & Poor's 500, stabilendo un record assoluto. Le cosiddette Big Five valgono ormai oltre 5 mila miliardi di dollari, più dei PIL di Italia e Francia messi insieme. A differenza delle acciaierie del XVIII e XIX secolo, dove migliaia e migliaia di operai lavoravano gomito a gomito, le aziende moderne, e soprattutto quelle che hanno saputo cavalcare la trasformazione digitale dell'economia, hanno pochi dipendenti e fanno profitti muovendo merci virtuali e smaterializzate. Queste corporation hi-tech sono diventate dei centri di attrazione per il capitale fittizio, anonimo e internazionale, accrescendo la loro potenza e arrivando ad influenzare le scelte dei governi. Alcuni economisti lanciano l'allarme evidenziando la pericolosa contraddizione tra la frenetica attività della finanza e l'asfittica situazione in cui versa l'industria ("Parmalat, tentata fuga dalla legge del valore").

    Gli stati non hanno alcuna possibilità di invertire la tendenza alla centralizzazione: il capitale domina sulla politica e sui governi, e non viceversa. A fare la differenza è il volume di denaro messo in campo dalle mega-aziende. Negli Usa l'insider trading, ovvero lo sfruttamento di informazioni non di dominio pubblico la cui divulgazione provoca effetti nelle quotazioni di titoli, è punito per legge. Il visionario imprenditore Elon Musk, a capo di un impero economico, è famoso per provocare con i suoi tweet confusione in borsa, in barba alle regole. Le cifre in ballo sono talmente alte che qualsiasi multa della SEC (Securities and Exchange Commission) non preoccupa più di tanto questi colossi aziendali, che continuano a fare il bello e il brutto tempo.

  • Difendere la linea del futuro

    La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 20 compagni, è iniziata con il commento di alcune notizie apparse su giornali e quotidiani in tema di riduzione di orario di lavoro.

    In Germania l'IG Metal, il potente sindacato dei metalmeccanici, e i socialdemocratici dell'SPD hanno proposto di ridurre la settimana lavorativa a quattro giorni. Il sindacato tedesco, basato sulla Mitbestimmung (cogestione), non è certo un'organizzazione rivoluzionaria, ma è spinto dai fatti materiali, la crisi scatenata dal Coronavirus da una parte e quella dell'industria automobilistica dall'altra, ad adottare determinate soluzioni. Recentemente anche la premier finlandese Sanna Marin ha chiesto di portare la giornata lavorativa da 8 a 6 ore a parità di salario, motivando la proposta con la necessità di combattere la disoccupazione, soprattutto quella provocata dalla pandemia, e migliorare al tempo stesso produttività e qualità del lavoro.

    Secondo la la nostra corrente, più una società libera forza-lavoro, più è moderna e matura per un cambiamento di paradigma. Storicamente, alla riduzione della giornata lavorativa il movimento operaio non adulterato ne affiancava un'altra assolutamente complementare, quella del salario ai disoccupati.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email