Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  22 settembre 2020

Il problema del controllo

La teleconferenza di martedì sera, presenti 20 compagni, è iniziata con alcuni brevi commenti riguardo l'esito del referendum in materia di riduzione del numero dei parlamentari, tenutosi in Italia il 20 e il 21 settembre.

La vittoria del Sì, ossia della parte di elettori favorevole al "taglio" di deputati e senatori, è spiegata dalla sfiducia generale verso le istituzioni, accusate di sperperare i soldi pubblici. Ma non è certo eliminando qualche centinaio di parlamentari che si cambiano le cose. Lo sciupìo capitalistico è immenso e riguarda i meccanismi profondi del processo di accumulazione ("Capitale e teoria dello sciupio"); gli automatismi del mercato, il fatto che robot e software facciano funzionare le borse, dimostrano quanto il capitale sia autonomizzato e quanto proceda per conto proprio, anche se a livello nazionale permangono i parlamentari e, ogni tanto, il rito di infilare una scheda nell'urna.

Nell'articolo "Il cadavere ancora cammina" (1952) la nostra corrente afferma che il parlamento a noi non serve, ma nemmeno alla borghesia: tale istituto è un mulino a chiacchiere utile solo a perpetuare la mistificazione democratica. Marx ed Engels avevano già osservato che i parlamentari erano "infettati dall'incurabile malattia del cretinismo parlamentare, infermità che riempie le sue sfortunate vittime della convinzione solenne che tutto il mondo, la sua storia e il suo avvenire, siano retti e determinati dalla maggioranza dei voti di quel particolare consesso rappresentativo" (Rivoluzione e controrivoluzione in Germania, 1852). Lenin aggiunse un'ulteriore osservazione: "La potenza del Capitale è tutto, mentre il parlamento, le elezioni, sono un gioco di marionette, di pupazzi", attribuendo il cretinismo non solo agli eletti ma anche agli elettori che si fanno imbonire (Sullo Stato, 1919). Il cretinismo parlamentare è uscito dai palazzi delle istituzioni e ha contagiato anche quelli che a parole rifiutano questa società ma ne riproducono nella pratica tutte le categorie politiche e ideologiche, arrivando, come nel caso di quest'ultimo referendum, a difendere la Costituzione borghese.

Il parlamento è un teatrino e i parlamentari i suoi burattini, ciò che conta è invece quella macchina composta da una moltitudine di funzionari statali che fa andare avanti la cosa pubblica, al di là della maggioranza che in quel momento siede sugli scanni. Il Belgio è un paese senza governo da oltre 600 giorni, eppure le scuole e le fabbriche funzionano, e le merci circolano. Dal punto di vista dell'inutilità della democrazia parlamentare gli Stati Uniti hanno fatto scuola al mondo: lì il potere delle lobby è denominato la terza Camera.

Da tempo il parlamento non è un luogo dove fare lotta rivoluzionaria, e la sua inutilità storica è stata registrata teoricamente persino dalla borghesia. Già nel secolo scorso le correnti più avanzate al suo interno ne hanno mostrato l'inefficienza: da Thorstein Veblen al movimento tecnocratico fino ad Adriano Olivetti, in molti hanno sostenuto la necessità di superare la democrazia dei partiti per iniziare a trattare le questioni sociali scientificamente, tramite dei tecnici (i competenti), destinati ad occuparsi di temi "reali" quali il fabbisogno energetico, la logistica industriale, l'approvvigionamento dei prodotti alle metropoli, la circolazione dei semilavorati. Lo stesso Frederick Winslow Taylor, che iniziò il suo studio al fine di ottenere la massima efficienza nella produzione industriale, si rese conto che l'organizzazione scientifica del lavoro era applicabile anche alla pubblica amministrazione e, in generale, a tutte le attività lavorative associate. Di qui la nascita di quella corrente di idee che si definì taylorismo sociale e che abbiamo avuto modo di affrontare nell'articolo "La grande socializzazione".

In questo periodo storico l'umanità si trova di fronte a sfide importanti, di certo più rilevanti di una semplice tornata elettorale. In Spagna sono stati registrati oltre 10 mila casi di contagio da Coronavirus in un giorno, e solo nella giornata di martedì 22 settembre i morti a causa del virus sono stati più di 200. La situazione è preoccupante soprattutto a Madrid, dove le terapie intensive cominciano ad essere troppo affollate. Per far fronte all'aggravarsi della situazione, lo Stato spagnolo ha istituito lockdown mirati in alcuni quartieri popolari della capitale confinando più di 800 mila abitanti, e ha schierato la polizia per controllare che le misure restrittive vengano rispettate. A differenza dello scorso marzo si sono viste le prime manifestazioni, molto partecipate, contro la chiusura, che viene definita di "classe": nei quartieri isolati si può uscire solo per andare a lavorare, non per altri motivi. Nel paese iberico la seconda ondata della pandemia è particolarmente grave (così come in Francia ed Inghilterra) e le proteste assumono un profilo tendenzialmente antisistema. Durante la stagione estiva è stato riaperto tutto, dai ristoranti alle fondamentali attività turistiche, e migliaia di lavoratori sono stati infettati; ad agosto si è verificata la crescita del contagio, ora comincia quella del numero dei morti, anche tra i più giovani. Il confinamento peggiora un quadro economico e sociale già preoccupante, in cui milioni di persone si ritrovano senza un lavoro, senza sussidi, e senza nulla da perdere.

Venerdì 18 settembre è iniziato in Israele un lockdown totale di tre settimane. In Francia decine di distretti sono diventati "zona rossa" e sono sottoposti a misure di contenimento sociale. L'Inghilterra è alle prese con un blocco mirato al fine di appiattire le curve in salita. Non sta molto meglio la Germania che vede aumentare le infezioni. La Svezia annuncia di avere gravi problemi nel controllo del territorio a causa dell'aumento delle manifestazioni di rabbia e violenza da parte delle gang. Lo Stato perde energia, annaspa, fatica a gestire il fatto sociale nonostante abbia a disposizione alta tecnologia, armamenti sofisticati e apparati ideologici elefantiaci.

La borghesia, schiacciata da una parte dall'esigenza di difendere l'economia, e dall'altra da quella di evitare il collasso del sistema sanitario, appone toppe che sono peggio del buco. L'avevamo scritto nell'articolo "Prove di estinzione": ogni paese, regione, persino comune, va avanti per conto proprio in maniera scoordinata, tutto il contrario di ciò che sarebbe necessario per bloccare l'avanzata di un virus mondiale. Misure e protocolli atti ad affrontare una pandemia di questa portata sono stati stilati dall'OMS da anni, ma non sono stati applicati unitariamente. Riguardo la produzione del vaccino, alcuni affermano che bisognerà aspettare almeno la fine del 2021, ma non mancano quelli che sostengono che sarà molto difficile arrivare a produrne uno veramente efficace.

Nel 1973 a Napoli si verificò un'epidemia di colera e, di fronte all'inefficienza intervento delle istituzioni, presero piede esperimenti di autorganizzazione dal basso (centri sanitari di base, ecc.). Recentemente a Santiago del Cile, dove continuano le rivolte, si è sviluppato il fenomeno delle "ollas populares", mense autogestite che forniscono assistenza alimentare e hanno come slogan "Sólo el pueblo ayuda al pueblo". L'esperienza cilena ricorda quella di Occupy Sandy: la struttura di mutuo soccorso, formatasi nel 2012 negli Usa dopo il passaggio dell'uragano Sandy, che riuscì ad intervenire e a portare aiuto lì dove lo stato non fu in grado di assistere la popolazione in difficoltà. Altri lockdown, anche parziali, in Italia come altrove, non passeranno "lisci" come è passato il primo perché, nel frattempo, milioni di persone si sono ritrovate senza alcuna riserva e potrebbero andare ad ingrossare le fila dei negazionisti, secondo i quali il Coronavirus è un'invenzione (un complotto orchestrato dalle multinazionali farmaceutiche in combutta con i governi), oppure – auspichiamo noi – di quelli che voltano le spalle a questo sistema.

Nemmeno nella teoria del rimedio la borghesia è riuscita ad essere efficace. Le varie misure di sostegno al reddito prese in corso d'opera, come la cassa integrazione e i vari bonus, non sono ancora arrivate a decine di migliaia di lavoratori. La società capitalistica non conosce sé stessa: se applicasse un minimo di razionalità dovrebbe centralizzare ulteriormente il fatto economico, - altro che democrazia -, accorpare tutte le misure di sostegno in un unico contributo da erogare ai disoccupati, formare un esecutivo snello, cioè non troppo intralciato da chiacchiere parlamentari. Ma la borghesia è una classe decrepita, con sempre meno energia; proprio per questo l'attuale, composita crisi, continuerà ad essere affrontata senza la possibilità di far valere un controllo soggettivo degli eventi, i quali detteranno legge e produrranno sconquassi.

Articoli correlati (da tag)

  • Stato di incertezza

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 21 compagni, è iniziata con il commento delle notizie riguardo lo sviluppo dei vaccini per il Coronavirus 2.

    La sperimentazione anglo-italiana condotta dall'azienda farmaceutica Astrazeneca si è fermata qualche settimana fa quando un volontario ha accusato gravi effetti collaterali; anche la ricerca capitanata da Johnson & Johnson ha subìto una battuta d'arresto, a causa di una reazione avversa in un paziente. Nel passato la messa a punto dei vaccini contro varicella e papilloma virus e di quello esavalente (difterite, tetano, pertosse acellulare, poliomielite, epatite B ed haemophilus influenzae di tipo B) ha richiesto diversi anni. L'obiettivo della ricerca attuale è di centrare il risultato in soli 18 mesi. Perché tutta questa fretta? Evidentemente il sistema economico non riesce a sostenere la presente situazione socio-sanitaria ed è disposto a rischiare sulla salute delle persone accorciando i tempi di indagine. Se è vero che si tenterà in tutti i modi di evitare altri lockdown nazionali puntando invece su chiusure mirate e locali, è anche vero che ad un certo punto la situazione potrebbe sfuggire di mano.

    I maggiori paesi europei (Francia, Inghilterra, Germania, Italia, Spagna) sono alle prese con una veloce crescita del numero dei contagi, dei malati gravi e dei morti. Una situazione del genere è già catastrofica per l'economia e se continuerà ad essere gestita in questo modo non potrà che peggiorare. Le misure di distanziamento sociale e di prevenzione approntate dai governi (l'Italia ha imposto l'uso delle mascherine anche all'aperto) vanno in contraddizione con gli affollamenti di pendolari sui mezzi pubblici e nelle stazioni. La borghesia non si muove in modo razionale, non lo può fare, perché da una parte deve salvaguardare il sistema sanitario, e dall'altro non può ostacolare la produzione e la circolazione delle merci. Anche da un punto di vista strettamente capitalistico, avrebbe più senso fermare il contagio prima che esso divenga incontrollabile, ma sappiamo che le contrapposizioni tra regioni e amministrazioni centrali, governi e "parti sociali", interessi generali e particolari, indeboliscono invece che rafforzare l'azione degli stati.

  • Lo Stato alieno

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 21 compagni, è iniziata riprendendo i temi affrontati nell'ultimo incontro redazionale (26-27 settembre 2020), in particolare la relazione sullo stato, la sua genesi e il suo divenire.

    Superata la fase capitalistica, fatta di lotta tra le classi, per la nostra corrente (Tesi di Napoli, 1965), il partito comunista, da organismo politico, diventerà uno strumento per la difesa globale della specie con il compito di prevenire o affrontare fenomeni che potrebbero metterla in pericolo e che vanno dall'ordinaria dinamica della natura ai pericoli di estinzione (da terremoti, alluvioni e uragani a virus, asteroidi e radicali cambiamenti climatici).

    Si può dire lo stesso dello Stato? Chi ci ha preceduto è arrivato a definirlo come una sovrastruttura finalizzata allo sfruttamento di una classe sull'altra, e ciò è corretto, ma vale solo per l'ultimo tratto storico, quello capitalistico. Lenin in Stato e rivoluzione riprende la parola tedesca Gemeinwesen, ovvero l'essere sociale, la vera natura umana che nega la divisione sociale del lavoro e le classi. In tutto l'arco storico che rappresenta il comunismo originario, gli ultimi diecimila anni sono il tempo occorso all'uomo per compiere il salto verso lo stato. Durante questo periodo l'uomo si dà strutture sociali differenti che non possono essere definite stato pur essendo organizzate, urbanizzate, dotate di sistemi molto efficaci per conoscere sé stesse e per amministrare la produzione e la distribuzione di alimenti e altri beni. L'archeologia moderna, che ha ormai a disposizione mezzi sofisticati, ha dimostrato senza ombra di dubbio che se dovessimo parlare di stato in questo lungo periodo storico, dovremmo parlarne come di stato-gemeinwesen, un ossimoro che sarebbe scientificamente accettabile solo se cambiassimo la definizione di stato eliminandone la connotazione di classe.

  • Cambio di paradigma

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 18 compagni, è iniziata dal tema della caduta generale del Prodotto Interno Lordo.

    L'agenzia di rating Fitch stima per il 2020 un calo del PIL mondiale intorno al 4,4%, mentre per l'Italia è previsto addirittura un -10%, anche a causa di una forte contrazione dei consumi. Un capitalismo che non cresce è, evidentemente, un capitalismo morto; attualmente non ci troviamo semplicemente di fronte alla non crescita (riproduzione semplice), bensì ad una decrescita. Riprendendo i punti del "Programma rivoluzionario immediato" (riunione di Forlì, 1952), possiamo constatare che, complice il Coronavirus, la società sta arrivando a realizzare il punto "a", quello che affronta il disinvestimento dei capitali. La pandemia ha provocato accelerazioni storiche anche dal punto di vista dell'impiego della forza lavoro, per esempio con il diffondersi dello smart working e dell'home working, ma anche con l'eliminazione di traffico inutile, tutti elementi che le aziende vedono di buon occhio dato che vengono messi nella voce "risparmio". I paesi capitalistici sono costretti ad accettare misure che si muovono su una terra di confine tra passato e futuro, in primis il reddito di cittadinanza erogato senza ottenere nulla in cambio.

Rivista n°47, aprile 2020

copertina n°47f6Editoriale: Ingegnerizzazione sociale
f6Articolo: La grande socializzazione. Dal cooperativismo socialdemocratico al corporativismo fascista, dal comunismo di fabbrica alla fabbrica-comunità del padrone illuminista
f6Articolo: Prove di estinzione (la dottrina del rimedio)

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 241, 14 settembre 2020

f6La guerra si alleggerisce, il controllo sociale no

f6Il complotto degli asteroidi

f6All'arrembaggio

f6L'imperatore di Marte

f6Che cos'è andato storto con l'OMS?

f6La Zona Grigia

Leggi la newsletter 241
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email