Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  19 ottobre 2021

Strozzatura nelle catene di approvvigionamento e "marasma sociale"

Durante la teleriunione di martedì sera, a cui hanno partecipato 22 compagni, abbiamo discusso della crescita del prezzo delle materie prime ed, in particolare, dell'energia.

In un articolo pubblicato nell'ultimo numero dell'Economist (curiosamente intitolato "The energy shock", lo stesso titolo di un nostro resoconto di qualche settimana fa che abbiamo appreso essere stato tradotto prima in spagnolo e poi in tedesco), si ricorda che dal 31 ottobre al 12 novembre si terrà la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021 (COP26). Al vertice parteciperanno i leader mondiali, riuniti nel tentativo di stabilire una rotta affinché le emissioni globali di carbonio raggiungano lo zero entro il 2050.

Mentre la classe dominante annuncia di impegnarsi in uno sforzo trentennale, nella pratica fa il contrario. Da maggio il prezzo di un paniere di petrolio, carbone e gas è aumentato del 95%, e lo scorso settembre la Gran Bretagna, che ospiterà il vertice, ha riacceso le sue centrali elettriche a carbone. Londra ha comunque fatto sapere che punterà sul nucleare per ridurre le emissioni di CO2.

I prezzi della benzina americana hanno raggiunto i 3 dollari al gallone, i blackout hanno travolto Cina e India e l'Europa è ostaggio di Vladimir Putin per la fornitura di carburante.

Vanno così a farsi benedire tutti i buoni propositi ecologisti tipo Green New Deal, e la fanno da padrone, come al solito, le nude e crude esigenze del modo di produzione capitalista.

Sempre l'Economist lancia l'allarme sulla spirale salari-prezzi: sia la crescita dei salari che l'inflazione sono insolitamente elevate. La paga oraria sta crescendo negli Usa e in Germania, anche a causa della mancanza di manodopera in seguito alla ripresa dei consumi post-lockdown.

Il salario è l'unica variabile indipendente, la richiesta di cospicui aumenti salariali spaventa capitalisti e governanti perché il loro sistema si regge sulla produzione di plusvalore. Abbiamo accennato, a tal proposito, alla recente ondata di scioperi negli Usa ("Striketober: American workers take to the picket lines").

Il mondo sta andando verso la catastrofe da tutti i punti di vista: economico, ecologico e sociale, ma questo non si traduce automaticamente in una polarizzazione di classe. Il dualismo di potere è ancora molto lontano, i movimenti oggi sulla piazza sono perlopiù etichettabili come interclassisti.

La società fibrilla ma per adesso non emerge nulla di nuovo dal caos. Si prepara invece un grande disordine.

In Spagna il 26,4% dei cittadini è a "rischio" povertà" e il 9,6% in povertà estrema, 4,5 milioni vivono in famiglie a reddito straordinariamente basso. La maggior parte delle persone in grave povertà (72%) sono spagnole, con un livello di istruzione medio (53%) o alto (17,9%), con un lavoro (27,5%) e con una casa (95,2%).

Il Papa, attento osservatore delle dinamiche sociali, in un recente videomessaggio all'incontro dei Movimenti Popolari ha affermato che occorrerebbe introdurre "il salario universale e la riduzione della giornata lavorativa". Bergoglio le definisce "misure necessarie" anche se "non sufficienti".

Anche in Italia, dove secondo l'Istat quasi sei milioni di persone vivono una condizione di povertà assoluta, è arrivato un po' di "marasma sociale", con le piazze di Roma, Milano e il porto di Trieste teatro di scontri. E a proposito di porti, sono numerosi nel mondo, da Los Angeles al Regno Unito, gli scali in tilt; gli analisti osservano una strozzatura dei meccanismi delle catene di approvvigionamento, un grande imbottigliamento del flusso delle merci.

Per quanto riguarda il problema dell'inflazione abbiamo ricordato quanto scritto nel III Libro de Il Capitale, sezione VII, "I redditi e le loro fonti": il profitto (guadagno d'imprenditore più interesse) e la rendita non sono altro che forme particolari assunte da particolari parti del plusvalore delle merci.

L'aumento dei prezzi porta una parte sempre più ampia del plusvalore a trasformarsi in rendita. Il rentier ci guadagna e l'industriale ci perde. Su una carenza effettiva di materie prime si innesta la speculazione, e quindi il prezzo delle stesse oscilla tra rialzi e ribassi sui listini azionari.

Prima c'è la variazione del prezzo di produzione, poi c'è la speculazione (la penuria di container fa schizzare in alto il costo dei noli marittimi, più che triplicato nel giro di un anno). Altri esempi di follie del capitalismo moderno sono la speculazione sui Bitcoin (schizzato sopra i 60.000 dollari) o quella dell'anno scorso sul petrolio, con gli scambi che avevano raggiunto un picco negativo.

Abbiamo ribadito la necessità di rifiutare ogni forma di partigianeria, specie quelle sì-green-pass/no-green-pass, dato che entrambe, pur essendo agli antipodi, sono accomunate dalla necessità di far ripartire al più presto le produzioni, di mandare a lavorare gli operai e di tenere aperti negozi e attività imprenditoriali.

C'è anche da dire che il concetto di libera scelta o libero arbitrio (tanto preteso, quanto inesistente!) non appartiene al lessico dei comunisti.

L'umanità è ancora nella sua fase preistorica: i raggruppamenti sociali hanno bisogno di simboli e slogan dietro cui marciare, che siano religiosi o ideologici poco importa, oppure di parole senza chiaro contenuto empirico come, appunto, "libertà".

Siamo anti-indifferentisti, nel senso che seguiamo con attenzione tutto quello che succede nelle piazze, anche in quelle animate da forze interclassiste o reazionarie, cercando di individuare le cause materiali che portano le molecole sociali ad agitarsi e a muoversi in una direzione invece che in un'altra, e dando il giusto peso a quello che dicono i manifestanti di sé stessi.

Il vaccino è un grande business per le case farmaceutiche, e questo è ovvio, ma è anche un mezzo di contrasto della pandemia, uno dei pochi oggi a disposizione.

La fine delle restrizioni in Inghilterra sta portando ad un aumento dei casi di Covid19, in Russia cresce il numero dei morti (più di mille in un giorno) per complicanze riconducibili al Coronavirus. A causa dell'incertezza dei dati ufficiali su nuovi casi e decessi, The Economist ha sentito la necessità di realizzare un suo modello basato su un centinaio di coefficienti correttivi, il più importante dei quali è il differenziale del numero di deceduti fra il periodo pandemico e quello precedente ("The pandemic's true death toll").

Bisogna essere drastici sulla questione dei vaccini, e cioè contrastare le ondate di irrazionalità che arrivano a lambire pure ambienti "comunisti". Si dimenticano, anche molti che si definiscono marxisti, che la scienza non è aggettivabile, non è né borghese né proletaria, ma è il livello di conoscenza raggiunto in una determinata epoca.

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra e il suo contesto

    La teleriunione di martedì sera è iniziata dall'analisi del recente attacco dell'Iran ad Israele.

    Secondo un portavoce dell'esercito israeliano, nell'azione compiuta nella notte tra il 13 e il 14 aprile l'Iran ha impiegato 170 droni, 30 missili da crociera e 120 missili balistici, che sono stati quasi tutti abbattuti. L'attacco è stato simbolico, le nazioni arabe erano state avvertite e probabilmente anche gli Americani; dopo il bombardamento di un edificio annesso all'ambasciata iraniana a Damasco il primo aprile scorso, Teheran non poteva non rispondere. Gli USA hanno chiesto ad Israele di evitare una reazione a caldo e di pazientare, onde evitare un'escalation; gli Iraniani hanno dichiarato che se Israele lancerà un nuovo attacco essi colpiranno più duro: "Con questa operazione è stata stabilita una nuova equazione: se il regime sionista attacca, sarà contrattaccato dall'Iran."

    Teheran è all'avanguardia nella produzione di droni, ha sviluppato un'industria bellica specializzata e vende queste tecnologie alla Russia ma anche ad Algeria, Bolivia, Tagikistan, Venezuela ed Etiopia.

    Ciò che sta accadendo in Medioriente conferma l'importanza del lavoro sul wargame, a cui abbiamo dedicato due numeri della rivista (nn. 50 - 51). I giochi di guerra servono a delineare scenari futuri, e le macchine amplificano le capacità dell'uomo aiutandolo a immaginare come potrebbero svilupparsi i conflitti in corso. Gli eserciti e gli analisti militari che lavorano con i wargame sono in grado di accumulare grandi quantità di informazioni, ma sono però costretti a vagliarne solo una parte. È un dato oggettivo: i big data vanno ordinati e l'ordine risente dell'influenza di chi applica il setaccio.

  • Il capitalismo è praticamente morto

    La teleriunione di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata commentando un articolo di Maurizio Novelli, "Perché il sistema capitalistico è praticamente morto", pubblicato sul quotidiano economico Milano Finanza. Si tratta di un'analisi di ormai quattro anni fa, ma i problemi che l'autore solleva sono ancora presenti, anche se nascosti accuratamente sotto il tappeto.

    Nel pezzo si parla della necessità capitalistica di fare sempre più debito per sostenere l'economia (il debito ha superato il 330% del PIL globale), del problema della valorizzazione del capitale, e in generale del dominio del capitale azionario su quello industriale:

    "Il sistema capitalistico, degenerato a causa di questo modo di operare, è praticamente morto e la finanza, così come funziona oggi, lo ha ucciso. Gli Stati Uniti, dal 2001 in poi, hanno messo l'economia reale a sostegno della finanza, ribaltando la funzione che la finanza era a sostegno dell'economia reale. Oggi il settore finanziario 'fa leva' 4/5 volte sull'economia reale per ottenere rendimenti che l'economia reale non riesce più a produrre, così come le banche nel 2008 facevano leva 40 volte sul capitale per ottenere rendimenti che l'attività caratteristica non poteva dare."

    La finanziarizzazione del capitale, riflesso della sua autonomizzazione, è la parte conclusiva della parabola storica del plusvalore. Il fenomeno è descritto nel nostro articolo "L'autonomizzazione del capitale e le sue conseguenze pratiche", che si basa sul Frammento del testo originario di "Per la critica dell'economia politica" del 1858. Oggi tale processo è ben visibile, basti pensare alla recente impennata del Bitcoin che vale più di Visa e MasterCard messe insieme. I crolli di borsa, le crisi finanziarie del 1987, del 1997, delle Dot-com e del 2008 testimoniano la difficoltà del sistema a riprodursi in quanto tale. La finanziarizzazione dell'economia non è altro che una risposta alla crisi di valorizzazione, dovuta all'aumentata produttività del lavoro. Non c'è mai pletora di capitali senza pletora di merci: per questo motivo "rilanciare la produzione" o "ritornare all'economia reale" sono slogan privi di senso.

  • Grandi accelerazioni

    La teleriunione di martedì sera, presenti 16 compagni, è iniziata con alcune cosiderazioni riguardo l'evoluzione del conflitto in Ucraina.

    Dopo due anni di guerra, la Russia ha occupato circa il 20% del territorio ucraino (l'area più industrializzata e ricca di materie prime), e sarà molto difficile per gli Ucraini riprendersi tale parte. Secondo il Wall Street Journal, attualmente il rapporto tra la quantità di proiettili sparati dai Russi e quella sparata dagli Ucraini è di circa 10 a 2. L'esercito russo difende le proprie postazioni e preme sul fronte cercando i punti deboli del nemico, che dopo la disfatta di Avdiïvka sta tentando di costruire una nuova linea difensiva. In un futuro negoziato, Mosca non cederà sui territori occupati poichè essi rappresentano una testa di ponte contro la penetrazione della NATO verso Est. Dal punto di vista economico, l'Ucraina è un Paese distrutto e sarebbe al collasso se non fosse per gli aiuti finanziari e militari di Europa e Stati Uniti.

    Come abbiamo detto in più occasioni, la guerra in Ucraina va inquadrata nel contesto dei grandi cambiamenti geopolitici mondiali. L'apertura di nuovi scenari di crisi (Medioriente, Mar Rosso, ecc.) è un problema per gli Stati Uniti, sbirro globale, che non possono essere presenti ovunque scoppi un conflitto, anche perché al loro interno affrontano gravi problemi di tenuta sociale. In prospettiva, si aggiunge la questione dell'Indo-Pacifico che vede la Cina come un concorrente sempre più temibile.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email