Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  22 febbraio 2022

Guerra ibrida in Ucraina

Durante la teleconferenza di martedì sera, connessi 20 compagni, abbiamo discusso di quanto sta accadendo in Ucraina.

Un compagno ha segnalato un video su Youtube nel quale viene proposta un'analisi di natura sia tecnica che strategica dei gasdotti sottomarini che dalla Russia, attraverso il Mar Baltico, pompano gas in Germania, in relazione al fatto che gli Stati Uniti non vedono favorevolmente un avvicinamento tra Berlino e Mosca.

Subito dopo il riconoscimento da parte della Russia degli stati separatisti del Donbass (Lugansk e Doneck), il neocancelliere tedesco Scholz ha dovuto annunciare lo stop al progetto del gasdotto Nord Stream 2. Nel discorso alla nazione Putin ha affermato che "l'Ucraina non è un Paese confinante, ma parte integrante della nostra storia, cultura, spazio spirituale". E ha aggiunto: "Sono nostri compagni, spesso gli ucraini stessi si considerano parte della Russia, siamo uniti da sempre".

Il generale Von Klausewitz diceva che "la guerra è un atto di forza per costringere l'avversario a sottomettersi alla nostra volontà". Ovviamente, non viene precisato come si debba concretizzare l'atto di forza, ma soltanto che la forza è il mezzo e la sottomissione dell'avversario è lo scopo. Nel testo della nostra corrente "Forza, violenza, dittatura nella lotta di classe" (1946-48) si afferma che non c'è bisogno di veder scorrere il sangue perché ci sia violenza, poiché essa nella maggior parte dei casi raggiunge il suo scopo rimanendo allo stato potenziale.

La guerra è un prodotto della società, essa si modifica, cambia nel tempo. Interessante, a questo proposito, l'articolo del Capo di Stato Maggiore russo, il generale Valerij Gerasimov, intitolato "Il valore della scienza è nella capacità di prevedere: nuove sfide richiedono di ripensare le forme e i metodi di esecuzione elle operazioni di combattimento", pubblicato il 26 febbraio 2013. Gli analisti occidentali lo hanno definito il manifesto della nuova dottrina militare russa. In realtà, gli esperti militari russi non hanno fatto altro che prendere atto della trasformazione della guerra moderna in qualcosa di ibrido, intendendo con ciò i conflitti che comprendono eserciti statuali e non, e le operazioni cibernetiche e psicologiche. I tempi di pace e quelli di guerra non sono più chiaramente separati, vi è una zona grigia in cui si verificano diverse gradazioni nel dispiegamento bellico.

La cosiddetta dottrina Gerasimov è divisa in sei fasi: fase occulta della guerra, aumento della tensione, inizio ufficioso di operazioni belliche, crisi bellica definitiva, risoluzione, restaurazione dell'ordine nel paese. In sintesi, il generale russo individua quattro aspetti cruciali della guerra moderna: l'utilizzo integrato della forza militare e civile; il ruolo fondamentale dei media e dell'informazione; l'utilizzo di compagnie militari private nelle operazioni militari e, infine, l'utilizzo di metodi operativi indiretti e asimmetrici. ("Il concetto di Gray zone: la dottrina Gerasimov e l'approccio russo alle operazioni ibride", ministerodelladifesa.it). Gli esperti militari russi considerano le "rivoluzioni colorate" rivolte fomentate dagli Usa, come nel caso dell'Ucraina con Euromaidan nel 2014, quando il presidente filorusso Janukovyč dopo mesi di proteste fu costretto a fuggire dal paese. La Russia, che ha risposto alle manifestazioni pro-occidentali con l'occupazione della Crimea e con il sostegno attivo agli indipendentisti della regione del Donbass, non può permettersi di avere la Nato a ridosso dei propri confini.

La guerra oggi è combattuta da militari e civili, attraverso attacchi cibernetici, campagne di disinformazione, un ampio uso delle partigianerie e della pressione economica quale mezzo non militare. Ed in questa situazione di disordine mondiale dovuto, in primis, al declino degli Usa, l'intero assetto del capitalismo traballa. Cina, India, e la stessa Russia non mettono in discussione direttamente il ruolo di gendarme mondiale svolto dagli Usa, ma sono alla ricerca dei propri spazi di manovra. Il colosso imperialistico americano, oltre ad arrancare a livello internazionale, ha enormi contraddizioni al proprio interno, così come affermano ormai molti osservatori, a cominciare da Barbara F. Walter, autrice del saggio How Civil Wars Start. And How to Stop Them (2022), e dal giornalista canadese Stephen Marche (The Next Civil War. Dispatches from the American Future, 2022).

Il libro Complotti! Da Qanon alla pandemia, cronache dal mondo capovolto, scritto da Leonardo Bianchi, è un'interessante inchiesta giornalistica sull'estrema destra americana, ed in particolare sul fenomeno QAnon, salito agli onori delle cronache dopo l'assalto al Campidoglio il 6 gennaio 2021. Il complottismo storico (Protocolli dei Savi di Sion) viene condito da QAnon con elementi pop tratti dal cinema di fantascienza, fino ad arrivare a teorie strampalate come quella dei rettiliani, secondo la quale creature aliene prendono forma umana allo scopo di controllare la Terra. Il fenomeno QAnon ha avuto una diffusione internazionale e la sua storia si intreccia con l'ascesa di Trump alla Casa Bianca; recentemente, durante le manifestazioni "no vax" in Europa si sono sentiti richiami alla profezia del "Grande Risveglio". Ci sono spinte materiali che portano milioni di persone in piazza a causa della "vita senza senso", e ce ne sono altrettante che portano "agenti di influenza" a manipolare le menti per gli interessi di una fazione borghese contro l'altra. Precisato questo, c'è da dire che movimenti cospirazionisti come QAnon, pur essendo costruiti ad arte, possono produrre sconquassi: si tratta di forze interne al sistema che possono diventare ulteriori elementi di caos e destabilizzazione.

La rivolta del 2020 negli Stati Uniti avvenuta in seguito all'uccisione di George Floyd, la polarizzazione politica tra democratici e repubblicani, tra stati federali e centrale, tra gruppi sociali, sono tutti il sintomo di una prossima esplosione sociale. La nostra corrente, già negli anni 50', sosteneva che se l'imperialismo americano non crolla dall'interno, allora non c'è alcuna possibilità di una vittoria rivoluzionaria. Nella rivista monografica "Teoria e prassi della nuova politiguerra americana" (2003), abbiamo visto che con la scomparsa delle vecchie colonie i paesi imperialisti hanno cominciato una colonizzazione interna. Gli Stati Uniti sono da tempo una colonia di sé stessi: milioni di proletari sono sempre più schiavizzati da un capitalismo senza briglie.

L'ultimo tentativo rivoluzionario, avvenuto in Russia nel 1917, è stato caratterizzato dalla famosa parola d'ordine di Lenin "trasformare la guerra imperialista in guerra civile", fatta propria in seguito dall'Internazionale Comunista. Oggi il contesto è completamente cambiato, dato che è in corso una guerra civile strisciante, e non solo negli Usa. Nell'ultimo numero della rivista abbiamo visto che l'origine del wargame è antica ed è legata ai giochi da tavolo, e che l'interazione fra due soggetti che compiono scelte razionali per vincere, cioè per influenzare l'esito finale, può essere tradotta in calcolo e adoperata per la realizzazione dei modelli di realtà. Da questi modelli deduciamo che è improbabile lo "scoppio" di una guerra mondiale di tipo classico, con schieramenti imperialistici netti e dualistici. Il mondo è troppo grande per il controllo ad opera di un solo paese, ma è altresì troppo piccolo per garantire sviluppo e profitti per tutti. Nel conflitto bellico moderno non ci sono più i fantaccini terrestri che si sparano dalle trincee e che possono fraternizzare al fronte, si fa perciò difficile trasformare la guerra imperialista in guerra civile.

Gli Usa sono maestri nella compellenza, cioè nel far perdere la guerra agli altri senza combattere. Sopportano benissimo che la Cina possieda buona parte del loro debito pubblico, ma devono contenerne l'espansione commerciale accusandola di "aggressione economica". Se, come dice Trump, si vuole fare tornare l'America grande ("Make America Great Again"), è perché questa è diventata piccola. Negli anni '50 gli Usa hanno raggiunto il loro massimo livello di sviluppo, riuscendo a proiettare la propria immagine sul resto del mondo, come nemmeno l'Impero Romano era riuscito a fare. Il presidente Eisenhower sosteneva che l'America doveva vincere la guerra per dominare il mondo. Solo che vincere una guerra globale, a lungo andare, è peggio che perderla perché poi bisogna colonizzare le popolazioni. Gli Usa non possono più tornare ad essere quello che erano decenni fa, non possono avere di nuovo un periodo postguerra mondiale fatto di ricostruzioni e boom economico. Gore Vidal ha compreso per tempo che gli Stati Uniti stavano entrando in uno stato di guerra civile permanente (La fine della libertà; Le menzogne dell'impero e altre tristi verità).

In chiusura di teleconferenza si è accennato alle recenti manifestazioni contro il carovita in Marocco, e alle proteste dei camionisti in Italia contro l'aumento del prezzo dei carburanti. Dato che si va verso un alleggerimento delle restrizioni anti-Covid in tutta Europa, i leader "no vax", nel timore di rimanere disoccupati, si stanno orientando verso la lotta contro il carovita. Non è da escludere il ritorno in piazza dei forconi, anche perché c'è da riempire il vuoto lasciato dal Movimento 5 Stelle. La lotta contro il carovita potrebbe essere usata per mettere tutti dietro il tricolore, dall'operaio al bottegaio. Ma non è detto che il gioco populista funzioni ancora a lungo: la corda potrebbe spezzarsi.

Articoli correlati (da tag)

  • Il crollo dell'ordine economico mondiale

    La teleriunione di martedì sera è iniziata prendendo spunto dall'ultimo numero dell'Economist ("The new economic order", 11 maggio 2024), che dedica diversi articoli alla crisi mondiale in atto.

    Secondo il settimanale inglese, a prima vista il capitalismo sembra resiliente, soprattutto alla luce della guerra in Ucraina, del conflitto in Medioriente, degli attacchi degli Houthi alle navi commerciali nel Mar Rosso; in realtà, esso è diventato estremamente fragile. Esiste, infatti, un numero preoccupante di fattori che potrebbero innescare la discesa del sistema verso il caos, portando la forza a prendere il sopravvento e la guerra ad essere, ancora una volta, la risposta delle grandi potenze per regolare i conflitti. E anche se non si arrivasse mai ad uno scontro bellico mondiale, il crollo dell'ordine internazionale potrebbe essere improvviso e irreversibile ("The liberal international order is slowly coming apart").

    Il fatto che un periodico come l'Economist, rappresentante del capitalismo liberale, arrivi a parlare di un ordine economico prossimo al collasso è da annoverare tra quelle che la Sinistra definisce "capitolazioni ideologiche della borghesia di fronte al marxismo". L'infrastruttura politica a guida americana che faceva funzionare le relazioni tra gli stati è andata in frantumi. Organismi nati per risolvere le controversie mondiali, ad esempio il WTO, non riescono a promuovere il commercio internazionale, che negli ultimi anni ha registrato una frenata, e a far ripartire un ciclo virtuoso di accumulazione. Secondo il settimanale inglese, i sussidi e gli aiuti all'economia nazionale, e i dazi e le sanzioni agli stati concorrenti, anche a causa della guerra (secondo il gruppo di ricerca Global Sanctions Database, i governi di tutto il mondo stanno imponendo sanzioni con una frequenza quattro volte superiore a quella degli anni '90), rappresentano una minaccia all'economia di mercato rendendo più difficile la ripresa globale. Negli ultimi anni hanno smesso di crescere gli investimenti transfrontalieri, anche in conseguenza alle misure protettive adottate dagli stati; si sono sviluppate forme di pagamento che bypassano i circuiti standard; si sta combattendo una guerra che non produce ufficialmente vittime, ma che è alla base dello sconvolgimento in corso: la guerra per detronizzare il dollaro.

  • La guerra è dissipazione di energia

    La teleriunione di martedì sera è iniziata discutendo dell'evoluzione degli attuali scenari di guerra.

    Gli Stati, anche quelli importanti come USA e Federazione Russa, faticano a tenere il passo nella produzione di munizioni necessaria per il conflitto in corso in Ucraina. Il Fatto Quotidiano riporta alcuni dati significativi: nel giugno 2022 i Russi sparavano 60 mila colpi al giorno, a gennaio del 2024 ne sparavano 10-12 mila contro i 2 mila dell'esercito avversario. Senza l'aiuto dell'Occidente l'Ucraina sarebbe già collassata, ma ora l'America ha delle difficoltà: "Gli Usa, il principale fornitore di proiettili di artiglieria dell'Ucraina, producono 28mila munizioni da 155 mm al mese con piani di aumento della produzione a 100mila entro il 2026." La fabbricazione di tali quantità di munizioni comporta uno sforzo nell'approvvigionamento di materie prime, e infatti c'è una corsa all'accaparramento di scorte di alluminio e titanio. Già l'anno scorso l'Alto rappresentante UE per la politica estera, Josep Borrell, affermava: "In Europa mancano le materie prime per produrre le munizioni da mandare all'Ucraina".

  • Capitale destinato ad essere cancellato

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un focus sulla situazione economico-finanziaria mondiale.

    Abbiamo già avuto modo di scrivere delle conseguenze di una massa enorme di capitale finanziario (il valore nozionale dei derivati è di 2,2 milioni di miliardi di dollari) completamente slegata dal Prodotto Interno Lordo mondiale (circa 80 mila miliardi annui). Quando Lenin scrisse L'Imperialismo, fase suprema del capitalismo, il capitale finanziario serviva a concentrare investimenti per l'industria, che a sua volta pompava plusvalore. Oggigiorno, questo capitale non ha la possibilità di valorizzarsi nella sfera della produzione, perciò è destinato a rimanere capitale fittizio e quindi, dice Marx, ad essere cancellato.

    Nell'articolo "Accumulazione e serie storica" abbiamo sottileneato che è in corso un processo storico irreversibile, e che non si tornerà più al capitale finanziario del tempo di Lenin e Hilferding. In "Non è una crisi congiunturale", abbiamo ribadito come il rapido incremento del capitale finanziario è una conseguenza del livello raggiunto dalle forze produttive. La capacità del capitale di riprodursi bypassando la produzione materiale è un'illusione, e il ritorno alla realtà è rappresentato dallo scoppio delle bolle speculative. Ogni strumento finanziario è necessariamente un espediente per esorcizzare la crisi di valorizzazione, nella speranza di poter trasformare il trasferimento di valore in creazione del medesimo.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email