Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  12 luglio 2022

Grandi conferme

Durante la teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 16 compagni, abbiamo affrontato i grandi fatti della settimana appena trascorsa, ovvero le manifestazioni e le rivolte scoppiate in Sri Lanka, Albania, Kenya, Panama, Corea del Sud, Ghana, Bosnia, Argentina e India, sull'onda degli aumenti dei prezzi dei generi di prima necessità e del carburante.

Le conferme alle nostre previsioni arrivano sia dalla prassi, con la diffusione a livello globale di quello che qualche anno fa abbiamo definito "marasma sociale e guerra", sia a livello teorico, e qui ci riferiamo all'editoriale dell'ultimo numero di Limes ("La guerra russo-americana", 6/22) in cui si afferma che comunque vada a finire questa guerra, il mondo non sarà più quello di prima:

"Da questo conflitto nascerà un nuovo disordine mondiale. Non un ordine, perché chiunque vinca, o sopravviva, non sarà in grado di riprodurre la Pax Americana. Nemmeno l'America. Washington resterà il Numero Uno per carenza di alternative. Ma il capoclassifica non potrà ostentarsi egemone globale, né forse lo vorrà. Ridurre ad unum questa Babele d'otto miliardi di anime e diverse centinaia di attori o comparse geopolitiche è affare di Dio, non di Cesare. Per quanto intuiamo, Dio non è interessato all'impresa. Preghiamo."

Gli esperti di geopolitica si affidano al buon Dio per uscire dal caos, noi invece riteniamo che siano i processi di auto-organizzazione sociale a rompere gli equilibri precedenti facendo fare un balzo in avanti all'umanità. Superata una certa soglia, si determina una "polarizzazione" o "ionizzazione" delle molecole sociali, che precede all'esplosione del grande antagonismo di classe.

Il mondo è sempre più piccolo, connesso da reti di varia natura, tra le quali Internet, che fa comunicare gli uomini istantaneamente e riduce le distanze spaziali. Lo abbiamo scritto nel volantino "Mille città", dedicato all'ondata internazionale di manifestazioni del 15 ottobre 2011, e lo abbiamo letto nella lettera inviata da "Comrades from Cairo" ad Occupy Wall Street e pubblicata su The Guardian il 25 ottobre 2011:

"Un'intera generazione in tutto il globo terrestre è cresciuta rendendosi conto, razionalmente ed emotivamente, che non abbiamo futuro nell'attuale ordine delle cose [...]. L'attuale crisi in America e in Europa occidentale ha iniziato a portare questa realtà anche a casa vostra [...]. Così siamo con voi non solo nel tentativo di abbattere il vecchio, ma di sperimentare il nuovo [...]. Le occupazioni devono continuare, perché non c'è più nessuno a cui chiedere la riforma. [...] siate pronti a difendere quello che avete occupato, quello che state costruendo perché, dopo tutto quello che ci è stato sottratto, questi spazi sono molto preziosi."

Quando parliamo di auto-organizzazione non lo facciamo alla maniera degli anarchici e non intendiamo gli scioperi o le lotte per rivendicazioni salariali, ma ci riferiamo allo schema marxista del capovolgimento della prassi ("Teoria e azione nella dottrina marxista", 1951). I movimenti di individui o di piccoli gruppi tendono ad annullarsi a vicenda, mentre i movimenti di massa portano a una concomitanza di stimoli e di reazioni che sono la premessa alla formazione di strutture organizzative in grado di intervenire sulla storia. Il processo rivoluzionario si prepara da sé, è un fenomeno autopoietico (Maturana e Varela).

Per i marxisti c'è un forte nesso tra l'andamento dell'economia e lo scoppio di grandi moti sociali, ma non si tratta di un processo lineare, del tipo "aumenta la miseria e scatta meccanicamente la rivoluzione". La dinamica sociale non è formalizzabile con una semplice equazione di primo grado (Engels, "Lettera a J. Bloch", 1890), ma con l'ausilio delle teorie dei sistemi dinamici, delle reti e dei frattali. Le concatenazioni sociali sono talmente fitte e sovrapposte che rendono difficile fare previsioni a breve termine, mentre l'andamento storico generale è conosciuto. Almeno dagli anni '50 affermiamo che il capitalismo è praticamente morto ("Scienza economica marxista...", 1959), che è un cadavere che ancora cammina.

La società umana è complessa, la si può comprendere solo con alti livelli di astrazione, attraverso modelli e schemi, i quali devono però essere coerenti con la dottrina rivoluzionaria. Ovviamente, è importante analizzare le rivolte e le guerre in corso, ma questo è impossibile in mancanza di una teoria del divenire sociale che ci dice, ad esempio, che la Rivoluzione russa del 1917 è morta e sepolta e non risorgerà: insegnamento utile per gli "errori" commessi in seguito, si tratta di un'esperienza non più riproducibile. La controrivoluzione mondiale cominciata negli anni '20 ha rubato il futuro all'umanità ("Dov'è finito il Futuro?").

Nel nostro piccolo lavoriamo per fare in modo che i fatti che hanno portato alla degenerazione dell'Internazionale non si ripetano e per questo mettiamo in primo piano la conservazione della linea del futuro della nostra classe ("Proprietà e capitale"), in vista del passaggio di testimone alle nuove generazioni.

La novità di questi anni è la scesa in piazza di milioni di persone, per i motivi più disparati, ma con un chiaro orientamento anticapitalista ("Rivolta contro la legge del valore"). Per adesso si tratta di movimenti che non escono dai confini dei paesi coinvolti e che si mostrano incapaci di spiegare sé stessi; ma determinazioni lontane nel tempo, che affondano le loro radici nella Primavera araba, nel movimento degli Indignados e in Occupy Wall Street, si stanno coordinando. OWS ha rappresentato un cambio di paradigma, una nuova visione del mondo, e lo testimoniano le foto e i video dei cartelli scritti a mano dal "99%"; e di se stesso diceva di essere in un altro universo, di essere una voce aliena che dal futuro chiama all'appello contro il capitalismo. E' una storia, quella del movimento americano del biennio 2011-12, che va studiata alla luce di quanto sta succedendo oggi nel mondo e con l'occhio agli studi che abbiamo condotto sul wargame.

Ciò che si prepara all'orizzonte è un fatto sociale di enorme portata che potrà essere affrontato solo da un fatto tecnico altrettanto enorme. La formula "n+1" sta a significare il legame con un ordine superiore. Come diceva Carl Schmitt, in una situazione di caos decide chi sa cosa si debba fare per superarlo, chi è in grado di leggere l'ordine soggiacente (caos deterministico, Renè Thom). D'altronde, come scriveva la corrente a cui facciamo riferimento, "è compagno militante comunista e rivoluzionario chi ha saputo dimenticare, rinnegare, strapparsi dalla mente e dal cuore la classificazione in cui lo iscrisse l'anagrafe di questa società in putrefazione, e vede e confonde sé stesso in tutto l'arco millenario che lega l'ancestrale uomo tribale lottatore con le belve al membro della comunità futura, fraterna nella armonia gioiosa dell'uomo sociale." ("Considerazioni sull'organica attività del partito...", 1965).

Questa guerra ha acceso i riflettori sul pericolo di un conflitto nucleare, e quindi sul rischio dell'estinzione della nostra specie. La quale, a differenza delle altre, ha capacità di progetto, per adesso limitata all'ambito produttivo. Ora è necessaria una progettazione complessiva del vivere sociale, e il comunismo è, appunto, la "conoscenza di un piano di vita per la specie" ("Proprietà e capitale").

Articoli correlati (da tag)

  • L'America dopo Capitol Hill

    Durante la teleriunione di martedì sera abbiamo discusso della situazione interna degli Stati Uniti.

    Come già accennato negli incontri precedenti, il fronte interno americano appare estremamente polarizzato. Diversi osservatori borghesi ritengono che il rischio di una guerra civile sia molto elevato e temono che le elezioni presidenziali del 2024 possano rappresentare un'ulteriore spinta in questa direzione. Ultimamente The Economist ha pubblicato un'indagine sulla riorganizzazione della destra "alternativa" americana dopo l'assalto a Capitol Hill ("The insurrection failed. What now for America's far right?"). L'articolo è incentrato sulla figura di Ammond Bundy, candidato alla carica di governatore dell'Idaho, fondatore di People's Right, una rete di persone in difesa delle libertà individuali, noto soprattutto per aver guidato degli scontri armati contro il governo federale nel 2014 e nel 2016 raccogliendo intorno a sé numerosi sostenitori. Secondo il settimanale inglese, l'evoluzione di Bundy è paradigmatica e riflette quanto sta accadendo a buona parte dei gruppi e delle milizie di destra dopo il 6 gennaio 2021, e cioè la fusione con la politica ufficiale, in parte incentivata dalle centinaia di richieste di carcerazione per l'assalto al Campidoglio.

    La perquisizione da parte dell'FBI presso la tenuta di Donald Trump in Florida dimostra che la profonda spaccatura che attraversa la società americana giunge fino agli apparati statali, in scontro fra loro. Il confine tra le aggregazioni antigovernative ed estremiste di destra e il partito repubblicano è sempre più sfumato. In una recente indagine i ricercatori di Ihrer hanno analizzato i profili Facebook dei 7.383 legislatori statali in carica nel 2021 e nel 2022, e hanno scoperto che il 12% di essi e il 22% di quelli repubblicani appartenevano ad almeno un gruppo social di estrema destra. Ma l'Alt Right americana non è un insieme omogeneo, assembra invece formazioni eterogenee, anche in contrasto: gli Oath Keepers annoverano tra i loro ranghi ufficiali di polizia e militari, i Boogaloo Bois sono ostili alle forze dell'ordine, i Proud Boys sono combattenti di strada, il gruppo di People's Right giustifica le proprie azioni con la Costituzione o la Bibbia. Uno dei principali punti di forza di quest'ultima è la disponibilità a muoversi e a radunarsi "su chiamata" in sostegno ai propri membri contro quelli che ritengono soprusi dello stato federale.

  • Dall'inflazione all'insurrezione

    Durante la teleconferenza di martedì, a cui si sono collegati 15 compagni, abbiamo parlato dell'aumento del prezzo di cibo e carburante, di proudhonismo risorgente, delle caratteristiche dei futuri movimenti rivoluzionari.

    Recentemente The Economist ha pubblicato due articoli sulle conseguenze sociali derivanti dal carovita. Il primo ("Hungry and angry"), più riassuntivo, mette in guardia dall'arrivo di una nuova ondata di agitazioni e disordini; il secondo, una versione estesa dal titolo significativo ("From inflation to insurrection"), descrive più dettagliatamente la situazione dei paesi sull'orlo di una crisi sociale ed economica, ed è accompagnato da una cartina in cui sono evidenziate le zone del mondo dove si prevede il manifestarsi di gravi focolai di disordini nei prossimi dodici mesi. Per elaborare la propria previsione, il settimanale inglese ha costruito un modello statistico, basato sui dati raccolti da un progetto di ricerca globale sugli "eventi di agitazione" (ACLED) dal 1997, per valutare la relazione tra inflazione e rivolte, ed ha scoperto che l'aumento dei prezzi di cibo e carburante è il più forte presagio di instabilità politica e sociale.

    L'ultima volta in cui il mondo ha subito uno shock sui prezzi dei prodotti alimentari è scoppiata la Primavera araba, che ha portato ad un'ondata di rivolte e, in alcuni casi, a vere e proprie guerre civili (Siria e Libia). Oggi, lo shock economico si inserisce nel contesto della guerra in Ucraina e lascia presagire una nuova ondata di marasma sociale. L'aumento dei prezzi di cibo e carburante è la forma di inflazione più atroce, dice l'Economist, quella che incide maggiormente sulle popolazioni, soprattutto dei paesi poveri, che possono rimandare l'acquisto di beni secondari ma non possono smettere di mangiare o di utilizzare i trasporti per fare la spesa o andare al lavoro.

  • Kazakistan è il (cuore del) mondo

    La teleconferenza di martedì sera, connessi 19 compagni, è iniziata commentando quanto è accaduto recentemente in Kazakistan, ultimo episodio in ordine cronologico del processo che abbiamo definito "Marasma generale e guerra" (rivista n. 29):

    "Quella che stiamo analizzando è un'onda sismica la cui energia sotterranea è la stessa per tutti i differenti fenomeni di superficie, dove qua crolla un muro, là si apre una voragine e altrove cade una frana."

    Il Kazakistan ha fatto parte dell'Unione Sovietica fino alla sua disgregazione. Ha una superficie di circa 2,7 milioni di kmq (nove volte l'Italia) e 18 milioni di abitanti; nel suo sottosuolo giaceva il 60% delle risorse minerarie dell'ex blocco sovietico, mentre il suo territorio ne rappresentava il 20% delle terre coltivabili. Attualmente è uno dei maggiori fornitori di frumento e altri generi alimentari per tutta l'area russa. E' il primo produttore al mondo di uranio, ha ampie riserve di petrolio, ed è tra le poche nazioni a disporre di "terre rare", fondamentali nelle produzioni di tecnologia digitale, dalle rinnovabili all'auto elettrica. Dopo la caduta dell'Urss, in tutta la fascia centroasiatica si sono stabilite delle oligarchie, in Kazakistan ben rappresentate dall'ex presidente Nursultan Nazarbaev. Nel paese la ricchezza è concentrata nelle mani di élite ristrettissime, mentre la popolazione versa in condizioni sempre più precarie. Stando ai dati relativi all'anno scorso diffusi dal World Inequality Database, il 10% più ricco della nazione detiene circa il 60% della ricchezza totale, mentre più del 4% degli abitanti vive al di sotto della soglia di povertà.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1, La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2, La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame, parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email