Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  1 novembre 2022

L'impotenza della vecchia forma

Abbiamo cominciato la teleriunione di martedì primo novembre, presenti 18 compagni, parlando di quanto sta accadendo in Brasile dopo l'esito del ballottaggio che ha portato alla vittoria di Ignacio Lula da Silva.

Immediatamente dopo i risultati elettorali, i sostenitori dell'uscente presidente Jair Bolsonaro si sono mobilitati, organizzando blocchi stradali e sit-in fuori dalle caserme. Bolsonaro non ha riconosciuto ufficialmente la vittoria di Lula, ma ha autorizzato la transizione. Secondo l'Economist, la recente campagna elettorale è stata la più incattivita della storia del paese, fatta di toni esagerati (Lula è stato accusato di essere un comunista satanico e Bolsonaro un pedofilo cannibale) e punteggiata da episodi di violenza tra gli opposti schieramenti. Il giorno del ballottaggio alcuni poliziotti hanno istituito posti di blocco negli stati che sostengono Lula, creando difficoltà a chi si recava alle urne. Il giorno dopo, i camionisti che sostengono Bolsonaro hanno bloccato le strade in undici stati, e diverse testate giornalistiche hanno parlato della possibilità di un intervento dell'esercito per riportare l'ordine.

Un paio di anni fa avevamo intitolato un nostro resoconto "Polarizzazione globale" prendendo spunto dall'articolo di Moisés Naím "Negli Stati Uniti ha vinto la polarizzazione"; il giornalista venezuelano sosteneva che ormai le campagne elettorali, invece di ridurre i fenomeni di divisione sociale, li ingigantiscono. La situazione brasiliana sembra un segnale, sia per i toni che per la polarizzazione degli schieramenti politici, di quanto potrebbe accadere a breve negli USA. Le forze politiche una volta antisistema, minoritarie, tenute ai margini, ora si sono fatte sistema. Il riferimento immediato è agli USA di Donald Trump, ma anche ad alcuni paesi europei. Non passa giorno che non escano articoli allarmati sulle elezioni di midterm americane, e sul rischio che rappresentano per la tenuta sociale.

Dal punto di vista economico, il Brasile si trova in una condizione molto problematica a causa della profonda recessione del 2014-16, aggravata successivamente dalla catastrofe del Covid-19. Il caos politico e sociale è una diretta conseguenza del caos economico. Il paese sudamericano è immenso, ha oltre 200 milioni di abitanti ed è ricco di risorse naturali e di materie prime, ma è un gigante dai piedi d'argilla; fa parte dei BRICS (Brasile, Russia, Cina, India, Sudafrica), il gruppo di stati in forte espansione economica che avrebbero dovuto risollevare le sorti del capitalismo, ma che invece stanno subendo tutte le conseguenze di un invecchiamento precoce.

Lo Stato perde energia, arranca, fatica a darsi un indirizzo ("Lo Stato nell'era della globalizzazione"). In Israele in soli tre anni e mezzo ci sono state cinque elezioni, e in Gran Bretagna la premier conservatrice Liz Truss ha dato le dimissioni dopo soli 44 giorni di governo. La crisi economica è un fenomeno così grave perché si sono esauriti gli espedienti degli stati per risollevare l'economia: tutto è stato provato, dal liberismo allo statalismo, sperimentando ogni possibile variante, di destra, di centro e di sinistra.

Esiste uno stretto legame tra guerra e marasma sociale. Il Wall Street Journal annuncia che l'Iran sarebbe intenzionato a sferrare un attacco contro l'Arabia Saudita per compattare il fronte interno. La guerra in Ucraina si ripercuote su tutto il mondo, e la pandemia è tutt'altro che finita. Pochi giorni fa in Cina c'è stata una fuga di massa degli operai dalla fabbrica della Foxconn, a Zhengzhou, in seguito all'annuncio di alcuni casi di contagio. La politica cinese "zero contagi" continua a creare grossi disagi all'economia: appena vengono individuati nuovi casi di Covid-19, vengono bloccati porti, città e interi distretti industriali. D'altronde, il PCC non può tornare indietro facendo mea culpa, e perciò il paese deve continuare quella che Xi Jinping ha definito al Congresso di Pechino la "guerra popolare totale per arrestare la circolazione del virus".

La polarizzazione non la decide qualcuno, è un automatismo che ad un certo punto scatta nella società. In Iran, in seguito all'uccisione di una ragazza accusata di aver indossato il velo in modo sbagliato, si è arrivati ad uno scontro sociale di ampie dimensioni con centinaia di morti, uso di armi contro i manifestanti, scioperi di massa, ecc. Lo stesso avviene con la guerra: si mettono in moto dinamiche che nessuno controlla più, e parte la corsa al riarmo. La borghesia, con i suoi apparati di sicurezza, può anche cogliere per tempo la gravità della situazione, ma non può invertirla e non le rimane che accodarsi a quanto accade. Abbiamo citato già in altra occasione l'economista-capo del Fondo Monetario Internazionale, Pierre-Olivier Gourinchas, che afferma:

"Gli effetti economici della guerra si stanno diffondendo in lungo e in largo, come le onde sismiche che emanano dall'epicentro di un terremoto".

La crisi economica si ripercuote dunque sul piano sovrastrutturale, andando ad intaccare vecchie ideologie e vecchie visioni politiche, che si stanno sgretolando. Anche in Italia assistiamo a fenomeni di polarizzazione e a cambiamenti politici repentini, con la dissoluzione dei partiti socialdemocratici e l'ascesa di forze populiste. E' assurto alle cronache anche un fenomeno strano, quello dagli ambientalisti di "Ultima Generazione" che imbrattano dipinti e bloccano il traffico stradale per sensibilizzare i cittadini sul tema del riscaldamento globale, suscitando reazioni violente da parte degli automobilisti. Questi episodi, al di là delle motivazioni accampate dagli attivisti o da chi li aggredisce, ricordano i fatti riportati dal protagonista del racconto L'anno del diagramma di Robert A. Heinlein: un elenco di comportamenti inspiegabili se non fatti rientrare nel fenomeno della "vita senza senso".

Il fascismo avrà pure perso militarmente la guerra, ma ha vinto economicamente e socialmente estendendosi a tutto il mondo e garantendo una relativa pace sociale per almeno un secolo. Il patto corporativo sta però venendo meno a causa della crisi strutturale del capitalismo. I tempi sociali cambiano troppo rapidamente perché la classe dominante sia in grado di intervenire adeguatamente. E se non ci sono più le briciole da distribuire non resta che la repressione, ma questa acuisce la polarizzazione sociale e determina un'esasperazione dello scontro, che può condurre al dualismo di potere. Lo stato non passa all'offensiva perché è sadico, la borghesia ha tutto l'interesse a tenere buono il proletariato; essa detiene il potere e perciò lo difende, con tutti i mezzi a disposizione. Come scritto in "Precisazioni su Marxismo e miseria e Offensive padronali", "al centro del falso marxismo e al vertice del tradimento sta la teoria della 'offensiva' padronale borghese capitalistica, sia essa dipinta nel campo dello Stato o della azienda, e la sua sporca figlia, la pratica del 'blocco' e del 'fronte unico'".

La teoria dell'attacco padronale serve unicamente a giustificare l'alleanza con una frazione della classe dominante, ritenuta progressista e contro l'altra ritenuta reazionaria. Serve, in ultima analisi, a difendere l'esistente.

Crescono la tensione sociale, l'astensionismo e il disordine internazionale. Ma quando si parla di caos bisogna tenere presente che al suo interno è possibile scorgere un ordine emergente. Chi studia le teorie della complessità sa bene che oggi è riconosciuto il caos deterministico. In natura, oltre ai processi entropici (più probabili), vi sono anche processi neghentropici (meno probabili), come la vita.

I fatti sociali non si spiegano partendo da ciò che gli uomini dicono di sé stessi, ma indagando la struttura materiale della società, e questa ci dice che in un contesto di miseria assoluta crescente un senso di disagio profondo sta mobilitando sia coloro che hanno già perso qualcosa, sia coloro che temono di perdere qualcosa ("Rivolta contro la legge del valore").

Il disagio contagia a pari titolo trumpisti e antitrumpisti, sostenitori di Lula e di Bolsonaro, mobilita tutte le classi ed è il portato di un modo di produzione che non funziona più, che fatica a riprodurre i rapporti di produzione capitalistici. La direzione di questo movimento è data da precise determinazioni storiche, che sono state esposte da Marx ed Engels nel Manifesto dei Comunisti: la storia umana è storia di lotte di classi, la prossima classe protagonista del cambiamento sarà il proletariato, che oggi è composto da circa due miliardi di salariati nel mondo, e a cui vanno aggiunti gli inoccupabili, una massa enorme di senza riserve.

Gli atomi sociali si muovono freneticamente, fibrillano come un gas surriscaldato, perché sentono che stanno perdendo delle garanzie. Si sta dissolvendo la militanza nelle vecchie strutture politiche e sindacali (in Italia sono pensionati la maggioranza degli iscritti a CGIL e CISL, e un quarto di quelli alla UIL), ritenute non più rispondenti alla difesa dei propri interessi. Il vecchio modo di intendere la militanza è stato messo in discussione del tutto spontaneamente da Occupy Wall Street, che non distribuiva tessere ai suoi partecipanti, non aveva una gerarchia di tipo piramidale, non voleva leader e aveva voltato le spalle al parlamento. La community che si era venuta formando aveva una struttura leggera, a rete, estremamente mobile, con contorni sfumati ma allo stesso tempo in grado di organizzare scioperi, media center e darsi canali di comunicazione internazionali. OWS ha rappresentato un saggio di futuro: da quel livello non si può tornare indietro, si può solo andare avanti.

Articoli correlati (da tag)

  • Insieme ibrido

    Durante la teleconferenza di martedì sera, connessi 20 compagni, abbiamo parlato dello scontro bellico in corso in Ucraina e delle sue conseguenze a livello internazionale.

    Il governo di Zelensky e i media occidentali hanno celebrato la riconquista della città di Kherson da parte dell'esercito ucraino in seguito alla ritirata dei Russi verso est, ma hanno cantato vittoria troppo presto. Il 15 novembre scorso la Russia ha sferrato un attacco missilistico, con oltre 100 razzi, che si è abbattuto sulle infrastrutture energetiche del paese, causando l'interruzione della fornitura elettrica in alcune città. Leopoli è rimasta senza elettricità e riscaldamento. In serata un paio di missili sono caduti in Polonia, vicino al confine con l'Ucraina, facendo scattare l'allarme nelle capitali occidentali dato che il paese dell'Europa centrale fa parte della NATO e l'articolo 5 del Trattato Nord Atlantico sancisce che un attacco armato contro uno stato membro è un attacco contro tutti.

  • Il piede sull'acceleratore

    La teleriunione di martedì 8 novembre, a cui hanno partecipato 16 compagni, è iniziata con alcune considerazioni riguardo la situazione politica e sociale negli USA.

    Con le elezioni di midterm si rinnovano le due Camere del Congresso, il Senato e la Camera dei Rappresentanti. Si rinnovano quindi i 435 deputati e 35 dei 100 senatori, oltre a 36 governatori su 51. Diversi analisti politici descrivono una condizione di caos montante a causa della polarizzazione della società americana. La corrente a cui facciamo riferimento, nell'articolo "Raddrizzare la gambe ai cani" del 1952, diceva che il mondo borghese "cadrà in crisi se vi cade il formidabile sistema capitalistico con centro a Washington, che controlla i cinque sesti dell'economia matura al socialismo, e dei territori ove vi è proletariato salariato puro. La rivoluzione non potrà passare che da una lotta civile nell'interno degli Stati Uniti, che una vittoria nella guerra mondiale prorogherebbe di un tempo misurabile a mezzi secoli."

    Dopo la Seconda guerra mondiale, nel piccolo raggruppamento di internazionalisti con base in Italia esistevano pruriti attivistici e alcuni pensavano di riproporre, tale e quale, la dinamica vista dopo il primo conflitto mondiale con la formazione del PCd'I. Bordiga sosteneva che alla data del 1920-1921 la Russia e l'Internazionale avevano dato tutto quello che potevano dare, e che quindi già all'epoca la situazione in Occidente era tutto fuorché rivoluzionaria; era perciò impossibile che nel secondo dopoguerra si ripresentasse qualcosa di simile agli anni '20, anche perché, nel frattempo, sistemi capitalistici come quello americano avevano impiantato basi militari ovunque (in primis in Italia e Germania), rinsaldando il loro dominio sul globo terracqueo. La rivoluzione, si diceva, era possibile solo quando sarebbe collassato quel sistema di potere, era quindi prioritario per i comunisti un "laborioso bilancio del disastro controrivoluzionario da esaminare, intendere ed utilizzare ad un totale riordinamento".

  • Guerra integrata

    La teleconferenza di martedì sera, presenti 17 compagni, è iniziata commentando le ultime notizie riguardo alla guerra in Ucraina.

    Trenta deputati del partito democratico americano hanno inviato una lettera al presidente Joe Biden con la richiesta di "raddoppiare gli sforzi per cercare un quadro realistico per un cessate il fuoco". I dem invitano l'amministrazione in carica a cambiare radicalmente la strategia sulla guerra in Ucraina, e sollecitano negoziati diretti con la Russia. I redattori della missiva sono una minoranza, ma questa iniziativa potrebbe determinare una spaccatura all'interno del partito proprio a ridosso delle delicate elezioni di midterm, quando è probabile che la maggioranza del Congresso passi ai repubblicani e che perciò l'approccio americano verso il conflitto in corso cambi. Una settimana fa il leader del Grand Old Party alla Camera, Kevin McCarthy, ha detto che in caso di vittoria del suo partito alle elezioni di medio termine "non ci saranno più assegni in bianco per Kiev".

    Il fronte esterno di guerra influenza quello interno, e viceversa. Tutto va inquadrato alla luce della tensione sociale crescente negli Stati Uniti, anche per l'affare Trump. Sono infatti passate in sordina le perquisizioni dell'FBI nella casa dell'ex presidente, accusato di aver "volontariamente sottratto carte relative alla sicurezza nazionale Usa... nascosto o sottratto documenti pubblici" e "ostruito un'indagine federale". Gli apparati statali americani, che non sono così unitari come sembra, temono probabilmente che un'eventuale incriminazione di Trump per i fatti del 6 gennaio a Capitol Hill potrebbe scatenare movimenti di piazza da parte dei suoi sostenitori, i quali il più delle volte sono armati. Sui media americani si registra una certa apprensione verso certi eventi, come appunto le elezioni di midterm, che possono fare da catalizzatori per una resa dei conti tra gli opposti schieramenti.

Rivista n°51, giugno 2022

copertina n°51

Editoriale: La guerra che viene

Articoli: Guerra in Europa
Appendice 1. La Quarta Guerra Mondiale
Appendice 2. La sindrome di Yamamoto
Guerra di macchine
Wargame - parte seconda

Doppia direzione: Considerazioni sulla pandemia

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email