Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  29 novembre 2022

Questa forma sociale mette a repentaglio la vita umana

La teleconferenza di martedì sera, a cui si sono connessi 17 compagni, è cominciata con il commento di alcune notizie riguardo al conflitto russo-ucraino.

Il principale supporter militare dell'Ucraina, gli USA, stanno terminando le munizioni per l'artiglieria pesante. A quanto pare, dal punto di vista delle scorte, gli Americani sono messi peggio dei Russi. Viene in mente quanto successo durante la Guerra del Kippur quando si è raggiunto il massimo indice di consumo dei materiali bellici. Allo stato attuale, si sta combattendo una guerra con le armi di quella precedente, ma non bisogna farsi ingannare dalle apparenze: ne sono già in cantiere di nuove come, ad esempio, i missili ipersonici (capaci di raggiugere velocità superiori a mach 5, cinque volte la velocità del suono) che, qualora fossero impiegati, trasformerebbero lo scenario bellico in termini di intensità ed estensione.

Un altro cambiamento rispetto al passato è rappresentato dalla guerra elettronica, si pensi al virus informatico Stuxnet, ideato da Americani e Israeliani per sabotare l'impianto di arricchimento di Natanz in Iran, oppure al recente cyberattacco iraniano contro lo stato albanese. Questo tipo di attacchi, anche se virtuali, producono danni fisici e possono mettere in ginocchio un paese.

Come abbiamo scritto nel volantino "La Quarta Guerra Mondiale", se non si blocca al suo scatto, "la guerra delle macchine, dei sistemi e dell'informazione prenderà il sopravvento e gli uomini diventeranno delle loro protesi, come del resto è già successo in fabbrica."

La guerra d'oggi è ibrida, si combatte su più livelli: informazione, elettronica, politica, energia, economia, ecc. I danni provocati dai Russi alle infrastrutture energetiche ucraine stanno letteralmente congelando il paese, lasciando milioni di persone senza luce, riscaldamento e acqua corrente. Ci sono stati blackout estesi anche in Moldavia, paese confinante con l'Ucraina.

Ma anche l'Europa rischia di rimanere al freddo se la guerra si protrarrà a lungo. L'Economist ("Europe faces an enduring crisis of energy and geopolitics", 24.11.22) nota che l'arma energetica di Vladimir Putin sta provocando effetti ben oltre l'Ucraina: i modelli suggeriscono che, in un inverno normale, un aumento del 10% dei prezzi dell'energia è associato a un aumento dello 0,6% dei decessi. Quindi, la crisi energetica di quest'anno potrebbe causare oltre 100.000 morti in più, soprattutto anziani, in tutta Europa.

Stiamo vivendo una transizione di fase nel modo di fare la guerra. Il generale prussiano von Clausewitz sosteneva che la difesa è più forte dell'attacco e oggi tale principio vale molto di più rispetto all'epoca in cui è stato formulato. Con le tecnologie moderne in dotazione agli eserciti, l'attaccante emette segnali che possono essere captati da chi è sulla difensiva. Attraverso l'uso dei radar chi entra in azione può essere intercettato dal nemico.

Nella guerra moderna carrarmati e navi sono visibili dai satelliti, e in mare queste ultime non si possono mimetizzare. Se verranno utilizzati i missili ipersonici, le prime ad essere polverizzate saranno proprio le flotte. Anche il soldato si è macchinizzato e assomiglia sempre di più ad un cyborg. E comunque, il pulsante che fa partire un missile da un drone si trova al di là dell'Oceano, in qualche base militare, come mostrato nel film Good Kill (2014).

Nella guerra in Ucraina la Russia ha adottato la dottrina Tuchačevskij: ha fatto una blitzkrieg, arrivando alle porte di Kiev, e adesso si è attestata sulla difensiva. Ha occupato posizioni in suolo ucraino da cui sarà molto difficile scalzarla. Detto questo, è ovvio che nei programmi russi ci dev'essere qualcosa di più che la semplice annessione di qualche pezzo di Ucraina. Non sarebbe spiegabile altrimenti un tale dispendio di risorse umane, economiche e militari.

Un altro aspetto della guerra ibrida globale riguarda la questione del "fronte interno": se crolla questo, lo stato non funziona più. Sono molti i paesi a rischio, a cominciare dalla Cina, alle prese con le proteste contro i lockdown nello Xinjiang, a Shanghai, Pechino, Chengdu, Wuhan e Guangzhou, sintomo di un disagio più profondo verso lo stato di cose presente.

Il governo cinese sta mostrando segni di sbandamento nella gestione del Covid ("China's response to a surge in covid-19 cases is muddled", The Economist, 24.11.22). Recentemente ha concesso allentamenti nei blocchi, ma poi l'aumento dei contagi ha portato a nuove restrizioni alla libertà di movimento. Una confusione strategica che potrebbe provocare problemi di tenuta sociale. Come riporta il Corriere della Sera ("Proteste in Cina per il Covid: Xi Jinping non ha una strategia di uscita: ecco perché", 28.11.22):

"Gli epidemiologi calcolano che se ora la Cina decidesse di seguire la strategia del resto del mondo il risultato sarebbe disastroso: i contagi salirebbero a 363 milioni nel giro di sei mesi, perché il coronavirus ha circolato poco e quindi una bassa percentuale della popolazione cinese ha sviluppato livelli efficaci di anticorpi; il sistema ospedaliero della Cina crollerebbe. I morti in sei mesi sarebbero 620 mila, secondo le proiezioni basate sull'esperienza di Taiwan che ha abbandonato la politica dei lockdown stretti e ora è uscita dal tunnel con 11 mila morti in totale."

Forse è presto per fare un parallelo con la rivolta di Piazza Tienanmen, però l'aumento della disoccupazione giovanile (soprattutto tra i laureati) è un fattore destabilizzante per il gigante asiatico, che deve fare i conti con una crescita più lenta del PIL e di conseguenza con la diminuzione di nuovi posti di lavoro.

Marasma sociale e guerra crescono un pò ovunque. Limes definisce Caoslandia la fascia di mondo dove le economie sono in crisi, gli stati prossimi al collasso e dove imperversano guerre civili. La mappa geopolitica è in continuo aggiornamento e tale fascia si sta visibilmente allargando. È da ricordare inoltre, come riporta la rivista di geopolitica italiana, che il continente africano, facente parte a pieno titolo di Caoslandia, ha una popolazione giovane ed è demograficamente in espansione.

Non si può tornare indietro, il vecchio ordine internazionale non ritornerà. L'economia è interconnessa e la crisi di un paese si ripercuote immediatamente sugli altri, basti pensare alla rivolta operaia nello stabilimento Foxconn a Zhengzhou, che potrebbe compromettere la distribuzione degli iPhone in Occidente a ridosso delle festività natalizie.

Abbiamo poi parlato dei mondiali di calcio in Qatar, un inno allo sciupio capitalistico: migliaia di morti tra gli operai impiegati nella costruzione degli stadi e uno sfruttamento bestiale della forza-lavoro migrante (si stima che in due milioni siano arrivati nel paese della penisola araba per trovare occupazione). Per garantire che non ci siano problemi, è stata predisposta la massiccia militarizzazione dell'evento sportivo. Dissipazione umana e ambientale massima, come dimostra l'enorme spreco di energia per la desalinizzazione dell'acqua di mare:

"Per il mantenimento di un singolo campo nei mesi di novembre e dicembre – quando le temperature in Qatar si aggirano intorno ai 20-25 gradi, anziché agli oltre 40 dell'estate – sono necessari 10mila litri d'acqua al giorno. E in totale il Qatar ha 144 campi per il mondiale. A tutto questo va aggiunto che far arrivare acqua nel deserto non è facile: la desalinizzazione dell'acqua di mare richiede molta energia e quasi il 100 per cento dell'elettricità del paese proviene da petrolio e gas." ("No, i mondiali in Qatar non saranno sostenibili", Wired, 20.11.2022).

Abbiamo concluso la teleconferenza commentando la catastrofe "naturale" accaduta nei giorni scorsi nell'Isola d'Ischia, dove una frana ha travolto il comune di Casamicciola provocando diversi morti e feriti. Tale avvenimento rientra tra quelli che la Sinistra Comunista ha definito i "drammi gialli e sinistri della moderna decadenza sociale". L'isola ha subito un'eccessiva edificazione (business del turismo), che non ha tenuto conto delle caratteristiche idrogeologiche del suolo. Inoltre, fino a qualche decennio fa, la montagna era coltivata, e i terrazzamenti agricoli avevano anche la funzione di rallentare il corso dell'acqua. Ora, gli eventi atmosferici estremi aggravano il tutto; ma non è la natura a vendicarsi, come afferma qualche giornalista, è questa forma sociale che mette a repentaglio la vita umana.

Articoli correlati (da tag)

  • Curve inesorabili

    Durante la teleriunione di martedì sera, presenti 19 compagni, abbiamo commentato alcuni articoli sul calo demografico in Cina (meno 850 mila abitanti alla fine del 2021).

    Attualmente il pianeta Terra ospita oltre 8 miliardi di abitanti e il punto di flesso è previsto entro il 2100 (vedi curve presenti in "Un modello dinamico di crisi"). Negli ultimi anni in tutti i continenti, Africa compresa, l'età media della popolazione è cresciuta, e in maniera più marcata in Giappone e nell'Europa occidentale. Nell'articolo "Malthusianesimo ricorrente e tenace" abbiamo scritto: "Il boom demografico dei paesi in via di sviluppo è dovuto alla disponibilità di merci a basso prezzo e quindi alla rottura di antichi equilibri, mentre nei paesi a vecchio capitalismo si accentua il fenomeno della sovrappopolazione anche in presenza di una stagnazione demografica". Se, ad esempio, il miracolo economico cinese è stato anche il risultato della politica del figlio unico portata avanti dal governo, è vero anche che le nuove generazioni hanno adesso l'onere di sobbarcarsi il peso delle generazioni precedenti. Il sistema pensionistico cinese, come d'altronde quello dei paesi occidentali, è destinato a collassare, con tutte le conseguenze del caso. Avere più genitori che figli è un vantaggio quando i figli sono piccoli, ma è uno svantaggio quando i genitori invecchiano. Il principale fondo pensionistico cinese potrebbe esaurire i suoi fondi entro il 2035.

  • Grandi dissoluzioni in atto

    La teleriunione di martedì sera, a cui hanno partecipato 20 compagni, è iniziata con il commento delle notizie provenienti dal Brasile riguardanti l'assalto ai palazzi delle istituzioni ad opera dei sostenitori dell'ex premier Jair Bolsonaro.

    Le manifestazioni anti-Lula, sfociate nell'irruzione nel Parlamento, nel palazzo presidenziale e in quello della Corte Suprema a Brasilia, sono il frutto di una spaccatura che da anni segna il paese sudamericano e che negli ultimi mesi, almeno dall'ottobre del 2022, si è esacerbata. Le ragioni alla base della profonda divisione sociale sono molteplici, e sono di carattere politico, geografico, di classe e finanche religioso (vedi crescita dei movimenti evangelici). In entrambe le tifoserie ci sono masse di uomini preoccupate per il proprio futuro, che al sud chiedono più liberismo e al nord un intervento statale di maggiore portata. Da una parte c'è chi ha paura di perdere ciò che ha conquistato in questa forma sociale, dall'altra chi ha poco e non vuole precipitare ancora più in basso.

    Si è dunque verificato uno scontro sociale che si è riflesso all'interno dello stato brasiliano, il quale fatica a mantenere il controllo della società. In generale, lo Stato è sempre meno capitalista collettivo e sempre più struttura contesa tra cordate capitalistiche e apparati in lotta gli uni con gli altri. Questo vale per il Brasile come per gli Stati Uniti, che hanno già sperimentato l'assalto a Capitol Hill da parte di gruppi di manifestanti trumpisti in protesta contro il risultato delle urne. Forse gli anelli deboli della catena imperialistica sono proprio gli stati federali, quelli in cui gli stati membri in situazioni di forte crisi tendono a rivendicare maggiore sovranità.

  • La madre di tutte le crisi

    La teleconferenza di martedì 13 dicembre, a cui hanno partecipato 18 compagni, è cominciata dal commento delle notizie riguardo l'esperimento di fusione nucleare condotto nel californiano Lawrence Livermore National Laboratory (LLNL). Secondo alcuni giornalisti, gli scienziati americani sarebbero riusciti a riprodurre sulla Terra ciò che accade sul Sole e nelle altre stelle.

    La fusione nucleare sprigiona un'energia di gran lunga maggiore rispetto a quella ottenuta da petrolio o gas, per di più inquinando molto meno. Potrebbe dunque rappresentare una boccata d'ossigeno per il capitalismo, una via d'uscita alla sua crisi energetica; però, si stima che occorreranno almeno trent'anni per avere i primi reattori e l'attuale modo di produzione non ha a disposizione tutto questo tempo ("Un modello dinamico di crisi": "con i parametri attuali, il sistema collasserà intorno al 2030 o anche prima"). Al di là degli annunci trionfalistici sul rapporto energia immessa/energia ricavata (sarebbero stati generati circa 25 megajoule di energia utilizzando un impulso laser di poco più di 20 megajoule), siamo ancora ben lontani da un bilancio positivo se teniamo conto dell'energia complessiva utilizzata, e non solo di quella dei raggi laser usati per avviare i processi di fusione.

Rivista n°52, dicembre 2022

copertina n°52

Editoriale: Niente di nuovo sul fronte orientale

Articoli: La malattia non esiste, parte prima - Un sistema che ingegnerizza sé stesso? - La riduzione dell'orario di lavoro non è più un tabù

Rassegna: L'ennesima conferenza sul clima - Polarizzazione crescente - Pericolose tempeste"

Recensione: Gaia, le macchine autoreplicanti e l'intelligenza collettiva

Doppia direzione: Più "avanzato" lenin o Bogdanov? - Cooperazione e sostegno

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email