Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  4 aprile 2023

Guerra o cooperazione?

La teleriunione di martedì sera, a cui si sono collegati 16 compagni, è cominciata con il commento dell'ultimo numero dell'Economist, che rappresenta in copertina i due pesi massimi USA e Cina intenti a combattere un match di pugilato ("Why the China-US contest is entering a new and more dangerous phase"). La preoccupazione del settimanale inglese riguarda il fatto che la ricerca del dominio militare intorno ad alcuni punti critici, come ad esempio Taiwan, provochi incidenti o scontri che possano sfuggire al controllo innescando processi catastrofici.

È notizia di questi giorni l'accordo tra le banche centrali di Brasile e Cina che consentirà ai due paesi di utilizzare le loro valute per gli scambi commerciali, bypassando l'uso del dollaro. In Rete circolano articoli di elementi di sinistra che valutano tale intesa come epocale, dato che aprirebbe la possibilità di una biforcazione storica: "di fronte alla crisi del ruolo dominante degli Usa dobbiamo scatenare la terza guerra mondiale o dobbiamo ricercare una nuova cooperazione tra i popoli e i paesi?" ("Brasile e Cina, perché l'accordo monetario che estromette il dollaro può sconvolgere il mondo", Paolo Ferrero)

In realtà, in regime capitalistico una cooperazione tra tutti gli stati è impossibile, così com'è impossibile la cooperazione tra tutte le aziende: la concorrenza non lo permette. Restando all'interno della presente forma sociale, non c'è soluzione alle contraddizioni che essa genera: "A causa della proprietà e dei confini nazionali ci sarà sempre la corsa al maggior accaparramento, la concorrenza sui mercati, l'utilizzo di eserciti regolari e irregolari, insomma la guerra fra capitalisti con qualunque aspetto essa si manifesti." ("Super-imperialismo?")

Tra i "comunisti" vi è chi semina confusione facendo credere che l'appoggio a una coalizione di paesi contro l'altra, in questo caso per superare l'unipolarismo americano e sostituirvi un ordine internazionale basato sul multilateralismo, rappresenti un'alternativa reale. Per i filocinesi non si tratterebbe di "generare ulteriori poli di potere – sulla scia degli Stati Uniti – e costruire un mondo 'multipolare'; la Cina e i paesi in via di sviluppo chiedono un ordine mondiale 'multilaterale' radicato nella Carta delle Nazioni Unite, nonché forti sistemi di sviluppo e commercio regionale (BRICS, SCO, CELAC, ecc.)." ("Le proposte della Cina per un ordine internazionale alternativo a quello occidentale", Alessandro Scassellati)

Secondo queste analisi, la Cina starebbe cercando di dare una risposta ai cambiamenti del mondo in un'ottica di coesistenza tra stati e di sviluppo pacifico dei popoli. Non ci resta che constatare che la partigianeria per l'uno o per l'altro fronte borghese, sia esso americano, russo o cinese, non è per niente finita.

Più che di un nuovo equlibrio globale, bisognerebbe parlare di disordine mondiale montante. In un'intervista televisiva il direttore di Limes Lucio Caracciolo afferma che con la guerra in corso in Ucraina "si è rotto qualcosa di più di un ordine internazionale". Alcuni esempi di caos nel mondo sono: l'incriminazione di Donald Trump da parte della procura di Manhattan; lo sciopero delle ambasciate israeliane e la minaccia di ammutinamento di pezzi dell'esercito contro la cosiddetta legge salva-Netanyahu; gli scontri in Francia in seguito alla riforma delle pensioni; l'appello lanciato da Elon Musk e firmato da mille accademici ed esperti per chiedere una moratoria di sei mesi all'addestramento delle AI generative come ChatGpt, perché "potrebbe sfuggire dal controllo dei suoi creatori". Temi apparentemente scollegati, ma a ben vedere tutti prodotti da un sistema che non ha più la vitalità di prima.

Ritornando al conflitto sino-americano, è in corso un dibattito che verte sulla possibilità o meno dello scontro bellico tra Cina e USA, e chi tende a negare tale evenienza accampa la motivazione che una guerra del genere avrebbe un esito fatale per l'umanità. I sostenitori di questa tesi dimenticano, però, che anche il collasso del capitalismo avrebbe effetti analoghi (vedi interruzioni delle catene logistiche che riforniscono le metropoli) in mancanza di un partito rivoluzionario che traghetti l'umanità da n a n+1.

Sulla rivista abbiamo scritto che il wargaming non è più un semplice gioco da molto tempo. Possiamo dire con una certa sicurezza che va considerato come un'arma immateriale, così come è un'arma immateriale il software che controlla le armi moderne e permette loro di funzionare. Elenchiamo quindi alcuni punti per costruirci un wargame utile per capire l'evoluzione della situazione geopolitica mondiale, e vediamo alcuni scenari che potrebbero verificarsi.

- Gli USA non possono più espandersi, hanno già impiantato 800 basi in giro per il mondo, hanno bisogno di alleati che combattano per loro (proxy war) e pertanto l'Europa sarà coinvolta più di quanto non lo sia già oggi nella "politiguerra" americana.

- L'Oceano Pacifico è difficile da controllare, e la Cina sta conquistando un'influenza costruendo isole artificiali nel Mar Cinese Meridionale. Essa ha percorso in modo frenetico e a tappe forzate tutto il cammino che la distanziava dagli altri paesi a vecchio capitalismo, ed ora che sperimenta la fase senile del capitalismo si ritrova chiusa nell'Indopacifico. Deve difendere il proprio territorio e, allo stesso tempo, proiettarsi al di fuori di esso. Ha già conquistato pezzi d'Africa necessari per la produzione di cibo, e adesso stabilisce rapporti stretti con il Sud America. Il mondo capitalistico si gioca tutto sulla questione dell'alimentazione, dal controllo delle derrate agricole a quello dell'acqua.

- E' dal 1904, da quando Halford Mackinder formulò una teoria geopolitica basata sullo sviluppo raggiunto dall'imperialismo a guida inglese, che sappiamo che il cuore del mondo è collocabile nell'Eurasia. Nell'articolo "Guerra in Europa", commentando le teorie del geografo inglese, abbiamo scritto che "il controllo degli oceani tramite una flotta possente non poteva durare per sempre, e prima o poi sarebbe stato necessario far scendere i marinai dalle navi. Gli oceani sono una buona strada per collegare i continenti e riempirli di merci, ma sono di per sé deserti, mentre i continenti brulicano di vita. L'acqua è un mezzo, la terra è uno scopo."

- La borghesia ha prodotto conoscenza per l'umanità, utile anche ai comunisti. La geopolitica, infatti, è una disciplina che studia le relazioni che intercorrono tra politica, economia, storia e territorio al fine di tracciare previsioni politiche e militari ("Il pianeta è piccolo", 1950). Oggi, rispetto alla geopolitica della tradizione, che si basa su idee (e quindi teorie), abbiano mezzi nuovi che ci permettono di fare potenti simulazioni al computer.

- Dal punto di vista della produzione di merce e degli scambi, gli USA sono già potenzialmente superati dalla Cina. Secondo un focus di BNP Paribas, nei primi nove mesi del 2021 la Cina (insieme a Hong Kong) ha consolidato la posizione di leader tra gli esportatori arrivando a gestire il 18% dell'export mondiale (dal 16,2% del 2020), ma soprattutto allungando la distanza dagli Stati Uniti (la cui quota è scesa dall'8,8 all'8%) e dalla Germania (passata dal 7,9 al 7%).

- Gli USA hanno ancora la supremazia militare, ma nel campo dell'intelligenza artificiale la Cina sta facendo passi da gigante. Sono infatti americani e cinesi i due grandi gruppi multinazionali (GAFAM: Google, Apple, Facebook, Amazon, Microsoft, e BATX: Baidu, Alibaba, Tencent, Xiaomi), che hanno destinato decine di miliardi di dollari allo sviluppo di questo settore.

- La Russia fa da cuscinetto tra America e Cina ma lo scontro decisivo tra i due colossi non potrà essere rimandato a lungo. Secondo la maggior parte delle stime, entro il 2030-2035 l'economia cinese avrà superato quella degli Stati Uniti.

- Se l'America non riesce a reagire, ad invertire la tendenza storica, rischia di diventare il mercato interno della Cina, ma per adesso non è possibile stabilire chi vincerà questo braccio di ferro. Una cosa però è certa: con il maturare dei conflitti matureranno le condizioni per una catastrofe dell'intero sistema capitalistico.

- La Cina, a differenza dell'America, non svolge un ruolo semplicemente conservativo, ma propone un grande piano per il futuro, la Nuova Via della Seta, un ambizioso progetto di integrazione teso a favorire investimenti internazionali e aumentare gli sbocchi commerciali per le produzioni cinesi. L'obiettivo è la formazione di un'economia eurasiatica guidata da Pechino.

La Sinistra Comunista "italiana" ha sempre avuto una visione sistemica del divenire rivoluzionario, basata sulla convinzione che non vi è differenza tra scienze fisiche e scienze sociali, e le sue lezioni ci hanno permesso di non rimanere invischiati nelle innumerevoli partigianerie, ovvero negli schieramenti borghesi, difendendo invece gli interessi generali del proletariato. Pensiamo al pluridecennale conflitto israelo-palestinese: se molti sinistri vedono Israele come uno stato colonialista, la nostra corrente ha inteso la sua nascita come "l'impianto di una moderna repubblica borghese" che sbloccava rapporti sociali pietrificati e avviava, in una zona arretrata, processi accelerati di industrializzazione ("La crisi del Medio Oriente", 1955). I comunisti si schierano con una borghesia solo quando questa è impegnata in una rivoluzione nazionale contro il feudalesimo o altri antichi modi di produzione. In tutti gli altri casi la consegna è: disfattismo ("Il vicolo cieco palestinese").

Fare schemi e modelli è fondamentale per capire come funziona il mondo e poter fare delle previsioni, e questo è chiaro per la Sinistra almeno dalle Tesi sulla tattica del PCd'I (Roma, 1922), che sono un sofisticato wargame giocato senza scacchiera o computer ("Wargame. Non solo un gioco").

Articoli correlati (da tag)

  • La potente difesa del programma

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con un breve report della conferenza tenuta a La Spezia lo scorso sabato 1° giugno. L'impressione che abbiamo avuto è stata positiva, sia perché ci siamo incontrati tra compagni di diverse località, sia perché abbiamo avuto modo di presentare la rivista.

    Si è passati poi a commentare "Il ciclo storico del dominio politico della borghesia", facente parte delle Tesi del dopoguerra, una potente difesa del programma comunista. È sempre utile rileggere i testi della Sinistra perché si prestano a molteplici collegamenti con il presente e il futuro. Se nel testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica", analizzato la scorsa settimana, si tratta maggiormente l'aspetto materiale dello sviluppo del capitalismo, in questo viene esaminato l'aspetto politico-organizzativo del dominio di classe della borghesia.

    Lo scontro armato che portò alla vittoria della classe borghese su quella feudale fu anche battaglia di idee e teorie. Le classi feudali costruivano la loro sovrastruttura dottrinale su categorie immutabili, come ad esempio la religione; la nascente borghesia mette in discussione tutte le concezioni tradizionali e proclama, contro il dominio dell'autorità, quello della ragione umana. La borghesia impone una nuova impalcatura ideologica che si basa su libertà, eguaglianza e fraternità.

    Nel filo del tempo "Fiorite primavere del Capitale" viene affrontato il tema dei motori, degli attori, dei militi e degli stili delle rivoluzioni. Gli utensili vivi che combattono per la vittoria della rivoluzione borghese non sono coloro che ne beneficiano direttamente. I grandi commercianti e le classi privilegiate non lottano sul campo per la propria rivoluzione, mentre la lotta materiale viene portata avanti dalla massa composta da "garzoni di bottega, lavoratori delle prime manifatture, modesti artigiani, soldati senza ingaggio", ecc.

  • Chiusura di un ciclo storico

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con il commento del testo "Il ciclo storico dell'economia capitalistica" (Prometeo n. 5 del 1947), nel quale si dimostra che il capitalismo nasce all'interno della società feudale, e che è possibile delineare una dinamica storica che va dalla bottega artigiana alla manifattura, fino alla fase senile del capitalismo in cui la finanza domina l'industria.

    Ad un certo grado di sviluppo delle forze produttive si verifica una scissione tra chi detiene i mezzi di produzione, i datori di lavoro, e gli operai, che non sono più padroni del prodotto del loro lavoro. L'artigiano, che precedentemente poteva compiere tutte le operazioni utili alla produzione, viene sostituito da un operaio complessivo (lavoro associato) che è la somma di tanti operai parziali. La figura unitaria dell'artigiano si sdoppia: appaiono sulla scena storica il capitalista e il salariato. All'interno della vecchia società maturano gli elementi della nuova, e questo vale anche per la prossima rivoluzione, che sarà a titolo umano. Giunto il capitalismo alla sua fase suprema, l'imperialismo, la stessa figura dell'imprenditore, quello che veniva chiamato padrone, praticamente non esiste più, sostituito da funzionari lautamente stipendiati oppure addirittura da algoritmi.

  • Terremoti naturali, economici e sociali

    La teleriunione di martedì sera è iniziata con alcune considerazioni riguardo l'emergenza nei Campi Flegrei, a ovest della città di Napoli, dove da giorni si susseguono scosse di terremoto.

    L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nota che l'area flegrea è soggetta a bradisismo (movimento lento del suolo), e non si possono escludere altri eventi sismici di energia analoga o superiore a quanto già registrato durante lo sciame sismico in corso. I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta "caldera", cioè un'area ribassata di forma quasi circolare che si è formata per effetto di eruzioni esplosive del passato. Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Nature, si prefigurano tre possibili scenari: 1) un fenomeno di equilibrio in cui il sollevamento del suolo rallenta fino ad assestarsi, 2) un fenomeno di oscillazione per cui il suolo sale e scende, 3) un sollevamento continuo che porta la crosta superiore a rompersi completamente. La situazione è dunque rischiosa per tutta l'area, soprattutto perché si tratta di una delle zone più densamente abitate d'Italia. Un vulcano su dieci, tra quelli storicamente attivi sul pianeta, è una grande caldera di oltre 5 km di diametro. Spesso si verificano diversi episodi sismici nel corso di decenni prima che questo tipo di vulcano esploda; tali episodi appartengono ad un'unica sequenza evolutiva, per cui il comportamento di ciascun evento dipende dall'effetto cumulativo dei suoi predecessori.

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email