Informazioni aggiuntive

  • Resoconto teleriunione  18 luglio 2023

La fragilità delle catene logistiche

La teleconferenza di martedì sera, a cui hanno partecipato 18 compagni, è iniziata parlando degli scioperi negli Stati Uniti.

A fine luglio scade il contratto dei teamsters della UPS. Le trattive per il rinnovo si sono rotte e c'è la possibilità che dal primo agosto incrocino le braccia i 340mila lavoratori del gigante della logistica. Lo sciopero verrebbe organizzato dall'International Brotherhood of Teamsters (IBT), lo storico sindacato dei camionisti che, pur avendo avuto in passato dirigenze colluse con la mafia (Jimmy Hoffa), ha espresso in più occasioni una base militante pronta allo scontro con i datori di lavoro ("I sedici giorni più belli"). Il 97% degli iscritti all'IBT ha votato a favore dello "strike" qualora le loro richieste non vengano accettate (aumenti salariali, sicurezza, ecc.), e ciò potrebbe portare a una interruzione della catena di approvvigionamento con un effetto domino sull'intera economia del paese. Come nota USA Today, l'ultima volta che i lavoratori della UPS hanno scioperato, nel 1997, meno dell'1% delle vendite totali del commercio al dettaglio proveniva dagli acquisti online. Si stima che negli USA siano più di un milione i lavoratori impiegati nel settore della logistica, più del doppio rispetto ad allora.

Siamo entrati nell'economia "zero stock", che consiste nel ridurre al minimo il numero di scorte in magazzino. Come abbiamo scritto nell'articolo "Contributo per una teoria comunista dello Stato", andando indietro fino al neolitico notiamo una simmetria: comunismo avanzato/comunismo originario, zero scorte, zero magazzino, ogni prodotto reso "intelligente" interagisce con tutta la struttura a sua volta diventata intelligente. Nel capitalismo, se il flusso della merce si interrompe, insorgono immediatamente dei problemi. Con la produzione just in time la continuità delle operazioni produttive/distributive è fondamentale. Secondo Forbes, 24 milioni è il numero di pacchi che UPS consegna ogni giorno.

L'establishment ha i fari puntati su questa vertenza perché le azioni di UPS sono in mano ad aziende quotate in borsa (Vanguard Group, BlackRock), perciò gli esiti del braccio di ferro riguardano direttamente Wall Street. Capitale anonimo e governo americano sono i principali referenti di questa vertenza. Secondo un report della società di consulenza Anderson Economic Group, uno sciopero alla UPS di dieci giorni sarebbe il più costoso da almeno un secolo, e porterebbe alla perdita di circa sette miliardi di dollari.

Anche Occupy Wall Street è scesa in campo chiamando all'azione per il prossimo 1° agosto e spingendo per unire la lotta UPS con lo sciopero dei lavoratori di Hollywood, uno dei più grandi del settore. Sulle pagine Facebook e Twitter di OWS c'è anche un riferimento al sindacato degli scrittori WGA e a quello degli attori SAG-AFTRA (che ne rappresenta più di 160.000). Vi è un chiaro processo di proletarizzazione di comparti che una volta erano garantiti. C'è fermento anche nell'industria automobilistica: "le tre principali case automobilistiche (General Motors, Ford e Stellantis) hanno iniziato difficili trattative contrattuali con il sindacato degli operai (United Auto Workers) prima della scadenza degli attuali accordi sindacali quadriennali, prevista per metà settembre." (VNY)

Dallo scoppio della pandemia in poi sono successe molte cose negli USA: a New York è nato il primo sindacato dei lavoratori di Amazon, migliaia di lavoratori di Starbucks sono scesi in sciopero, c'è stato il fenomeno delle "grandi dimissioni" e la concomitante crescita della pagina r/antiwork. Nel paese si stanno modificando rapporti profondi tra capitale e lavoro, e ciò incide sulle dinamiche salariali. Gli economisti fanno notare che c'è una richiesta di manodopera specializzata, soprattutto nell'industria, e questo potrebbe portare ad una crescita dei salari, causando un aumento dell'inflazione (che la FED vuole evitare).

Anni fa, in un volantino abbiamo scritto che la lotta dei lavoratori ultra-precari della UPS nel 1997 è stata un ottimo esempio, seguito da altri lavoratori in tutto il mondo. Essi per primi hanno dimostrato che la congiunzione tra coordinamento territoriale, strumenti moderni (cellulari, internet, navigatori Gps, ecc.) per i picchetti volanti e tanta solidarietà organizzata possono battere i più blindati padroni e persino gli Stati. Oggi i mezzi a disposizione dei lavoratori sono molto più potenti, a cominciare dai social network.

Tra guerra, scioperi, rivolte e crisi economiche, si sta configurando quanto abbiamo scritto sulla rivista: la società si sta dirigendo verso la singolarità storica. Il movimento di protesta israeliano contro il progetto di riforma giudiziaria non accenna a fermarsi, e sta anzi assumendo dimensioni di massa. Il fronte interno traballa un po' ovunque, gli apparati statali hanno un evidente problema con la tenuta sociale. Nello Stato d'Israele, polizia, militari, giuristi e ambasciate mostrano segni di insofferenza verso il governo in carica. Ordolandia (la zona del mondo in cui le potenze economiche hanno il pieno controllo del proprio territorio), per usare il termine coniato da Limes, si sta dissolvendo. Dinamiche incontrollabili si sono messe in moto e nessuno le può fermare. Lo Stato si regge sulla forza ma anche sul consenso, e se questo viene meno non lo si può ricreare volontaristicamente. La formula del 99% contro l'1% è valida per inquadrare quello che sta succedendo: la maggioranza della società vive una situazione di disagio crescente. La polarizzazione economica è il portato dei processi di accumulazione capitalistica.

Nella presentazione video dell'ultimo numero di Limes ("Russia o non Russia", n. 6/23), il direttore Lucio Caracciolo afferma che la marcia della Wagner verso Mosca ha dimostrato, dopo decenni, che in Russia il potere è contendibile. Questa situazione si sta generalizzando al mondo intero. Durante le transizioni di fase, il ruolo dei militari può fare la differenza.

Siamo alla vendetta della legge del valore: i meccanismi di accumulazione capitalistica si inceppano a causa dello sviluppo impetuoso delle forze produttive. Dopo il lancio di ChatGPT da parte di OpenAI è arrivato Bard di Google: c'è una guerra tra le big tech per non perdere fette di mercato, e questo le porta ad investire nell'intelligenza artificiale (la quale sostituisce in massa lavoro umano).

L'andamento è dunque catastrofico, e sulla rivista abbiamo fatto delle previsioni: con i parametri attuali, il sistema collasserà intorno al 2030 o anche prima. Come scritto nell'articolo "Un modello dinamico di crisi", intorno a quella data vi è un incrocio di curve: quella della produzione e del consumo salgono, quelle della valorizzazione del capitale e della disponibilità di risorse scendono. Il sistema capitalistico è altamente complesso, è basato su catene di feedback sovrapposte; quindi, determinate variabili potrebbero anticiparne o ritardarne il crollo. La decisione di Mosca di non rinnovare l'accordo sul grano, per esempio, potrebbe avere un impatto diretto sull'alimentazione di numerosi paesi, soprattutto africani. Detto questo, per la corrente a cui facciamo riferimento la fine dell'attuale modo di produzione è una certezza, anche perché esso non riesce a formare un governo unico mondiale, l'unico organismo in grado di gestire il livello di integrazione economico-sociale raggiunto ("Nel vortice della mercantile anarchia").

Articoli correlati (da tag)

  • La guerra e le sue conseguenze

    La teleriunione di martedì sera è iniziata commentando le ultime news sulla guerra.

    A Mosca un gruppo di miliziani, presumibilmente appartenenti a ISIS Khorasan (c'è una rivendicazione), ha preso d'assalto il teatro Crocus City Hall, causando oltre centotrenta vittime e centinaia di feriti. Quattro persone di nazionalità tagika sono state arrestate dai servizi di sicurezza russi mentre si dirigevano verso il confine ucraino.

    Con le informazioni a disposizione è difficile capire quali forze ci siano dietro all'attacco. I Russi affermano che è opera di "islamisti radicali", ma hanno denunciato anche il coinvolgimento di Ucraini, Americani e Inglesi. Negli ultimi anni la Russia ha visto sul suo territorio diversi attentati di matrice islamica (vedi teatro Dubrovka o scuola Beslan); quest'ultimo, però, si inserisce in un contesto particolare e cioè quello della guerra in corso in Ucraina, dove da una parte si sta consumando un conflitto classico combattuto tra eserciti nazionali, e dall'altra c'è l'impiego da ambo i fronti di partigianerie, mercenari e miliziani. I servizi segreti occidentali avevano avvertito per tempo della possibilità di un attentato in Russia e l'attacco al Crocus può essere considerato come un episodio della guerra mondiale a pezzi, simile alla strage del Bataclan di Parigi avvenuta nel 2015 e compiuta da gruppi legati a Daesh, che causò centrotrenta vittime. Qualche mese fa l'ISIS K ha rivendicato l'attentato a Kerman, in Iran, vicino alla tomba del generale Qassem Soleimani; l'attacco ha provocato oltre ottanta morti e centinaia di feriti.

  • La guerra riflette la società, le armi riflettono la sua industria

    La teleriunione di martedì 13 marzo, presenti 15 compagni, è iniziata commentando alcune news sulla guerra globale.

    Papa Francesco, che già da qualche mese ha lanciato l'allarme riguardo il passaggio dalla terza guerra mondiale combattuta a pezzi ad un vero e proprio conflitto mondiale, ha invitato il governo ucraino ad una riflessione seria sul da farsi, affermando "che è più forte quello che vede la situazione, pensa al popolo e ha il coraggio della bandiera bianca e negoziare. E oggi si può negoziare con l'aiuto delle potenze internazionali. Ci sono. Quella parola negoziare è una parola coraggiosa."

    La dichiarazione ha avuto una certa risonanza sui media perché il Papa, sostanzialmente, ha esortato il governo ucraino ad arrendersi, sostenendo che oramai l'Ucraina non ha più le forze per continuare a reggere lo scontro con la Russia. Il Vaticano è uno stato particolare, ha ramificazioni in tutto il mondo, e in quanto centro della cattolicità controlla un miliardo di fedeli ed ha una rete di influenza internazionale: disponendo di propri agenti anche in Ucraina, possiede informazioni dettagliate, comprese quelle sulla tenuta del fronte interno. Forte di una tradizione bimillenaria, la Chiesa fiuta gli scenari futuri.

  • Un nuovo tipo di guerra

    La teleriunione di martedì sera, a cui si sono collegati 21 compagni, è iniziata con il commento del testo "Danza di fantocci: dalla coscienza alla cultura" (1953).

    Con l'analisi di quest'ultimo articolo si chiude la trilogia dei fili del tempo centrati sulla critica al gruppo "Socialisme ou Barbarie", di cui si può trovare traccia negli ultimi resoconti. Ancora oggi è utile ribadire che cos'è la classe per la teoria marxista. Essa non è un ordine e il proletariato non è un quarto stato, caposaldo su cui invece si basano le varie forme di operaismo:

    "La parola classe che il marxismo ha fatto propria è la stessa in tutte le lingue moderne: latine, tedesche, slave. Come entità sociale-storica è il marxismo che la ha originalmente introdotta, sebbene fosse adoperata anche prima. La parola è latina in origine, ma è da rilevare che classis era per i Romani la flotta, la squadra navale da guerra: il concetto è dunque di un insieme di unità che agiscono insieme, vanno nella stessa direzione, affrontano lo stesso nemico. Essenza del concetto è dunque il movimento e il combattimento, non (come in una assonanza del tutto... burocratica) la classificazione, che ha nel seguito assunto un senso statico."

Rivista n°54, dicembre 2023

copertina n° 54

Editoriale: Reset

Articoli: La rivoluzione anti-entropica
La guerra è già mondiale

Rassegna: Polarizzazione sociale in Francia
Il picco dell'immobiliare cinese

Terra di confine: Macchine che addestrano sè stesse

Recensione: Tendenza #antiwork

Raccolta della rivista n+1

Newsletter 245, 19 gennaio 2022

f6Libertà

Viviamo in una società che scoppia. I suoi membri, divisi o raggruppati secondo criteri il più delle volte arbitrari e casuali, non riescono più a darsi un'identità plausibile. La pandemia, invece di compattare gli individui intorno a provvedimenti utili alla salvaguardia della specie, ha aggravato la situazione facendo emergere ataviche tendenze all'irrazionale.

Continua a leggere la newsletter 245
Leggi le altre newsletter

Abbonati alla rivista

Per abbonarti (euro 20, minimo 4 numeri) richiedi l'ultimo numero uscito, te lo invieremo gratuitamente con allegato un bollettino di Conto Corrente Postale prestampato.
Scrivi a : mail2

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla newsletter quindicinale di n+1.

Invia una mail a indirizzo email